unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSBovalino-Bagnara, Occhipinti (UDC): “Aspettiamo risposte precise dal governo Conte e dal ministro Toninelli"

Bovalino-Bagnara, Occhipinti (UDC): “Aspettiamo risposte precise dal governo Conte e dal ministro Toninelli"

Pubblicato in NEWS Giovedì, 02 Maggio 2019 19:20

«Non è consentito a nessuno continuare a prendere tempo o, ancora peggio, continuare a prendere per i fondelli i calabresi. I cittadini dei Comuni della Provincia di Reggio aspettano risposte precise un crono-programma dettagliato sulla realizzazione della Bovalino-Bagnara, la grande arteria trasversale di collegamento tra la Strada Statale 106 jonica e l’autostrada A2 Salerno-Reggio Calabria».
A sostenerlo è il componente del direttivo provinciale dell'Udc di Reggio Calabria Riccardo Occhipinti, il quale si fa portavoce del disagio degli abitanti dei Comuni che vedono penalizzato il proprio diritto alla mobilità.

«La grande opera – afferma ancora Occhipinti – è attesa da oltre quarant’anni nonostante venga da tutti considerata un’infrastruttura di fondamentale importanza per far uscire il territorio reggino dall’isolamento. Unico modo per provare a rilanciare il distretto industriale che insiste in quell’area e che potrebbe garantire occupazione e sviluppo. La Bovalino-Bagnara potrebbe rappresentare per i Comuni interessati (Bagnara, Bovalino, Santa Cristina, Natile, San Luca, Platì) l’infrastruttura che garantisce il futuro, facendo uscire dall’isolamento cittadine dalle potenzialità non sfruttate».
«Dopo le promesse di inizio anno – prosegue Occhipinti – sia il ministro delle Infrastrutture Toninelli, che la Città Metropolitana sembrano essersi dimenticati di quella che rischia di diventare l’ennesima incompiuta di una Regione sempre più in difficoltà e dimenticata dai governi nazionali. Ma la politica calabrese non può permettersi il lusso di lasciare passare altro tempo. Corriamo seriamente il rischio che vadano persi i fondi, quasi 13 milioni, fin qui spesi per l’inizio della costruzione, e che non arrivino mai gli altrettanti che servono per il suo completamento. Servono risposte immediate e anche la deputazione calabrese, specialmente quella grillina che è stata eletta numerosa in Calabria e si trova al governo, si adoperi per fare in modo che al più presto si possa fare chiarezza e si arrivi al completamento della fondamentale infrastruttura».

Riccardo Occhipinti
Delegato Udc Reggio Calabria

Rc 2 maggio 2019

Letto 183 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Paolo Arillotta è il commissario cittadino Udc per Reggio Calabria. La soddisfazione di Paola Lemma

    «Un altro piccolo tassello lungo il percorso che farà ritornare l’Udc alle percentuali di consenso di un tempo e che, ancora oggi, rappresentano l’effettiva consistenza dell’elettorato moderato calabrese che aspetta solo di avere una casa in cui confluire. Con grande soddisfazione annuncio la nomina del commissario cittadino per Reggio Calabria individuato in Paolo Arillotta, nome sul quale c’è stata la completa convergenza da parte del segretario regionale Francesco Talarico, del suo vice Luigi Fedele e del segretario nazionale Lorenzo Cesa».

  • L’Udc tornerà in Consiglio regionale. Talarico: «Lista completata per il 70%»

    Prosegue senza sosta il lavoro di radicamento dell’Udc su tutto il territorio regionale. Dopo l’ottimo risultato ottenuto alle elezioni europee, con gli 8.500 voti raccolti da Lorenzo Cesa divenuto poi il primo dei non eletti, l’obiettivo è ovviamente quello di riuscire a tornare ad essere rappresentati in Consiglio regionale.
    Una meta ambiziosa che il segretario regionale Francesco Talarico non vuole mancare e per raggiungere la quale si sta spendendo in prima persona anche attraverso il continuo confronto con amministratori, elettori e rappresentanti della società civile che si riconoscono nei valori del centrodestra moderato.

  • Occhipinti (UDC) su emergenza rifiuti nel territorio reggino

    «La riunione della Conferenza della Città Metropolitana per discutere del ciclo dei rifiuti si è conclusa come già si sapeva alla vigilia: si continuerà a fronteggiare l’emergenza con interventi tampone».
    Ad affermarlo è il componente del direttivo provinciale dell’Udc Riccardo Occhipinti che chiede all’Amministrazione Falcomatà di stilare un reale programma per far tornare la città alla normalità.
    «I ritardi accumulati nel processo di costituzione dell’Ato o le criticità della legge regionale che lo ha istituito non possono essere l’unica giustificazione per una serie di inefficienze che vanno dall’Avr a arrivano fino agli assessori e ai dirigenti di palazzo San Giorgio e palazzo Alvaro – dice ancora Occhipinti –

  • Lemma (UDC): “Consiglio regionale inadeguato, si chiuda subito la legislatura”

    «Ancora una volta i calabresi sono stati costretti ad assistere ad uno spettacolo indecoroso – afferma la commissaria provinciale dell’Udc Paola Lemma riferendosi all’ultima seduta del Consiglio regionale – che mortifica ruolo e funzione della massima assemblea elettiva calabrese e rischia di affossare definitivamente ogni speranza di sviluppo del nostro territorio».
    «La maggioranza di centrosinistra che dovrebbe sostenere il governatore Mario Oliverio non esiste più da molti mesi – dice ancora Paola Lemma – e il contributo del centrodestra non può certo diventare strutturale così come pensano, evidentemente, i maggiorenti del Pd. Ognuno degli attori di palazzo Campanella dovrebbe trarre le conseguenze di quanto sta avvenendo negli ultimi mesi e chiudere una disastrosa esperienza di governo per ridare la parola ai calabresi il prima possibile».

  • Bilancio comunale, Occhipinti (UDC): l’Amministrazione faccia chiarezza

    «Si avvicina la scadenza per l’approvazione del bilancio comunale e ancora i cittadini di Reggio non hanno capito cosa succederà a palazzo San Giorgio ».
    Lo sostiene il componente del direttivo provinciale dell’Udc Riccardo Occhipinti che chiede all’Amministrazione Falcomatà di operare con il massimo della trasparenza sulla delicata questione.
    «Al momento sappiamo che i piani di rientro dal debito saranno spalmati su 20 anni invece che su 10 – dice ancora Occhipinti – e la concessione arrivata dal governo nazionale guidato da Giuseppe Conte è stata salutata con grande soddisfazione dal sindaco e dalla sua giunta. Soltanto che, prima dell’intervento della Corte dei Conti, gli anni di rateizzazione erano 30 e le casse comunali erano già in rosso. Con dieci anni in meno come si farà fronte alla gestione ordinaria?».

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.