unci banner

:: NEWS

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

L' Associazione di Promozione Sociale Italia Night & Day con il patrocinio di S.E. Mons. Francesco Oliva Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace e con il patrocinio del Comune...

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Si è insediata questa mattina a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana di Reggio Calabria.Immediatamente operativo l’organismo, del quale fanno parte Luciano Cama, Giuseppina Palmenta, Eleonora Maria...

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Questa mattina, il sindaco Giuseppe Falcomatà ha effettuato un sopralluogo sul cantiere del Ponte di Paterriti. L’imponente infrastruttura è fondamentale per gli abitanti della frazione collineare visto che, ad opera...

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l'iscrizione alle Consulte comunali

Riaperti i termini per l’iscrizione alle Consulte per le associazioni già iscritte all’Albo comunale.Lo comunica l’assessore con delega alla partecipazione Irene Calabrò. “Dall’esame dell’Albo delle Associazioni abbiamo rilevato che erano...

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Tutti gli appuntamenti della Esse Emme Musica a Reggio Calabria

Mancano ormai poche settimane alla partenza della programmazione prevista nella Città metropolitana di Reggio Calabria dalla Esse Emme Musica, che proporrà come di consueto una ricca serie di grandi eventi....

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURARinnovata al cortile delle Muse la processione della Madonna del Divino Soccorso

Rinnovata al cortile delle Muse la processione della Madonna del Divino Soccorso

Pubblicato in CULTURA Venerdì, 06 Settembre 2019 17:38

L’associazione culturale “Le Muse – Laboratorio delle Arti e delle Lettere” di Reggio Calabria, accoglie al Cortile delle Muse, tra i suoi spazi, in occasione della Settimana Mariana della parrocchia S. Maria del Divino Soccorso, la sacra statua che da anni percorre le vie di Reggio Calabria Sud.
Una processione ormai decennale che appartiene alla storia del territorio e che vede unite in un unico momento la nota associazione reggina, il consiglio pastorale e la comunità religiosa del quartiere di Sbarre e Gebbione.

Un vero e proprio miracolo la processione di quest’anno, poiché la città di Reggio Calabria, martedi scorso era sottoposta ad un grosso temporale e “destino sacro” ha voluto che proprio nella zona della processione ci fosse il sereno. Ancora una volta il sacro e l’umano dunque si sono unite: dobbiamo dare sicuramente conferma all’ottimo operato di mons. Giorgio Costantino ha ripreso più volte, durante la celebrazione eucaristica, il padre marianista Antonio Collicelli. Un operato silenzioso ha detto Collicelli, intenso tanto da inglobare nel percorso della Madonna un semplice cortile che da anni è riferimento per la cultura calabrese e nazionale. Mons, Giorgio Costantino dedicando la Santa Messa a Giacomo Battaglia e a Domenico Severino scomparsi da poco, si è soffermato sul senso della cooperazione e della collaborazione che vede la parrocchia unita alle Muse in questo percorso e spirito collaborativo.
Ancora un momento di alto valore religioso ma anche storico – ha dichiarato Giuseppe Livoti – presidente Muse -, poiché fino agli anni precedenti approdava alle Muse l’ottocentesca, pregevole e monumentale scultura della Madonna, opera lignea in stile napoletano, che appartiene alla storia della zona sud di Reggio Calabria. Una visita che si è rinnovata puntualmente e che serve da buon auspicio in occasione dei festeggiamenti dei 20 anni dalla fondazione de “Le Muse” con i festeggiamenti che partiranno dal prossimo ottobre e da 50 anni di costruzione del sacro edificio della chiesa del Soccorso. La scultura più antica protetta e conservata nel tempo ora ferma per restauro è stata così sostituita con una copia realizzata dal Laboratorio dei Fratelli Stuflesser ed esattamente Filip e Robert, molto più agevole nel trasporto ed al tempo stesso fedele all’originale. La novità è stata data dal fatto che i portatori sono stati gli Artisti delle Muse Pierfilippo Bucca, Mariateresa Cereto, Francesco Logoteta, Antonella Laganà, Rossella Marra, Adele Leanza, Nunzia Gimondo, Santina Milardi ma con l’aiuto dell’attore Gigi Miseferi che ha condotto la Madonna in rappresentanza degli Artisti della regione Calabria, concludendo l’evento con la lettura dell’Ode alla Madonna del Soccorso scritta da Mons. Costantino.
La celebrazione eucaristica di martedi è stata animata dal Coro delle Muse e dal Coro Giovanile Laudamus diretto dai maestri Enza e Marina Cuzzola accompagnati al pianoforte dal maestro Pierluigi Maria Romeo. Il rientro della statua ha previsto inoltre la sosta presso l’epigrafe marmorea realizzata nel dicembre 2014 opera dello scultore Giuseppe Gattuso, che ricorda il passaggio della statua nel passato, proprio all’incrocio tra la via Sbarre Inferiori e Via San Giuseppe.

