unci banner

:: Evidenza

Reggio Calabria. Sul palco del teatro "Cilea" il 10° Memorial Mino Reitano

Reggio Calabria. Sul palco del teatro "Cilea" il 10° Memorial Mino Reitano

Reggio Calabria. La decima edizione del Memorial Mino Reitano è sempre più imminente. L'atteso spettacolo promosso dall'Associazione Musicale e Culturale "La Vita è così" in collaborazione con l'Associazione "Amici di Mino Reitano Onlus" è in...

LegaPro. La Reggina 1914 cede al Rende i giocatori Zivkov e Bonetto

LegaPro. La Reggina 1914 cede al Rende i giocatori Zivkov e Bonetto

Reggio Calabria. La Reggina comunica di aver ceduto al Rende i calciatori Petar Zivkov e Mattia Bonetto. Il difensore austriaco si trasferisce a titolo temporaneo fino al termine della stagione mentre il centrocampista scuola Inter...

Reggio Calabria. "Giorno della Memoria": venerdì 25 gennaio cerimonia in Prefettura

Reggio Calabria. "Giorno della Memoria": venerdì 25 gennaio cerimonia in Prefettura

Reggio Calabria. In occasione della ricorrenza del "Giorno della Memoria" istituito con la legge 20 luglio 2000, n.211, il 25 gennaio prossimo, con inizio alle ore 10, presso il Palazzo del Governo, si svolgerà una...

Martedì 29 gennaio la presentazione del singolo dei Mattanza: "Luna Turca"

Martedì 29 gennaio la presentazione del singolo dei Mattanza: "Luna Turca"

È stato rilasciato poco meno di un mese fa il singolo Luna turca dei Mattanza, storico gruppo reggino di world music. Il brano, scritto da Mario Lo Cascio e che Mimmo Martino ha fortemente voluto...

Reggio Calabria. AVR: dal 22 al 24 gennaio possibili rallentamenti raccolta differenziata

Reggio Calabria. AVR: dal 22 al 24 gennaio possibili rallentamenti raccolta differenziata

Reggio Calabria. L'Avr informa la città che "in virtù dello stato di agitazione dei dipendenti di AVR S.p.A., indetto per l'intero turno di lavoro di tutti i dipendenti nell'arco delle 48 ore dalle ore 5,01...

compra calabria

Sei qui: HomeCURIOSITA'“L’Europa apra i porti” l’opera di Francesco Guadagnuolo

“L’Europa apra i porti” l’opera di Francesco Guadagnuolo

Pubblicato in Curiosità Giovedì, 10 Gennaio 2019 09:50

L’opera scultorea-installazione dal titolo “L’Europa apra i porti” di Francesco Guadagnuolo simbolo di rovina e di responsabilità dell’uomo, invocazione di soccorso di umanità e di solidarietà contro la disumanità e il sopruso subito da tutti i bambini che continuano a soffrire nel mare Mediterraneo. Il viso di un bambino che tende ad uscire da una valigetta, simbolo di viaggio, braccia e mani in avanti assieme al piedino che tenta di venire fuori dall’odissea vissuta. Nell’opera di Guadagnuolo il bimbo cerca cibo e porta la manina verso l’unica ciambella rimasta che si trasfigura in ricerca di sopravvivenza per la vita, per custodire proprio il valore della vita di tre bambini di anni uno, tre e sette che sono presenti a bordo delle due navi.Questo rievoca l’attenzione dei diritti umani e dell’infanzia a sfavore di ogni atteggiamento di abuso di potere.

