unci banner

:: NEWS

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Lunedì 16 settembre inizia un nuovo anno scolastico. Per i bambini e le bambine delle prime classi della Scuola dell’Infanzia sarà realmente il primo giorno di scuola, in cui passeranno...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Venerdì 27 Settembre anche a Reggio Calabria avrà luogo una manifestazione in occasione del terzo sciopero globale per il clima, organizzato dal movimento per l'ambiente "Fridays for Future" nato dalla...

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Arriva qualche buona notizia in merito alla Petizone popolare per il ripristino degli 11 milioni di euro del "Decreto Reggio" per l'acquisto di alloggi popolari. Il presidente del Consiglio comunale,...

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

L’umanità della gente d’Aspromonte nella sua forma più genuina, gli incontaminati e selvaggi paesaggi naturalistici, il respiro di una terra che reclama fortemente la sua voglia di riscatto. Cinque giorni...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURALe Muse all’Archivio di Stato raccontano la commedia di Arconte su Padre Gaetano Catanoso

Le Muse all’Archivio di Stato raccontano la commedia di Arconte su Padre Gaetano Catanoso

Pubblicato in CULTURA Giovedì, 27 Settembre 2018 09:28

La città riscopre ancora una volta un luogo deputato come l’Archivio di Stato di Reggio Calabria e lo fa in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.
Così l’associazione“Le Muse – Laboratorio della Arti e delle Lettere”continua i suoi attraversamenti culturali presso luoghi, veri e propri crogioli di cultura e per questa occasione il suo presidente Giuseppe Livoti ha proposto la presentazione dell’inedita commedia su padre Catanoso scritta dal drammaturgo Oreste Arconte. Entusiasta la direttrice Maria Fortunata Minasi, che all’insegna dei progetti già attuati dalla precedente direttrice Mirella Marra, continua ad aprire le porte alla città intera, alle associazioni, ai giovani.

La firma di un protocollo d’intesa ha previsto dal 22 settembre uno spirito di collaborazione attivo e fattivo con l’importante realtà archivistica della città di Reggio Calabria con Le Muse e non a caso avviene ciò in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio (GEP) partecipato evento culturale in Europa, promosso fin dal 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea.
Giuseppe Livotie l’avvocato Francesca D’Agostino- in qualità di presidente e di vice presidente hanno firmato questa cooperazione che unisce intenti associativi essendo l’Archivio di Stato vero e proprio luogo dal valore documentale con il fine di - elaborare iniziative e progetti nazionali e locali che favoriscono la reale comprensione e conoscenza del patrimonio culturale, materiale e immateriale, facendo particolarmente riferimento all’uso delle nuove tecnologie -.
L’inedita presentazione della Commedia in due atti – Ed. Nuovo Giangurgolo “Padre Gaetano Catanoso ed i sacerdoti del Cardinale Portanova” del drammaturgo Oreste Arconte si è aperta così con il Coro delle Muse diretto dall’instancabile Enza Cuzzola con l’accompagnamento al pianoforte di Rosaria Livoti e le note e parole di “Salve o Dolce Vergine” del maestro Frisina.
La commedia di Arconte dimostra ed avvalora il tema indicato dalle giornate europpe ovvero “L’Arte di condividere”, poiché storie vere dal grande valore religioso si uniscono al racconto di veri e propri momenti di fede della città di Reggio Calabria ha ribadito la Minasi, mentre per la D’Agostino il testo è utile a riscoprire un importante personaggio della vita religiosa calabrese, tra l’altro con un filo conduttore anche collegato alla storia della mia famiglia a Serrata per un evento che sa di miracolo. Importante anche il ruolo del Cardinale Portanova nel testo, ricorda Don Antonino Denisi, cardinale che contribui’ ad eleggere San Pio X papa, che lascio’ una impronta dei tempi moderni a Rc dopo i borboni e nei primi anni dell’unità d’Italia. Fu talmente importante il suo ruolo che, docente di liturgia e canto gregoriano vide svanire ( a causa della sua morte precoce )il sogno di istituire a Reggio una vera e propria Accademia di formazione.Racconta Arconte nel testo tre protagonisti, tre sacerdoti dell’arcidiocesi vissuti ed operanti lungo gli anni del secolo breve che corre dall’inizio del Novecento al secondo dopoguerra, ovvero Padre Gaetano Catanoso, il canonico Salvatore De Lorenzo, il canonico Giovanni Calabrò. Fondamentale per Arconte l’aiuto di Don Denisi che ha incoraggiato tale scrittura facendo visionare da Suor Dorotea delle Veroniche l’archivio su padre Catanoso permettendo una giusta ricostruzione dei fatti. Il testo è stato scritto ricorda l’autore perché la città inizia a –non avere un’anima-, quella degli uomini del loro tempo: alla base di tutto vi è la formazione, tutti possono assurgere alla santità, ma senza fede nulla si può. Interessante oltre la lettura dei testi con gli attori Vincenza Laface e Giorgio Pangallo la Mostra documentaria dal titolo “Pietre di Carita’: l’opera di Don Orione a Reggio Calabria commentata dalla dott.ssa Titti Chindemi. La mostra è suddivisa in tre sezioni: Istituto San Prospero, Casa San Francesco da Paolae l’opera di S. Antonio; foto e relazioni tecniche in cui si evince la lungimiranza di Don Orione ed il recupero dei progetti che venivano fatti per aiutare l’infanzia abbandonata. Infine il presidente Livoti ha messo in evidenze i bozzetti suggestivi, nel racconto di Don Gaetano Catanoso, racconto della sua testimonianza, della mancanza di paura nei confronti dell’aggressore, dell’affrontare il male solo con la compagnia di un mezzo di trasporto utile ma…di sussistenza: l’asino. E si parla anche di atteggiamenti di –‘ndrangheta- del novecento, atteggiamenti di sacerdoti già all’epoca “alter Christus” in cui a suo tempo non importava solo la predicazione, ma soprattutto l’esempio. Arconte conia l’immagine del – prete volante - segno della testimonianza e della redenzione. A Don Gaetano l’autore lascia il senso di solitudine delle zone isolate di luoghi storicamente emblemi di solitudini, liberi da pratiche e ricchi di dogmi tra chiese spoglie e tabernacoli soli.

