Sei qui: HomeLeggi tutto

Il Ministero della Salute ha indetto, per giorno 31 maggio 2014 la “Giornata per la donazione degli organi”.

 

Nell’ambito del percorso formativo rivolto ai giovani over 18 della città, dal titolo “Work in … work out: l’impresa della speranza”, promosso dall’associazione Attendiamoci Onlus, oggi 29 maggio, alle ore 20.15 presso i Locali Parrocchiali della Cattolica dei Greci (Via Giudecca, incrocio con via Possidonea), sarà offerta la possibilità di ascoltare il dott. Lucio Dattola, Presidente della Camera di Commercio della Provincia di Reggio Calabria.

Insieme al dott. Dattola, si parlerà dei giovani e delle opportunità che la Camera di Commercio e le istituzioni offrono, per costruire insieme un futuro migliore ed essere più efficaci nella realizzazione dei propri progetti.

Non mancate, vi attendiamo! 

 

Di Valentina Raffa- Perché una città migliori, è necessario che gli amministratori tengano ad essa come fosse casa propria, ancora più necessario è che i suoi cittadini, non la abitino semplicemente, ma la vivano.

I risultati delle elezioni europee 2014, danno il Pd vincente anche in Calabria con il risultato definitivo del 35,8%.

Di Marina Malara - Il dato italiano definitivo  dell’affluenza alle urne per le Europee 2014 che si attesta intorno al 58% deve essere letto con un occhio diverso dal solito. Non si può infatti non considerare che molti cittadini italiani si sono trovati di fronte alla difficoltà di vedersi rimandati indietro nei seggi per avere esaurito i 18 spazi previsti nella tessera elettorale per i timbri.

Questa mattina alle ore 7, si sono aperti i seggi per le elezioni europee. Gli italiani chiamati al voto sono 49 milioni per scegliere i 73 europarlamentari spettanti all'Italia. E' possibile esprimere il voto di preferenza per singoli candidati, fino a tre.

Le urne resteranno aperte fino alle ore 23 di oggi.

Lunedì 26 maggio alle ore 18.15, presso la segreteria politica di Giuseppe Falcomatà, sita in via Possidonea (di fronte magazzini Boom),

Pochi giorni fa, si è appreso dalla stampa che alcuni detenuti presso la Casa Circondariale di Reggio–Arghillà, anche grazie alla disponibilità della locale dirigenza dell’Amministrazione Penitenziaria, hanno scelto di lavorare senza retribuzione per bonificare e sistemare un terreno che la Parrocchia S. Aurelio Vescovo destinerà  a parco giochi per i bambini.

Il prossimo 21 giugno, la Calabria avrà l'onore di ospitare Papa Francesco.

Di Valentina Raffa- Forti emozioni ieri sera durante la presentazione del libro “Lacrime come perle” di Aurora D’Ermenegildo, Città del Sole edizioni in collaborazione con l’Associazione Borghi Solidali, presso la sala conferenze della provincia di Reggio Calabria.

Di Valentina Raffa- L’Associazione Italiana per la Donazione degli Organi, Tessuti e Cellule (A.I.D.O.), da quarant’anni opera nella speranza che un numero sempre maggiore di cittadini si avvicini alla donazione degli organi.

“Festa dei Bambini: primavera della vita “, venerdì 30 maggio nel reparto di Pediatria degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria organizzata dai volontari delle associazioni per i piccoli degenti.

NOTA STAMPA AVV. GIUSEPPE BASILE

Membro Assemblea Nazionale PD

Membro Coordinamento cittadino PD Reggio Calabria

 Il presente comunicato interviene rispetto al ripetersi di conferenze e note stampa di esponenti di NCD che plaudono al superato rischio dissesto del Comune di Reggio Calabria.

                            

Sono lontani i tempi in cui l’approvazione del bilancio in consiglio comunale avveniva per atto di fede e non di scienza, preceduta da una solenne preghiera del dirigente pro tempore della ragioneria, nominato da Arena con il placet di Scopelliti giurava “su Dio che il bilancio è vero”.

Basti ricordare che la “liturgia” si concretizzava anche nell’inserire le somme contestate dal MEF rispetto alla PEO attribuita ai dipendenti del Comune, tra le poste in entrata del bilancio.

