unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSOrlando Sorgonà apre gli "Incontri FAI al tramonto" 2019 allo Spazio Open

Orlando Sorgonà apre gli "Incontri FAI al tramonto" 2019 allo Spazio Open

Pubblicato in NEWS Martedì, 18 Giugno 2019 08:25

Riprendiamo da dove ci eravamo lasciati l'anno scorso. Giovedì 20 giugno alle ore 18, allo SPAZIO OPEN –via Filippini 23, incontreremo il prof. Orlando Sorgonà che ci parlerà di miti e leggende in riva allo Stretto. "Il canale di Poseidon. Un viaggio senza bussola tra i miti e le leggende dello Stretto" Conoscere i miti che si sono specchiati nelle acque dello Stretto vuol dire conoscere una concezione del mondo e, per quanto riguarda le leggende che si sono stratificate nei secoli, è da dire che spesso, le verità storiche, giungono attraverso di esse. Da Omero in poi questo paesaggio “estremo” diventa un “topos” letterario e nel contempo entra nell’immaginario collettivo, attraverso i racconti popolari e le favole narrate, come luogo emblematico in cui prendono corpo e nello stesso tempo si esorcizzano le paure più profonde dell’uomo.

In occasione dell’incontro, presso Spazio Open – punto FAI sarà possibile iscriversi o rinnovare l’iscrizione al FAI.
Per tutti i soci FAI, sconto del 10% -ove possibile- sui propri prodotti e servizi.
Spazio Open è aperto dal lunedì al venerdì dalle 16.30 alle 20.45, il sabato dalle 10 alle 13 e dalle 16.30 alle 20.45.
Rc 18 giugno 2019
Giuseppina Palmenta
Responsabile FAI Giovani RC

Letto 83 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Allo Spazio Open incontro dell'Anassilaos dedicato a "La Repubblica di Weimar"

    Proseguono le lezioni del Prof. Antonino Romeo dedicate all’anno 1919, un anno “fatale” in cui si sono prodotti e realizzati eventi che hanno avuto una ricaduta nella successiva storia sia europea che italiana. Dopo gli incontri dedicati al Trattato di Pace di Versailles, alla nascita del Partito Popolare e dei Fasci di Combattimento, all’impresa di Fiume è la volta della Repubblica di Weimar che inaugura la serie di incontri estivi promossi presso lo Spazio Open, e congiuntamente con esso, che avranno inizio giovedì 4 luglio alle ore 19,30. Nata nel 1919 e durata fino all’avvento del nazismo nel 1933, la Repubblica di Weimar, che prende il nome dalla città tedesca dove, all’indomani della sconfitta, si tenne l’assemblea nazionale chiamata a redigere una nuova costituzione, una delle più moderne ed avanzate costituzioni redatte fino ad allora (l’Italia continuava nel 1919 ad essere retta dallo Statuto Albertino sia pure adattato ai tempi)

  • Al Parco Ecolandia "Il cammino degli Eroi" nell'ambito degli Incontri FAI al tramonto

    Secondo appuntamento dell’estate 2019 degli “Incontri FAI al tramonto” a cura del Gruppo FAI Giovani della delegazione di Reggio Calabria. Giovedì 4 luglio alle ore 18,30, nei suggestivi spazi all’aperto del Parco Ecolandia – ex Forte Gulli ad Arghillà, presenteremo l’opera letteraria – Il cammino degli Eroi – di Dan Faton, presente l’autore interverranno: Tonino Perna economista e presidente di Ecolandia, Daniele Castrizio professore ordinario di numismatica dell’UNIME, Fabio Cuzzola docente e saggista.
    L’opera:

  • Allo Spazio Open le "Cinquanta lettere a Mario La Cava" di Domenico Zappone

    Allo Spazio Open protagoniste le “Cinquanta lettere” che il giornalista Domenico Zappone (Palmi 1911 – 1976) destinò a Mario La Cava. Un appuntamento organizzato dal Rhegium Julii e Città del Sole Edizioni che ha visto ospite della giornalista Anna Foti il saggista Santino Salerno che ha curato il libro. “Scritte in un arco di tempo che va dal 1950 al 1976, le lettere rivelano il clima di cordialità che anima il rapporto tra i due intellettuali affratellati da una medesima passione: la scrittura; e danno conto, altresì, di una vicenda culturale ed umana che per molti tratti li accomuna nel difficile e tormentato rapporto con editori, direttori, redattori di riviste e giornali, ma anche in quelle che sono le difficoltà familiari e della vita quotidiana. Inoltre, queste lettere evidenziano inequivocabilmente la condizione di isolamento degli intellettuali meridionali che, lontani dal dinamismo culturale centro – urbano, pagano con un surplus di fatica lo svantaggio della perifericità che, fatalmente, trasforma il già difficile mestiere di scrivere, nel più difficile mestiere di vivere”.

  • Allo Spazio Open, Fabrizio Arnò presenta: "Il crepuscolo degli dei"

    Allo Spazio Open la presentazione del libro di Fabrizio Arnò "Il crepuscolo degli dei" Città del Sole Edizioni. "Le radici di queste narrazioni tanto più umane quanto più crudeli sono nella lezione della beat generation; e non a caso Ginsberg, Kerouac, Borroughs e Bukowski appaiono come personaggi “risuscitati” dalla scrittura nel racconto eponimo, Il crepuscolo degli dei, e consegnati ad una sopravvivenza ancipite, che diviene interrogazione implacabile sul nesso tra vita e arte: una sorta di omaggio diegetico ai maestri d’elezione, in particolare a Bukowski ed allo splendore spietato del suo stile, alla focalizzazione brutale - e vetrina nella sua intransigente durezza - di un mondo in cui sembra essere stata uccisa la pietà. Arnò compie senza ambagi la sua discesa negli inferi;  e vince la sua scommessa narrativa in virtù di una lingua modernissima, feroce e pietosa nella mimesi della violenza, speculare al mondo che ritrae, e spinosa anche quando sembra stemperarsi nell’ironia.

  • Anassilaos: martedì 25 giugno allo Spazio Open il terzo incontro dedicato a Leonardo

    Si terrà martedì 25 giugno alle ore 18,00 presso lo Spazio Open il terzo degli incontri che l’Associazione Culturale Anassilaos dedica a Leonardo da Vinci nel 5° Centenario della morte (1452-1519). Tema della conversazione dell’Arch. Salvatore Scaramozzino, Responsabile Architettura dell’ Associazione Anassilaos, "Leonardo da Vinci Architetto", un aspetto dell’attività del maestro fiorentino non molto conosciuto ai più eppur significativo per comprendere la complessità dell’opera del Vinciano. Al punto 10 della lettera inviata a Ludovico il Moro, una sorta di curriculum dell’epoca, nella quale Leonardo indicava al Duca di Milano le sue capacità, il maestro fiorentino scriveva “In tempo di pace credo satisfare benissimo ad paragon di omni altro in architectura, in compositione di aedificii et publici et privati, et in conducer aqua da uno loco ad uno altro”.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.