unci banner

:: NEWS

Contrasto ai cambiamenti climatici, Parco Aspromonte presenta 21 progetti sostenibili al Ministero

Contrasto ai cambiamenti climatici, Parco Aspromonte presenta 21 progetti sostenibili al Ministero

Sono ben ventuno i progetti presentati dal Parco Nazionale dell’Aspromonte al Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, nell’ambito del maxi fondo di 85 milioni messo a...

Scilla, c’è anche la corrente “Vision board” nella mostra internazionale “Viaggi”

Scilla, c’è anche la corrente “Vision board” nella mostra internazionale “Viaggi”

Uno sguardo nello sguardo. Un occhio attento che riesce a cogliere i cambiamenti dell’anima, traslazioni rispecchiate perfettamente nell’arte. Mentre la rassegna “Scilla jazz festival 2019” ha chiuso i battenti per...

Kaulonia Tarantella Festival: gran finale con Paola Turci, Mimmo Cavallaro e la KTF Orchestra

Kaulonia Tarantella Festival: gran finale con Paola Turci, Mimmo Cavallaro e la KTF Orchestra

Una parata di stelle per il gran finale del Kaulonia Tarantella Festival 2019. La kermesse di musica e cultura etnica chiuderà i battenti martedì 20 agosto con grandi ospiti tra...

I Ragainerba dedicano il nuovo singolo agli Mbuttaturi della Varia di Palmi

I Ragainerba dedicano il nuovo singolo agli Mbuttaturi della Varia di Palmi

Dopo 'VOLIRI VOLARI', inno storico della Varia, la band palmese dei RAGAINERBA dedica ancora un altro pezzo dal titolo 'MBUTTATURI' dedicata proprio ai 200 portatori che nel giorno della Festa...

Concorso di narrativa "Italo Falcomatá" del DLF, prorogato al 30 settembre il termine di partecipazione

Concorso di narrativa "Italo Falcomatá" del DLF, prorogato al 30 settembre il termine di partecipazione

Gli scrittori che vorranno partecipare alla settima edizione del concorso di narrativa “Italo Falcomatà” avranno un po’ di tempo in più per lavorare alla propria opera. Infatti, l’associazione “Dopolavoro ferroviario”,...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAQuelle atmosfere jazz di piano e sax capaci di evocare il mito di Scilla

Quelle atmosfere jazz di piano e sax capaci di evocare il mito di Scilla

Pubblicato in CULTURA Martedì, 13 Agosto 2019 12:17

Le note appassionate del pianoforte di Nicola Sergio e del sax di Michel Rosen evocano il mito. E Scilla sembra affacciarsi dalle onde e accostare l’orecchio per sentire la canzone che il pianista nativo di Galatro, francese d’adozione, le ha dedicato. È il racconto, ancora una volta, della sua leggenda: quello della ninfa innamorata trasformata in terribile mostro che imperturbabile uccide chi si avvicina alla costa calabrese. È successo ieri sera, nella terza giornata di “Scilla jazz festival”, l’evento fortemente voluto dal comune di Scilla, organizzato dall’associazione Be Art di Francesco Barillà, il concerto è quello del duo Sergi/Rosen, artisti già compagni di tante avventure in musica che si sono esibiti nello scenario unico per bellezza ed atmosfere nel cortile del Castello Ruffo.

