unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSProposte dei Consulenti del lavoro per rilancio del Paese

Proposte dei Consulenti del lavoro per rilancio del Paese

Pubblicato in NEWS Martedì, 10 Settembre 2019 11:33

Liberare risorse per abbassare il cuneo fiscale così che le aziende tornino ad investire e favorire le assunzioni. Questa è solo una delle proposte presentate dai Consulenti del lavoro ad agosto 2019. L’introduzione del salario minimo legale in un Paese in cui l’economia ristagna rischia, invece, di aumentare la pressione fiscale e di far perdere di vista il tema cruciale di questi anni post crisi: i mancati investimenti in infrastrutture e tecnologia per rendere più competitive le nostre aziende e più attrattivo il nostro Paese per investitori stranieri.

La perdita di posti di lavoro e di ricchezza nazionale in termini di Prodotto interno lordo, la rinuncia ad un vantaggio competitivo figlio delle grandi dorsali dei trasporti e di una più agevole mobilità delle merci sono solo alcune delle conseguenze possibili. Agganciare il futuro dell’Italia alle Grandi opere, però, non è l’unica grande sfida della nostra economia. In un Paese con una disoccupazione al 10% (in calo rispetto al passato ma pur sempre superiore alla media europea), viviamo il paradosso che sempre più aziende non trovano lavoratori adeguatamente formati rispetto alle esigenze di mercato. È recente la denuncia di Fincantieri circa la difficoltà di trovare 6000 lavoratori specializzati. Qualche settimana fa era stata, invece, Altagamma, la fondazione che riunisce le imprese dell’alta industria culturale e creativa italiana, a lamentare la mancanza di candidati per oltre 236 mila posti di lavoro nei prossimi anni. Ancora più indietro nel tempo, anche il Bollettino AnpalUnioncamere metteva a fuoco come nei prossimi 5 anni l’industria avrà necessità di 469 mila tecnici. Investire sulla formazione dei disoccupati per ricollocarli nel più breve tempo possibile appare una sfida soprattutto economicamente sostenibile. A beneficiarne sarebbe tutto il sistema: i lavoratori non più disoccupati, le aziende non costrette a far fare i doppi turni ai loro dipendenti, le casse dello Stato non più costrette a finanziare la spesa in politiche passive. La flat tax, come tutto ciò che ha la finalità di abbassare le tasse, non può che essere salutata con favore. Ma non è l’unica strada percorribile. Mettere il lavoro al centro dell’economia è invece una condizione necessaria per favorire l’inclusione e la crescita di tutto il sistema Paese. Tutto il documento presentato dai Consulenti del lavoro è disponibile sul sito www.consulentidellavoro.it.

Reggio Calabria lì, 10.09.2019

Ufficio stampa
Fondazione Studi Consulenti del Lavoro

Letto 40 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Consulenti del Lavoro: assunzione di beneficiari del RdC, ecco le istruzioni INPS

    Giungono chiarimenti dall'INPS (circolare n.104/19) sull'incentivo per i datori di lavoro che assumono, con contratto a tempo pieno e indeterminato, i beneficiari del Reddito di cittadinanza (Rdc). In tali casi e a precise condizioni, il datore ha diritto all’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a suo carico e a carico del lavoratore (esclusi i premi INAIL) nel limite dell’importo mensile della misura spettante al lavoratore all’atto dell’assunzione, con un tetto mensile di 780 euro. La durata dell’incentivo varia in funzione del periodo di fruizione del Rdc già goduto dal lavoratore assunto.

  • Incontro con l’autore: un doppio appuntamento per i Consulenti del Lavoro

    Si è tenuto nei giorni scorsi un appuntamento organizzato dal Consiglio dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Reggio Calabria dal titolo “Incontro con l’autore”. Un appuntamento molto atteso dalla categoria che ha presentato in riva allo stretto due testi pensati e curati interamente da Consulenti del Lavoro. All’evento, coordinato dal Presidente Flaviana Tuzzo, hanno partecipato fino a tarda sera molti colleghi, reggini e non, oltre a rappresentanti istituzionali del mondo del lavoro calabrese. Due le sessioni di lavoro: la prima dedicata al libro scritto dai colleghi Beniamino Scarfone e Giuseppe Buscema “Le origini dello stato sociale in Italia – La normativa tra il 1920 e il 1940”, ed edito da Eurilink e la seconda dedicata alla pubblicazione curata dalla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, e fortemente voluta dal suo Presidente Rosario De Luca, “Sui sedili posteriori: la nuova libertà di Antonino Bartuccio”.

  • Consulenti del Lavoro: Bonus Sud, al via le domande all’Inps

    Il Bonus Sud può ripartire, è possibile inviare le domande telematiche per le assunzioni del 2019 con procedura IOSS. A pochi giorni dalla pubblicazione del Decreto Anpal n. 311/2019, che ha recepito il cd. decreto crescita in merito all'Incentivo Occupazione Sviluppo Sud, l'Inps ha fornito le istruzioni per la fruizione di questo bonus con la circolare n. 102/19, confermando definitivamente le agevolazioni anche per le assunzioni avvenute dal 1° gennaio al 30 aprile 2019. Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha pubblicato la circolare n.13/19 contenente una serie di FAQ pratiche che possono agevolare la comprensione dei numerosi provvedimenti introdotti con la manovra finanziaria del 2019 per incentivare l'avvio di nuovi rapporti di lavoro nelle regioni del Mezzogiorno.

  • Doppio Incontro con l'Autore organizzato dai Consulenti del Lavoro presso l'A Gourmet L'Accademia

    L’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Reggio Calabria, il prossimo lunedì 29 luglio, organizza un evento dal titolo “Incontro con l’Autore” durante il quale sarà presentato il libro scritto dai CdL Beniamino Scarfone e Giuseppe Buscema dal titolo “Le origini dello stato sociale in Italia – La normativa tra il 1920 e il 1940”, edito da Eurilink, già presentato all’ultimo Festival del Lavoro che si è svolto durante lo scorso mese di giugno al MiCo di Milano.
    A seguire si terrà un incontro con Rosario De Luca, Presidente di Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, che presenterà la pubblicazione: ”Sui sedili posteriori: la nuova libertà di Nino Bartuccio”.

  • I Consulenti del Lavoro intervengono sulla questione Hospice

    I Consulenti del Lavoro della provincia di Reggio Calabria, insieme a tutte le articolazioni sindacali ed associative, intendono esprimere grande preoccupazione rispetto alla chiusura dell’ Hospice reggino.
    “La struttura di Via delle Stelle, aldilà dei tecnicismi burocratici che non possono e non devono passare in secondo piano, ha un alto impatto sociale per il nostro territorio rappresentando, in molti casi, l’unica possibilità per i pazienti terminali ed i loro congiunti per affrontare con dignità un momento così difficile. La fine della vita, infatti, è un momento che ognuno vive in modo diverso: ogni individuo ha esigenze differenti, sia per quanto riguarda l’informazione sia per quanto concerne il sostegno fisico e psicologico. I pazienti ed i familiari, fino ad oggi, presso la struttura di via delle stelle hanno trovato risposte a domande e preoccupazioni da un team di professionisti che hanno sempre messo al centro l’uomo e la sua dignità aldilà degli aspetti meramente sanitari.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.