unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSAl via "La Calabria che vogliamo", piattaforma di idee e proposte per il futuro del territorio

Al via "La Calabria che vogliamo", piattaforma di idee e proposte per il futuro del territorio

Pubblicato in NEWS Lunedì, 03 Giugno 2019 17:40

Confindustria Reggio Calabria è partner di Fondazione Mediterranea nell'evento in programma mercoledì 5 e giovedì 6 giugno prossimi nella sala Giuditta Levato di palazzo Tommaso Campanella, sede del Consiglio regionale, dal titolo “La Calabria che vogliamo”. Un'iniziativa che, secondo il presidente degli industriali reggini Giuseppe Nucera, “ha il pregio di stimolare un'ampia riflessione sulle prospettive di sviluppo del territorio, attraverso il coinvolgimento della classe dirigente e istituzionale calabrese e nazionale”. La "due giorni" si aprirà con i saluti istituzionali, oltre che di Nucera, del presidente della Fondazione Mediterranea Enzo Vitale, del magnifico rettore dell'Università Mediterranea Marcello Zimbone, del sindaco di Reggio Giuseppe Falcomatà e del presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto.

La prima sessione di lavori (mercoledì 5 ore 11) sarà una tavola rotonda sul regionalismo differenziato, tra opportunità e criticità. Interverranno: Carlo Bonomi, presidente di Assolombarda; Matteo Olivieri, economista; il presidente di Confindustria Reggio Giuseppe Nucera; Marco Ginanneschi, commercialista e docente della Link Campus University; Nicola Irto, presidente del Consiglio regionale della Calabria; Ettore Rosato, vicepresidente della Camera dei Deputati. Annunciata la partecipazione di Matteo Salvini, Ministro dell’Interno. A coordinare i lavori il direttore de Il Sole 24 Ore, Fabio Tamburini.
Il secondo panel, in programma mercoledì 5 alle ore 15, riguarderà il tema: “Investimenti, infrastrutture e logistica”. Parteciperanno, oltre a Nucera, Oliveri e Ginanneschi, il docente universitario Felice Arena, il segretario generale della Cisl Reggio Calabria Rosi Perrone e gli amministratori delegati di Invitalia Domenico Arcuri, di Ferrovie dello Stato Gianfranco Battisti e di Fincantieri Giuseppe Bono.

Giovedì 6 giugno, alle ore 10,30, spazio alla sessione dal titolo: “Agricoltura e turismo, le frontiere del futuro”. Il programma prevede gli interventi di Giorgio Palmucci, Presidente Enit; Giuseppe Zimbalatti, direttore del dipartimento di Agraria dell'Università Mediterranea; Walter Placida, Presidente Confagricoltura Catanzaro; Italo Candoni, delegato Federturismo Policy regionali; Ezio Pizzi, presidente Consorzio del Bergamotto; Natale Carvello, presidente GalKroton; Domenico Pellegrino, presidente AIDIT Federturismo Confindustria; Giuseppe Nucera e Gian Marco Centinaio, Ministro dell'Agricoltura.
Alle 14.30 largo alle “sfide dell'internazionalizzazione” con Nino Foti, Presidente della Fondazione Magna Graecia; Antonio Morabito, Ministro plenipotenziario del Ministero Affari esteri e Cooperazione internazionale; Giorgio Sotira, Amministratore del Porto delle Grazie Roccella Jonica; Samuele Furfaro, past president dei Giovani Imprenditori di Confindustria Reggio Calabria; Enzo Vitale, Presidente Fondazione Mediterranea; Massimiliano Albanese, Presidente di Apices.

Infine, alle 16, coordinati da Klaus Davi, si alterneranno al podio i relatori del panel su “Legalità, sviluppo e reputation”. Ne saranno protagonisti Salvo Presentino, Consigliere Sezione Agroalimentare Unindustria Calabria; Tito Polimeni, Giovani Imprenditori Confindustria Reggio Calabria; Jean Paul de Jorio, Curatore del Codice delle leggi di Pubblica Sicurezza; Santo Marcello Zimbone, Rettore Università Mediterranea; Giuseppe Lombardo, Procuratore aggiunto della Repubblica Tribunale di Reggio Calabria; Antonino Monorchio, Presidente CdA Università per Stranieri; Mauro Alvisi, Presidente Dipartimento Reputazione UCEE (UE) Bruxelles; don Antonio Iachino, già Vicario Generale - Moderatore di Curia. Parteciperà una rappresentanza degli studenti universitari reggini.

