unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSAll'Albergo delle Fate fa tappa il festival "Giardini delle Esperidi"

All'Albergo delle Fate fa tappa il festival "Giardini delle Esperidi"

Pubblicato in NEWS Sabato, 17 Agosto 2019 10:15

Non più una comunità provvisoria ma una realtà duratura quella di Giardini delle Esperidi che dimostra ogni anno di più la sua capacità di fare rete tra i borghi della Presila riscoprendo luoghi dimenticati. Una rete che comprende comuni, giovani associazioni, produttori locali, il turismo montano, ma soprattutto le comunità che vivono il territorio.
Giardini delle Esperidi ha scelto, per la sua prima giornata di “semina” dell’edizione 2019 l’Albergo delle Fate, il monumento identitario della Calabria del margine e delle aree interne, il gioiello del turismo d’élite costruito da Eugenio Mancuso.

Insieme al direttore artistico Maria Faragò che ha scelto di ambientare l’edizione 2019 proprio in questo significativo luogo diventato marginale da importante meta montana calabrese del mondo del cinema e di visitatori da tutta Italia, il sindaco di Zagarise Domenico Gallelli, che ha ricordato quanto sia stato significativo il contributo di Zagarise nel mettere a disposizione le proprie risorse per una decina di comuni che negli anni hanno partecipato a questo progetto.

Un evento culturale che non ha altro compito che raccontare, come è nella sua natura sin dall’inizio, una Calabria nuova e diversa, di anime finalmente “bianche” e di storie buone. Non può che agganciarsi, quindi, a quella narrazione degli scrittori-viaggiatori come Norman Douglas o George Gissing che hanno visto e vissuto la Calabria con sguardo vergine e senza l’ossessione identitaria che imbeve il racconto letterario contemporaneo. Su questi temi Giardini delle Esperidi ha incentrato il primo appuntamento del festival moderato da Andrea Di Consoli con i tre scrittori calabresi Mauro Francesco Minervino, Eliana Iorfida e Francesco Bevilacqua. Tre diversi sguardi sulla Calabria, sul viaggio, sul ritorno... la cura del bello calabrese ma anche un occhio di oggettiva denuncia sul brutto e sul non finito, sui bordi diluiti di città che si appoggiano alla Statale 18 e infine la possibilità di ritrovare un senso giovane e nuovo a questo racconto fuori dalla Calabria stessa, senza stigmatizzarlo come una fuga. Conversazioni piene di spunti e nuove idee concrete, che dal seme di Giardini delle Esperidi germogliano tutto l’anno a favore dei luoghi.
Nel buio della Sila Villaggio Mancuso ha preso vita grazie alla videoarte di Enrico Pulice con la proiezione viva e tridimensionale sulla facciata dell’Albergo delle Fate di una storia di redenzione e rinascita che ha lasciato col fiato sospeso gli ospiti e i visitatori, riportando per una notte l’incanto del passato in un luogo che merita una tutela e una nuova vita.
Dopo una degustazione a base di piatti tipici locali preparati per i “giardinieri” dai ristoratori di Zagarise con il coordinamento di Anna Aloi, questa prima giornata si è conclusa con un appuntamento ormai fisso, il concerto-performance di Caterina Pontrandolfo e Rodolfo Medina, i cantastorie amici del festival che alternando performance, poesia e il gioco del canto uniscono la musica di ricerca alla tradizione antica, il sacro alla musica popolare e al contemporaneo.

Il festival continua fino al 18 agosto con nuovi e diversi appuntamenti nei boschi della Sila e si chiuderà lunedì 19 agosto a Zagarise da dove tutto è partito con il concerto dei Sabatum Quartet.

17 agosto 2019

Letto 100 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Giardini delle Esperidi 2019: una luce sui luoghi e sulle comunità, un bene comune

    Giardini delle Esperidi è arrivato alla fine di un lungo percorso. In cinque anni ha raccolto comunità diverse in luoghi non convenzionali attraverso le arti, lo studio, la cultura come unico strumento possibile per un nuovo risveglio e un nuovo racconto della Calabria.
    Non solo evento classico, non un palco, una platea e un pubblico, ma un format nuovo in grado di avvicinare le persone ai luoghi.
    Un laboratorio di formazione delle coscienze all’insegna del senso di comunità e della costruzione di una rete possibile nelle aree interne solo se “insieme”.

  • Presentata l'edizione 2019 dei Giardini delle Esperidi a Sellia Marina

    Una serata di festa sabato sera in occasione della presentazione al pubblico di Giardini delle Esperidi 2019, il festival delle aree interne, un appuntamento fisso per i paesi della Presila, che quest’anno ha raggiunto il mare. Proprio per creare una rete che colleghi le “due Calabrie”, quella costiera e quella montana, secondo le aspettative e il progetto del direttore artistico Maria Faragò, è a Sellia Marina (CZ) che si è presentato il programma della quinta edizione.
    “Tra gli scopi di Giardini delle Esperidi quello di comprendere la Calabria, con occhio accogliente ma anche critico, non come una realtà indistinta, come spesso viene percepita fuori, ma con le sue complessità e differenze, con i suoi luoghi di straordinaria bellezza e le comunità che condividono valori profondi”.

  • Giardini delle Esperidi 2019: dal 3 al 19 agosto tra boschi, fate e sirene

    Giardini delle Esperidi Festival è giunto alla sua quinta edizione. Un evento non convenzionale, un festival in cammino, anche lontano dai giorni del festival. Ogni giorno dell'anno impegnati a metterci in viaggio dentro e fuori la Calabria per capire dove poggiare lo sguardo per poter raccontare luoghi e persone “altre”: i margini, ma anche il centro, la Calabria e il Mondo; testimoni di complessità e indispensabili differenze che hanno restituito valore e qualità a un evento che è naturalmente diventato un'esperienza oltre che culturale, anche emotiva e spirituale. Un esperimento sociale di coesione e rinnovate consapevolezze per le comunità coinvolte.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.