unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSAgrariaUniRC| 22 maggio In università arriva BALADIN, il genio della birra

AgrariaUniRC| 22 maggio In università arriva BALADIN, il genio della birra

Pubblicato in NEWS Lunedì, 20 Maggio 2019 13:56

L’Osservatorio epidemiologico della Calabria, coordinato, per la provincia reggina dall’endocrinologo Domenico Tromba, e l’osservatorio nazionale, hanno attribuito un attestato di merito alla dirigente scolastica del Convitto Nazionale di Stato, con sede a Reggio Calabria, Francesca Arena. Il Convitto “Tommaso Campanella”, infatti, grazie alla lungimiranza della preside, è stata l’unica scuola della provincia reggina, a rientrare nel progetto nazionale di iodoprofilassi. Con l’obiettivo di trasformare prima la percezione del rischio, e poi il comportamento complessivo del ragazzo, viene proposto, da qualche anno, nella scuola, un percorso educativo in cui si trasmettono nozioni e vengono promossi valori, stili di vita, capacità e competenze.

E’ proprio, in tale contesto educativo, rivolto ai ragazzi, che rientra il programma di prevenzione sanitaria e promozione della salute portato avanti dall’osservatorio epidemiologico nazionale e regionale di cui il coordinatore provinciale è il dott. Domenico Tromba.
Infatti, tutti i programmi di prevenzione dovrebbero avere come obiettivo di fondo quello di accrescere i fattori di protezione ed eliminare o ridurre quelli di rischio. La scuola di ogni ordine e grado agisce in senso preventivo ogni qual volta intraprende azioni, sviluppa percorsi, utilizza strumenti diMercoledì 22 maggio 2019 alle ore 17.30 avrà luogo il terzo incontro del ciclo “RETI: Racconti di Esperienze, Territori, Imprese”, promosso dalla Biblioteca del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria (località Feo di Vito). Titolo del seminario è “Baladin, il genio della birra. Origini, presente e futuro dei birrifici artigianali in Italia”. Interverrà Teo Musso, fondatore in Piemonte del Birrificio agricolo indipendente Baladin (Piozzo, CN). Musso è personaggio stimato e apprezzato in tutto il mondo per la creatività, la competenza e gli eccezionali risultati con cui si è dedicato alla produzione di birra, dando avvio da pioniere a una vera e propria rete nazionale di birrifici artigianali. La storia di Teo è divenuta recentemente un libro-intervista pubblicato da Feltrinelli (“Baladin: la birra artigianale è tutta colpa di Teo”) con la prefazione di Carlo Petrini, il fondatore di Slow Food. Dal gennaio 2012 il birrificio Baladin gestisce l’intero ciclo di produzione delle proprie birre, partendo proprio dalla terra e dalle materie prime. Il luppolo viene prodotto in campi dedicati anche ad attività sperimentali, mentre da 400 ha di campi d’orzo siti in Basilicata e nelle Marche vengono coperte le necessità per il malto di base. Il nuovo stabilimento (2016) sorge in un’area agricola che era da tempo abbandonata, con il recupero della cascina e dei capannoni presenti. All’interno, un impianto della capacità di 50.000 ettolitri/anno, tecnologicamente avanzato e realizzato da sole aziende italiane, consente di produrre in alta qualità “birra viva”. Teo Musso collabora inoltre con diverse sedi universitarie italiane. Lo scorso anno, nell’ambito di un progetto didattico dell’Università di Udine, Baladin ha supportato gli studenti nella produzione della prima “birra universitaria”, dai campi all’imbottigliamento. Il successo di Teo è legato anche alla creazione di una bella squadra di collaborazione: una rete di giovani che da tutta Italia hanno aderito alla condivisione di un lavoro, un percorso, filosofia di vita.
Per saperne di più vedi link
L’iniziativa aderisce a “Il maggio dei libri 2019”. Informazioni sul ciclo dei seminari si trovano sul website: www.ilmaggiodeilibri.it
L’iniziativa è svolta in collaborazione con l’Ordine dei Dottori agronomi e dei Dottori forestali della Provincia di Reggio Calabria che riconosce CFP agli iscritti partecipanti.

Reggio Calabria, 20 maggio 2019


Il Responsabile
Ufficio Stampa e Comunicazione
Carlo Taranto
dattici, implementa studi educativi e relazionali in grado di aumentare i fattori protettivi e diminuisce quelli di rischio.
Andando più nello specifico, le conseguenze della iodiocarenza possono manifestarsi in tutte le fasi della vita essendo lo iodio il costituente fondamentale degli ormoni tiroidei che svolgono un ruolo determinante nelle fasi dello sviluppo e dell’accrescimento, come pure nel mantenimento dell’equilibrio metabolico dell’organismo adulto. Tuttavia, gli effetti di una carenza iodica sono più gravi nell’infanzia e nell’adolescenza, per tale motivo, l’importanza di sensibilizzare i ragazzi del Convitto Nazionale “Tommaso Campanella” attraverso l’attività svolta da Domenico Tromba e dall’equipe dell’Osservatorio sia regionale con sede presso l’Unical che dall’osservatorio nazionale (Osnami) con sede presso l’istituto superiore di sanità a Roma. Per l’occasione, nella scuola reggina, sono stati eseguiti 150 prelievi di campioni di urina dove è stato dosato lo iodio per valutare una presenza o meno di iodiocarenza per eventuale supplementazione. Il progetto vedrà il suo culmine in un seminario, presso il convitto Tommaso Campanella, durante il quale verranno fornite nozioni agli studenti su tiroide, patologie correlate e prevenzione delle stesse. Il progetto di iodoprofilassi permetterà non solo di avere dati importanti circa la carenza di iodio, o meno, nella nostra provincia ma consentirà, altresì, di fare informazione e, quindi, prevenzione sulle patologie tiroidee migliorando la qualità della vita della popolazione.
Encomiabile l’impegno di Domenico Tromba, che da tantissimi anni si occupa di prevenzione, e di tutti coloro che, da diversi anni, con molto impegno e professionalità, portano avanti questo progetto attraverso seminari di informazione nelle scuole e nella popolazione, screening ecografici e con testi divulgativi, come l’Abecedario della Tiroide firmato, proprio, dal suddetto endocrinologo reggino.
Un plauso va rivolto, oltre che alla preside, Francesca Arena, anche alla docente, prof.ssa Sciarrone, che ha contribuito alla buona riuscita del progetto coordinandolo all’interno della scuola.
Reggio Calabria 20.05.19

