unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSLa Comunità Progetto Sud in Europa per le buone pratiche con Glimer

La Comunità Progetto Sud in Europa per le buone pratiche con Glimer

Pubblicato in NEWS Sabato, 21 Settembre 2019 14:42

La Comunità Progetto Sud è attiva in Europa con la formazione al lavoro di giovani italiani e stranieri, integrati nella logica del dialogo tra i popoli e nell'esperienza delle comunità accoglienti. A Lamezia Terme, con il programma Gli arnesi del Mestiere ha formato nei settori lavorativi specifici di panificazione, assistenza alla persona, ristorazione, alimentarista, elettricista e apicoltura.

Dall´11 al 13 settembre 2019 la città di Glasgow (Scozia) è stata palcoscenico per il confronto dei ricercatori di GLIMER (Governance and the Local Integration of Migrants and Europe's Refugees) progetto finanziato congiuntamente da JPI Urban Europe e Horizon 2020 che riunisce ricercatori e professionisti di cinque Università Europee tra cui spicca l'Università della Calabria (Italia) rappresentata dai Docenti del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali Anna Elia e Claudio Di Maio, a fianco dell´University of Glasgow (Gran Bretagna), la Malmö Universitet (Svezia), il Mediterranean Institut of Gender Studies (Cipro) e la capofila l'University of Edinburgh (Gran Bretagna).

Al confronto tra le buone pratiche ha preso parte l´Associazione Comunità Progetto Sud, in qualità di stakeholder per la Regione Calabria, inserendosi sul tema con la relazione di Rosanna Liotti. «Abbiamo condiviso l'esperienza dei percorsi di formazione professionale Gli Arnesi del Mestiere, - dice- ideati e realizzati attraverso il supporto della Scuola del Sociale, struttura formativa dell'Associazione Comunità Progetto Sud, accreditata dalla Regione Calabria».

GLIMER si concentra su quattro aree di intervento: accoglienza e rigenerazione urbana, educazione e sviluppo delle competenze linguistiche, integrazione nel mercato del lavoro e formazione professionale, dinamiche di genere nell'accoglienza e nell'integrazione e si pone come obiettivo il comprendere come si stanno sviluppando la Governance e l'integrazione locale dei migranti e dei rifugiati in Europa anche attraverso lo studio e la condivisione delle buone pratiche presenti in ognuno dei paesi coinvolti. Ispirata dal successo delle "città accoglienti" del Sud Italia, la ricerca intende lavorare con gruppi della società civile, autorità locali, cittadini e gruppi di rifugiati al fine di sostenere l'integrazione significativa delle diverse comunità.

Nella tre giorni di Glasgow, l'attenzione è stata focalizzata sul tema del mercato del lavoro e della formazione professionale, esplorando l'accesso all'occupazione e all'acquisizione di competenze da parte dei migranti e dei rifugiati nei diversi contesti territoriali.

«La nostra esperienza in Europa - dice ancora Rosanna Liotti- è stata oggetto di attenzione perché pur sviluppandosi in in un contesto territoriale difficile, sia per un altissimo tasso di disoccupazione che per una scarsa presenza di corsi professionali adeguati alle richieste del mercato del lavoro, con l´attivazione dei percorsi formativi, ideati per far acquisire competenze lavorative e conoscenze teoriche fondamentali per inserirsi in modo responsabile e consapevole nel mondo del lavoro regolare europeo, ha portato ad una rete virtuosa tra i soggetti alla ricerca di occupazione e le reali esigenze delle imprese».

«Il lavoro svolto, grazie alla programmazione de Gli arnesi del Mestiere e alla Scuola del Sociale, - conclude la Liotti - ha trovato applicazione e successo e confronto costruttivo in Europa perché ha fatto leva sul dato reale di partenza con una indagine di mercato che ha consentito alla nostra realtà associativa e formativa, di incrociare domanda e offerta e avviare così 10 laboratori formativi professionalizzanti, un corso di formazione professionalizzante accreditato dalla Regione Calabria, in accordo con una pluralità di attori: allievi, aziende, ente di formazione, comunità di accoglienza, favorendo l'accrescimento di competenze imprenditoriali e l'aumento dell'occupabilità dei soggetti coinvolti, in settori lavorativi specifici: panificazione, assistenza alla persona, ristorazione (pizzeria), alimentarista, elettricista e apicoltura».