In quello stesso bilancio consuntivo (estate 2012) nel quale la massima assise civica ha dichiarato il deficit strutturale, che come immediato effetto ha portato, ex legge, alla decadenza di tutti i contratti di personale e dirigenti esterni, ivi incluso il “religioso” dirigente di ragioneria.

Nell’autunno dello stesso anno 2012 arrivò la Commissione straordinaria per l’intervenuto scioglimento del Comune per contiguità mafiosa (vergogna mai vissuta da nessun altro capoluogo di provincia), e tra gli atti di rilievo posti immediatamente in essere, ci fu il bilancio di previsione dell’anno 2012 che pose rimedio, e rimosse, la milionaria posta “ecumenica” riferita alla PEO.

Tutti ricordano che all’atto della nomina della Commissione straordinaria, l’obiettivo a questa assegnata fu di scongiurare il dissesto. Dissesto al momento scongiurato in quanto il legislatore adottò nuove norme per evitare il fallimento – dissesto degli enti, introducendo l’istituto del “Piano di riequilibrio”, che sostanzialmente è un piano di rientro rispetto ad una situazione debitoria non più tollerabile nè superabile con gli ordinari strumenti di amministrazione.

Quindi due fatti straordinari, la nomina della Commissione governativa e le nuove norme sul piano di rientro (salva enti), hanno consentito, in punto di diritto, di non dichiarare il dissesto, di fatto già riconosciuto dalla Corte dei Conti della Calabria che definì il Comune di Reggio Calabria un ente decotto.

Ora, per ciò che riguarda gli effetti sui cittadini, occorre non tacere la portata devastante della applicazione del Piano di riequilibrio. Infatti, mentre con il dissesto le tariffe/imposte locali sarebbero state definite al massimo per 5 anni, col Piano di riequilibrio tale obbligo di legge è decennale (10 anni). A tale opportunità offerta dalle norme, il legislatore ha affiancato strumenti reali consentendo ad enti, come il Comune di Reggio Calabria, di attingere a consistenti prestiti che sommano, nel caso del Comune di Reggio Calabria, ad un indebitamento di oltre 240 milioni di euro, che con diversa scadenza temporale, vanno restituiti nei prossimi 30 anni, e cioè entro il 2043 (vedi il caso dei 180 milioni del dl 35).

Il recente consuntivo di bilancio riferito all’anno 2013 approvato dalla terna commissariale, acclara un disavanzo, debito, in capo al Comune, e quindi ai cittadini, di circa 100 milioni di euro, recuperando i previsti 11 milioni annui circa, motivo per cui la Corte dei Conti ha valutato coerente l’andamento, per il primo anno, del piano di   riequilibrio.

Ciò è stato possibile anche grazie all’assenza di Scopelliti & Co che, nel tempo, hanno contrattualizzato decine di persone esterne, anche come dirigenti, che hanno pesato per oltre una decina di milioni di euro sulle casse comunali, per di più con i risultati amministrativi noti a tutti.

Tutti, dirigenti inclusi, assunti direttamente. E, tra essi, taluni, che bene hanno fatto al bilancio ed alla amministrazione del Comune, Scopelliti governatore della Calabria ha pensato di assumarli alla Regione con incarichi ancora più prestigiosi e maggiormente remunerati.

Al sospeso governatore Scopelliti, si deve dare atto di essere una persona coerente: gli amici, i sodali, non li abbandona, anzi li premia. Per lui i risultati amministrativi non contano, salvo poi lamentarsi strumentalmente e maldestramente della “burocrazia” comunale: forse per questa ragione il Comune doveva pagare annualmente milioni e milioni di euro per parcelle professionali. Scopelliti & Co, da altruista, gioisce perché la dichiarazione di dissesto avrebbe, per legge, obbligato la Corte dei Conti a ricercare le responsabilità degli amministratori, con la conseguenza, accertata la responsabilità, non solo di gravi sanzioni pecuniarie, come già visto per il caso “italcitrus”, ma anche del divieto di partecipare a future tornate elettorali.

