unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSSolidarietà a Don Davide Imeneo dalle associazioni

Solidarietà a Don Davide Imeneo dalle associazioni

Pubblicato in NEWS Venerdì, 02 Agosto 2019 18:48

Apprendiamo da una nota stampa che è stata recapitata a Don Imeneo una lettera di minacce a firma di un fantomatico gruppo denominato “Riscossa Arcobaleno”. Stigmatizziamo l’accaduto ed esprimiamo piena solidarietà per le parole becere e violente che sono
state rivolte al Direttore de L’Avvenire. Come associazioni scriventi, ripudiamo con forza qualsiasi tipo di violenza e discriminazione. 

Reggio Calabria 2 agosto 2019
Arcigay I due Mari Reggio Calabria RC
Agedo RC

Altre note di vicinanza e solidarietà a Don Davide Imeneo sono giunte in redazione:

Il Presidente Nazionale Cav.Dott. Lorenzo Festicini insieme al Presidente del Comitato Scientifico Mons. Paolo Cartolari e a tutti i Membri dell'Istituto Nazionale Azzurro esprimono piena vicinanza a Don Davide Imeneo, direttore de L'Avvenire di Calabria e dell'Ufficio di Comunicazioni Sociali della Diocesi di Reggio calabria-Bova per il vile atto intimidatorio subito e colgono l'occasione di esprimere piena gratitudine per l'encomiabile lavoro portato avanti dal Prelato.
--
Segretario Nazionale
Salvatore Presentino

Apprendiamo dalla stampa che don Davide Imeneo – sacerdote, direttore de "L'Avvenire di Calabria" e dell'Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi Reggio-Bova – ha ricevuto pesanti minacce di morte attraverso un biglietto firmato da parte di un gruppo non meglio identificato come Riscossa Arcobaleno. I "Tua madre doveva abortirti. Ti abortiremo noi. Prete di merda" sono le parole cariche di odio e di violenza che il sacerdote si è visto recapitare probabilmente colpevole di aver sostenuto pubblicamente posizioni a favore della famiglia naturale e della vita in perfetta continuità e coerenza con gli insegnamenti della Chiesa Cattolica.

Non possiamo tacere la nostra preoccupazione di fronte a tale brutale gesto frutto di un clima di intolleranza da sempre alimentato da frange ideologizzate del mondo progressista le quali, invece di cercare un confronto civile, continuano a demonizzare in maniera esasperante chiunque abbia un pensiero diverso. Nell'attesa che la magistratura faccia chiarezza sull'episodio, ci auguriamo che i toni possano presto raffreddarsi per un confronto rispettoso della pluralità delle opinione e della dignità delle persona.

A don Davide Imeneo va la nostra piena solidarietà e tutto il sostegno della comunità di "ProVita&Famiglia", già Generazione Famiglia.

 

Francesco Marrara – portavoce 'Generazione Famiglia' circolo di Reggio Calabria
 

Letto 126 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Minacce al direttore dell'Avvenire, Siclari (FI): odio ingiustificato, vicino a Don Davide Imeneo

    «L'odio genera odio ed è per questo che condanno vivamente il vile gesto indirizzato al direttore dell'Avvenire Don Davide Imeneo. La tolleranza e il confronto sono le uniche armi che dobbiamo mettere in campo quando si parla di diversità. È impensabile che ancora oggi si possa leggere una frase come quella destinata a Don Davide. Poche battute cariche di odio che non lasciano sperare in alcun tipo di confronto civile e umano». Il senatore forzista Marco Siclari sgomentato dopo aver letto le minacce contenute nella missiva, firmata da 'Riscossa Arcobaleno', depositata all'interno della buca delle lettere della redazione de L'Avvenire di Calabria, esprime solidarietà e vicinanza al direttore Don Imeneo.

  • Si dimette parte del Direttivo del Comitato ARCIGAY I Due Mari Reggio Calabria

    Questa lettera incarna un percorso di riflessione che dura da mesi e attraverso il quale ognuno di noi ha avuto modo di “guardarsi allo specchio” e di fare le proprie valutazioni, sia riguardo all’impegno personale di ognuno, sia riguardo la strategia e l’azione politica del Comitato ARCIGAY I Due Mari. Un percorso che abbiamo l’urgenza di comunicare dopo le recenti note e commenti usciti a margine del Reggio Calabria Pride 2019.
    Lo scorso 27 luglio si è svolta, infatti, la tappa reggina dell’Onda Pride, tesa a portare nelle piazze italiane la realtà delle comunità LGBTI+, a mostrare la propria esistenza e a proseguire un percorso di rivendicazione di diritti e di cittadinanza attiva che, in un’Italia dal clima sempre più rissoso, polarizzato ed estremo, intende contrastare l’odio, la discriminazione e la violenza gratuita, tanto nella vita reale, quanto in quella digitale.

  • Siglato protocollo d'intesa fra Città metropolitana, ArciGay ed Agedo

    Firmato un protocollo d’intesa tra la Città Metropolitana di Reggio Calabria, l’Agedo e l’ArciGay “Due mari” per rafforzare i concetti di uguaglianza e «consentire ad ogni persona la libera espressione e manifestazione del proprio orientamento sessuale e della propria identità di genere prevenendo e superando le situazioni, anche potenziali, di discriminazione».
    Nei saloni di Palazzo Alvaro, il sindaco Giuseppe Falcomatà, insieme al vicesindaco Riccardo Mauro, hanno stipulato un’intesa con le associazioni che difendono e tutelano i diritti degli omosessuali e delle loro famiglie, rappresentate da Mirella Giuffrè e Michela Calabro.

  • In Pinacoteca la presentazione del Reggio Calabria Pride 2019

    Le associazioni Arcigay I due Mari e Agedo RC sono liete di annunciare che giorno 18 maggio alle ore 16,00 presso la Pinacoteca civica di Reggio Calabria verrà presentata in conferenza stampa la manifestazione Reggio Calabria Pride 2019 che si terra il 27 luglio.
    Durante la conferenza stampa presenteremo il manifesto politico, il logo, lo slogan, le associazioni che stanno promuovendo l’iniziativa e gli eventi culturali che verranno realizzati nelle settimane precedenti alla Parata finale. Per l’occasione saranno presenti i rappresentanti istituzionali locali e regionali, il presidente nazionale Arcigay Luciano Lopopolo e il presidente nazionale Agedo Fiorenzo Gimelli.

  • Al Castello "Omocausto, ieri e oggi" incontro con Giovanni Dall'Orto

    A conclusione del ciclo d'iniziative associate alla mostra "Adelmo e gli Altri, Confinati omosessuali in Lucania", organizzata dall'A.GE.D.O. , l'ANPI e l'ARCI Gay, nella sala conferenze del Castello, si è tenuto il dibattito pubblico sul tema " OMOCAUSTO, ieri e oggi", con la partecipazione del giornalista Giovanni Dall'Orto.
    Dall'Orto ha spiegato come siano cambiati il modo in cui le minoranze, sono state trattate nel corso della storia, partendo proprio dal concetto di diverso, che veniva messo in circolazione dal regime fascista, e di come venissero considerati, in modo differente anche le cosiddette minoranze.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.