unci banner

:: Evidenza

Grande Ospedale Metropolitano, la lettera di commiato del Direttore Generale Dott. Frank Benedetto

Grande Ospedale Metropolitano, la lettera di commiato del Direttore Generale Dott. Frank Benedetto

Accomiatarsi non è mai facile, specie quando si va via da un posto al quale si tiene particolarmente, per questo motivo quando ho deciso di scrivere una lettera di congedo da Direttore Generale di questa...

Crisi da sovraindebitamento e conciliazione: il convegno alla Camera di Commercio

Crisi da sovraindebitamento e conciliazione: il convegno alla Camera di Commercio

di Tatiana Muraca - La Camera di Commercio di Reggio Calabria è stata oggi sede di un interessante convegno intitolato “La procedura di risoluzione della crisi da sovraindebitamento e la conciliazione”. Seduti al tavolo per...

Il ministro Toninelli torna in Calabria: martedì 18 si recherà al Porto di Gioia Tauro

Il ministro Toninelli torna in Calabria: martedì 18 si recherà al Porto di Gioia Tauro

Reggio Calabria. Il prossimo 18 dicembre il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, senatore Danilo Toninelli, si recherà presso il Porto di Gioia Tauro per un sopralluogo delle aree portuali. Alle ore 12.20 è previsto...

Viola Reggio Calabria, Carnovali: "Spero di vedere la squadra nella parte alta della classifica"

Viola Reggio Calabria, Carnovali: "Spero di vedere la squadra nella parte alta della classifica"

Reggio Calabria. Ai microfoni di "Break In Sport" Tommaso Carnovali rivolge l'attenzione della Viola Reggio Calabria alla prossima sfida contro Salerno. "Potrebbe essere simile alle gare con Matera e Palestrina, Salerno ha caratteristiche simili a...

Reggio. Regaliamo un sorriso ai bambini ospedalizzati: raccolta doni a Piazza Camagna

Reggio. Regaliamo un sorriso ai bambini ospedalizzati: raccolta doni a Piazza Camagna

Reggio Calabria. “Regaliamo un sorriso ai nostri bambini”, un pensiero per chi passerà questo Natale con un peso nel cuore. È l'iniziativa promossa dall'Amministrazione comunale e metropolitana di Reggio Calabria, nella persona del sindaco Giuseppe...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAPresentata l'edizione 2018 di Miti Contemporanei: "Un festival che apre le porte all'Europa"

Presentata l'edizione 2018 di Miti Contemporanei: "Un festival che apre le porte all'Europa"

Pubblicato in CULTURA Mercoledì, 10 Ottobre 2018 20:04

"Un festival che apre le porte all'Europa": così Teresa Timpano ha definito il Festival "Miti Contemporanei", di cui è direttore artistico, presentando la settima edizione, nel corso della conferenza stampa svoltasi questa mattina alla Cittadella Regionale di Catanzaro.
II festival teatrale, promosso dalla Compagnia Scena Nuda e che si svolgerà nell'area della Città metropolitana di Reggio Calabria dal 19 al 30 novembre, varca i confini nazionali e si apre ad una sinergia con la Grecia. Come dichiarato ancora da Teresa Timpano, "il teatro stabile "Karolos Kouri" di Atene sarà a Bova, dove presenterà "Julius Caesar", mentre a maggio la nostra "Penelope" sarà ad Atene".

