Sei qui: HomeLeggi tutto

REGGIO CALABRIA, 18 NOVEMBRE 2014

REGGIO CALABRIA, 17 novembre 2014

Si è tenuta ieri la riunione indetta dal sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà che, insieme a una delegazione di sindaci della Provincia, ha affrontato la questione dell’emergenza rifiuti.

Erano presenti i Sindaci: Santo Monorchio (Bagaladi), Vincenzo Crupi (Bova Marina), Roberto Vizzari (San Roberto), Paolo Laganà (Motta San Giovanni), Salvatore Mafrici (Condofuri), Domenico Romeo (Calanna), Rocco Lavalle (Villa San Giovanni).

Anche il Comune di Reggio Calabria vuole inserirsi tra i Comuni virtuosi della Provincia che già hanno avviato un serio percorso della raccolta differenziata. Tale situazione di emergenza, infatti, non penalizza solo la città di Reggio, ma anche i Comuni limitrofi. Ecco il perché della richiesta di un rinnovo dell’ordinanza regionale appena scaduta; non soltanto per uscire dall’emergenza e consentire di liberare la città dai rifiuti e da problemi di carattere igienico-sanitario, ma anche per avviare un serio e puntuale percorso di raccolta differenziata porta a porta.

A tal proposito, sabato 15 novembre, alle ore 12 presso Palazzo San Giorgio, i Sindaci della provincia di Reggio Calabria e il Sindaco Giuseppe Falcomatà, incontreranno il Direttore Generale del Dipartimento Politiche dell'Ambiente della Regione Calabria, l’ingegnere Bruno Gualtieri, al fine di procedere, di concerto con il Ministero dell’Ambiente, al rinnovo dell’ordinanza.

La sinergia e la cooperazione dei Comuni, anche per quanto sancito dalla legge regionale dell’11 agosto 2014 n.14, rappresenta il futuro nel settore dei rifiuti. Il Comune di Reggio Calabria deve essere messo nelle condizioni di programmare e avviare al più presto la raccolta differenziata porta a porta.

REGGIO CALABRIA, 8 novembre 2014

A Polistena è il momento dell’AUTUNNO IN JAZZ, rassegna che, come ogni anno, offre un calendario di tutto rispetto per gli amanti della musica afro-americana.

Tre gli appuntamenti proposti dall’Associazione Lyriks, che quest’anno cura la rassegna jazz collocata nella più ampia programmazione della Stagione teatrale 2014-2015 della Residenza Etica teatrale della Piana "Alla ricerca del Bello perduto".

Primo appuntamento sarà venerdì 7 novembre, alle ore 21.00 presso l’Auditorium comunale di Polistena con iMenzella-Rosen Funky Project, formazione in quartet  per Gianfranco Menzella - sax tenore, Michael Rosen  sax tenore e soprano accompagnati da Vito Di Modugno all’ organo e Alessandro Napolitano alla batteria. Il gruppo nasce dalla collaborazione di musicisti provenienti dall'area jazz, orientati alla ricerca di un proprio linguaggio ma pur sempre legati alla tradizione. Composizioni originali e sonorità che richiamano a volte il funky-jazz di Horace Silver e Jimmy Smith, altre volte echi davisiani e sonorità fusion anni ’80, è quello che ascolteremo in questa prima serata.

Il secondo appuntamento è fissato per Sabato 15 Novembre e vedrà esibirsi sul palco dell’Auditorium di Polistena il Duo formato da Mattia Cigalini con il suo sax  ed  Enrico Zanisi al pianoforte. Entrambi giovanissimi, ma di riconosciuto talento, vantano collaborazioni importanti. Si esibiranno in brani originali caratterizzati da una personalissima sonorità di stampo moderno, che non disdegneranno atmosfere cameristiche dal sapore contemporaneo. L'album di questo progetto in duo, di imminente uscita, si intitolerà per l'appunto "Right Now".

Chiuderà la rassegna, venerdì 21 Novembre, Lorenzo Tucci Trio. Accompagnato al pianoforte da Claudio Filippini e al contrabasso da Tommaso Scannapieco. Lorenzo Tucci, indiscusso leader e musicista di formazione eclettica, vanta collaborazioni importanti, solo per citarne alcuni Joanne Brakeen, Fabrizio Bosso, Massimo Urbani, Danilo Rea, Enrico Pieranunzi, Enrico Rava, Flavio Boltro, Giovanni Tommaso, Mario Biondi. Di quest’ultimo diventa diventa il batterista insostituibile  dal 2006, quando insieme incidono “Handful of Soul”, che collezionerà ben tre dischi di platino e  grande successo di critica.

Soddisfatti gli organizzatori per le tre date in programma e per i nomi che calcheranno il palco dell’auditorium, dichiarano ancora una volta il loro amore per il Jazz, che ritrova a Polistena, come ogni anno, il suo pubblico.