Ovviamente non è escluso che la Corte dei Conti non accerti la responsabilità erariale per quanto accaduto nel bilancio comunale, come è stato già fatto, sul piano penale, dal Tribunale di Reggio Calabria, così come non è escluso che il piano di riequilibrio non sarà dichiarato coerente secondo il monitoraggio e la valutazione degli Organi preposti.

Il PD, Reggio, non gioisce di tutto ciò, al contrario di NCD, perché è consapevole del pesante debito, economico-finanziario e morale, che gli ex amministratori di centro destra hanno prodotto e che la Città dovrà pagare.

Un debito dal quale nessun beneficio è venuto o viene alla Città, poiché non riguarda il miglioramento di servizi o infrastrutture pubbliche.

Bene ha fatto, durante la recente visita in rivo allo Stretto, il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi ad interessarsi dell’andamento della situazione di Reggio e della Calabria, prendendo l’impegno a sostenere il meritato sviluppo.

di Valentina Raffa -Domani il Corso Garibaldi, si animerà di giochi, spettacoli e animazioni per grandi e piccini. Ad organizzare una giornata all’insegna del divertimento e della condivisione, l’associazione Attendiamoci Onlus, che da 13 anni si occupa di prevenzione del disagio giovanile attraverso la formazione giovane-giovane.

Di Franco Arcidiaco - Quanto dura un ricordo? Quale è l’estensione del suo dominio, la sua forza di persistenza davanti al vuoto panico della dimenticanza?

La sentenza emessa dal Giudice di Pace di Reggio Calabria Avv. Giandomenico Foti su ricorso proposto dagli avv.ti Teresa Morello e Pia Basile, legali dell’Unione Nazionale Consumatori Calabria,

di Valentina Raffa - Si è tenuto, presso la segreteria politica di Giuseppe Falcomatà, candidato sindaco alle primarie del Pd, il terzo forum di buone pratiche amministrative, organizzato per sentire i protagonisti della vita cittadina sul welfare e le politiche sociali.

di Valentina Raffa - È stato presentato presso il Consiglio regionale nella sala Giuditta Levato, il libro “A ‘ndrangheta, evoluzione e forme di contrasto”, a cura di Cosimo Sframeli e Francesca Parisi, Falzea Editore.

Di Valentina Raffa - Presso la Sala della Biblioteca del Palazzo della Provincia di Reggio Calabria, si è tenuta la cerimonia di premiazione dei vincitori della settima edizione dell’Agone Reggino “Carmelo Restifo” organizzata dalla Fondazione “Italo Falcomatà”. L’Agone, intitolato all’illustre grecista Carmelo Restifo, consiste in una gara di traduzione dal greco con relativo commento ed è destinato agli alunni delle due ultime classi dei Licei Classici d’Italia.

Di Valentina Raffa - In una città come Reggio Calabria dove aleggia lo “spettro del non-finito”, è assurdo ed inconcepibile che una strada finita, rimanga chiusa al transito delle auto.
La strada in questione è la diramazione Cimino che collega Sbarre Centrali a Sbarre Superiori e che, una volta aperta, consentirebbe di decongestionare il traffico.

di Valentina Raffa - Presso la “Luna Ribelle- Torre Nervi” sul lungomare di Reggio Calabria il Partito Democratico con i Giovani Democratici, ha organizzato un incontro dal titolo “l’Europa che vorrei: Partiamo dal Sud”.

All’appuntamento ha preso parte l’onorevole Pina Picierno – responsabile nazionale della Legalità del Partito Democratico e capolista al Sud per le elezioni Europee 2014; tra gli organizzatori Antonino Castorina Responsabile Esteri della Segreteria Nazionale dei Giovani Democratici, Nicola Irto Vice segretario regionale del Pd Calabria e Seby Romeo segretario provinciale del Partito Democratico di Reggio Calabria.

di Valentina Raffa - Per i cittadini reggini, l’incontro voluto dall’avvocato Giuseppe Falcomatà con Pino Arlacchi, è stata una possibilità in più per capire come funziona l’Europa.