Un ritorno non casuale quello di Nicola Sergio. Per introdurre il concerto, il direttore artistico Barillà condivide con gli spettatori un aneddoto che chiarisce il senso magico e speciale della serata. «Nicola Sergio è stato ospite della prima edizione del festival, mi ha lasciato un disco del quale continuavo ad ascoltare la traccia numero cinque. Lo facevo in macchina, la ascoltavo e riascoltavo a ripetizione. Senza neanche avere letto la copertina. Quando ho rincontrato il maestro mi sono complimentato per quella canzone e lui mi ha confessato il titolo del brano “Scilla”».
Il pubblico comprende immediatamente che ci sono le premesse per una serata di musica indimenticabile. Sergio è un pianista e compositore che ha lasciato la sua terra nel 2008 per vivere nell’oasi francese del jazz, Parigi, ma il cuore e l’anima sono saldamente ancorati alla sua terra d’origine e lo confermano le sue composizioni. «La lontananza – confessa agli spettatori ha rafforzato il sentimento di amore per la mia terra». Accanto lui Michael Rosen, gigante dal punto di vista fisico e musicale, originario dello stato di New York, ha studiato alla Berklee School of Music, dove ha vinto una borsa di studio. Dopo un tour nel nostro Paese con pianista Delmar Brown nel 1987, decide di stabilirsi in Italia. Ha inciso dischi con Enrico Rava, Franco D’Andrea, Roberto Gatto, è stato chiamato per alcuni concerti dell’Orchestra della Scala. Ed ha collaborato con Mina, Celentano, Concato, Rossana Casale, Renato Zero, Giorgia. Rosen e Sergio hanno suonato nel disco “Cilea mon amour”, rivisitazione in stile jazz delle principali arie del compositore Francesco Cilea, registrato nel 2009 con la NauRecords.
Le note di “Un quadro”, aprono il concerto, ispirate da un quadro infernale, unico arredo in una stanza a Parigi nella quale, spiega Sergio, c’erano solo un letto e un pianoforte a coda. E poi “Parfum” e “Il poeta romantico”, composizione dedicata a Enrico Pierannunzi che Nicola Sergio definisce “papà artistico”, segue la vivace “Seven six”. Commuovono per la bellezza e la semplicità gli arrangiamenti puliti di due omaggi alla melodia italiana “Mi sono innamorato di te” di Luigi Tenco e la straordinaria “Almeno tu nell’Universo”, un «Piccolo omaggio ai più grandi cantautori della storia». Poi “Frank Zop” e l’omaggio al matto del villaggio, «un uomo piccolo e bassino che era convinto di essere un grande pugile e che si offriva per insegnarci a boxare». La chicca è “Nemesis”, nata dai frammenti di note recuperate da pergamene dall’università di Oxford, quasi come fossero tracce di dna. Da questi spunti parte la ricerca musicale per creare gli arrangiamenti e che, anticipa il pianista, porterà ad un disco, una produzione reggina per quintetto. E poi cala il silenzio e arriva “Scilla”, composizione del 2003, spiega Sergio, incisa solo nel 2010.
“Scilla” è presentata con encomio e lodi da Rosen che evidenzia «Negli anni ha accumulato produzione musicale ma questo brano lo propongo sempre perché trovo che sia una melodia perfettamente costruita e poi è ispirato da un posto magnifico, quello in cui ci troviamo adesso». Perché “Scilla” è estasi, è la musica che parla senza pronunciare sillabe, è il posto in cui l’anima riesce a toccare, seppur per qualche istante, la felicità. È un oasi che porta via dal materiale e trasporta in una dimensione in cui l’onirico riesce a prender per mano l’ascoltatore.
Una giornata intensa di musica dunque e impregnata di forti emozioni che era iniziata nel tardo pomeriggio con l’esibizione della “Mediterranean Latin Soul Band” con la voce di Carla Andaloro, con i cori di Noemi Rugolino, alla chitarra e tres: Chiara Rinciari, Davide Scopelliti alla tromba e Sebastiano Insana al trombone, Antonio Romeo al piano, al basso Roberto Aricò, Claudio Paci alle percussioni e Michele Misale alla batteria. “Chan chan” di Buena vista social club è il primo piccolo antipasto che apre la pista a salsa, rumba e baciata. «Siamo un’anima che vive e palpita dal Sud America – chiarisce la cantante/portavoce del gruppo affiatato – il nostro cuore batte di questi ritmi». E il pubblico intona prima “Stand by me” e la romantica “Historia de uno amor” e “Guantanamela”. La terza edizione di “Scilla jazz festival” chiuderà stasera alla 22.30 con il concerto dei “Ground 71”, con Giampiero Locatelli al pianoforte e rhodes, Stefano Dallaporta al contrabbasso e Andrea Grillini alla batteria. Continuerà invece fino al 25 agosto nelle sale espositive del castello Ruffo “Viaggi. Mostra internazionale tra mito, natura, bellezza”.

