unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSANPI: il Grande Torino e la tragedia di Superga lo sport, il calcio e l’antifascismo

ANPI: il Grande Torino e la tragedia di Superga lo sport, il calcio e l’antifascismo

Pubblicato in NEWS Venerdì, 03 Maggio 2019 08:11

L’ANPI di Reggio Calabria apprende dalla stampa ed apprezza l’iniziativa assunta dal Comitato Regionale del CONI della Calabria per ricordare, nel 70° anniversario della tragedia di Superga del 4 maggio 1949, attraverso la celebrazione di una Messa commemorativa, la straordinaria squadra di calcio del Torino (il (“grande Torino”). L’ANPI, al pari di tanti sportivi, ricorda le imprese calcistiche di una squadra che venne considerata “invincibile”, composta da giocatori che sono iscritti nella migliore storia calcistica mondiale, ma soprattutto sottolinea le grandi doti morali e di solidarietà dei calciatori della squadra che incontrò un tragico destino nell’incidente aereo avvenuto nel 1949 nei pressi di Torino (Superga).

Fu proprio Valentino Mazzola, capitano della squadra, che chiese con determinazione ed ottenne che la squadra dei titolari scendesse in campo nel 1947 per una partita amichevole contro il Casale, finalizzata ad una raccolta di fondi da destinare ai familiari dei partigiani caduti nella lotta contro il nazifascismo e la Repubblica di Salò.

Tra i calciatori che fecero la storia del grande Torino, alcuni avevano fatto parte di formazioni partigiane.

Anche Raf Vallone fu partigiano e calciatore nella squadra del Torino.

Una delegazione dell’ANPI di Reggio Calabria sarà presente alla Messa commemorativa programmata per le ore 17,30 di sabato 4 maggio 2019 presso la Chiesa degli Ottimati.

Reggio Calabria 3 maggio 2019

Letto 69 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Congresso di fondazione della Sezione intercomunale ANPI di Palmi

    Sabato 18 maggio 2019 si svolgerà il Congresso di fondazione della Sezione intercomunale ANPI di Palmi, destinata ad accogliere gli iscritti dei Comuni di Palmi, Cosoleto, Delianuova, Melicuccà, San Procopio, Santa Cristina d’Aspromonte, Sant’ Eufemia d’Aspromonte, Seminara, Sinopoli. L’insediamento della Sezione è stato deciso, come previsto dallo Statuto Nazionale, dal Comitato Provinciale di Reggio Calabria, che ha condiviso e accolto le richieste dei “fiduciari” ANPI dei comuni interessati.

  • CONI Calabria: Santo Stefano d’Aspromonte, la FIC e le attività del Comitato

    Proseguono le attività del C.R. CONI Calabria con il Presidente Maurizio Condipodero che crede fortemente nella programmazione deliberata dalla Giunta Regionale in riferimento alla valorizzazione del territorio dell’Aspromonte e di tutti Comuni limitrofi, in ottica sportiva. Si è dato seguito a quanto stabilito in Giunta, incontrandosi presso i saloni del Comitato Regionale con il Sindaco del Comune di Santo Stefano d’Aspromonte Francesco Malara e con il Delegato Regionale della FIC Francesco Corrado, entusiasti e pronti a valorizzare il contesto calabrese.

  • CONI Calabria: la discriminazione di genere va combattuta insieme

    Sortisce gli effetti desiderati l’incontro dal titolo “donne e sport, una discriminazione mai sconfitta - prospettive di riforma per un cambiamento”, tenutosi presso la Sala Giuditta Levato del Palazzo Campanella di RC, venerdì 10 Maggio 2019. Ricca partecipazione pronta ad accogliere un messaggio nobile, un messaggio che tutti dovrebbero far proprio, tutelando la donna nella vita, nel sociale e nello sport.

  • CONI Calabria, Condipodero: la storicità della Viola Basket da salvaguardare

    “Inammissibilità del reclamo, esclusione dal campionato di Serie B, sogni infranti dei ragazzi della palla a spicchi, un coro silenzioso che tuona tra le mura di un palazzetto vuoto. Non è morta la pallacanestro né, tantomeno, lo sport cittadino deve volgere i pensieri in queste direzioni. Non è questo il momento della pancia, non è questo il momento per colpevolizzare vecchie e nuove gestioni e non è questo il momento di arrendersi. La pallacanestro per Reggio Calabria e per la Calabria ha da sempre rappresentato un movimento coinvolgente, trainante e dai risvolti positivi in termini di operato, quell’operato costruttivo portato avanti dalle società, dai tecnici che lavorano nei settori giovanili, trasmettendo quotidianamente passione e voglia di crescere.

  • Un 9 maggio da non dimenticare, l’ANPI ricorda Aldo Moro e Peppino Impastato

    A distanza di poche ore, il 9 maggio 1978, vengono assassinati Peppino Impastato e Aldo Moro. 41 anni fa entrambi, Peppino Impastato in Sicilia, e Aldo Moro a Roma, dopo 55 giorni di sequestro ad opera delle Brigate Rosse, vengono uccisi a causa del loro impegno politico: Peppino Impastato contro la mafia, Aldo Moro contro la "limitazione di sovranità e di democrazia" che in Italia aveva caratterizzato la storia della nostra Repubblica fin dalla strage del Primo Maggio a Portella della Ginestra.
    L'ANPI di Reggio Calabria, nell'anniversario del loro assassinio, li ricorda e li indica ai giovani come esempi dell'Italia migliore, dell'Italia della Costituzione, calpestata dalle trame, dalle mafie, dalla corruzione e dalla degenerazione della politica.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.