unci banner

:: NEWS

Comune e Città Metropolitana di Reggio Calabria aderiscono alla mobilitazione promossa da Anpi

Comune e Città Metropolitana di Reggio Calabria aderiscono alla mobilitazione promossa da Anpi

Il Comune e la Città Metropolitana di Reggio Calabria aderiscono alla mobilitazione promossa dall'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia che ha indetto un sit-in previsto per sabato mattina alle ore 9.30 a...

A Piazza Castello tornano le "Letture viandanti"

A Piazza Castello tornano le "Letture viandanti"

Sabato 19 ottobre alle 16:00, a Piazza Castello, tornano le "Letture viandanti", l'iniziativa promossa dall'associazione Reggio tra le righe per portare la lettura e i libri tra la gente, renderli...

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

L' Associazione di Promozione Sociale Italia Night & Day con il patrocinio di S.E. Mons. Francesco Oliva Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace e con il patrocinio del Comune...

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Insediata a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana

Si è insediata questa mattina a Palazzo Alvaro la Commissione Beni Confiscati della Città Metropolitana di Reggio Calabria.Immediatamente operativo l’organismo, del quale fanno parte Luciano Cama, Giuseppina Palmenta, Eleonora Maria...

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Ponte di Paterriti, il cantiere procede speditamente. Falcomatà: "La frazione dice addio all'isolamento"

Questa mattina, il sindaco Giuseppe Falcomatà ha effettuato un sopralluogo sul cantiere del Ponte di Paterriti. L’imponente infrastruttura è fondamentale per gli abitanti della frazione collineare visto che, ad opera...

compra calabria

Sei qui: HomeCuriositàCodacons: le App che invecchiano regalano i nostri dati

Codacons: le App che invecchiano regalano i nostri dati

Pubblicato in Curiosità Mercoledì, 17 Luglio 2019 13:05

FaceApp oramai è la mania dell'estate. Per rendercene conto basta aprire i social più diffusi, Facebook e Instagram, per trovare subito innumerevoli foto di come saremo da vecchi. Il Codacons ritiene che intorno a questo, apparentemente innocuo, tormentone estivo si possa nascondere un traffico, potenzialmente pericoloso, di dati sensibili. L'applicazione del momento non è un'appendice di Facebook, come il nome lascerebbe supporre, ma è di proprietà di un'azienda con sede a San Pietroburgo in Russia.
Esaminando il documento relativo al trattamento dei dati - sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons - sorgono seri dubbi sul trattamento dei dati e sulla riservatezza.

Si tratta di un documento che, purtroppo, gli utenti non leggono, smaniosi di vedere subito la loro immagine trasformata.
La società, infatti, ci chiede di autorizzare a "condividere i contenuti e le informazioni degli utenti con le aziende che fanno parte del gruppo di società di FaceApp".
Praticamente - secondo il Codacons - stiamo regalando a questa società Russa milioni di dati personali, che poi verranno subito messi sul mercato.
Ma chi potrebbe essere interessato ad acquistare le nostre foto ?
Il pericolo è che stiamo regalando - prosegue Di Lieto - le nostre impronte digitali e le immagini per il riconoscimento facciale, dati tramite i quali veniamo identificati e che, con le più moderne tecnologie, possiamo disporre anche pagamenti.
Per questi motivi il Codacons invita alla cautela gli utenti dei social e sta valutando di presentare un esposto alle Procure della Repubblica di tutta Italia e al Garante per la privacy affinché intervengano su questa vicenda che mette a rischio la sicurezza di milioni di cittadini italiani.

RC 17 luglio 2019

Letto 187 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Codacons: appello a non pubblicare le foto del rientro a scuola dei bambini sui social

    Domani, in concomitanza con la riapertura delle scuole, tanti genitori inonderanno la rete con le foto dei loro bambini pronti ad affrontare il primo giorno di scuola. Il Codacons lancia un appello ai genitori affinché evitino la pubblicazione di fotografie dei propri figli sui social. Il web può essere molto pericoloso. Premesso che se non vi è il consenso di entrambe i genitori, oltre che ovviamente quello del minore, non si possono diffondere le foto in rete. E questa "leggerezza" può costare molto, ma molto, cara.

