unci banner

:: NEWS

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

Su Via Botteghelle, alla presenza del direttivo completo, degli associati e dei privati cittadini del quartiere, prosegue intensamente l'attività dell'associazione "Innamorarsi di Sbarre". Oggi, sabato 21 settembre, intera mattinata dedicata...

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

La Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali” della locale Squadra Mobile, in esito a delicatissime indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta...

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

In occasione della XXVI Giornata Mondiale dell'Alzheimer, il Castello Aragonese di Reggio Calabria resterà illuminato a colori dal 20 al 23 settembre. L'iniziativa, fortemente voluta dall'assessore alle politiche sociali del...

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Più di 11 milioni di euro del Decreto Reggio saranno destinati al settore dell'edilizia residenziale pubblica per l’ampliamento del patrimonio di alloggi comunali destinati dall’Amministrazione alle famiglie più bisognose. La...

compra calabria

Sei qui: HomeCuriositàReggio e la Via dell’Emancipazione: proposte del collettivo La Strada per una toponomastica al femminile

Reggio e la Via dell’Emancipazione: proposte del collettivo La Strada per una toponomastica al femminile

Pubblicato in Curiosità Lunedì, 12 Agosto 2019 10:23

La toponomastica è importante. L’intitolazione di vie, strade e piazze racconta moltissimo della storia di una città, della sua cultura, delle battaglie civili e delle scelte politiche che l’hanno portata a diventare quello che oggi è. La toponomastica rende i luoghi evocativi, sensibilizza – o almeno, ci prova – chi quei luoghi li abita e li vive nella quotidianità.
Intervenire sulla toponomastica è un’operazione essenzialmente politica; Reggio Calabria, in questo, non fa eccezione. Nell’anno 2016 il Comune ha nominato una Commissione Toponomastica – attribuendole un “ruolo consultivo sulla denominazione delle strade della città” – composta da tre consiglieri comunali e sei personalità esperte in diversi campi del sapere (storia, architettura, scienze naturali ecc.) per un totale di nove membri – sette uomini e due donne.

Dal momento del proprio insediamento, tale commissione è stata, a detta di tutti, molto attiva: solo nel primo anno di funzionamento, “l’Amministrazione comunale ha proceduto all’intitolazione di 95 strade e a 16 cerimonie pubbliche di intitolazione” (fonte: www.comune.reggio-calabria.it). Tra queste intitolazioni, dieci sono dedicate a località o similari (via Medma, etc.), 78 a uomini illustri, solo 7 (meno del 10%) a donne distintesi nei campi del sapere, della scienza, della politica.
La Commissione Toponomastica ha così proseguito la propria attività: al 31 luglio u.s. risale la notizia dell’intitolazione di dieci nuove strade ad altrettanti reggini illustri, ovviamente, tutti uomini. Tracciando un quadro d’insieme, dati alla mano, dobbiamo rilevare come nei tre anni di attività della Commissione, su circa 324 nuove intitolazioni, solamente 9 riguardano donne. Vale a dire, il 2,777% del totale. E questo in una città in cui, sempre dati alla mano (fonte: Agenzia del Territorio, 2010), nel periodo antecedente all’insediamento della Commissione, la situazione era la seguente: su un totale di 1194 tra strade, vie, piazze, 266 erano intitolate a uomini e solo 55 a figure femminili (in realtà, in ben 51 casi si tratta di vie intitolate a Madonne, beate, sante, martiri o figure mitologiche).
La toponomastica dice molto, moltissimo, sulla storia di una città, sulla cultura dei suoi abitanti, sulle scelte politiche che l’hanno portata ad essere quello che oggi è. La toponomastica reggina, cosa racconta? La nostra città riconosce le donne come importanti? Racconta una storia di parità tra i sessi? E la Commissione Toponomastica attuale ha dimostrato sensibilità al tema? Ha quantomeno provato ad invertire la rotta? L’eloquenza dei dati sopra elencati, purtroppo, fa sì che queste domande risultino puramente retoriche.
D’altra parte, intitolare strade a donne illustri non è certo facile! Per moltissimo tempo – direi, da sempre – e in certi casi purtroppo ancora oggi, le donne sono state sistematicamente escluse dai campi del sapere, della scienza, della cultura, dello sport, della politica, del potere, della società. La totale e drammatica assenza in questo paese – e soprattutto alle nostre latitudini – di un welfare che si possa definire tale, contribuisce non poco a reiterare questo tristissimo stato di cose. Le donne che, nonostante tutto, ce l’hanno fatta – che sono riuscite, cioè, a trovare la strada per la propria realizzazione, a dimostrare pubblicamente il proprio valore e ad ottenere il giusto riconoscimento – hanno dovuto superare barriere imponenti come montagne. Non sono moltissime, ma siamo comunque riuscite/i a dimenticarne una buona parte.
Dove vogliamo che vada, oggi, la nostra società? In che direzione? Ci interessa realmente l’obiettivo della parità tra i generi, dell’emancipazione femminile? Quale messaggio vogliamo trasmettere – servendoci anche della toponomastica e del suo fondamentale valore simbolico e formativo – alle piccole reggine e ai piccoli reggini?
Il collettivo La Strada ritiene che sia fortemente necessaria, in quest’ambito, una vera e propria rivoluzione culturale, e che tale rivoluzione debba assolutamente investire anche la toponomastica cittadina, promuovendo nuove intitolazioni a donne illustri – praticamente invertendo le percentuali evidenziate in precedenza – fino a ristabilire un equilibrio. Non sarà un’operazione automatica, tantomeno sarà superficiale: si tratta di un lavoro che richiederà studio, ricerca, documentazione, e il coinvolgimento attivo e fondamentale di tutte le cittadine e le associazioni che sono attive in questo settore già da diverso tempo, e che magari avrebbero già pronta una lista di nomi, se solo qualcuno gliela chiedesse. E poi dovremmo continuare a studiare, scoprire, informarci.
Una città le cui strade prendono il nome da uomini e donne illustri con la stessa proporzione è senz’altro specchio di una società più giusta. Arrivare a questo risultato richiede uno sforzo immenso, sul piano sociale, politico, culturale. Viste le premesse, non sarà un lavoro facile. Ma è proprio per questo che dobbiamo farlo.