Scilla 13 agosto 2019

Letto 49 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Scilla jazz festival chiude insieme a Derive Festival col reading di Ettore Castagna

    Scilla jazz festival chiude l’edizione 2019 e saluta il suo pubblico con un concerto evento organizzato insieme a Derive Festival. Dopo le quattro giornate dense e fitte di concerti che hanno visto come protagonisti giovani talenti locali e incantato con la magia musicale di grandi nomi internazionali del jazz, domani, martedì 20 agosto, alle 18.30 nella piazzetta dello Spirito Santo a Scilla, il reading concerto “Tredici gol dalla bandierina”, di e con Ettore Castagna. È il secondo romanzo di Castagna, antropologo culturale e musicologo oltre che scrittore, insegnante nella scuola statale e per Università di Bergamo.

  • Sulle note "groundless" del piano di Giampiero Locatelli e dei Ground 71 cala il sipario sulla terza edizione di Scilla Jazz Festival

    Per il saluto finale nella serata di chiusura sul palco di “Scilla jazz festival” torna Giampiero Locatelli, solista, compositore e docente al conservatorio “Cilea” di Reggio Calabria. Un’eccezione l’esibizione per due anni consecutivi per un festival che vuole solitamente presentare nuove commistioni tra giovani talenti e musicisti di caratura nazionale ed internazionale. «Un ritorno dovuto» chiarisce invece il direttore artistico del festival, Francesco Barillà per il premio Top jazz 2018 tributato a Locatelli. Anche nell’ultima sera è il pianoforte il protagonista della scena, scelto come uno dei leitmotiv della terza edizione di “Scilla jazz festival”, evento del comune di Scilla, organizzato dall’associazione Be Art. Il pianoforte che ha visto protagonista domenica sera Alessandro La Corte Trio con le note dal sapore Mediterraneo, un filo che si è allungato lunedì sui tasti dello strumento di Nicola Sergio che, insieme a Michel Rosen, ha incantato con la sua “Scilla”.

  • Jazz che profuma di Mediterraneo col guitar hero Antonio Onorato e “Alessandro La Corte Trio”

    C’è un mare che raccoglie in un grande abbraccio un universo di culture e di popoli. È il mar Mediterraneo il tema che caratterizza la terza edizione di “Scilla jazz festival”. E di questo grande bacino d’arte ieri sera al castello Ruffo gli spettatori hanno sentito forti l’odore e l’impronta. Tre appuntamenti che hanno seguito questo filo conduttore hanno caratterizzato la seconda giornata dell’evento, tra musica e parole, insieme all’arte allo stato puro, al Castello Ruffo, dove prosegue “Viaggi. Mostra internazionale tra mito, natura, bellezza”, visitabile fino al 25 agosto. «È il primo concerto jazz che ho l’onore di presentare in questa terza edizione del festival». Queste le parole di un emozionato Francesco Barillà, direttore artistico del festival nel presentare “Alessandro La Corte trio”. Sul palco ci sono Alessandro La Corte al pianoforte, accompagnato da piacevoli ritorni: Aldo Vigorito al contrabbasso e Giampiero Virtuoso alla batteria.

  • Presentata la terza edizione di Scilla Jazz Festival

    «Scilla ha già tante perle, ma ad esse se ne aggiunge un'altra». Con queste parole il commissario del Comune di Scilla, Samuele De Lucia, ha presentato la terza edizione di “Scilla jazz festival”, al via da domani 10 agosto alle 21 con l’inaugurazione “Viaggi. Mostra internazionale tra mito, natura, bellezza” e con il concerto del Duo Orpheus al Castello Ruffo alle 22.30. Insieme al commissario, al Comune stamane, erano presenti Francesco Barillà dell’Associazione “Be Art”, direttore artistico del festival e Guido Folco, direttore del Museo MIIT di Torino e della rivista Italia Arte, curatore della mostra internazionale di arte contemporanea internazionale “Viaggi”, parte integrante del festival.

  • Scilla jazz festival”, cresce l’attesa per gli ospiti della terza edizione, al via dal 10 agosto

    Jazz contemporaneo e contaminazioni artistiche animeranno nuovamente lo scenario unico al mondo. Dal 10 al 13 agosto a Scilla torna per la terza rinomata edizione “Scilla jazz festival”, ideato e organizzato dall’Associazione culturale Be-Art insieme al Comune di Scilla. SJF è un nuovo spazio per il Sud, per la promozione della cultura, il tutto, immerso nel fascino del castello Ruffo di Scilla con la sua storia e bellezza che incanta ogni anno migliaia di visitatori.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.