unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWS“L’Amaca” presenta domenica 26 maggio al DLF il surreale umorismo de “La commedia della tv”

“L’Amaca” presenta domenica 26 maggio al DLF il surreale umorismo de “La commedia della tv”

Pubblicato in NEWS Sabato, 25 Maggio 2019 13:57

“L’Amaca” è pronta a portare la tv a teatro. E lo farà domenica 26 maggio alle ore 20:30 al Cineteatro Metropolitano. Infatti, come ormai da tradizione, con creatività ed ironia, sul palco di via Nino Bixio l’associazione culturale metterà in scena “La commedia della tv”, spettacolo dal surreale umorismo che vuole divertire, ricco di originali gag, musica live e simpatici costumi. I due protagonisti, cioè Benvenuto Marra ed Elvira Costarella, “avranno a che fare con la tv”. Lo spettacolo, firmato come regia e sceneggiatura da Antonio Calabrò, vede la partecipazione dell’allegra compagnia de “L’Amaca” per un totale di una trentina di figuranti, così come la cura della recitazione affidata a Nanni Barbaro, la regia tecnica a Stellario Rato e la musica live alla “Sparacanali orchestra”.

«Con “La commedia della tv”, ventesima rappresentazione de “L’Amaca” al Dlf, chiudiamo la stagione in via Nino Bixio. Siamo contenti di aver dato il nostro contributo alla vita culturale cittadina, attraverso sapere, civismo e divertimento. Ma non ci fermiamo ed abbiamo altre iniziative che organizzeremo nelle prossime settimane» sono le parole di Calabrò.

Rc 25 maggio 2019

Letto 113 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sold out e risate a gogò per “La commedia della tv” al CineTeatro Metropolitano

    Sold out e risate a gogò per “La commedia della tv”, il surreale ed ironico spettacolo teatrale targato “L’Amaca”. Quello di domenica scorsa è stato l’ultimo evento dell’appassionante ed apprezzata stagione messa su dall’associazione culturale al Cineteatro Metropolitano. C’è un fatto alla base de “La commedia della tv”, rappresentazione durata oltre due ore tenendo incollati con lo sguardo al palco, bocche sghignazzanti e corpi contratti per l’ilarità: i due protagonisti, Elvira Costarella e Benvenuto Marra, non si sa per quale motivo, vengono risucchiati dentro la tv. Questo evento è stato il “là” ad una serie di originali gag, arricchite da musica live e simpatici costumi: una volta entrati dentro il piccolo schermo, trovano una tv “al contrario”, diametralmente opposta a quella solitamente vista, ad esempio, con un Alberto Angela ignorante o una Moana Pozzi casta.

  • Torna il concorso di narrativa dedicato dal DLF (e l'Amaca) a "Italo Falcomatà"

    Presso la sede di via Caprera 2/C, del DLF di Reggio Calabria, è stata presentata alla stampa la settima edizione del concorso di narrativa Premio "Italo Falcomatà". Nato come concorso di poesie e sospeso per qualche tempo, ritorna in una veste tutta nuova, concentrandosi questa volta sulla narrativa, e precisamente sui racconti brevi, perché il ricordo di Italo Falcomatà rivive anche nella narrativa.
    Il concorso è stato realizzato, dall’associazione “Dopolavoro ferroviario”, in collaborazione con la Fondazione “Italo Falcomatà” e con l’associazione culturale “L’Amaca”. Il concorso prevede un’unica sezione dedicata al racconto o al romanzo breve, inedito ed entro una lunghezza di 200mila battute, ed è aperto a tutti i maggiorenni residenti in Italia e ai minorenni che presenteranno la liberatoria dei genitori.

  • Con Corte d'Appello, Rete Civitas e l'Amaca è soffiato il vento dei diritti umani al CineTeatro Metropolitano

    "Quante strade deve percorrere un uomo prima di essere chiamato uomo? La risposta sta soffiando nel vento". Il senso dell'agire dell'uomo, del suo impegno e della sua miseria, è racchiuso nell'inciso di questa canzone anni '60 del menestrello di Duluth. È proprio "Blowin' in the wind", manifesto generazionale del premio Nobel per la Letteratura Bob Dylan, il titolo scelto per lo spettacolo-evento andato in scena nella serata di venerdì al Cineteatro metropolitano di Reggio Calabria ed organizzato, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario, dalla Corte d'Appello, insieme alle associazioni Rete Civitas e L'Amaca. Il racconto dei diritti umani tra musica e storytelling (scritto da Antonio Calabrò e interpretato dagli attori de L'Amaca) ha portato il pubblico in un viaggio fino ai giorni nostri tra le pieghe della storia, rievocando gli uomini e le donne che sono stati grandi nel pensiero e quelli che lo sono stati nell'azione come nel pensiero.

  • CineTeatro Metropolitano, il 25 gennaio in scena i diritti umani con Corte d’Appello, Rete Civitas e L’Amaca

    Beccaria, De Gouges, King, Kennedy, Mandela; il pensiero sulla pena di morte, il voto alle donne, l’abolizione della segregazione razziale negli Usa, la fine dell’apartheid in Sudafrica; la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e le altre carte fondamentali. Saranno alcuni dei personaggi, delle battaglie e degli atti che venerdì 25 gennaio, a partire dalle ore 19:30, verranno evocati al Cineteatro Metropolitano in occasione di “Blowin’ in the wind, il racconto dei diritti umani”. Un evento importante, questo organizzato dalla Corte d’Appello in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, insieme alle associazioni “Rete Civitas” e “L’Amaca”.

  • Con “l’Amaca” un “tuffo” nel passato con “Canzonissima” domenica al Cineteatro Metropolitano

    Un “tuffo” nel passato, in un “mare” di intramontabile musica, simpatico garbo e ricordi indelebili. È ciò che faranno coloro che domenica 30 dicembre si recheranno al Cineteatro metropolitano per assistere a “Canzonissima – Trent’anni di musica italiana”, lo spettacolo ideato da Antonio Calabrò e prodotto dall’associazione culturale “L’Amaca”. A partire dalle 17:30, presentati dallo stesso Calabrò insieme a Benvenuto Marra, Anna Rita Fadda ed Elvira Costarella, venti interpreti porteranno sul palco di via Nino Bixio altrettanti classici della musica leggera italiana del periodo compreso fra il 1960 e il 1990, accompagnati da “L’Amaca Orchestra” diretta da Sebastian Trunfio, curata da Stellario Rato e composta da Alessandra Vadalà (voce), Giuseppe Barcella (chitarra elettrica), Salvatore Annaloro (chitarra acustica, ukulele e voce), Matteo Zema (batteria), Giuseppe Campolo (basso), Domenico Crea e Francesco Gangemi (pianoforte e tastiera).

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.