Rc 6 settembre 2019

Letto 144 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Domenica 27 apre l'anno sociale delle Muse che festeggia il suo ventennale

    Anche se presenti nel panorama culturale regionale e nazionale ininterrottamente, ultime settimane di lavoro e di programmazione per l’apertura in grande stile per il "Laboratorio delle Arti e delle Lettere - Le Muse" di Reggio Calabria che inaugura come è ormai tradizione nell’ultima settimana di ottobre il suo Anno Sociale “invernale” ed esattamente domenica 27 alle ore 18,00 presso la storica sede di via San Giuseppe 19 nei suoi spazi del Cortile delle Muse e della Sala d’Arte.
    E così prende avvio il VENTENNALE MUSE poiché sono proprio 20 anni dalla fondazione della nota associazione che partì anni fa con semplici incontri in un noto locale della città divenendo nel tempo una importante realtà calabrese - ricorda con enfasi e memoria il presidente Giuseppe Livoti.

  • Giornata del Contemporaneo: Arte Club Accademia e Le Muse insieme per l'arte povera

    A Catanzaro importante impegno per l’Associazione culturale “Le Muse” di Reggio e Arte Club Accademia di Catanzaro in occasione della Giornata del Contemporaneo. È, questo, un evento che l’AMACI (Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani) dal 2005 dedica all’arte contemporanea e al suo pubblico. I musei e le gallerie d’arte associate, accanto a tutte le istituzioni del nostro Paese che liberamente decidono di aderire all’iniziativa, aprono gratuitamente le loro porte per un’iniziativa ricca di eventi, mostre, conferenze e laboratori con un programma multiforme che regala l’imperdibile occasione di vivere da vicino la vivacità e la ricchezza dell’arte di oggi.

  • Le Muse patrocinano a Staiti (Santa Maria de’ Tridetti) il vespro in rito bizantino - cattolico

    Ancora una manifestazione fuori porta per il sodalizio de “Le Muse - Laboratorio delle Arti e delle Lettere” di Reggio Calabria che domani, domenica 29 settembre alle ore 16, promuove il rito organizzato dall’amministrazione comunale di Staiti presso il suggestivo tempio di Tridetti. Giuseppe Livoti – presidente Muse, ricorda come l’evento si terrà presso quello che viene definito il comune meno popolato della Calabria, Staiti, borgo che detiene un centro storico ed un patrimonio che lo identifica tra i luoghi piu’ ricco di fascino dell’Italia del Sud.

  • Alle Muse storiografia per scoprire inediti aspetti della ‘ndrangheta dalle fonti d’archivio

    “Le Muse –Laboratorio delle Arti e delle Lettere” al Cortile delle Muse di Via San Giuseppe 19, ha organizzato il penultimo appuntamento estivo della programmazione in occasione della presentazione di un periodo storico molto particolare: 1880 – 1956 da Santo Stefano d’Aspromonte a New York, una storia d’affari, crimini e politica, ovvero “Quando la ‘ndrangheta scoprì l’America”, racconto della mutazione della ‘ndrangheta in terra americana e del processo di avvio che ha portato l’organizzazione malavitosa ad essere una delle mafie più potenti e pervasive del mondo.

  • Alle Muse: Quando la 'ndrangheta scoprì l'America

    “Le Muse –Laboratorio delle Arti e delle Lettere” va verso la conclusione della sua programmazione estiva-autunnale ed il Cortile delle Muse di Via San Giuseppe 19, domani sabato 21 settembre alle ore 18 si aprirà al racconto di un periodo storico molto particolare: 1880 – 1956 da Santo Stefano d’Aspromonte a New York, una storia d’affari, crimini e politica.
    Raccontare la mutazione della ‘ndrangheta in terra americana e il processo di avvio che ha portato l’organizzazione malavitosa ad essere una delle mafie più potenti e pervasive del mondo: questo l’obiettivo di “Quando la ‘ndrangheta scopri l’America”, libro, edito da Mondadori, scritto da Antonio Nicaso, Maria Barillà e Vittorio Amaddeo e che vede la prefazione del Procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.