RC 27 settembre 2018

Letto 332 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Le Muse concludono la programmazione estiva con sei appuntamenti, aspettando il ventennale

    L’associazione culturale “Le Muse – Laboratorio delle Arti e delle Lettere” di Reggio Calabria, dopo l’ accoglienza al Cortile delle Muse, in occasione della Settimana Mariana della parrocchia S. Maria del Divino Soccorso della sacra statua della Madonna, continua la sua programmazione di fine estate che condurrà soci e simpatizzanti a fine ottobre.
    Giuseppe Livoti. presidente Muse insieme alla vice presidente Francesca d’Agostino ricordano tutte le date di eventi e collaborazioni che vedranno impegnato il noto sodalizio tra Reggio Calabria, Catanzaro, Staiti e Villa San Giovanni.

  • Rinnovata al cortile delle Muse la processione della Madonna del Divino Soccorso

    L’associazione culturale “Le Muse – Laboratorio delle Arti e delle Lettere” di Reggio Calabria, accoglie al Cortile delle Muse, tra i suoi spazi, in occasione della Settimana Mariana della parrocchia S. Maria del Divino Soccorso, la sacra statua che da anni percorre le vie di Reggio Calabria Sud.
    Una processione ormai decennale che appartiene alla storia del territorio e che vede unite in un unico momento la nota associazione reggina, il consiglio pastorale e la comunità religiosa del quartiere di Sbarre e Gebbione.

  • Mons. Giorgio Costantino e Giuseppe Livoti presentano la statua processionale della Madonna del Divino Soccorso

    L’associazione culturale “Le Muse – Laboratorio delle Arti e delle Lettere” di Reggio Calabria, si prepara per accogliere al Cortile delle Muse, tra i suoi spazi, in occasione della Settimana Mariana della parrocchia S. Maria del Divino Soccorso, la sacra statua che da anni percorre le vie di Reggio Calabria Sud.
    Ancora un momento di alto valore religioso ma anche storico – dichiara Giuseppe Livoti – presidente Muse -, poiché fino agli anni precedenti approdava alle Muse l’ottocentesca, pregevole e monumentale scultura della Madonna, opera lignea in stile napoletano, che appartiene alla storia della zona sud di Reggio Calabria.

  • Giuseppe Livoti racconta la realtà della Pinacoteca dell'Area Grecanica di Bova Marina

    In occasione della Notte Bianca organizzata nell’ambito degli eventi per l’Estate 2019 a Bova Marina la nota località calabrese ha vissuto un grande momento di recupero e di animazione culturale che da sempre l’ha contraddistinta. Tra le varie realtà presenti l’apertura della Pinacoteca dell’Area Grecanica che è ritornata a vivere.
    E’ lontano il periodo in cui nel 2007 l’allora sindaco Domenico Zavettieri nominò come referente direttore Giuseppe Livoti giornalista, docente di discipline artistiche e presidente de “Le Muse”. Oggi Livoti ricorda come allora si sentì la necessità di mettere ordine a tutte le opere (o aspiranti tali) che erano state realizzate negli anni precedenti in occasione delle Estemporanee di pittura, quando all’epoca era assessore alla cultura Rosetta Pezzimenti.

  • Al complesso monumentale del San Giovanni di Catanzaro l'antologica di Marisa Scicchitano

    Prosegue la stagione estiva de “Le Muse” e proseguono i grandi eventi denominati “Questione di Sensi 2019”.
    Il Complesso Monumentale del San Giovanni luogo istituzionale ed autorevole per la divulgazione dell’arte al Sud, da martedi diventerà location per riunire in ben otto sale l’esperienza artistica e creativa dell’artista Marisa Scicchitano.
    Un evento condiviso dichiara il presidente Muse Giuseppe Livoti, un evento che vede tale mostra patrocinata da Le Muse, Arte Club Accademia di Cz, Accademia di Belle Arti di Cz e dell’Assessorato alla Cultura del capoluogo calabrese. Sarà un viaggio reale tra quelli che sono stati i momenti peculiari e formativi della nota artista. attraverso i suoi surreali viaggi contemporanei e attraverso istallazioni, in cui il viaggio dell’identità dell’uomo ne è parte integrante.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.