unci banner

:: Evidenza

Enzo Amodeo nel direttivo nazionale dell'Associazione Medici Cardiologi Ospedalieri

Enzo Amodeo nel direttivo nazionale dell'Associazione Medici Cardiologi Ospedalieri

In occasione del 49^ Congresso Nazionale dell’Associazione Medici Cardiologi Ospedalieri ( ANMCO ), tenutosi a Rimini di recente, sono state rinnovate le cariche con l’elezione...

Oggi sul tema delle dipendenze grava un deficit di considerazione istituzionale

Oggi sul tema delle dipendenze grava un deficit di considerazione istituzionale

Vi drogate? Siete alcolisti o vittime del gioco o di internet? Magari siete anche giovani o giovanissimi? Problemi vostri, anzi affari vostri, ché nemmeno più...

L’ingresso della Tonnara di Palmi nel segno della Bellezza e dell’Arte grazie all’Associazione Prometeus

L’ingresso della Tonnara di Palmi nel segno della Bellezza e dell’Arte grazie all’Associazione Prometeus

Si è tenuta una vera e propria festa nel quartiere della Tonnara di Palmi per l’inaugurazione dell’entrata del borgo marinaro, grazie all’impegno profuso dall’Associazione culturale...

Premio alla Carriera del XV Premio letterario “Giomo Trichilo” al S. Tenente dei Carabinieri, Cosimo Sframeli

Premio alla Carriera del XV Premio letterario “Giomo Trichilo” al S. Tenente dei Carabinieri, Cosimo Sframeli

Il Premio alla carriera della XV edizione del Premio letterario “Giomo Trichilo”, in programma a Siderno (RC) in Piazza Vittorio Veneto, il prossimo 4 agosto,...

Aspromonte, Bombino a Saviano: “Lo Scrittore è colui che sa mediare tra il dramma e la bellezza”

Aspromonte, Bombino a Saviano: “Lo Scrittore è colui che sa mediare tra il dramma e la bellezza”

“Ci dispiace che Roberto Saviano non ci abbia risposto. Non è indifferenza ... ne siamo certi. Presto lo Scrittore uscirà allo scoperto per annunziare al...

La stilista reggina Annamaria Manduci tra le eccellenze calabresi della XVII edizione del Premio "La Calabria che lavora"

La stilista reggina Annamaria Manduci tra le eccellenze calabresi della XVII edizione del Premio "La Calabria che lavora"

Conferito alla brillante stilista reggina Annamaria Manduci, il premio speciale Eccellenza Moda Calabrese della XVII Edizione “La Calabria che lavora”. Il prestigioso riconoscimento le è...

compra calabria

Sei qui: HomeCURIOSITA'Sant'Antonio, fede e devozione di tanti reggini

Sant'Antonio, fede e devozione di tanti reggini

Pubblicato in Curiosità Mercoledì, 13 Giugno 2018 12:16

Fernando di Buglione nacque a Lisbona nel 1195 in una nobile famiglia che lo accompagnò nell’educazione religiosa. A soli quindici anni si unì all’ordine degli Agostiniani e prese i voti sacerdotali continuando a studiare come teologo e filosofo, ma la sua vita in monastero venne sconvolta quando giunsero dall’Africa i corpi martirizzati di cinque frati francescani. Il Santo si unisce così all’ordine dei minimi e sceglie di prendere il nome di Antonio, spinto dal desiderio di donare la propria vita per testimoniare Cristo, ma a causa di una grave malattia è presto costretto al riposo forzato ed impedito nella predicazione.

Arriva ad Assisi ed incontra il Santo Poverello che lo invia a predicare per tutto il nord Italia e nel sud della Francia, combattendo le eresie dei catari e degli albigesi. Sceglie infine di risiedere a Padova e stringe con la città un legame fortissimo prodigandosi per i poveri e contro le ingiustizie, ma quando la sua salute si aggrava, si ritira in un luogo solitario a pochi chilometri dalla città dove trascorre le giornate in preghiera e meditazione in un rifugio sopra un grande albero di noce. Il 13 giugno 1231, capendo che la fine è vicina, chiede di esser riportato in città dove una folla di devoti accompagna il suo estremo viaggio gridando: “È morto il Santo!!”.

Subito dopo la sua morte, iniziarono i lavori per l’edificazione della Basilica di Sant’Antonio: meta di continui pellegrinaggi, è senz’altro uno dei santuari più visitati dai fedeli che continuamente si recano sulla tomba del Santo alla ricerca di grazie e miracoli. Esempio originalissimo ed eccezionale dell’arte medievale italiana, custodisce immensi capolavori come il preziosissimo altare di Donatello nel quale lo scultore intreccia le storie della vita di Cristo con quelle del Santo. I pannelli alla base della struttura raccontano i miracoli che Sant’Antonio compì in vita, come il Miracolo dell’asina con il quale il teologo dimostra la presenza di Cristo nell’Eucarestia, mostrando alla mula l’ostia consacrata davanti alla quale l’animale si inginocchia ignorando il cibo che le viene offerto e convertendo così gli eretici presenti.

