unci banner

:: NEWS

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Cala il sipario sulle sfilate della IV edizione dell’International Fashion Week. Un successo di talenti, ospiti e pubblico per l’evento promosso dalla Camera Nazionale Giovani Fashion Designer in collaborazione con...

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Da 5 anni portiamo avanti come cooperativa Comunità Sant’Arsenio la sperimentazione del progetto “Orto e Mangiato”, un orto Comunitario: piccoli appezzamenti di terreno “affittati” a servizio di “nuovi contadini”. Negli...

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Nell’Ottocento un romanziere inglese scriveva che “qui, dovunque mi volgessi, incontravo maiali neri e magri che grugnivano, sgambettavano e strillavano”. Parlava del suino nero di Calabria, un maiale che si...

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Si sa, gli dei amano le rose. Coloro che, domenica scorsa, sfidando pioggia, fulmine e saette previsti al sud, sono arrivati alla Casa delle Erbe, ad Antonimina, hanno potuto verificarlo....

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

“Questo lungomare ci racconta su cosa deve puntare il nostro territorio: cultura, bellezza e legalità”. Così, nella giornata di ieri, il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà ha inaugurato il nuovo Waterfront...

compra calabria

Sei qui: HomeCuriositàLouis Buffone, militare statunitense di origini calabresi, visse la tragica esperienza della "marcia della morte di Bataan”

Louis Buffone, militare statunitense di origini calabresi, visse la tragica esperienza della "marcia della morte di Bataan”

Pubblicato in Curiosità Mercoledì, 20 Febbraio 2019 08:19

La marcia della morte di Bataan (il nome con cui è conosciuto il trasferimento forzato, operato dall'esercito imperiale giapponese, di circa 75.000-80.000 prigionieri di guerra filippini e statunitensi in seguito alla fine della battaglia di Baatan, il 9 aprile 1942, durante la durante la campagna delle Filippine) rappresenta ed è considerato un “crimine di guerra”. Questo per le inaudite violenze e privazioni a cui i giapponesi sottoposero i prigionieri. Tra i coraggiosi sopravvissuti ci fu un soldato statunitense dalle origini calabresi: Louis Buffone (arruolato nella US Army Air Force). 

Un nipote, Michael A. (Buffone) Zarate gli ha dedicato una tesi (Master of Military Art and Science). In questa vengono ricordate e riportate le atrocità a cui Louis e gli altri furono sottoposti. Dalla sosta a Camp O'Donnell (campo di prigionia dove morirono oltre 20.000 uomini), la sosta nelle tetre miniere di carbone di Fukuoka, il raid di Cabanatuan (quando grazie agli Army Rangers i prigionieri furono liberati) ed infine la “pioggia benefica” dal cielo con gli aerei americani che paracadutarono cibi e medicinali. La durezza della marcia, le condizioni di salute di molti prigionieri, peggiorate dalla carenza di cibo ed acqua (in particolare si diffuse la malaria), nonché la brutalità dei giapponesi (fucilati e decapitati se si fermavano)ha fatto nascere attorno ai sopravvissuti di “Bataan” l’alone della leggenda. Louis Buffone era nato il 3 settembre del 1920 a a Poughkeepsie da Cosimo e Mary Amodeo. Sposò Maria Mauella che gli diede quattro figli Louis Buffone Jr., Stephen, Christopher e Frank e due figlie Michelle e Karen. Fu membro della Defenders of Bataan – Corregidor (organizzazione nata per preservare la storia degli uomini che combatterono e furono prigionieri nell’inferno di Bataan). Louis Buffone visse a Hudson Terrace e, per ben 31 anni, a Marlborough. Il padre Cosimo, giunto negli Stati Uniti all’età di sette anni e sbarcato ad “Ellis Island” dal piroscafo “Brasile”, proveniva dalla Calabria e con ogni probabilità era nato ad Acri in provincia di Cosenza. Louis Buffone morì, dopo una breve malattia, al “Montefiore Hospital” di New York nel 1984. Nel libro “The Fall of the Philippines” di Louis Morton vi è una foto dove, tra gli altri prigionieri, è ritratto anche lui: Louis Buffone (Louis Buffone si è identificò con il nipote come il prigioniero di guerra seduto alla fine della fila). Di lui si parla anche nel libro “Bataan Survivor - A POW’s Account of Japanese Captivity in World War II” di David L. Hardee. Nel 2013 il regista filippino Adolfo Alix Jr. ha girato il film “Death March” dedicato a Bataan.