  • Codacons: da obsolescenza programmata danno da 10miliardi per i consumatori italiani

    L'obsolescenza programmata costa ai consumatori italiani la bellezza di 10 miliardi di euro all'anno, e la media di vita di un elettrodomestico si è sensibilmente ridotta rispetto agli anni '70. Lo afferma il Codacons, commentando le dichiarazioni del presidente dell'Antitrust, Roberto Rustichelli, in audizione alla commissione Industria del Senato sul ddl per il contrasto all'obsolescenza dei beni di consumo. L'obsolescenza programmata indica le tecniche che le aziende produttrici utilizzano per ridurre ad arte il ciclo di vita di un prodotto.

  • Scuola: Codacons, spesa per studente da 533 a 1130 euro +2,5% per diari e zaini

    Sta per abbattersi sulle tasche delle famiglie italiane la consueta "stangata" di settembre legata all'acquisto del corredo scolastico che si attesta sui 533 euro a studente ma lievita fino a 1130 ad alunno se si considera anche l'acquisto di vocabolari e libri di testo. Lo afferma il Codacons, che fornisce come ogni anno i dati sul caro-scuola e le spese che dovranno affrontare le famiglie in occasione dell'avvio del nuovo anno scolastico. Nei negozi e nei supermercati calabresi già da giorni è comparso tutto l'occorrente per la scuola - evidenzia l'associazione - dai diari e quaderni 'low cost' agli zaini ed astucci griffatissimi con le marche del momento, sempre più richieste dai giovanissimi oramai succubi del tam tam pubblicitario.

  • Concorso presidi: Codacons contro il Miur, appello infondato

    Contro il ricorso del Miur sul concorso per i presidi il Codacons si costituisce al Consiglio di Stato, depositando un intervento ad opponendum per contestare l'appello del Ministero. Ne dà notizia l'associazione, che rappresenta alcuni candidati che non hanno superato le prove e che lamentano irregolarità che avrebbero riscontrato durante il concorso. Se da un lato il Codacons ha deciso di tutelare i soggetti non ammessi alle prove successive, dall'altro l'associazione intende difendere anche chi ha superato la prima fase d'esami e si ritrova ora danneggiato dall'inevitabile annullamento dell'intero concorso. "Tutti gli aspiranti presidi che hanno superato la prova scritta e che con ogni probabilità dovranno ripetere l'esame, possono aderire all'azione risarcitoria che il Codacons intende presentare contro il Miur - spiega il Presidente Carlo Rienzi - Una azione finalizzata a far ottenere ai soggetti danneggiati il risarcimento dei danni morali (perdita di occasione lavorativa) e materiali subiti, come spese di trasferta, pernottamento, preparazione all'esame, ecc.".

  • Codacons: Rifiuti, sacchi di soldi scomparsi. Mentre le percentuali della differenziata crescono le tariffe non calano

    Mentre le percentuali della differenziata crescono le tariffe non calano. Chiesto a Regione e ArpaCal le cifre incassate dai comuni con la vendita dei rifiuti riciclati. La raccolta dei rifiuti, se soltanto si volesse, potrebbe garantirci non solo di vivere in un ambiente più pulito, ma anche incrementare l'occupazione e finanche portare benefici alle casse comunali. Proviamo a fare una piccola verifica. Invece di chiedere quale sia la percentuale della raccolta differenziata, proviamo a chiedere ad un qualsiasi Sindaco quanto vetro, quanta plastica, carta o legno ha provveduto a raccogliere il proprio Comune e, soprattutto, proviamo a chiedere quanti soldi hanno incassato i Comuni calabresi dalla vendita di questi "preziosi" rifiuti.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.