Un altro grande miracolo legato alle opere del Santo è quello del Pane dei Poveri: Tommaso è un bimbo lasciato dalla madre solo in casa e ritrovato poco dopo senza vita, affogato in un bacile d’acqua. La madre disperata invoca l’aiuto del Santo al quale promette in voto che donerà ai poveri tanto pane quanto pesa il bambino, il figlio torna in vita e nasce così la preghiera del “pondus pueri” attraverso la quale i genitori affidano i figli al Santo, promettendo carità per i bisognosi tanto quanto fosse il peso dei piccoli. Questo miracolo è all’origine della Caritas Antoniana, organizzazione che si prende cura dei poveri in tutto il mondo.

Sullo Stretto la devozione a Sant’Antonio si celebra nel Santuario di Sant’Antonio che domina la città dalla Collina degli Angeli. Voluto dal Santo Don Luigi Orione, venne consacrato nel 1934 ed intitolato al Santo di Padova per volere stesso del sacerdote, è meta continua di pellegrinaggi dalla Calabria e dalla provincia di Messina. I fedeli salgono in ginocchio la scala che conduce alla statua del Santo, ai piedi della quale lasciano biglietti e preghiere chiedendo grazie e miracoli. Soprattutto i più giovani si rivolgono al Santo predicatore nel periodo degli Esami di Stato e della Maturità per ricevere sostegno e grazie per superare la prova.

Rc 13 giugno 2018

Letto 65 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Gli appuntamenti di oggi in città 25 giugno 2018

    Gli appuntamenti di oggi in città:- alle ore 10,00, presso l'Aula magna A. Qistelli dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, si terrà la presentazione della nuova edizione del rapporto della Banca d'Italia su "L'economia della Calabria".

    - alle ore 15,00 presso l’Atelier dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, un importantissimo convegno promosso dall’Ordine dei Commercialisti di Reggio Calabria in collaborazione con la Scuola Superiore della Magistratura (struttura didattica territoriale di Reggio Calabria) dal titolo “Amministrazione e controllo nella nuova Prevenzione Antimafia”.

  • La storia dello Zafferano di Motta San Giovanni

    Conosciuto per le sue proprietà dalla notte dei tempi, non è un prodotto autoctono del nostro territorio ma che nel giro di un solo decennio è riuscito a diventarne identificativo. È lo zafferano di Motta San Giovanni, una scommessa nata da una ricerca universitaria e che oggi invece è prodotto di nicchia che porta il nome della provincia reggina nel mondo. Un’esperienza che oggi viene raccontata in un libro a quattro mani (Luigi Modafferi e Carmelo Mallamaci) con il coordinamento editoriale di Demetrio Calluso. È la storia dell’azienda Orfei e di quella sperimentazione senza successo che oggi invece racconta di una intuizione vincente.

  • In piazza nel nome di Soumalia Sacko per i diritti dei braccianti

    Un corteo vivace che ha sfilato lungo il Corso Garibaldi per nome di Soumalia Sacko per chiedere il rispetto dei diritti di tutti i braccianti. Organizzato dall’Usb l’appuntamento di questa mattina ha visto l’adesione e la partecipazione di diverse realtà del territorio reggino e non solo.

  • "Il fetido stagno" raccontato a Le Botteghe delle Terre del Sole

    "Dal silenzio, neppure urla". Così il quotidiano Avvenire del 10 maggio 1988 titolava un articolo dell'inviata Gabriella Pesenti sull'Ospedale psichiatrico di Reggio Calabria. Le prime parole fanno rabbrividire: "Non sembra, sono uomini: i volti e le immagini della follia di Stato", a 40 anni dalla Legge Basaglia, la rivoluzione che portò alla chiusura degli ospedali psichiatrici (tristemente noti come manicomi) e fece dell'Italia un esempio ancora unico in Europa, sembra essere rimasta una promessa non mantenuta, se non per qualche eccezione.

  • Gli appuntamenti di oggi in città 23 giugno 2018

    Gli appuntamenti di oggi in città: -manifestazione dalle ore 10.00 con partenza da Piazza De Nava: per Soumaila Sacko e per proseguire la marcia per i diritti sindacali e sociali dei braccianti e delle braccianti e di tutti i lavoratori della terra.
    - Il lungomare Falcomatà è pronto ad accogliere due giorni di puro sport e sano divertimento, dalle ore 10 con Area 51
    - ore 17:00 presso il Fortino Poggio Pignatelli di Campo Calabro presentazione del progetto “Pionieri della buona terra, esperti in valorizzazione dei beni pubblici”

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.