Geremia Mancini – presidente onorario “Ambasciatori della fame”

Pescara 20 febbraio 2019

Letto 201 volte

Articoli correlati (da tag)

  • La storia del militare Vincenzo Lavia che, nel 1904, finì sulla copertina de “La Domenica del Corriere”

    Questi due disegni descrivono la tragica fine di un soldato. Il primo disegno è accompagnato dal titolo “L’orribile morte del soldato Vincenzo Lavia a Chieti” il secondo de “La Domenica del Corriere” parla di “I drammi della vita: orribile fine di un soldato di cavalleria, a Chieti” (il disegno è del grandissimo illustratore Achille Beltame). Il giovane militare rimase impigliato ad un cavallo imbizzarrito e finì coll’essere travolto e trascinato in un dirupo. Rimase purtroppo ucciso. Tutto si consumò il 27 maggio del 1904. Ci permettiamo di aggiungere qualche piccola precisazione e qualche ulteriore informazione.

  • “Joseph” Giuseppe Antonio Marcellino grande sarto in Massachusetts, era nato a Grotteria nel 1891

    “Joseph” Giuseppe Antonio MARCELLINO nacque a Grotteria (RC), il 5 gennaio Agosto del 1891, da Vincenzo (settantunenne “calzolaio” figlio di Pasquale e Anna Nesci) e Rosa Bruzzese (trentenne “filatrice” figlia di Giorgio e Caterina Jirilli). L’atto di nascita fu registrato dinanzi a Raffaele Mundolo l’allora Sindaco di Grotteria. I suoi genitori, tra i due c’erano ben 41 anni di differenza, si erano sposati il 22 gennaio del 1882. Nel 1913 Giuseppe, probabilmente dopo la morte del padre, decise di tentare il “sogno americano”. Giunse ad “Ellis Island” a bordo del piroscafo “America” e con lui arrivarono anche i suoi fratelli: Pasquale, Domenico e Salvatore.

  • Frank Martino, campione di basket negli Stati Uniti durante gli anni ’30, era di origini calabresi

    Frank Martino nacque a Meadowbrook ( West Virginia), il 25 novembre del 1913, da Luigi (nato a San Giovanni in Fiore il 9 ottobre del 1870) e Antonetta Allevato (nata il 25 aprile del 1869). Il padre, la madre ed i fratelli nati in Italia giunsero ad “Ellis Island” il 22 maggio del 1900 a bordo del piroscafo “Spartan Prince”. Frank era il sesto di otto figli. Si laureò in lettere al “Glenville State College” e ottenne un master alla “West Virginia University”. Ma Frank fu soprattutto un atleta dai mezzi eccezionali. Riuscì ad eccellere nel basket, nel football, nel baseball e nell’atletica leggera.

  • Strorie di emigrazione: Giuseppe “Joe” D’Agostino, da Gerace Marina all'Illinois

    Giuseppe “Joe” D’Agostino nacque, il 9 maggio 1901, a Gerace Marina, in provincia di Reggio Calabria, da Vincenzo Domenico e Elisabetta Carmela Oppedisano. Il padre, “bracciante”, era nato a Portigliola nel 1873. La madre, “filatrice” era nata a Gerace Marina il 1874. I genitori di Giuseppe “Joe” si sposarono a Gerace Marina il 15 febbraio del 1894. Giuseppe “Joe” decise di emigrare, alla ricerca del “sogno americano”, nel 1929. Giunse ad “Ellis Island”, con la moglie Maria e la piccola Elisabetta (3 anni), sulla “Augustus” (il transatlantico, nel dicembre del 1926, ebbe come madrina del varo Edda Mussolini figlia del capo del governo italiano Benito Mussolini).

  • Domenico “Dominick” Mele, eroicamente caduto durante la Prima Guerra Mondiale con la divisa statunitense

    Domenico Mele nacque, nel 1899, a Cardinale in provincia di Catanzaro da Francesco e Vittoria Cunsolo. Emigrò bambino, nel 1904, per gli Stati Uniti. La famiglia Mele si stabilì a Troy , Contea di Rensselaer, nello Stato di New York. Qui Domenico, oramai “Dominick”, studiò e imparò la nuova lingua. Iniziò a lavorare come “Iron Worker” in particolare nella costruzioni di grattaceli. A minare la serenità della famiglia calabrese arrivò, purtroppo, “la Grande Guerra”. A Dominick arrivò la “chiamata alle armi”. Nel luglio del 1917 fu inviato per addestramento a Fort Edward sempre nello Stato di New York. Gli fu data la “piastrina identificativa” numero 1204260.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.