unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSIncontro del CIS Calabria dedicato a Santa Teresa d’Avila e San Juan de la Cruz

Incontro del CIS Calabria dedicato a Santa Teresa d’Avila e San Juan de la Cruz

Pubblicato in NEWS Martedì, 11 Giugno 2019 08:07

Nell’ambito del ciclo “I grandi personaggi della Bibbia e della Storia della Chiesa”, mercoledì 12 giugno 2019, alle ore 18:00, presso la Sala di San Giorgio al Corso, chiesa degli artisti di Reggio Calabria, il Centro Internazionale Scrittori della Calabria promuove la conferenza “Santa Teresa d’Avila - San Juan de la Cruz”. Introduce don Antonio Cannizzaro, parroco della chiesa di San Giorgio al Corso, partecipano, alla tavola rotonda Gianfranco Cordì, docente di Filosofia, Giuseppe Palamara, diacono, Emilia Serranò, docente di Filosofia, Daniele Zangari, scrittore. Santa Teresa d'Avila 1515 – 1582), dedicò la sua vita alla riforma dell'ordine religioso delle Carmelitane.

Imponendo una regola rigida e austera, fondò ben diciassette conventi e scrisse numerose opere in prosa per raccontare le sue esperienze mistiche. La semplicità e la sincerità che furono caratteristiche dell'animo di questa donna si riflettono ampiamente nei suoi scritti. Nel 1567 Fray Juan conobbe a Medina del Campo Santa Teresa e un anno dopo abbandonò gli studi salmantini di Teologia per accompagnarla a Valladolid dove la Santa si recava per fondare un monastero di Carmelitane Scalze. Il primo monastero del ramo maschile del Carmelo Descalzo fu inaugurato il 25 novembre del 1568. Nel 1572 Santa Teresa nominò Juan Vicario e Confessore presso il monastero di Ávila, la casa madre delle Carmelitanas Descalzas. In questo periodo si acuirono le tensioni interne all'ordine tra Calzados e Descalzos, e la notte del 3 dicembre 1577 Juan de la Cruz venne arrestato e incarcerato nel convento dei carmelitani di Toledo. Una volta liberato nel 1578 riparò in Andalucía. Fu poi a Baeza e a Granada. Tornò in Castiglia come Presidente-Priore dei Carmelitani Scalzi, ma, nel 1591, a causa di un duro scontro col padre Doria (che non era favorevole alla riforma teresiana), fu privato di tutte le sue cariche. Morì a Úbeda, all'età di 49 anni.

Rc 11 giugno 2019

Letto 64 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Antonio Piromalli, interprete del Medioevo: Gioacchino da Fiore e Dante Alighieri

    Il Centro Internazionale Scrittori della Calabria e il Comitato Scientifico di studio della figura e delle opere di Antonio Piromalli, con il patrocinio del comune di Reggio Calabria e la collaborazione della Biblioteca “De Nava”, lunedì 17 giugno 2019, alle ore 16:45, presso la Biblioteca comunale “P. De Nava” di Reggio Calabria, promuovono la tavola rotonda sul tema “Antonio Piromalli, interprete del Medioevo: Gioacchino da Fiore e Dante Alighieri”. Intervengono: Paola Radici Colace, professore ordinario di Filologia Classica dell’Università di Messina, presidente del Comitato Scientifico “A. Piromalli”, Giuseppe Rando, professore ordinario di Letteratura Italiana dell’Università di Messina, coordinatore del Comitato Scientifico A. P., Mila Lucisano, docente di Italiano e Latino, componente Comitato Scientifico A. P., Emilia Serranò, docente di Filosofia, componente Comitato Scientifico “A. Piromalli”.

  • CIS: Dal dialogo tra musulmani e cristiani le radici per la nuova Europa

    Venerdì 14 giugno 2019, alle ore 17:00 presso il DiGiES (Palazzo Zani) via Dei Bianchi, 2, Reggio Calabria, Il Centro Internazionale Scrittori, l’Istituto Superiore Europeo di Studi Politici, il Centro documentazione europea e DiGiES (Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane Università Mediterranea),nell’ambito del ciclo di seminari “Dialoghi sull’Europa 2019” promuovono la conferenza “Dal dialogo tra musulmani e cristiani le radici per la nuova Europa”. Dopo i saluti del Prof. Daniele Cananzi, Responsabile accademico CDE dell’ISESP – DiGiES e della dott.ssa Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis della Calabria, relaziona il Prof. Tito Lucrezio Rizzo, giàConsigliere titolare dell’Organo centrale di Sicurezza Segretariatogenerale della Presidenza della Repubblica - Componente Comitato Scientifico CIS

  • CIS: Il Sonno e la Morte da Hypnos e Thanatos alla Dormitio Mariae

    Giovedì 13 giugno 2019, alle ore 17:30, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, lo stesso Museo e il Centro Internazionale Scrittori promuovono la conferenza “Il Sonno e la Morte da Hypnos e Thanatos alla Dormitio Mariae ”, quinto incontro del ciclo “Vita, morte e viaggio nella mitologia classica: letteratura, iconografia, musica”. Intervengono il direttore del Museo, dott. Carmelo Malacrino e Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis della Calabria. Con il supporto di video proiezione relaziona Paola Radici Colace, prof. Ordinario di Filologia classica, Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina, presidente onorario e direttore scientifico del Cis.

  • Incontro Internazionale di studio “Innovazione, industria culturale e branding territoriale”

    Promosso dall’Università Internazionale per Stranieri “Dante Alighieri” di Reggio Calabria (Comitato Scientifico formato dai professori Roberto Mavilia, Domenico Siclari, Nello Barile, e Guerino Bovalino) in sinergia con il Centro Internazionale Scrittori della Calabria e il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, martedì 11 maggio 2019, alle ore 17:00, nella sala conferenze del Museo Archeologico si svolgerà l’incontro di studio internazionale Innovazione, industria culturale e branding territoriale . Dopo i saluti del prof. Salvatore Berlingò, Magnifico Rettore Università Internazionale “Dante Alighieri”, del direttore del Museo, dott. Carmelo Malacrino, Direttore del Museo Archeologico Nazionale,

  • CIS: lunedì 10 giugno incontro su “Politica e società nel mezzogiorno in età aragonese”

    Lunedì 10 giugno 2019, alle ore 16:45, presso la Biblioteca comunale “P. De Nava” di Reggio Calabria, il Centro Internazionale Scrittori della Calabria e la Deputazione di Storia Patria per la Calabria, con il patrocinio del comune di Reggio Calabria e la collaborazione della Biblioteca “De Nava”, promuove la conversazione “Politica e società nel mezzogiorno in età aragonese”. Relazionerà Giuseppe Caridi, Prof. ordinario di Storia Moderna presso l’Università di Messina, studioso degli aspetti sociali, economici, religiosi e politico–amministrativi della Calabria. Il prof. Caridi è autore di numerosi libri, monografie, saggi e articoli. Dal novembre 2000 ricopre l’incarico di Presidente della Deputazione di Storia Patria per la Calabria ed è, inoltre, Presidente del Centro Studi e promozione Culturale “Gaetano Cingari” nonché componente del Comitato Scientifico del Cis della Calabria.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.