L’artista dice, ci troviamo davanti ad una colossale sciagura pietosa dove noi tutti avvertiamo un senso di inettitudine e di colpevolezza. L’opera sta facendo il giro del web e sta scuotendo grande commozione nelle diverse Nazioni europeee Guadagnuolo lo rappresenta con la barca, posta sopra la valigetta, in cerca di un porto sicuro, segno dell’insuccesso dell’Europa caritatevole.
L’opera di Guadagnuolo è diventata simbolo umanitario e ci fa intendere nel profondo le sciagure che accadono nel mondo per tutte le atrocità subite dai bambini in guerre e conflitti. La scultura-installazione diviene personificazione del profondo dolore umano che purtroppo ritorna tragicamente come in quell’estremo cammino della speranza.
Giusto l’arte può raccontare il supplizio dei bambini, e lo fa Francesco Guadagnuolo artista umanitario, Ambasciatore di Pace UPF, che lotta per i diritti umani e dell’infanzia per dirci mai più bambini sofferenti nel Mediterraneo.
Si chiede: dove sta l’Europa civile, che possa pensare con tutta la responsabilità morale di aprire le porte alla solidarietà umana? Assicurare la salvezza, l’aiuto per chi scappa da guerre, povertà e malattie, è necessario che si arrivi ad una riforma affidabile, che garantisca il domani come progetto umanitario. Anche Papa Francesco, durante, l'Angelus di domenica 6 gennaio 2019, aveva detto: «Da parecchi giorni quarantanove persone salvate nel Mare Mediterraneo sono a bordo di due navi Ong, in cerca di un porto sicuro dove sbarcare. Rivolgo un accorato appello ai leader europei, perché dimostrino concreta solidarietà nei confronti di queste persone».
I 49 migranti finalmente sono stati fatti sbarcare a Malta, dopo 19 giorni in balia del Mare Mediterraneo, da dove saranno spartiti in otto Paesi europei. L’Unione Europea dovrebbe disporre un piano politico funzionante che garantisca protezione e diritti umani.

Roma 10 gennaio 2019

Letto 68 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Per un’Umanità in cerca di pace “Un Augurio” dell’Ambasciatore artista Francesco Guadagnuolo

    I bambini muoiono sulle spiagge del Mediterraneo e il Maestro siciliano Francesco Guadagnuolo, pittore e scultore conosciuto a livello internazionale, con una scultura, metafora di tragedia e di responsabilità dell’uomo, si appella all’SOS quale segnale universale per una richiesta di soccorso di umanità e di solidarietà contro la crudeltà e la violenza subita quotidianamente dai bambini.
    Una scultura come "cammino della speranza" del bimbo dagli occhi chiusi sulla riva, piena di dolore umano e rappresentativa della sofferenza dei bambini. L’arte umanitaria di Francesco Guadagnuolo ancora una volta si distingue nella combinazione dell’estetica e della sostanza etica che soggiacciono nella sua opera scultorea volta ad esplorare il mondo dei bambini;

  • Una nuova opera del Maestro Guadagnuolo contro la violenza adolescenziale dedicata a Desirée

    Una nuova opera del M° Francesco Guadagnuolo protagonista nella scena internazionale, artista e regista, ideatore di un lavoro dedicato al mondo adolescenziale nella “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”. Con questa opera Francesco Guadagnuolo vuole fornire, agli studenti, elementi di riflessione su come utilizzare al meglio la propria vita e diffondere coraggio per promuovere la cultura della non violenza, così l’impegno di Guadagnuolo prosegue nel suo percorso di unione dell’arte con l’attualità nel contesto sociale.

  • Addio a Kofi Annan, Uomo di Pace: il pittore Guadagnuolo lo ricorda con la sua opera “Il Debito Estero”

    Dall’Italia sono stati inviati tanti messaggi per ricordare Kofi Annan. Tra coloro che hanno espresso cordoglio per l'ex Segretario generale dell'Onu, c'è anche Francesco Guadagnuolo: “Sono addolorato per la morte dell’ex Segretario Kofi Annan – ha detto l’artista - perché se n’è andato uno dei diplomatici più rilevanti della scena mondiale, da sempre si è battuto per la comunicazione tra i popoli”.
    Uomo di pace, a Oslo è stato insignito del Nobel per la Pace “in favore di un mondo meglio organizzato e più pacifico”, ritirando il premio, Annan così dichiarava:

  • Alla Terrazza della Cultura presentato il volume: “Metamorfosi dell'Iconografia nell'arte di Francesco Guadagnuolo”

    Venerdì 27 luglio 2018, presso la Terrazza della Cultura (Premio Calogero) via S. Caterina, 56 di Reggio Calabria è stata presentata con grande partecipazione di pubblico la Monografia “Metamorfosi dell’iconografia nell’arte di Francesco Guadagnuolo”, con le poesie di Karol Wojtyla (Edizioni Angelus Novus – Tra 8 & 9, pag. 520), curata da Antonio Gasbarrini e Renato Mammucari. Sono intervenuti l’artista Francesco Guadagnuolo, l’On.le Fortunato Aloi e il Prof. Domenico Ficarra.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.