unci banner

:: NEWS

La festa per i 25 anni dell'Aspromonte accende le Luci sul Parco

La festa per i 25 anni dell'Aspromonte accende le Luci sul Parco

Le Luci in Aspromonte hanno ufficialmente acceso la nuova stagione estiva 2019 sul Parco dell'Aspromonte. Un momento di Festa per i 25 anni dell'Ente che ha visto coinvolte diverse associazioni...

Latella: "Da sempre contrari all’approdo dei mezzi pesanti al porto, il Governo riveda le sue decisioni"

Latella: "Da sempre contrari all’approdo dei mezzi pesanti al porto, il Governo riveda le sue decisioni"

“Restiamo in vigile attesa perché un parere indica soltanto una tendenza e non una decisione definitiva o vincolate. Noi, comunque, siamo e continueremo ad essere fortemente contrari a qualsiasi spostamento...

Calabria, Siclari (FI): il candidato a governatore è della coalizione

Calabria, Siclari (FI): il candidato a governatore è della coalizione

«In tutte le regioni ci siamo presentati con la naturale alleanza di centro destra ed abbiamo vinto ovunque. Il nostro leader Silvio Berlusconi è stato sempre chiaro e sostiene in...

Calabria giudaica, l’importante progetto curato dalla Cooperativa Satyroi farà tappa a Lazzaro

Calabria giudaica, l’importante progetto curato dalla Cooperativa Satyroi farà tappa a Lazzaro

Nel mese di luglio, in occasione del progetto Calabria Judaica, finanziato dalla Regione Calabria e curato dalla cooperativa sociale Satyroi, si terrà a Lazzaro un evento mirato alla valorizzazione e...

In arrivo l’estate più sicura di sempre: 8 regole d’oro per scegliere la casa vacanza online

In arrivo l’estate più sicura di sempre: 8 regole d’oro per scegliere la casa vacanza online

Reggio Calabria, 15 giugno 2019 - Le vacanze sono alle porte, le scuole chiudono e con la bella stagione è iniziata la corsa alla ricerca delle migliori opportunità per programmare...

compra calabria

Sei qui: HomeCULTURAVenerdì 11 gennaio secondo appuntamento con i videodibattiti Muse in Archivio di Stato: la disabilità

Venerdì 11 gennaio secondo appuntamento con i videodibattiti Muse in Archivio di Stato: la disabilità

Pubblicato in CULTURA Mercoledì, 09 Gennaio 2019 15:41

Dopo la pausa natalizia riprende la programmazione de “Laboratorio delle Arti e delle Lettere – Le Muse” di Reggio Calabria, sempre con inedite occasioni, così come ripartono tutte le attività, a pieno ritmo, ogni domenica.
Secondo appuntamento mensile con “I VIDEODIBATTITI MUSE in ARCHIVIO DI STATO”, incontro a cura del critico Paola Abenavoli che coniuga in un unico incontro, la parola all’immagine.
In questa ottica si inserisce l’importante appuntamento di questo venerdì del mese, parte integrante del palinsesto Muse, dedicato ai linguaggi video e cinematografici d’eccellenza che l’Abenavoli cura, ricerca e promuove con delle vere e proprie lezioni dedicate ai messaggi visivi che la storia della filmografia ha consegnato ai nostri giorni.

Continua così il protocollo con l’Archivio, firmato con la direttrice Maria Fortunata Minasi che per l’anno sociale 2018/2019, ha dato la sua disponibilità a creare eventi condivisi.
La nuova veste della manifestazione vede un argomento, una tematica rivisitata, non solo nell’analisi del cinema ma anche nelle fonti documentali – storiche, conservate presso l’importante istituzione. L’ultimo appuntamento trattato è stata l’Emigrazione”, argomento molto attuale, utile a soffermarsi sulle dinamiche storiche e contemporanee di tale fenomeno.
L’Abenavoli è partita dal mondo dell'audiovisivo ed il tema dell'emigrazione, sia attraverso documentari, sia attraverso lungometraggi e cortometraggi di finzione, fin dagli albori della cinematografia, ma soprattutto dagli anni '50 in poi. Pensiamo a titoli ancora molto attuali, come "Il cammino della speranza", e ancora, "Uno sguardo dal ponte", "Pane e cioccolata", "Bello, onesto, emigrato Australia...", e tanti altri. Questo per quanto riguarda i lungometraggi di finzione: ma tanti sarebbero gli esempi anche di documentari, come quelli prodotti dalla Rai, che ripercorrono l'emigrazione italiana, unendo spesso parti documentali, racconti dei protagonisti, ma anche brevi spezzoni di sceneggiati o riferimenti all'arte figurativa.
O ancora, esempi di cinema sperimentale, che ha saputo guardare attraverso l'immagine, attraverso i primi piani, attraverso la sola ripresa di situazioni o volti, alla realtà: pensiamo ad "Emigranti", di Franco Piavoli. Venendo agli anni Duemila, un esempio di lungometraggio che racconta una storia di riscatto attraverso l'arte, ma anche della durezza della vita degli emigranti, è quello di "Marina", film che racconta la storia del cantante Rocco Granata, emigrato dalla Calabria in Belgio. Per arrivare al 2008 ed allo sguardo su emigrazione e immigrazione, reso con tocco poetico dal grande autore Vittorio De Seta.
Il secondo appuntamento ricorda Giuseppe Livoti ha come tematica la “Disabilità” e quindi grande attenzione verrà data ad una tematica di grande attualità, sia dal punto di vista legislativo che sociale. L’incontro vedrà i saluti dela direttrice Maria Fortunata Minasi e della vice presidente Muse Francesca D’Agostino.

