unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSAllo Spazio Open la presentazione del libro «Scioglimento degli Enti Locali per mafia. Excursus storico, presupposti e rimedi»

Allo Spazio Open la presentazione del libro «Scioglimento degli Enti Locali per mafia. Excursus storico, presupposti e rimedi»

Pubblicato in NEWS Giovedì, 09 Maggio 2019 13:20

Avrà luogo a Reggio Calabria, sabato 11 maggio 2019, alle ore 10:30, presso lo Spazio Open (via Filippini 23/25), la prima presentazione del volume intitolato « Scioglimento degli Enti Locali per mafia. Excursus storico, presupposti e rimedi », edito da Interdata Cuzzola - Nei Comuni e Città del Sole edizioni. Dopo il saluti di Franco Arcidiaco, editore Citta’ del Sole, e di Francesco Cuzzola, amministratore unico Interdata Cuzzola srl, interverranno le autrici, Manuela Calautti, Antonia Fabiola Chirico e Teresa Parisi, avvocati del foro di Locri.
Le conclusioni saranno affidate al sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà. La presentazione sarà moderata dalla giornalista Anna Foti.

Il volume si propone di fornire agli amministratori degli Enti Locali, e a chiunque sia istituzionalmente coinvolto nella gestione del Bene Pubblico, un’indagine aggiornata circa i principali fattori di permeabilità a tentativi di condizionamenti esterni da parte della criminalità organizzata.

I dati trattati nel volume sono frutto di un'analisi della casistica registrata sull’intero territorio nazionale nel corso dell’ultimo biennio (2017 – 2018), segno della pervasività di un fenomeno che ha riguardato e continua a riguardare tutto il Paese.

Il volume approfondisce la ratio sottesa all’articolo 143 del Testo Unico Enti Locali (Scioglimento dei consigli comunali e provinciali conseguente a fenomeni di infiltrazione e di condizionamento di tipo mafioso o similare. Responsabilità dei dirigenti e dipendenti), come novellato dal c.d. dl Sicurezza convertito con legge 132/2018, proponendo spunti aggiornati di riflessione, su un tema di estrema attualità e da tempo al centro di dibattiti e critiche. La presentazione costituirà altresì un'occasione di confronto e condivisione di esperienze.

Reggio Calabria, 9 maggio 2019

Ufficio Stampa

Anna Foti

Letto 168 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Allo Spazio Open la Luna celebrata dai poeti nell'incontro dell'Anassilaos

    Nell'anniversario del primo sbarco sulla Luna, allo Spazio Open le celebrazioni sono affidate ai poeti. Un momento di poesia e cultura organizzato dall'associazione Anassilaos a cura di Daniela Scuncia

  • Anassilaos: allo Spazio Open "Scienza Fede Amore” la raccolta poetica postuma di Francesco Cardone

    “Scienza Fede Amore” la raccolta poetica postuma di Francesco Cardone, sarà presentata giovedì 18 luglio alle ore 19,30 presso lo Spazio Open nel corso di un incontro promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos e dalla Casa Editrice Città del Sole che ha pubblicato il volume, opera originalissima nella quale l’Autore ha ben saputo coniugare poesia e scienza all’insegna di quel principio per il quale tanto si era battuto nella sua vita di una unità profonda del sapere e del sentire che non separa la scienza dall’arte.  L’Autore infatti è stato chimico industriale, membro del direttivo della Società Chimica Italiana (SCI), membro del Gruppo Nazionale di Storia e Fondamenti della Chimica (GNFSC) e dell’Associazione Italiana Ingegneria Chimica (AIDIC).

  • Allo Spazio Open incontro dell'Anassilaos dedicato a "La Repubblica di Weimar"

    Proseguono le lezioni del Prof. Antonino Romeo dedicate all’anno 1919, un anno “fatale” in cui si sono prodotti e realizzati eventi che hanno avuto una ricaduta nella successiva storia sia europea che italiana. Dopo gli incontri dedicati al Trattato di Pace di Versailles, alla nascita del Partito Popolare e dei Fasci di Combattimento, all’impresa di Fiume è la volta della Repubblica di Weimar che inaugura la serie di incontri estivi promossi presso lo Spazio Open, e congiuntamente con esso, che avranno inizio giovedì 4 luglio alle ore 19,30. Nata nel 1919 e durata fino all’avvento del nazismo nel 1933, la Repubblica di Weimar, che prende il nome dalla città tedesca dove, all’indomani della sconfitta, si tenne l’assemblea nazionale chiamata a redigere una nuova costituzione, una delle più moderne ed avanzate costituzioni redatte fino ad allora (l’Italia continuava nel 1919 ad essere retta dallo Statuto Albertino sia pure adattato ai tempi)

  • Allo Spazio Open le "Cinquanta lettere a Mario La Cava" di Domenico Zappone

    Allo Spazio Open protagoniste le “Cinquanta lettere” che il giornalista Domenico Zappone (Palmi 1911 – 1976) destinò a Mario La Cava. Un appuntamento organizzato dal Rhegium Julii e Città del Sole Edizioni che ha visto ospite della giornalista Anna Foti il saggista Santino Salerno che ha curato il libro. “Scritte in un arco di tempo che va dal 1950 al 1976, le lettere rivelano il clima di cordialità che anima il rapporto tra i due intellettuali affratellati da una medesima passione: la scrittura; e danno conto, altresì, di una vicenda culturale ed umana che per molti tratti li accomuna nel difficile e tormentato rapporto con editori, direttori, redattori di riviste e giornali, ma anche in quelle che sono le difficoltà familiari e della vita quotidiana. Inoltre, queste lettere evidenziano inequivocabilmente la condizione di isolamento degli intellettuali meridionali che, lontani dal dinamismo culturale centro – urbano, pagano con un surplus di fatica lo svantaggio della perifericità che, fatalmente, trasforma il già difficile mestiere di scrivere, nel più difficile mestiere di vivere”.

  • Allo Spazio Open, Fabrizio Arnò presenta: "Il crepuscolo degli dei"

    Allo Spazio Open la presentazione del libro di Fabrizio Arnò "Il crepuscolo degli dei" Città del Sole Edizioni. "Le radici di queste narrazioni tanto più umane quanto più crudeli sono nella lezione della beat generation; e non a caso Ginsberg, Kerouac, Borroughs e Bukowski appaiono come personaggi “risuscitati” dalla scrittura nel racconto eponimo, Il crepuscolo degli dei, e consegnati ad una sopravvivenza ancipite, che diviene interrogazione implacabile sul nesso tra vita e arte: una sorta di omaggio diegetico ai maestri d’elezione, in particolare a Bukowski ed allo splendore spietato del suo stile, alla focalizzazione brutale - e vetrina nella sua intransigente durezza - di un mondo in cui sembra essere stata uccisa la pietà. Arnò compie senza ambagi la sua discesa negli inferi;  e vince la sua scommessa narrativa in virtù di una lingua modernissima, feroce e pietosa nella mimesi della violenza, speculare al mondo che ritrae, e spinosa anche quando sembra stemperarsi nell’ironia.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.