Ufficio stampa Confindustria Reggio Calabria
Reggio Calabria, 3 giugno 2019

Letto 213 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Fuga di cervelli, Nucera (La Calabria che vogliamo): dobbiamo far tornare i giovani

    "Mentre il Meridione sprofonda, la politica continua, in modo ossessivo, ad evocarlo, da un quarto di secolo. Tutte chiacchiere e pochi fatti. Se la nostra terra è in preda ad una desertificazione davvero drammatica, se i cervelli sono fuggiti a Berlino o a Milano, in fondo, fa poca differenza. Il punto è: come possiamo convincerli a tornare?" E' l'allarme lanciato su "AffarItaliani" da Giuseppe Nucera, imprenditore del settore turistico, già capo di Confindustria Reggio Calabria, candidato alle prossime Regionali. "Ho vissuto sulla mia pelle cosa significa andare a imparare un mestiere.

  • Nucera (La Calabria che vogliamo": "bene regionalismo differenziato"

    "Non sono contrario al regionalismo differenziato, anzi. L'autonomia differenziata non è un qualcosa contro le Regioni del Sud, può essere al contrario quella chiave di volta che stiamo attendendo da anni". Così Giuseppe Nucera, promotore del movimento "La Calabria che vogliamo", già presidente di Confindustria a Reggio Calabria, candidato a governatore della Regione, risponde alle polemiche di questi giorni sul tema del regionalismo differenziato.

  • Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

    Alla guida della Regione, grazie all'azione concreta di un nuovo movimento e di una classe dirigente che nulla ha a che fare con i disastri del passato. Per uscire dalla crisi profonda in cui versa la sua terra e permettere alla Calabria di diventare il traino economico per tutto il Mezzogiorno. Giuseppe Nucera, imprenditore ed ex presidente di Confindustria a Reggio Calabria, scioglie la riserva in vista delle prossime elezioni regionali e annuncia di voler "contribuire in prima persona", con "La Calabria che vogliamo", con cui "pretendere di prendere parte alla guida della Regione".

  • A Reggio Calabria l'assemblea costituente dell'Associazione "La Calabria che vogliamo"

    Domenica 15 Settembre, alle ore 10, presso l'aula Magna Quistelli del dipartimento di Architettura - Università Mediterranea - a Reggio Calabria, sarà presentata la piattaforma di impegno civico e di pensiero politico, economico ed istituzionale "La Calabria che vogliamo". "La Calabria è una regione dalle mille potenzialità inespresse, a causa anche di una reputazione negativa che si porta dietro prurtroppo da anni. Un pesante fardello, ingiustificato, di cui i nostri concittadini farebbero volentieri a meno. Ecco quindi il punto nodale: bisogna voltare pagina, cambiare registro. Basta con i luoghi comuni che hanno frenato lo sviluppo della nostra terra, che può invece ambire a divenire il traino di tutto il Mezzogiorno", afferma il promotore dell'associazione, Giuseppe Nucera, imprenditore, già presidente di Confindustria nella città.

  • Nucera (La Calabria che vogliamo): ora i fatti, pronto a contribuire in prima persona

    "La questione meridionale è stata eliminata dal dibattito politico nazionale. Serve una visione strategica, un'azione concreta per lo sviluppo del Sud e della Calabria". A chiedere un cambio di passo deciso, rispetto alle "passerelle" del passato, è l'imprenditore Giuseppe Nucera, già presidente di Confindustria Reggio Calabria, oggi promotore dell'Associazione "La Calabria che vogliamo", che in un'intervista al Tempo, sull'operato dell'ex ministro per il Sud Lezzi, afferma: "È sembrata un'apparizione mistica, ma senza miracolo. Un passaggio che non ha lasciato alcun segno o, per essere buoni, pochi ne hanno percepito l'esistenza".

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.