Rc 9 gennaio 2019

Letto 205 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Presentata la VII Edizione del Premio Lettere, Arte e Scienza per l'Area dello Stretto Dott. Domenico Smorto

    Presso la sede dell’associazione culturale “Le Muse” di Reggio Calabria, nei giorni scorsi, si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione della settima edizione del Premio Smorto. Giuseppe Livoti - presidente Muse - ha ricordato come la figura del noto professionista reggino, rivive da quasi 10 anni, attraverso l’operosità della moglie, la nota poetessa vernacolare reggina Rossana Rossomando che con passione ed affetto promuove un concorso ormai diventato un punto di riferimento per il Sud.
    Il Premio, dedicato al dott. Domenico Smorto, continua Livoti, nasce dall’esigenza di valorizzare e promuovere la cultura, nei diversi ambiti della Letteratura (narrativa, poesia, saggistica), dell’Arte, della Ricerca e della Saggistica Storica e della Ricerca Medico-Scientifica nell’Italia Meridionale, intesa come promozione di quei valori culturali permanenti, nati dall’attento studio di problematiche e riflessioni sulla nostra terra e attinenti a un vasto pubblico interessato alla loro divulgazione.

  • Scambi culturali: le Muse scoprono San Vito dei Normanni ed il Castello Dentice di Frasso

    Le Muse scoprono San Vito dei Normanni e lo fanno nell’ambito della programmazione domenicale la scorsa settimana fuori regione ed esattamente in Puglia.
    Un nuovo appuntamento che ha visto questa volta a conclusione dell’anno sociale - invernale riuniti soci e direttivo alla scoperta della dimora storica più importante di tutta la Puglia: il Castello Dentice di Frasso.
    Giuseppe Livoti - presidente del sodalizio reggino, ricorda come è consuetudine delle Muse creare occasioni di scambio e di relazioni con altre realtà al di fuori del territorio calabrese e, proprio nell’ambito di un progetto di conoscenza di dimore storiche e palazzi nobiliari, si è pensato di fare un incontro presso una residenza che è ancora abitata ed animata dai suoi proprietari.

  • Le Muse chiudono la programmazione invernale a Nardò, poi ospiti d'eccezione a San Vito dei Normanni in Puglia

    Un fine settimana particolare con tanto di “Domenicale delle Muse”, quello organizzato sabato 1 e domenica 2 giugno in Puglia, per la chiusura delle attività invernali del noto sodalizio calabrese.
    Dopo più di 70 manifestazioni sul territorio tra sodalizi, collaborazioni ed eventi letterari, artistici, storici, sociali, dalla grande valenza intellettuale, si conclude la programmazione partita dal mese di ottobre con il Premio Muse a Margherita Lanza di Scalea e che ora, si conclude con due incontri a Nardò ed a San Vito dei Normanni.

  • Alle Muse si è discusso di ‘Ndrangheta Addosso e della speranza di un domani migliore in una terra senza prospettive

    Un “Domenicale alle Muse, al Laboratorio delle Arti e delle Lettere”, dedicato alla prima uscita nazionale del nuovo libro di Cosimo Sframeli “’Ndrangheta addosso” – edito da Falzea.
    Una serata che ha visto una grande presenza di pubblico e di addetti ai lavori, oltre a varie personalità tra cui il presidente di ‘Apodiafazzi’ prof. Carmelo Nucera, il Luogotenente dei Carabinieri Nino Campolo, i giovani della Scuola Allievi Carabinieri, il dott. Vincenzo Pedone presidente del Tribunale di Sorveglianza di Reggio Calabria. In apertura di serata il presidente Giuseppe Livoti ha ribadito, come tale testo è un libro per riflettere e pensare, e leggendo si può capire in parte, qual’ è stata la nostra storia in un particolare momento storico, attraverso la viva testimonianza di Sframeli tenente dei Carabinieri, che a Locri ha fatto parte del pool di Magistrati e Carabinieri che investigavano sul fenomeno all’epoca poco conosciuto della ‘ndrangheta.

  • Le Muse: domenica 19 maggio prima presentazione nazionale del libro di Cosimo Sframeli: "‘Ndrangheta addosso"

    Ancora una prima importante ai “Domenicali delle Muse”, ed ancora un importante momento dedicato alla scrittura. “Le Muse – Laboratorio delle Arti e delle Lettere”, questa settimana, dichiara il presidente Giuseppe Livoti, cureranno la prima presentazione nel circuito nazionale del nuovo libro di Cosimo Sframeli “’Ndrangheta addosso” – edito da Falzea. Un nuovo percorso dunque di Sframeli tenente dei Carabinieri, promosso per titoli e meriti, paracadutista e comandante di plotone della Scuola Allievi Carabinieri di Reggio Calabria. Nel 1980 a Locri ha fatto parte del pool di Magistrati e Carabinieri che investigavano sul fenomeno poco conosciuto della ‘ ndrangheta, divenendone competente conoscitore delle dinamiche criminali, continuando il contrasto alla criminalità mafiosa nel reggino e nel vibonese.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.