Rc 12 agosto 2019

Letto 79 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

    “La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne indica la vitalità. La situazione di abbandono del Mercato coperto di Reggio Calabria ci dice precisamente la situazione in cui versa tutta la città. Ci siamo stati con uno dei nostri Cammini Urbani. Se volete capire cosa significhino l’approssimazione anche nella realizzazione della ristrutturazione dell’edificio, la mancanza di visione organica, la prospettiva di futuro, l’assenza di un piano cittadino per il rilancio del commercio e del lavoro, fate una passeggiata al Mercato coperto.

  • Gallico - Gambarie, il Collettivo La Strada propone un Consiglio Metropolitano aperto per fare il punto

    Abbiamo recentemente intrapreso un Cammino Urbano nella Vallata del Gallico. Il Cammino Urbano è lo strumento che ci siamo dati per conoscere e incontrare il territorio. Vogliamo andare subito al sodo: crediamo opportuno che il Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria convochi una seduta aperta del Consiglio Metropolitano, per discutere la situazione, lo stato dell’arte e il futuro della strada Gallico Gambarie. Riteniamo opportuno che tale Consiglio veda la “partecipazione di Enti, associazioni, aziende, organizzazioni interessate all’argomento” - così come previsto dal regolamento specifico della Città Metropolitana per casi del genere- nonché dei lavoratori che da diverso tempo vivono una situazione difficile, legata proprio al destino della fondamentale arteria.

  • Collettivo La Strada: prima l'Analisi e poi la S'intesi

    Ma cosa ci dice S’intesi edizione 2019? Ci conferma quello che aveva già detto S’intesi 2018 e quello che hanno detto questi quasi 5 anni di amministrazione a conduzione Falcomatà. Ci dicono che un’idea organica di città verrà, parafrasando Gaber, “oggi no, domani forse, ma dopodomani sicuramente”. S’intesi esprime una volta di più la macchina auto pubblicitaria dell’Amministrazione, un grande selfie durato quattro giorni. È un grande errore considerare una kermesse del genere un momento di democrazia. Abbiamo molto a cuore il nostro Statuto Comunale, dove troviamo espressi gli strumenti veri di democrazia e partecipazione.

  • Tommasello (Collettivo La Strada) sulla riqualificazione dell'area di San Leo

    Nel corso di uno dei Cammini Urbani organizzati dal Collettivo La Strada abbiamo attraversato il quartiere di Mortara, adiacente all’area sulla quale si vorrebbe costruire il complesso previsto dal progetto Mediterranean Life. Abbiamo potuto vedere, al di là della 106, la presenza di un’area vastissima con scheletri di costruzioni di vario tipo e dimensioni in parte già crollati, diroccati e fatiscenti. Ecco cosa restava del grandioso progetto per il Polo integrato comprendente, tra le altre cose, il nuovo deposito Atam e il macello pubblico. Un’area abbandonata e degradata - nonostante l’enorme spreco di denaro pubblico- e, quindi, da recuperare nuovamente.

  • Saverio Pazzano (Collettivo La Strada): "Riabitare Reggio"

    di Saverio Pazzano - Collettivo "La Strada" - Questi sono i giorni che ritorniamo. Perché alla fine noi reggini ritorniamo sempre: per le feste, per le vacanze, per una scusa qualsiasi. Ritorniamo e ripartiamo, perché alla fine Reggio è la città di chi deve sempre ripartire o di chi è in procinto di partire o di chi deve salutare qualcuno che sta per partire. È anche la città di chi resta, ma è come forestiero in una città malridotta e mal curata, tenuta in perenne stato cagionevole e quasi abbandonata.
    Questa è la principale generazione di Reggio. Una generazione non strettamente anagrafica, ma di coloro che si interrogano sulle ragioni del restare e dell’andare, per sé, per i propri figli, sul senso di esilio che si prova a vivere a Reggio. Esiliati, confinati tra la retorica del “restare” alimentata dai politicanti vecchi e giovani, e tra il suo esatto contrario dell’andare e basta, perché si deve, perché qui è tutto perduto. Reggio è la città in cui trova spesso compimento quella che Corrado Alvaro definisce la più grave disperazione: “il dubbio che vivere rettamente sia inutile”.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.