Dopo il successo della giornata Mondiale del Jazz celebrata lo scorso aprile, la compagine di Lyriks che si rivolge al Jazz, è sempre più convinta del cammino intrapreso e vista la collaborazione avviata con la Residenza Etica Teatrale della Piana si dimostrano ancor più convinti che il coinvolgimento delle diverse forme d’arte possono e devono viaggiare sotto un unico denominatore

Culturale per favorire la crescita positiva del territorio.

Il sindaco Giuseppe Falcomatà incontra la città in piazza Duomo. Parole di ringraziamento per chi lo ha sostenuto ma con uno sguardo al futuro

REGGIO CALABRIA - Giuseppe Falcomatà è stato proclamato sindaco di Reggio Calabria. Un applauso ha accompagnato l'ingresso nel Salone dei Lampadari di Falcomatà,

Il candidato sindaco Lucio Dattola, espressione degli ex dentisti e della burocrazia impiegatizia nostalgica del vecchio regime, sfodera nel suo pedigree (oltre ad altri incarichi tutti di chiara espressione politica) la grande e pluriennale capacità di gestire quello che lui ritiene un Ente d’importanza primaria. Si dà il caso, invece, che il Presidente del Consiglio Matteo Renzi vorrebbe eliminare le camere di commercio per accorparle agli uffici dei comuni e dei ministeri, oltre ad esentare le imprese dall'obbligo d’iscrizione che va dagli 88 euro per le piccole imprese, ai 40mila per le industrie. Una vera e propria decapitazione che interesserebbe 105 enti camerali in Italia e 70 sparsi all'estero.

La Camera di Commercio è un ente inutile e costoso; faccio un esempio: le mie due società pagano dal 1997, anno della loro fondazione, intorno ai 500 euro l'anno senza mai aver ottenuto nulla in cambio. Con l'aggravante che le poche volte che ho avuto bisogno di un certificato d’iscrizione o una visura ho dovuto pagare lauti diritti di segreteria. Chi difende le Camere di commercio, non difende uno strumento utile alle imprese ma un generoso poltronificio.

L’ente inutile, sulla cui poltrona è incollato saldamente il dr. Lucio Dattola, svolge esclusivamente attività di rappresentanza; l'attività istituzionale, intesa come promozione dello sviluppo, non esiste. Reggio è da anni priva di un sistema fieristico degno di questo nome e, per dirne una, non si registra alcun intervento della Camera di commercio sull'aeroporto come avviene invece in tutte le altre città d’Italia. Dattola è un ex dentista, non risulta infatti essere titolare di partita IVA, non si capisce come sia potuto diventare presidente visto che non rappresenta alcuna categoria commerciale.

Verificando il bilancio della Camera di Commercio di Reggio Calabria si rilevano alcuni spunti interessanti che determinano alcune considerazioni:

1) Eun bilancio molto ridotto che non arriva neanche a 10 milioni di euro (9.631.111,00);

2) Per il 98% le entrate derivano da diritti fissi (quote associative e diritti di segreteria);

3) Il 40 % delle spese viene assorbito dal personale e dalle spese di funzionamento;

4) Solo il 25% delle spese viene dedicato agli interventi economici a  favore degli associati;

5) La gestione corrente è in rosso oramai da anni (- € 1.744.720 per il 2012 e -€ 938.721 per il 2013);

6) Presenta una liquidità di oltre 14 milioni di euro e un patrimonio in BTP per quasi 5 milioni di euro.

Quindi questa tanto auto decantata capacità del presidente di gestire in modo mirabolante l’Ente, consiste precipuamente nell’attività di riscossione delle quote (98% dell’intero bilancio), nel pagamento del personale e dei collaboratori (alcuni provenienti addirittura da altre regioni) e nelle spese di funzionamento dell’Ente stesso (40% della spesa). L’ingente liquidità di cassa che presenta (oltre 14milioni di euro) è incompatibile con la corretta gestione di un ente pubblico, se si pensa che per gli interventi a favore degli associati viene dedicato solo il 25% del bilancio e che detiene BTP per quasi 5 milioni di Euro.

Pensate che un bilancio di queste dimensioni, è simile a quello di un istituto scolastico professionale di medie dimensioni che in genere viene affidato ad una sola persona, la figura dell’ex segretario scolastico.

Se pensiamo che una delle prime accuse mosse da Lucio Dattola a Giuseppe Falcomatà è stata quella di non essere in grado di leggere un bilancio, viene francamente da sorridere.

Franco Arcidiaco

REGGIO CALABRIA, 20 ottobre 2014

REGGIO CALABRIA, 15 ottobre 2014

REGGIO CALABRIA, 15 ottobre 2014

REGGIO CALABRIA, 11 ottobre 2014

REGGIO CALABRIA, 6 ottobre 2014

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.