Candidato alle elezioni europee del 2014 con il Partito Democratico nella circoscrizione meridionale, Pino Arlacchi ha soddisfatto le curiosità dei presenti affrontando vari temi, tra cui l'utilizzo dei Fondi strutturali europei e gli obiettivi dell’Europa 2020 che vanno approfonditi per parlare di “Europa in città”, anche perché spesso il Parlamento Europeo è visto come l'istituzione politica più lontana dai cittadini.

La Città del Sole Edizioni sarà presente per il sedicesimo anno consecutivo al Salone Internazionale del Libro di Torino dall'8 al 12 Maggio: l’appuntamento con gli appassionati di libri è agli stand L76 e L10-M09 (area Regione Calabria) dove sarà possibile consultare e acquistare le ultime novità e i titoli più rappresentativi del vasto catalogo della casa editrice reggina o, per dirla con il suo responsabileFranco Arcidiaco, della casa editrice nazionale con sede a Reggio Calabria.

di Franco Arcidiaco - Cito da Wikipedia: “Damnatio memoriae è una locuzione latina che significa letteralmente ‘condanna della memoria’. Nel diritto romano indicava una pena consistente nella cancellazione della memoria di una persona e nella distruzione di qualsiasi traccia che potesse tramandarla ai posteri. Si trattava di una pena

È stato presentato nei giorni scorsi, presso la sala conferenze del palazzo della Provincia di Reggio Calabria, il diario testimonianza del reggino Tito Rosato. Tenuto prigioniero nel campo di concentramento di Linz in Austria dall’8 settembre 1943 al 25 luglio 1945, Tito ha messo nero su bianco i suoi ricordi, ed è nato così “Lager 22 Baracca 12”, edito da Città del Sole. Dopo i saluti di Giuseppe Raffa, presidente Provincia Reggio Calabria e dell’editore Franco Arcidiaco, il giornalista Tonio Licordari, moderatore della serata, ha introdotto i relatori, prima però, ha elogiato l’opera in quanto importante fonte di testimonianza del passato.  I presenti hanno ascoltato la lettura di alcuni brani del libro da parte dell’attrice Cinzia Messina. Ad affermare l’importanza dell’opera è intervenuto il professore Domenico Minuto dell’Accademia dei Vagabondi, che è stato il primo a prendere in mano il diario manoscritto e lo ha accompagnato, di concerto con la casa editrice, nella sua evoluzione in volume; lo ha definito una potente testimonianza della crudeltà umana. La professoressa Rosalba Pristeri si è soffermata sulle vicende storiche del periodo, spiegando come il dramma di un uomo coincida spesso con il dramma di un popolo, costretto a soccombere di fronte alla prepotenza di pochi. La Pristeri ha parlato di Tito Rosato come di «un giovane italiano che si ritrova fra quanti vivranno l’armistizio come una condanna alla deportazione, un abbandono ufficiale da parte di Badoglio e del Re, degli ideali che fino a quel momento stavano inseguendo e difendendo. Per questo motivo il volume rappresenta un’importante fonte storiografica». E’ quindi intervenuto il preside Angelo Vecchio Ruggeri che si è soffermato sull’importanza del libro come strumento di pensiero e di conoscenza. Il libro di Tito Rosato ci fa pensare e capire che certi momenti di buio del passato non si devono e non si possono ripetere e per far sì che questo accada, è bene conoscere il nostro passato per evitare errori nel presente e nel futuro. A concludere gli interventi il dottor Sergio Rosato, figlio di Tito che ha parlato del padre con forte emozione, descrivendolo come un uomo forte che nonostante le sue sofferenze è riuscito a trasmettere ai suoi figli, ai suoi nipoti ed ai suoi amici, generosità ed ottimismo; ha quindi ringraziato i suoi genitori e la generazione da essi rappresentata, che hanno sostenuto grandi sacrifici per consentire ai figli di portare a compimento studi prestigiosi.

Valentina Raffa

A pochi mesi dalla chiamata alle urne per ridare un governo politico alla nostra città, esponenti di primo piano del Pd reggino si interrogano sul tema "Governare le città del Mezzogiorno". Lo faranno questa sera alle 17,30 presso l'aula Monteleone del Consiglio regionale alla presenza del Sindaco di Bari Michele Emiliano.