Ma il direttore artistico ha sottolineato anche - oltre al "valore della Regione, dell'apporto regionale che per noi è molto importante" - pure le sinergie nazionali create, ad esempio, con il Festival Orestiadi di Gibellina e con La Contrada Teatro Stabile di Trieste, e ancora le sinergie istituzionali, con l'Accademia di Belle Arti e con l'Accademia d'arte drammatica Nico Pepe, le relazioni con teatri nazionali, come Ert - Emilia Romagna Teatro e Teatro Stabile di Napoli".
Un festival che avrà la sua partenza con il sotto-progetto AltriLuoghi, che prenderà il via il 13 ottobre, con una serie di performance, 6 in tutto, che coinvolgeranno 28 realtà del territorio reggino: "AltriLuoghi - ha affermato Teresa Timpano - nasce dalla necessità che la città metropolitana ha di incontrare il teatro, avendo perso nel tempo questa tradizione che pur era importante. Abbiamo sentito la necessità di creare una rete culturale", una rete che coinvolge, appunto, 28 realtà tra associazioni, "luoghi particolari legati alla cultura, allo sport, centri che abbiano interazioni con il sociale. Nostro obiettivo è, inoltre, quello di abbassare il target, rivolgendoci ai giovani".
Tornando, poi, a quello che sarà il programma di "Miti Contemporanei", il direttore artistico ha evidenziato alcuni degli spettacoli più importanti, come il citato "Julius Caesar", e la chiusura con "Odissea. Un canto Mediterraneo", con Peppe Servillo e Mario Incudine. Un programma attraverso il quale, ha proseguito, "abbiamo mosso anche attività turistiche, attirando pubblico anche da oltre regione, come ad esempio, dalla Lombardia". E poi lo spazio riservato alle realtà calabresi (con "Antigone - Il sogno della farfalla", di Officine Jonike Arti, e con "Silenzio a due voci", una produzione di Create Danza). Ancora: lo spettacolo "Noi non siamo barbari", co-produzione Scena Nuda-Teatro stabile di Trieste, e la presenza di un grande regista come Matteo Tarasco, che condurrà una residenza artistica con 7 giovani attori; il teatro ragazzi; il Premio Nosside; e, per la prima volta, un incontro sul tema del Mito tra classico e contemporaneo, che vedrà la partecipazione di addetti ai lavori e critici teatrali, come illustrato dalla giornalista Paola Abenavoli, che ha moderato la conferenza stampa.
Un festival, dunque, "che ha valicato i confini di Reggio, che ha un grande valore culturale, evidenziato anche dallo scambio tra artisti di aree geografiche differenti, che riescono a coinvolgere sia chi è più vicino al mondo del teatro, sia chi si avvicina per la prima volta": lo ha affermato l'assessore al patrimonio storico-artistico del Comune di Reggio Calabria, Irene Calabrò, che ha rimarcato anche "l'importanza del coinvolgimento delle associazioni cittadine, un'azione di grande valore". Si è poi soffermata anche sulla valorizzazione degli spazi, auspicando che possa essere fruito attraverso il teatro anche un sito come quello dei Fortini di Pentimele, che "sarebbe un luogo ideale per le residenze".
Anche l'assessore regionale alla cultura, Maria Francesca Corigliano, ha evidenziato la valenza del festival, vincitore - classificandosi al secondo posto - del bando regionale per gli eventi storicizzati. Un festival che ha definito "meraviglioso", sottolineando poi come "la scelta del Presidente di favorire la pianificazione triennale consenta di avere certezza della programmazione stessa". Quindi, ha aggiunto che il festival "si nutre della relazione: relazione tra tradizione e innovazione; tra luoghi, e mi piace molto la scelta di portare la Grecia nella culla della cultura grecanica. Relazione tra la Calabria e altre città e l'apertura verso il mondo; mettere in relazione le persone con il patrimonio culturale; relazioni tra generazioni; tra sapere e saper fare in una residenza teatrale; tra istituzioni, associazioni e cittadini".
Tra gli interventi, anche quello di Lucrezia Ercoli, docente di Storia dello spettacolo presso l'Accademia di Belle Arti di Reggio, istituzione coinvolta nel progetto, anche - oltre che in "AltriLuoghi Festival" - attraverso la partecipazione di due allieve che hanno realizzato le scenografie dello spettacolo "Penelope", prodotto sempre nell'ambito di "Miti Contemporanei": "opportunità nuove nel contesto reggino - ha affermato - e l'Accademia parteciperà nuovamente, per la residenza che condurrà allo studio di "Metamorfosi". Condividiamo lo spirito innovativo del festival e proprio quello dettato dalla "metamorfosi": non c'è identità senza trasformazione".
"Trasformazione e persuasione sono infatti le parole chiave - ha concluso Teresa Timpano - del Festival, del suo carattere propositivo, che speriamo possa arrivare anche al Ministero, consentendoci di partecipare anche al Fus".


