unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSL’11 giugno USB in piazza a Locri al fianco di Mimmo Lucano e del modello Riace

L’11 giugno USB in piazza a Locri al fianco di Mimmo Lucano e del modello Riace

Pubblicato in NEWS Giovedì, 06 Giugno 2019 15:16

Martedì 11 giugno si aprirà a Locri il processo a Mimmo Lucano e altre 26 persone. L’accusa, a vario titolo, è di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e abuso d’ufficio. Un processo, questo, che rappresenta l’ultima tappa di un percorso, iniziato qualche anno fa, teso a demolire e demonizzare il “modello Riace”, la particolare esperienza di accoglienza e integrazione a profughi e migranti che ha reso il piccolo borgo calabrese famoso in tutto il mondo.
Ma se è normale che le istituzioni preposte controllino le regolari procedure per la gestione dei fondi pubblici - e nel caso di irregolarità si comportino di conseguenza - quello che è anormale in questa vicenda sono le modalità con cui si è sviluppata e diffusa:

le relazioni negative della Prefettura sono arrivate direttamente a quotidiani nazionali e gruppi fascisti, mentre le relazioni positive sono state tenute al contrario assolutamente riservate; “non notizie” sono state diffuse a orologeria persino nel pieno della campagna elettorale per creare solo scalpore; per non parlare dello stesso rinvio a giudizio davanti al Tribunale di Locri, arrivato dopo che le diverse accuse a Mimmo erano già state stroncate, dal gip prima e dalla Cassazione poi.
Per questo motivo riteniamo quello che si aprirà l’11 giugno un vero e proprio processo politico, in cui alla sbarra andrà Mimmo Lucano ma si vorrebbero condannare tutti coloro che credono in una società più accogliente e più giusta.
Come USB rilanciamo l’appello promosso dal Comitato 11 Giugno, che ci ha visto coinvolti fin dalla sua nascita, e saremo presenti al presidio davanti al Tribunale di Locri, invitando tutte e tutti a promuovere e partecipare alle varie iniziative solidali che si stanno organizzando in tutta Italia.

Riace 6 giugno 2019
Unione Sindacale di Base

Letto 163 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Riace, revocato il divieto di dimora per Mimmo Lucano

    Il Tribunale di Locri ha revocato il divieto di dimora per l’ex sindaco di Riace, Mimmo Lucano, accogliendo così l’istanza presentata dai suoi difensori. 

  • USB: incontro in Prefettura sulle problematiche dei lavoratori stranieri

    Nella giornata di ieri, 23 agosto, una delegazione di USB ha incontrato nei locali della Prefettura di Reggio Calabria responsabili degli uffici immigrazione della stessa Prefettura e della Questura, al fine di discutere alcune problematiche emerse dal lavoro politico e sindacale che viene realizzato sulla Piana di Gioia Tauro, soprattutto attraverso le attività dello Sportello dei diritti Soumaila Sacko. Negli ultimi mesi, infatti, è emerso che a sempre più cittadini stranieri – in massima parte lavoratori – titolari di forme di protezione (internazionale, umanitaria e sussidiaria) viene di fatto negato il diritto al rinnovo del permesso di soggiorno in assenza di una certificazione di residenza o di domicilio che viene loro richiesta presso gli uffici immigrazione del territorio.

  • Si aggravano le condizioni del padre di Mimmo Lucano, appello al Presidente Mattarella

    Sarà presentato a breve al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella l’appello del Comitato Undici Giugno per consentire a Mimmo Lucano, attualmente in esilio dal suo comune, di poter fare rientro a Riace e assistere il padre 93enne le cui condizioni di salute si sono ulteriormente aggravate

  • L’USB incontra Cotticelli sulle strutture psichiatriche reggine

    Nella giornata di ieri una delegazione dell’USB ha incontrato il Generale Cotticelli, Commissario straordinario alla Sanità in Calabria. L’atteso incontro era stato richiesto a seguito della definizione della nuova Rete territoriale di assistenza psichiatrica riabilitativa residenziale per il territorio di competenza dell’ASP 5, atto che ha destato forti perplessità tra i lavoratori del settore, soprattutto per l’indicazione del fabbisogno di posti letto, già praticamente soddisfatto e che non tiene conto delle reali esigenze del territorio della provincia reggina.

  • USB: la politica non può restare sorda alle problematiche delle strutture psichiatriche reggine

    Giovedì 1 agosto dalle ore 14 USB e i lavoratori delle strutture psichiatriche reggine saranno in presidio davanti Palazzo Campanella in occasione dei lavori del Consiglio Regionale.
    La situazione di crisi in cui versano le strutture psichiatriche reggine continua così come crescono le preoccupazioni dei lavoratori del settore. Sebbene la chiusura della fase di accreditamento, il cui termine è stato fissato per la fine dell’anno, rappresenta la possibilità di andare finalmente verso un rapporto certo tra Asp e cooperative, il taglio dei posti letto sancito con l’approvazione della nuova Rete territoriale determinerà un’importante riduzione dei posti di lavoro, oltre che della qualità dei servizi erogati. A queste inquietudini si aggiunge l’ennesimo ritardo nei pagamenti, fermi allo scorso marzo.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.