unci banner

:: NEWS

Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

Strumenti jazz amalgamati a quelli della tradizione popolare, ritmi mediterranei fusi con la tarantella, voci calde e appassionate affiancate a chitarre di ogni genere. Il Kaulonia Tarantella Festival è pronto...

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

Reggio Calabria e il suo Lungomare saranno protagoniste, domenica 18 agosto alle ore 22, dello speciale “I Tesori del Mediterraneo” in onda Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre e in...

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Dopo il successo della prima parte - andata in scena dal 12 al 16 agosto al Porto delle Grazie e a Largo Colonne Rita Levi Montalcini - la XXXIX Edizione...

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

Aquaro di Cosoleto, stop alla processione dopo le verifiche delle forze dell'ordine

E’ stata annullata ieri ad Acquaro di Cosoleto la tradizionale processione di San Rocco. La decisione del parroco dopo che Polizia e Carabinieri avevano accertato che gran parte dei portatori...

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Ferragosto da record per il MArRC che nella giornata di ieri ha registrato il “tutto esaurito” con ben 7760 ingressi. La scelta dell’apertura nella giornata festiva con ingresso gratuito a...

compra calabria

Sei qui: HomeCuriositàCalabria, il Codacons diffida i prefetti: vietare il fumo in tutte le spiagge della regione

Calabria, il Codacons diffida i prefetti: vietare il fumo in tutte le spiagge della regione

Pubblicato in Curiosità Martedì, 11 Giugno 2019 11:40

Parte la battaglia del Codacons per ottenere il divieto di fumo in tutte le spiagge della Calabria. Negli ultimi anni si sono moltiplicate in Italia le ordinanze comunali che vietano il fumo in spiaggia, ma in Calabria non è stato fatto ancora abbastanza per tutelare la salute dei bagnanti dai rischi connessi al fumo e per difendere l'ambiente – sostiene il Codacons. La necessità di tutelare la salute pubblica dai pericoli legati al fumo passivo (si ricorda che il fumo provoca 80mila morti l'anno soltanto in Italia), associata all'esigenza di difendere l'ambiente dai mozziconi di sigaretta lasciati sulla sabbia che impiegano fino a 5 anni per decomporsi e inquinano i mari molto più della plastica, deve portare a vietare il fumo sulla totalità delle spiagge della regione.

Per tale motivo il Codacons presenta oggi una diffida a tutti i Prefetti calabresi in cui si chiede, in virtù dei loro poteri, di ordinare alle amministrazioni comunali l'adozione di apposite ordinanze tese a stabilire divieti di fumo e di abbandono di prodotti da tabacco sulle spiagge di loro competenza. Se non saranno adottate misure urgenti, il Codacons denuncerà nei prossimi giorni i Comuni della regione per concorso in inquinamento e in danneggiamento aggravato del patrimonio naturale.

Rc 11 giugno 2019

Letto 159 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Scuola: Codacons, spesa per studente da 533 a 1130 euro +2,5% per diari e zaini

    Sta per abbattersi sulle tasche delle famiglie italiane la consueta "stangata" di settembre legata all'acquisto del corredo scolastico che si attesta sui 533 euro a studente ma lievita fino a 1130 ad alunno se si considera anche l'acquisto di vocabolari e libri di testo. Lo afferma il Codacons, che fornisce come ogni anno i dati sul caro-scuola e le spese che dovranno affrontare le famiglie in occasione dell'avvio del nuovo anno scolastico. Nei negozi e nei supermercati calabresi già da giorni è comparso tutto l'occorrente per la scuola - evidenzia l'associazione - dai diari e quaderni 'low cost' agli zaini ed astucci griffatissimi con le marche del momento, sempre più richieste dai giovanissimi oramai succubi del tam tam pubblicitario.

  • Codacons: le App che invecchiano regalano i nostri dati

    FaceApp oramai è la mania dell'estate. Per rendercene conto basta aprire i social più diffusi, Facebook e Instagram, per trovare subito innumerevoli foto di come saremo da vecchi. Il Codacons ritiene che intorno a questo, apparentemente innocuo, tormentone estivo si possa nascondere un traffico, potenzialmente pericoloso, di dati sensibili. L'applicazione del momento non è un'appendice di Facebook, come il nome lascerebbe supporre, ma è di proprietà di un'azienda con sede a San Pietroburgo in Russia.
    Esaminando il documento relativo al trattamento dei dati - sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons - sorgono seri dubbi sul trattamento dei dati e sulla riservatezza.

  • Concorso presidi: Codacons contro il Miur, appello infondato

    Contro il ricorso del Miur sul concorso per i presidi il Codacons si costituisce al Consiglio di Stato, depositando un intervento ad opponendum per contestare l'appello del Ministero. Ne dà notizia l'associazione, che rappresenta alcuni candidati che non hanno superato le prove e che lamentano irregolarità che avrebbero riscontrato durante il concorso. Se da un lato il Codacons ha deciso di tutelare i soggetti non ammessi alle prove successive, dall'altro l'associazione intende difendere anche chi ha superato la prima fase d'esami e si ritrova ora danneggiato dall'inevitabile annullamento dell'intero concorso. "Tutti gli aspiranti presidi che hanno superato la prova scritta e che con ogni probabilità dovranno ripetere l'esame, possono aderire all'azione risarcitoria che il Codacons intende presentare contro il Miur - spiega il Presidente Carlo Rienzi - Una azione finalizzata a far ottenere ai soggetti danneggiati il risarcimento dei danni morali (perdita di occasione lavorativa) e materiali subiti, come spese di trasferta, pernottamento, preparazione all'esame, ecc.".

  • Codacons: Rifiuti, sacchi di soldi scomparsi. Mentre le percentuali della differenziata crescono le tariffe non calano

    Mentre le percentuali della differenziata crescono le tariffe non calano. Chiesto a Regione e ArpaCal le cifre incassate dai comuni con la vendita dei rifiuti riciclati. La raccolta dei rifiuti, se soltanto si volesse, potrebbe garantirci non solo di vivere in un ambiente più pulito, ma anche incrementare l'occupazione e finanche portare benefici alle casse comunali. Proviamo a fare una piccola verifica. Invece di chiedere quale sia la percentuale della raccolta differenziata, proviamo a chiedere ad un qualsiasi Sindaco quanto vetro, quanta plastica, carta o legno ha provveduto a raccogliere il proprio Comune e, soprattutto, proviamo a chiedere quanti soldi hanno incassato i Comuni calabresi dalla vendita di questi "preziosi" rifiuti.

  • Legambiente e Codacons: rinunciare alla plastica per salvare la bellezza del nostro mare

    Rinunciare alla plastica per salvare la bellezza del nostro mare. Questo è quanto Legambiente e Codacons chiedono ai comuni calabresi. Le associazioni sollecitano l’emissione di ordinanze per imporre il divieto, già da questa estate, della plastica monouso sulle spiagge.
    La direttiva europea mette al bando contenitori, stoviglie e bicchieri e tutto quello che rappresenta l’80 per cento del materiale che inquina le spiagge ed il mare ma solo a far tempo dal 2021.
    Tuttavia Legambiente e Codacons chiedono uno stop immediato alla plastica sulle spiagge Calabresi, a favore di materiale compostabile e monouso. L''obiettivo e' quello di avere spiagge sempre più sostenibili dal punto di vista ambientale, per tutelare la spiaggia ed il mare e salute dei cittadini.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.