"Condividiamo le affermazioni del segretario Magorno sulla necessità che anche alla Regione i dirigenti tirino la cinghia in linea con i processi di spendig review in atto nel Paese." In una lettera indirizzata al segretario regionale del PD  il consigliere regionale Demetrio Naccari Carlizzi traccia

Sabato 26 aprile alle ore 17,30 promosso dal Gruppo Pd in consiglio regionale e dall'Associaz. P4C si terrà presso la sala Monteleone del Consiglio Regionale l'incontro con il Sindaco di Bari Michele Emiliano sul tema "Governare le città del Mezzogiorno".

di Ulderico Nisticò - È uscito tempo fa un film detto “Aspromonte”, in cui c’è lo zampino, cioè il denaro della Regione, film che nel 2012 ha incassato la siderale somma di euro 1.920 virgola spiccioli, avete capito bene, manco duemila. Come prima domanda, vorrei sapere quanto ha incassato nel 2013,

INDACO. Nove brani per flauto, clarinetto, vibrafono e tablet. Sono il risultato della nuova ricerca musicale di Girolamo Deraco e l’Etymos Ensemble. Il nuovo cd in uscita il 12 aprile prossimo. In collaborazione con “CLUSTER – Lucca compositori europei”, presso “SPAM! Rete per le arti contemporanee” di Lucca e pubblicato da edizioni Retropalco. Introdurrà la serata il musicologo Renzo Cresti che illustrerà le dinamiche estetiche nelle composizioni di Girolamo Deraco e dell’Etymos Ensemble.

Francesco Gatti al flauto e flauto contralto, Tony Capula al clarinetto in Si b e clarinetto basso, Matteo Cammisa al vibrafono e il sound designer Alberto Gatti, “quarto uomo” fuoriscena nel tour in live che Deraco e l’Etymos porteranno in giro per l’Europa all’indomani dell’uscita del nuovo Cd, sono i musico-teatranti di INDACO.

Il gesto musicale non si contiene tra le partiture e diventa esecuzione, in un album che ancora prima di essere presentato è già in calendario sulla scena dei teatri internazionali. Già fissate, infatti, le date di maggio un tour in Germania tra Monaco, Berlino, giugno Ungheria, luglio a Malta e settembre in Albania. In Italia ad ottobre al “Festival Rebus”, Teatro dal Verme.

Una produzione tutta made in Italy, registrata presso FMStudio di Lucca, con la supervisione musicale e la coproduzione affidata a Mauro Fabbri e sostenuta dai partner: ALDES, Buffet Group, Inakis Sebastian Mallets e LYRIKS - Laboratorio Interdisciplinare Ricerche Artistiche, con il digital support dell’AirTurn parteners Artists ufficiale di Etymos Ensemble.

Girolamo Deraco e l’Etymos Ensemble sviluppano e ampliano nuove forme di scrittura per la musica contemporanea. Una performance che grazie a questa collaborazione analizza e approfondisce non solo l'aspetto generativo e tecnico-musicale, ma soprattutto quello drammaturgico-teatrale.

Indaco è, riprendendo le parole del compositore Deraco, “musica da ascoltare con gli occhi”, è capacità di interazione tra l’ascoltatore e il musicista. È moltiplicatore di sensazioni e traduzione delle infinite possibilità offerte dagli input dell’oggi.

Nasce così la Musicateatro, una parola composta e nuova, che pone in essere una nuova realtà: quella del musicistattore. Non si parla di musica teatrale e nemmeno di musica di scena. Il musicista diventa egli stesso un attore che mette in recitazione se stesso e il proprio strumento. Modelli contemporanei si fondono nella musica teatrale, che non è solo musica e non è solo teatro. Ma è musica che si fa teatro rappresentativo.

Un vero e proprio laboratorio sperimentale di musica contemporanea, dunque, capace di tradurre il gesto in linguaggio musicale. Quel gesto necessario all’esecuzione di una nota, un passaggio musicale o addirittura un’intera opera. Protagonista di INDACO è, infatti, il gesto sonoro, coniato per dare lettura delle composizioni contemporanee elaborate dal M° Deraco, che partono dal moto fisico del corpo e lo fanno interloquire con il mondo circostante e diventare musica, sia esso l’archè che il nuovo. È così che ad elementi primordiali, come l’acqua in Anima mea, è accostato il nuovo dettato tecnologico: il tablet, che, come il gesto sonoro, va in scena ed è protagonista dell’interazione musicoteatrale.

