unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSConsulenti del Lavoro: assunzione di beneficiari del RdC, ecco le istruzioni INPS

Consulenti del Lavoro: assunzione di beneficiari del RdC, ecco le istruzioni INPS

Pubblicato in NEWS Venerdì, 13 Settembre 2019 17:38

Giungono chiarimenti dall'INPS (circolare n.104/19) sull'incentivo per i datori di lavoro che assumono, con contratto a tempo pieno e indeterminato, i beneficiari del Reddito di cittadinanza (Rdc). In tali casi e a precise condizioni, il datore ha diritto all’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a suo carico e a carico del lavoratore (esclusi i premi INAIL) nel limite dell’importo mensile della misura spettante al lavoratore all’atto dell’assunzione, con un tetto mensile di 780 euro. La durata dell’incentivo varia in funzione del periodo di fruizione del Rdc già goduto dal lavoratore assunto.

La durata dell’incentivo è pari alla differenza tra 18 mensilità e le mensilità già godute dal beneficiario del Rdc fino alla data di assunzione, con un minimo pari a 5 mensilità. Le agevolazioni si applicano a tutti i datori di lavoro privati che comunicano alla piattaforma digitale dedicata al Rdc nell'ambito del SIUPL le disponibilità dei posti vacanti e a condizione che il datore realizzi un incremento occupazionale netto del numero di dipendenti nel rispetto dei criteri fissati dal Dlgs n. 150/15, riferiti esclusivamente ai lavoratori a tempo indeterminato. Il datore di lavoro, contestualmente all'assunzione del beneficiario di Rdc deve stipulare, presso il centro per l'impiego, ove necessario, un patto di formazione, con il quale garantisce al beneficiario un percorso formativo, o di riqualificazione professionale. Nel caso di licenziamento del beneficiario di Rdc, avvenuto nei 36 mesi successivi all’assunzione (anche in periodo di prova e anche in caso di dimissioni per giusta causa), il datore di lavoro è tenuto alla restituzione dell'incentivo fruito maggiorato delle sanzioni civili, salvo che il licenziamento avvenga per giusta causa o per giustificato motivo (se non dichiarato illegittimo). Con riferimento al contratto di apprendistato, il recesso al termine del periodo formativo, determina l’obbligo di restituzione dell’incentivo fruito (escluso il caso di giustificato motivo di licenziamento il mancato raggiungimento degli obiettivi formativi). La restituzione dell’incentivo fruito non opera, nel caso in cui il datore risolva al raggiungimento dell’età pensionabile del dipendente. La revoca del Rdc, ancorché venga effettuata per motivazioni riconducibili al comportamento del lavoratore, se disposta successivamente all’assunzione del beneficiario del Rdc, comporta la perdita della parte di incentivo non ancora fruito, sia per il datore sia per l’Ente di formazione accreditato. Info dai Consulenti del lavoro.

Reggio Calabria lì, 13.09.2019

Ufficio stampa
Fondazione Studi Consulenti del Lavoro

Letto 70 volte

Articoli correlati (da tag)

  • “Decreto crisi”, Consulenti del lavoro in audizione al Senato

    La tutela dei lavori della gig economy pone il problema dell'inquadramento giuridico della tipologia della fattispecie lavoristica, dell'individuazione dell'effettivo datore di lavoro o committente e dei conseguenti aspetti che ne scaturiscono sotto il profilo degli obblighi e delle responsabilità. A sottolinearlo il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del lavoro nel documento presentato in audizione presso le Commissioni del Senato sul “decreto crisi”. Alla luce della sentenza n.26/19 della Corte d’Appello di Torino, un primo aspetto cui prestare attenzione, secondo i Consulenti del Lavoro, è la modifica all’art. 2, c. 1, del Dlgs. n. 81/15 che “finisce per estendere tutte le tutele proprie dei rapporti di natura subordinata alle collaborazioni personali continuative ed etero-organizzate anche quando l'attività si realizza attraverso piattaforme anche digitali.

  • Proposte dei Consulenti del lavoro per rilancio del Paese

    Liberare risorse per abbassare il cuneo fiscale così che le aziende tornino ad investire e favorire le assunzioni. Questa è solo una delle proposte presentate dai Consulenti del lavoro ad agosto 2019. L’introduzione del salario minimo legale in un Paese in cui l’economia ristagna rischia, invece, di aumentare la pressione fiscale e di far perdere di vista il tema cruciale di questi anni post crisi: i mancati investimenti in infrastrutture e tecnologia per rendere più competitive le nostre aziende e più attrattivo il nostro Paese per investitori stranieri.

  • Incontro con l’autore: un doppio appuntamento per i Consulenti del Lavoro

    Si è tenuto nei giorni scorsi un appuntamento organizzato dal Consiglio dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Reggio Calabria dal titolo “Incontro con l’autore”. Un appuntamento molto atteso dalla categoria che ha presentato in riva allo stretto due testi pensati e curati interamente da Consulenti del Lavoro. All’evento, coordinato dal Presidente Flaviana Tuzzo, hanno partecipato fino a tarda sera molti colleghi, reggini e non, oltre a rappresentanti istituzionali del mondo del lavoro calabrese. Due le sessioni di lavoro: la prima dedicata al libro scritto dai colleghi Beniamino Scarfone e Giuseppe Buscema “Le origini dello stato sociale in Italia – La normativa tra il 1920 e il 1940”, ed edito da Eurilink e la seconda dedicata alla pubblicazione curata dalla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, e fortemente voluta dal suo Presidente Rosario De Luca, “Sui sedili posteriori: la nuova libertà di Antonino Bartuccio”.

  • Consulenti del Lavoro: Bonus Sud, al via le domande all’Inps

    Il Bonus Sud può ripartire, è possibile inviare le domande telematiche per le assunzioni del 2019 con procedura IOSS. A pochi giorni dalla pubblicazione del Decreto Anpal n. 311/2019, che ha recepito il cd. decreto crescita in merito all'Incentivo Occupazione Sviluppo Sud, l'Inps ha fornito le istruzioni per la fruizione di questo bonus con la circolare n. 102/19, confermando definitivamente le agevolazioni anche per le assunzioni avvenute dal 1° gennaio al 30 aprile 2019. Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha pubblicato la circolare n.13/19 contenente una serie di FAQ pratiche che possono agevolare la comprensione dei numerosi provvedimenti introdotti con la manovra finanziaria del 2019 per incentivare l'avvio di nuovi rapporti di lavoro nelle regioni del Mezzogiorno.

  • Doppio Incontro con l'Autore organizzato dai Consulenti del Lavoro presso l'A Gourmet L'Accademia

    L’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Reggio Calabria, il prossimo lunedì 29 luglio, organizza un evento dal titolo “Incontro con l’Autore” durante il quale sarà presentato il libro scritto dai CdL Beniamino Scarfone e Giuseppe Buscema dal titolo “Le origini dello stato sociale in Italia – La normativa tra il 1920 e il 1940”, edito da Eurilink, già presentato all’ultimo Festival del Lavoro che si è svolto durante lo scorso mese di giugno al MiCo di Milano.
    A seguire si terrà un incontro con Rosario De Luca, Presidente di Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, che presenterà la pubblicazione: ”Sui sedili posteriori: la nuova libertà di Nino Bartuccio”.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.