unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSIl Codacons denuncia: mancano farmaci salvavita

Il Codacons denuncia: mancano farmaci salvavita

Pubblicato in NEWS Martedì, 14 Maggio 2019 13:29

Dev’essere devastante entrare in farmacia e sentirsi dire che le medicine di cui hai urgente bisogno non ci sono più. Tanto più preoccupante se quel farmaco risulta indispensabile per il trattamento di gravi patologie tumorali. Sono decine e decine le lamentele che riceviamo - sostiene Francesco Di Lieto del Codacons - a causa dell’assenza di “CAPECITABINA” nelle farmacie Calabresi. Eppure parliamo di un farmaco usato per il trattamento dei tumori del colon, del retto, dello stomaco e della mammella.
Ma nessuno o quasi sembra preoccuparsi della scomparsa di questo farmaco che, per tante persone, equivale a un vero e proprio salvavita. Già a marzo l’Agenzia italiana del farmaco lo aveva inserito nell’elenco dei medicinali carenti, tanto da autorizzare l’importazione dall’estero.

Eppure nelle farmacia la Capecitabina continua a latitare. Non vorremmo che questi farmaci risultino “irreperibili” perché c’è più convenienza a farli “emigrare” per inconfessabili interessi economici. Anche per questo motivo il Codacons ha chiesto che l’Agenzia del farmaco provveda a monitorare costantemente tutte le carenze e decida, finalmente, di intervenire sulle aziende produttrici.  L’Associazione ha presentato, inoltre, un esposto in Procura chiedendo sia disposto l’intervento dei NAS affinché possano verificare l’effettiva mancanza del farmaco. L’Associazione invita i pazienti in trattamento con “Capecitabina” a contattare urgentemente il proprio Oncologo, al fine di verificare la possibilità di una modifica della terapia.

Rc 14 maggio 2019

Letto 150 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Codacons: le App che invecchiano regalano i nostri dati

    FaceApp oramai è la mania dell'estate. Per rendercene conto basta aprire i social più diffusi, Facebook e Instagram, per trovare subito innumerevoli foto di come saremo da vecchi. Il Codacons ritiene che intorno a questo, apparentemente innocuo, tormentone estivo si possa nascondere un traffico, potenzialmente pericoloso, di dati sensibili. L'applicazione del momento non è un'appendice di Facebook, come il nome lascerebbe supporre, ma è di proprietà di un'azienda con sede a San Pietroburgo in Russia.
    Esaminando il documento relativo al trattamento dei dati - sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons - sorgono seri dubbi sul trattamento dei dati e sulla riservatezza.

  • Concorso presidi: Codacons contro il Miur, appello infondato

    Contro il ricorso del Miur sul concorso per i presidi il Codacons si costituisce al Consiglio di Stato, depositando un intervento ad opponendum per contestare l'appello del Ministero. Ne dà notizia l'associazione, che rappresenta alcuni candidati che non hanno superato le prove e che lamentano irregolarità che avrebbero riscontrato durante il concorso. Se da un lato il Codacons ha deciso di tutelare i soggetti non ammessi alle prove successive, dall'altro l'associazione intende difendere anche chi ha superato la prima fase d'esami e si ritrova ora danneggiato dall'inevitabile annullamento dell'intero concorso. "Tutti gli aspiranti presidi che hanno superato la prova scritta e che con ogni probabilità dovranno ripetere l'esame, possono aderire all'azione risarcitoria che il Codacons intende presentare contro il Miur - spiega il Presidente Carlo Rienzi - Una azione finalizzata a far ottenere ai soggetti danneggiati il risarcimento dei danni morali (perdita di occasione lavorativa) e materiali subiti, come spese di trasferta, pernottamento, preparazione all'esame, ecc.".

  • Codacons: Rifiuti, sacchi di soldi scomparsi. Mentre le percentuali della differenziata crescono le tariffe non calano

    Mentre le percentuali della differenziata crescono le tariffe non calano. Chiesto a Regione e ArpaCal le cifre incassate dai comuni con la vendita dei rifiuti riciclati. La raccolta dei rifiuti, se soltanto si volesse, potrebbe garantirci non solo di vivere in un ambiente più pulito, ma anche incrementare l'occupazione e finanche portare benefici alle casse comunali. Proviamo a fare una piccola verifica. Invece di chiedere quale sia la percentuale della raccolta differenziata, proviamo a chiedere ad un qualsiasi Sindaco quanto vetro, quanta plastica, carta o legno ha provveduto a raccogliere il proprio Comune e, soprattutto, proviamo a chiedere quanti soldi hanno incassato i Comuni calabresi dalla vendita di questi "preziosi" rifiuti.

  • Legambiente e Codacons: rinunciare alla plastica per salvare la bellezza del nostro mare

    Rinunciare alla plastica per salvare la bellezza del nostro mare. Questo è quanto Legambiente e Codacons chiedono ai comuni calabresi. Le associazioni sollecitano l’emissione di ordinanze per imporre il divieto, già da questa estate, della plastica monouso sulle spiagge.
    La direttiva europea mette al bando contenitori, stoviglie e bicchieri e tutto quello che rappresenta l’80 per cento del materiale che inquina le spiagge ed il mare ma solo a far tempo dal 2021.
    Tuttavia Legambiente e Codacons chiedono uno stop immediato alla plastica sulle spiagge Calabresi, a favore di materiale compostabile e monouso. L''obiettivo e' quello di avere spiagge sempre più sostenibili dal punto di vista ambientale, per tutelare la spiaggia ed il mare e salute dei cittadini.

  • Codacons: "Autoimpiego" che fine hanno fatto i fondi?

    "Che fine hanno fatto i fondi per sostenere chi non ha un impiego e vuole avviare nuove iniziative imprenditoriali o lavorare in autonomia". Questo l'interrogativo che traspare da una istanza di accesso depositata dal Codacons al Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria della Regione Calabria. La vicenda prende le mosse dal Decreto nr. 3755, pubblicato sul BURC nr. 33 in data 11 aprile 2017, attraverso cui la Regione Calabria offriva un contributo a fondo perduto "fino a 30mila euro" per consentire l'avvio di nuove imprese guidate da "disoccupati, donne e giovani".

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.