INDACO – di Girolamo Deraco e l’Etymos Ensemble

  • Emotion in motion
  • Requiem per un poeta
  • Nel mezzo
  • Lunaris
  • La ghianda d’oro
  • Inter alia
  • Anima mea
  • Game over
  • Indaco

   per flauto, clarinetto basso e vibrafono

   per flauto o flauto contralto recitante amplificato e video proiezione

   per flauto e clarinetto in Si b

   notturno per vibrafono

   per flauto, clarinetto in Si b e vibrafono recitanti

   per flauto e vibrafono

   per clarinetto in Si b recitante e tablet

   per clarinetto basso e vibrafono recitanti, su testo di Matteo Cammisa

   per flauto/flauto contralto, clarinetto in Si b/clarinetto basso e vibrafono preparato

Etymos Ensemble

Francesco Gatti, flauto e flauto contralto

Tony Capula, clarinetto in Si b e clarinetto basso

Matteo Cammisa, vibrafono

Alberto Gatti, sound designer

Media Partner

Monnalisa Italian Art Magazine

Digital support

AirTurn

Partner

ALDES

Buffet Group

Inakis Sebastian Mallets

LYRIKS - Laboratorio Interdisciplinare Ricerche Artistiche

Sponsor

CLUSTER - Lucca, Compositori europei

Recording

Recorded at FMStudio, co-produced by music supervisor Mauro Fabbri

Mastering by Luca Contini

Produced by

Girolamo Deraco, Etymos Ensemble, Edizioni Sconfinarte, Retropalco s.r.l. - Rovato (Bs)

I familiari del defunto sindaco di Reggio Calabria Italo Falcomatà reagiscono alle parole poco gradevoli che l'ex governatore della Calabria ed ex sindaco della città di Reggio, Giuseppe Scopelliti ha usato durante un intervista  al teatro Cilea nel corso di una manifestazione organizzata dal settimanale Panorama.

Di Pasquale Scopelliti - Si conclude anche la 33.ma giornata di campionato della serie cadetta e porta con se risultati che non rassicurano molto il popolo Reggino che ormai vedono la propria squadra sempre più nel baratro. Partiamo proprio da qui.

Nel residence “Parco Scalea 2000"   Giuseppe Ronco, 75enne torinese ma residente a Scalea in provincia di Cosenza, è stato accoltellato alla gola dalla compagna, Maria Mascetti, 65 anni, anche lei di Torino, probabilmente in seguito ad una lite per futili motivi.

I carabinieri della compagnia di Taurianova, nel reggino, hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di sei persone accusate, in concorso, di traffico di armi e stupefacenti.

Sua Santita' Papa Francesco - informa un comuniciato - sara' in visita pastorale alla Diocesi di Cassano all'Jonio sabato, 21 giugno prossimo.

Il gruppo Pd alla Camera ha chiesto, con un'interrogazione, al ministro della Giustizia, ''di attivarsi per coprire i posti vacanti nel Tribunale di Reggio Calabria. Su 50 posti di giudicante, infatti, sono scoperti ben 10 posti e 2 sono attualmente i magistrati assenti per motivi di salute e per maternita': il 24% dell'organico''.

Un’operazione di soccorso in mare è stata condotta nelle acque tra Cassano allo Ionio e Corigliano Calabro, al largo della foce del fiume Crati, dalla Guardia Costiera di Corigliano Calabro, coordinata dal Comandante della Capitaneria di porto Capitano di Fregata (CP) Antonio D’Aamore.

I carabinieri hanno arrestato a Cosenza Mihaela Lacatus, di 27 anni, romena, per rapina aggravata. Le indagini, avviate nel marzo scorso, hanno permesso di scoprire l'ennesimo episodio di una lunga serie di rapine perpetrate ai danni di uomini da parte di giovani ragazze di nazionalità romena. In particolare, la donna aveva richiamato l'attenzione di un automobilista chiedendogli di essere accompagnata in ospedale perché non si sentiva bene.