Per avere maggiori informazioni sul Progetto GLIMER si può visitare la pagina www.glimer.eu dal quale è possibile scaricare i report e le policies della ricerca.

Lamezia Terme (CZ), 21 settembre 2019

Maria Pia Tucci

Letto 54 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Jhon Palizza fa tappa a Lamezia Terme con “la marcia restiamo umani”

    "Con la #MarciaRestiamoUmani, cammineremo insieme per abbattere i muri dell'indifferenza. Insieme, costruiremo ponti di solidarietà. Nessuno deve essere lasciato indietro. Diciamo no ad ogni forma di discriminazione. #RestiamoUmani". Con questo intento, il 20 giugno scorso, è partito da Trento John Mpalizza, attivista per la pace non nuovo ad iniziative che lo portano in cammino per il mondo a sostenere temi sociali.

  • Premio nazionale Legambiente Ambiente e Legalità 2019 alla Comunità Progetto Sud e Goel – Gruppo Cooperativo

    Alla Comunità Progetto Sud e GOEL- Gruppo cooperativo è andato il Premio Ambiente e legalità 2019 assegnato da Legambiente e Libera in apertura della XXXI edizione di Festambiente, l´ecofestival che da trentuno anni si svolge nel cuore della Maremma, a Rispescia (GR) e che ha tagliato il nastro il 14 e si concluderà il 18 agosto.
    Sul palco della piazza legambientina, a consegnare le targhe a uomini e donne che con il loro impegno quotidiano e professionale combattono la corruzione, operano in mare per salvare vite umane, denunciano il caporalato, si rimboccano le maniche per rilanciare in modo sostenibile l’economia del proprio territorio ci sono il presidente di Libera Don Luigi Ciotti, il presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani, il giornalista Sandro Ruotolo, ed Enrico Fontana Responsabile Ufficio Economia Civile di Legambiente.

  • Caritas: il lavoro e gli stranieri oltre i pregiudizi, evento a Lamezia

    Al Chiostro di San Domenico un evento sul tema dell'immigrazione: una realtà falsata da condizionamenti e pregiudizi, che può e deve essere riletta secondo le esperienze concrete vissute ogni giorno sul nostro territorio. Al dibattito – moderato dal giornalista Ugo Floro - sono intervenuti Romano Gallo, sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Catanzaro, Don Giacomo Panizza, vicedirettore della Caritas diocesana di Lamezia Terme e Rosanna Liotti, mediatrice culturale dell'associazione Comunità Progetto Sud.

  • Presentato a Catanzaro il progetto riCALABRIA - ideAzioni per il cambiamento

    Si è tenuto oggi al Parco della Biodiversità Mediterranea di Catanzaro l’evento di lancio di riCALABRIA, il progetto promosso da GOEL - Gruppo Cooperativo e dalla Comunità Progetto Sud che hanno deciso di allearsi per il cambiamento della Calabria. Don Giacomo Panizza, presidente di Comunità Progetto Sud e Vincenzo Linarello, presidente di GOEL, hanno illustrato il progetto e i presupposti che l’hanno generato. Ad aprire il dibattito, moderati dalla giornalista Rai Paola Cacianti, l’attore e regista PIF e Mons. Francesco Oliva - delegato della Conferenza Episcopale Calabra per la Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro.

  • GOEL – Gruppo Cooperativo e Comunità Progetto Sud insieme per il cambiamento

    Comunità Progetto Sud e GOEL – Gruppo Cooperativo hanno deciso di unire le forze per innescare un percorso di cambiamento in Calabria. La sinergia è nata nei mesi scorsi: le due comunità, da anni presenti sul territorio, in sintonia sulla necessità di riscatto della Calabria per costruirsi il proprio destino, sono state capaci di schierarsi dalla parte dei più deboli e di rispondere con fatti concreti alla domanda di alternative sostenibili in campo sociale, culturale ed economico. Dopo un proficuo confronto hanno deciso di stipulare un’alleanza duratura, non episodica, unendo esperienza e competenze complementari in un percorso più grande, aperto ai territori.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.