unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSIl Codacons denuncia: mancano farmaci salvavita

Il Codacons denuncia: mancano farmaci salvavita

Pubblicato in NEWS Martedì, 14 Maggio 2019 13:29

Dev’essere devastante entrare in farmacia e sentirsi dire che le medicine di cui hai urgente bisogno non ci sono più. Tanto più preoccupante se quel farmaco risulta indispensabile per il trattamento di gravi patologie tumorali. Sono decine e decine le lamentele che riceviamo - sostiene Francesco Di Lieto del Codacons - a causa dell’assenza di “CAPECITABINA” nelle farmacie Calabresi. Eppure parliamo di un farmaco usato per il trattamento dei tumori del colon, del retto, dello stomaco e della mammella.
Ma nessuno o quasi sembra preoccuparsi della scomparsa di questo farmaco che, per tante persone, equivale a un vero e proprio salvavita. Già a marzo l’Agenzia italiana del farmaco lo aveva inserito nell’elenco dei medicinali carenti, tanto da autorizzare l’importazione dall’estero.

Eppure nelle farmacia la Capecitabina continua a latitare. Non vorremmo che questi farmaci risultino “irreperibili” perché c’è più convenienza a farli “emigrare” per inconfessabili interessi economici. Anche per questo motivo il Codacons ha chiesto che l’Agenzia del farmaco provveda a monitorare costantemente tutte le carenze e decida, finalmente, di intervenire sulle aziende produttrici.  L’Associazione ha presentato, inoltre, un esposto in Procura chiedendo sia disposto l’intervento dei NAS affinché possano verificare l’effettiva mancanza del farmaco. L’Associazione invita i pazienti in trattamento con “Capecitabina” a contattare urgentemente il proprio Oncologo, al fine di verificare la possibilità di una modifica della terapia.

Rc 14 maggio 2019

Letto 43 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Codacons: banca dati con il dna dei cani per multare gli incivili

    Nelle antiche società contadine gli escrementi degli animali rappresentavano qualcosa di molto prezioso tanto che, ancora oggi, qualcuno continua a ritiene che calpestarli porti fortuna. Magra consolazione per chi, ogni giorno, calpesta gli escrementi che "arredano" i nostri marciapiedi. Strade e marciapiedi sono invasi dalle "cacca". Tanto da costringere i pedoni a vere e proprie gimcane tra i "ricordini" non rimossi dai "padroni" i quali, evidentemente, non hanno alcun rispetto sia verso i propri concittadini che per la loro città.
    Purtroppo risultano inutili le norme che prevedono sanzioni, anche importanti, per i proprietari. Troppo difficile applicarle, troppo difficile cogliere qualcuno sul "fatto".

  • L’Asp di Reggio non paga, per 3mila malati negata l’assistenza domiciliare. Il Codacons denuncia: interruzione di pubblico servizio

    Parafrasando Sciascia si potrebbe dire, "nero su nero", ovvero la nera scrittura sulla nera pagina della realtà. E così, dopo il cartone al posto del gesso ed i farmaci per i malati oncologici scomparsi, ecco che a Reggio Calabria vengono interrotti tutti i servizi di assistenza domiciliare. Si tratta di una diretta conseguenza del mancato pagamento, da parte della ASP, dei servizi erogati e che comporta la sospensione dei servizi dell'assistenza domiciliare integrata (ADI) ai pazienti della provincia reggina. "Chiediamo che l'Ufficio di Procura intervenga immediatamente per accertare tutte le responsabilità" - sostiene Francesco Di Lieto del Codacons - che chiede si proceda per interruzione di pubblico servizio che stanno subendo gli assistiti dell'ADI.

  • Codacons: inadempienza nella depurazione, rincari sulle bollette. Esposto Corte dei Conti

    Brutte notizie in arrivo per i consumatori. Si profila, infatti, un nuovo aumento delle bollette dell'acqua e della TaRi. Aumenti che sono la diretta conseguenza delle procedure di infrazione aperte dalla UE per l'inefficienza nella depurazione delle acque.
    In Calabria sono ben 13 i comuni ancora sotto in infrazione. Si tratta di Acri, Bagnara Calabra, Castrovillari, Cosenza-Rende, Crotone, Mesoraca, Montebello Jonico, Motta San Giovanni, Reggio Calabria, Rossano, Sellia Marina, Siderno e Soverato.
    Per le sanzioni europee - sostiene una nota del Codacons - i consumatori hanno già pagato milioni e milioni di euro negli ultimi anni, a causa di un sistema fognario non a norma.

  • Il 34% dei Calabresi è indebitato: rata media di 300 euro al mese

    Un calabrese su tre deve pagare una rata mensile per rimborsare un finanziamento: si tratta di un impegno medio di 291 euro mentre rimangono da pagare 22mila euro. Questa la fotografia diffusa dal Codacons sull'indebitamento in Calabria.
    Oltre un terzo del totale della popolazione maggiorenne (il 33,7%) ha sottoscritto almeno un contratto di finanziamento e mensilmente deve rimborsare rate per un importo pari a 291 euro.
    Per quanto attiene l'indebitamento residuo, ovvero gli importi ancora da versare per estinguere i finanziamenti in corso, i calabresi hanno un debito medio pari a 21.897 euro.

  • Carenza medici in Calabria, Codacons: entro il 2025 ne mancheranno circa 1400

    Entro il 2025 mancheranno in Calabria circa 1400 medici, a causa della carenza di camici bianchi che interessa tutto il paese e che peggiorerà nei prossimi anni, in relazione ai pensionamenti che non riusciranno ad essere compensati dalle nuove assunzioni. Lo denuncia oggi il Codacons - che richiama gli allarmi lanciati da tutte le organizzazioni del settore, dall'Anaao all' Osservatorio Nazionale sulla Salute - chiedendo un incontro al commissario straordinario della Sanità Calabrese, Saverio Cotticelli.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.