Ha preso il via la procedura che porterà alla sospensione per 18 mesi del presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, a seguito della condanna a sei anni di reclusione per abuso d'ufficio e falso inflittagli il 27 marzo scorso dal Tribunale di Reggio Calabria nell'ambito del processo scaturito dal cosiddetto ''Caso Fallara''.

Alle 12.24 una forte scossa di terremoto è stata avvertita in tutta la Calabria, ma anche in Puglia e Basilicata.  

Il sisma di magnitudo 5.1 ha avuto epicentro nel mar Jonio a una profondità di 68 chilometri. La zona individuata si trova di fronte alle coste crotonesi, a una ventina di chilometri di distanza dai comuni di Isola Capo Rizzuto, Crotone, Cutro e Botricello.

Una rara, ma normale malformazione.
  Questa la diagnosi veterinaria per un vitello nato con tre occhi nelle campagne di Strongoli, nel Crotonese. Il bovino, di circa 20 giorni, e' nato con un terzo occhio al centro della testa.

La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria – a seguito di una proposta di applicazione di misura di prevenzione personale e patrimoniale formulata dal Direttore della D.I.A., Arturo DE FELICE - ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni emesso dal Tribunale di Reggio Calabria – Sez. Mis. di Prev., presieduto dalla Dssa. Ornella PASTORE, nei confronti di SICILIANO Massimo, imprenditore edile di 43 anni, nativo di Catanzaro, in atto in regime di detenzione carceraria. 

La Procura della Repubblica di Vibo Valentia ha aperto un'inchiesta sulla morte di un trentottenne, Domenico Lorenzo, operaio stagionale, deceduto lunedì sera a Tropea dopo essersi sentito male mentre stava curando una bronchite.

di Alessandro Petronio - “La voce delle Muse Ioniche non si affievolì nei lunghi secoli del Medioevo e dell'Età moderna, e ancora dei santi monaci scrissero di Dio e dei poeti cantarono l'amore in greco e in latino. Non è dunque inutile che il lettore di oggi, e i giovani delle scuole, conoscano un pò meglio quella Magna Grecia di cui si parla molto senza troppo saperne, e quella cultura ionica più moderna che è affatto ignota.”

Un piano per fronteggiare un eventuale innalzamento del livello di violenza da parte della 'ndrangheta sarà predisposto dal Ministero dell'Interno dopo l'allarme suscitato dal ritrovamento, nel reggino, di un arsenale composto da dieci kalashnikov, due mitragliette Skorpion e cinque pistole. 

Il Consiglio regionale della Calabria ha approvato, in prima lettura, la proposta di modifica di legge statutaria  relativa alla riduzione del  numero dei consiglieri per le prossime legislature da 50 a 30, al numero massimo di assessori "esterni" e all'istituzione del consigliere supplente.

di Anna Staglianò - La Città del Sole edizioni pubblica  “L’urlo della farfalla-Una storia probabile”, il nuovo libro di Francesco Staglianò, autore del quale ho già recensito “Sguardi in controluce”, prima pregevole opera dello scrittore-poeta “Calabrese di origine e temperamento, Genovese per amore e residenza…”

di Pasquale Scopelliti - Si sa, i ragazzini più piccoli, specialmente nella fase della crescita guardano qualcuno più grande di loro, che sia il padre, la madre, il fratello, il cugino ecc. e tendono a prenderlo come esempio e quindi ad imitare tutto ciò che quella persona fa.

Giuseppe Scopelliti annuncia di non  ritirare le sue dimissioni, dopo la condanna a 6 anni e l'interdizione dai pubblici uffici inflittagli  nell'ambito del processo per il caso Fallara. Ma Forza Italia e UDC vorrebbero portare a termine la legislatura e fanno pressing sul governatore

Il presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti è stato condannato, come ex sindaco di Reggio Calabria, a 6 anni di reclusione per abuso e falso e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici per le vicende legate alle autoliquidazioni dell’ex dirigente comunale Orsola Fallara, suicidatasi nel 2010. Il pm aveva chiesto 5 anni.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.