Info su www.festivalmiticontemporanei.it

Cz 10 ottobre 2018

Letto 200 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Festival Miti Contemporanei: venerdì 30 la prima dello spettacolo con Peppe Servillo e Mario Incudine

    Un grande evento concluderà la settima edizione del Festival Miti Contemporanei: venerdì 30 novembre, alle ore 21, al Teatro Cilea, di scena il concerto-spettacolo con Peppe Servillo e Mario Incudine, "Odissea, un canto mediterraneo". Ancora una prima nazionale, ancora un momento di alto livello artistico per il Festival, che, in questi 10 giorni, ha registrato grandi successi. E, per la chiusura, ancora nomi di rilievo nazionale ed internazionale, per uno spettacolo che riprende i temi di "Miti contemporanei": il mito, appunto, ma non solo. Lo sguardo sul Mediterraneo, il viaggio, l'emigrazione, l'incontro tra popoli.

  • Festival Miti Contemporanei: successo dello spettacolo "Metamorfosi". Il 30 la chiusura con Peppe Servillo e Mario Incudine

    Ancora un grande successo (e ancora un sold out) per "Miti Contemporanei": il Castello Aragonese, ieri sera, ha ospitato la prima nazionale di "Metamorfosi", lo spettacolo nato in residenza teatrale, con sette giovani attori provenienti da tutta Italia, diretti da Matteo Tarasco. Il testo si ispira alle "Metamorfosi" di Ovidio che l'autrice della drammaturgia, Katia Colica, ha reinterpretato, attingendo anche da altri miti e avvicinando i testi classici alla realtà contemporanea. Ne è scaturita una trasposizione innovativa, coinvolgente, che ha trasportato, autenticamente e letteralmente, il pubblico nella storia: gli spettatori hanno seguito gli attori tra i percorsi del Castello e tra i loro racconti, per arrivare in una delle sale in cui i vari monologhi trovavano una sintesi.

  • Festival Miti Contemporanei: successo per lo spettacolo della compagnia greca "Karolos Koun"

    Il mito nella terra del mito: a Bova, la Calabria incontra la Grecia e il teatro diviene strumento per un incontro che va oltre le tavole del palcoscenico ed unisce due popoli attraverso l'arte, attraverso un comune sentire, attraverso una lingua che riecheggia anche alle nostre latitudini. È la magia che si è creata ieri sera, nell'ambito del Festival Miti Contemporanei: in prima nazionale, nel cuore dell'area grecanica, è andato in scena "Julius Caesar", una produzione del Teatro Karolos Koun di Atene, che sancisce l'internazionalizzazione del Festival e la sua apertura verso l'Europa.

  • Festival Miti Contemporanei, sold out per "Noi non siamo barbari"

    Sold out e straordinario successo per la prima nazionale di "Noi non siamo barbari", la co-produzione di "Scena Nuda" e "La Contrada - Teatro Stabile di Trieste", che ha aperto la seconda serata del Festival Miti Contemporanei. Quando il teatro riesce a farsi interprete dell'attualità, con la forza di un testo di grande impatto ed una regia che imprime un ritmo serratissimo alla recitazione di interpreti intensi, che sanno trascinare nel racconto: il pubblico che ha gremito il Teatro Zanotti Bianco, facendo registrare il tutto esaurito già molte ore prima dell'inizio dello spettacolo, è stato trascinato da un'opera che - partendo da un evento, l'arrivo di uno sconosciuto che una notte bussa alla porta dei protagonisti, in cerca di aiuto - ci parla di emigrazione, di rapporto con l'altro, delle nostre certezze, delle nostre contraddizioni.

  • Successo per la prima serata del Festival "Miti contemporanei" 2018

    Grande successo per la prima serata del Festival "Miti contemporanei": un viaggio tra mondo classico e contemporaneità e tra i siti storico-archeologici più belli della nostra provincia. L'avvio, nel pomeriggio di ieri, a Rosarno, dove la professoressa Paola Radici Colace, nell'ambito di un incontro curato dal Cis - Centro Internazionale Scrittori della Calabria, ha illustrato, nella splendida sala del Museo di Medma, il rapporto tra fratelli nell'età classica. Parlare di miti in un luogo mitico, tra reperti che ci riportano in quel mondo. Un viaggio nel rapporto tra fratelli che comincia dalla creazione dei miti, dal caos a Urano, ai Titani, per arrivare alle tragedie greche, tra riferimenti artistici, filosofici, cinematografici, psicoanalitici.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.