Letto 150 volte

Articoli correlati (da tag)

  • AgrariaUniRC| Imboschiamoci per studiare: gli studenti nei Parchi Nazionali dell’Aspromonte e del Pollino

    “Imboschiamoci per studiare” è il nome dato da tempo alle esercitazioni residenziali in bosco degli studenti dei Corsi di Laurea in Scienze Forestali e Ambientali dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria: escursioni, esperienze didattiche, esercitazioni guidate nei “laboratori a cielo aperto” offerti dall’ambiente forestale della montagna calabrese. Anche in questo anno accademico, dal 27 al 30 maggio, la prima parte dell’evento avrà luogo nei territori del Parco Nazionale dell’Aspromonte, grazie alla Convenzione stabilita dal Dipartimento di Agraria con l’Ente Parco che offrirà agli studenti servizi, guide e supporto logistico.

  • Oltre 200 studenti per l'Open Day di Agraria

    Sono stati oltre 200 gli studenti provenienti delle scuole medie superiori di Reggio e di tutta la Calabria che hanno preso parte ad "Agraria Open Day 2019". L'evento ha offerto un importante strumento di scelta consapevole del percorso universitario da seguire, terminate le scuole superiori. Una scelta importante per i giovani, che determinerà il loro futuro. Nel corso dell'iniziativa, i ragazzi oltre a prendere conoscenza della nuova offerta formativa con i tre corsi di laurea triennale e magistrale in Scienze e Tecnologie Agraria, Scienze Forestali e Ambientali e Science e Tecnologie Alimentari, hanno partecipato alla vita attiva del Dipartimento di Agraria visitando i nuovi laboratori e partecipando ad attività teorico-pratiche. La giornata è stata arricchita dalle significative testimonianze di ex studenti di Agraria inseriti nel mondo del lavoro.

  • La bioagricoltura sociale nel Mezzogiorno, ad Agraria il seminario con Salvatore Cacciola e Marco Potitò

    Martedì 7 maggio si è svolto il secondo seminario del ciclo “RETI: Racconti di Esperienze Territori e Imprese”, promosso dalla Biblioteca del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria nell’ambito de “Il maggio dei libri 2019”. Il tema trattato, “La bioagricoltura sociale nel Mezzogiorno”, ha visto come relatori Salvatore Cacciola (presidente dell’Associazione Nazionale di Bioagricoltura Sociale) e Marco Potitò della Cooperativa sociale agricola Satyroi (Bova marina, RC).
    In apertura hanno portato i loro saluti e l’apprezzamento per l’iniziativa il Prof. Giuseppe Zimbalatti, direttore del Dipartimento di Agraria, e la dott.ssa Francesca Giuffré, Presidente dell’Ordine dei Dottori agronomi e dei Dottori forestali della Provincia di Reggio Calabria, che ne ha condiviso l’organizzazione. L’incontro è stato introdotto dal Prof. Salvatore Di Fazio (delegato ai Servizi di Biblioteca) che lo ha inquadrato all’interno della più ampia tematica trattata nel ciclo di seminari.

  • Giovedì 9 maggio Open Day al Dipartimento di Agraria

    Scegliere l'università da frequentare e il corso di studi più adatto alle proprie capacità è una scelta molto importante e va affrontata con la massima consapevolezza possibile. Il Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, giovedì 9 maggio dalle 09.00 alle 13.00, apre le porte agli studenti delle ultime classi superiori, ai genitori ed agli insegnanti, per una giornata di orientamento e presenta la nuova offerta formativa: “Agraria Open Day”. Iscriversi ad un corso di studio del Dipartimento di Agraria è scelta affascinante, impegnativa ed altamente gratificante. Le nostre competenze spaziano dall'Agricoltura agli Alimenti, dall’Ambiente alle Foreste, e si caratterizzano per una grande richiesta da parte del mondo del lavoro

  • AgrariaUniRC: il 7 maggio incontro su "La bioagricoltura sociale nel Mezzogiorno"

    Martedì 7 maggio 2019 alle ore 16.15 avrà luogo il secondo seminario del ciclo “RETI: Racconti di Esperienze, Territori, Imprese”, promosso dalla Biblioteca del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria. Ne saranno relatori Salvatore Cacciola e Luis Urra che svilupperanno il tema “La bioagricoltura sociale nel Mezzogiorno: le scelte di vita che danno buoni frutti”. Salvatore Cacciola, sociologo, è presidente dell’Associazione nazionale di
    Bioagricoltura sociale, recentemente sorta nell’ambito di AIAB, e autore del volume “Guida all’agricoltura sociale” (Giunti editore) da cui la conversazione trarrà spunto.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.