unci banner

compra calabria

Sei qui: HomeNEWSStrutture psichiatriche reggine: continua il presidio dei lavoratori

Strutture psichiatriche reggine: continua il presidio dei lavoratori

Pubblicato in NEWS Mercoledì, 15 Maggio 2019 08:05

La giornata di ieri, martedì 14 maggio, ha visto un presidio continuo dei lavoratori delle strutture psichiatriche, dell’Usb e del Coo.La.P., che rivendicano le spettanze inevase dall’inizio dell’anno.
Nel corso del presidio, che ha visto anche momenti di forte tensione, una delegazione ha incontrato il Prefetto Meloni e il Dr. Giordano della terna commissariale. La comunicazione data dai due commissari ha del grottesco: non possiamo sapere quando si potranno pagare le fatture dei servizi regolarmente prestati perché bisogna rispettare la legalità.

È uno strano concetto però questo di legalità per chi, come Usb e Coo.La.P., denuncia da tempo le storture del settore psichiatrico della provincia reggina, da ben prima che la Procura reggina avviasse un’inchiesta su questa gestione.
Illegale per noi è non preoccuparsi della vita di 180 pazienti psichiatrici. Illegale per noi è infischiarsene delle gravi difficoltà dei circa 200 operatori, molti monoreddito, che nonostante tutto continuano a prendersi cura dei degenti. Illegale per noi è affidare un servizio così delicato con tanto di decreto commissariale e poi dire che non ti posso pagare.
Oggi il presidio continuerà davanti agli uffici della Direzione dell’Asp in Via Diana, mentre una delegazione incontrerà il Gen. Cotticelli a Catanzaro, a ricordare che non ci può essere rispetto delle leggi senza il rispetto della dignità delle persone, specialmente quando così vulnerabili, e dei lavoratori.

Reggio Calabria, 15.05.2019
USB Reggio Calabria
Coo.La.P.

Letto 144 volte

Articoli correlati (da tag)

  • I servizi psichiatrici tornano a manifestare il prossimo 23 luglio in via Diana

    Il Coo.la.p (coordinamento lavoratori psichiatria) comunica che giorno 23 luglio alle ore 10:00 tornerà, insieme a tutti i lavoratori del settore, a manifestare presso la sede della direzione generale dell’Asp sita in via Diana. Il coordinamento vuole sottolineare che tale decisione è nata dal mancato pagamento degli stipendi arretrati e che sono stati vani i tanti tentativi di dialogo atti a capire e a risolvere tale questione. Il settore psichiatrico, con la mediazione e la costanza del Coo.la.p., è riuscito a risolvere problemi atavici che si protraevano da anni, ma a quanto pare questo non è bastato per cambiare il farraginoso iter burocratico che si arena in circostanze, mentalità e meccanismi non sempre tecnici.

  • Hospice Via delle Stelle: garantire lavoratori e livelli assistenziali

    È stata una risposta univoca e inequivocabile quella registrata ieri nel corso della conferenza stampa, indetta dalla Fondazione "Via delle stelle", da parte della cittadinanza reggina. Troppo forte il timore di perdere la possibilità di poter continuare ad usufruire dell'eccellente Servizio di Cure Palliative Specialistiche, garantito dall'Equipe dedicata multidisciplinare - formata per erogare cure palliative oncologiche e non - che in questi 12 anni ha preso in carico persone affette da patologie a prognosi infausta e loro familiari, nei 4 setting assistenziali (hospice, day hospice, ambulatorio e assistenza domiciliare).

  • L’11 giugno USB in piazza a Locri al fianco di Mimmo Lucano e del modello Riace

    Martedì 11 giugno si aprirà a Locri il processo a Mimmo Lucano e altre 26 persone. L’accusa, a vario titolo, è di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e abuso d’ufficio. Un processo, questo, che rappresenta l’ultima tappa di un percorso, iniziato qualche anno fa, teso a demolire e demonizzare il “modello Riace”, la particolare esperienza di accoglienza e integrazione a profughi e migranti che ha reso il piccolo borgo calabrese famoso in tutto il mondo.
    Ma se è normale che le istituzioni preposte controllino le regolari procedure per la gestione dei fondi pubblici - e nel caso di irregolarità si comportino di conseguenza - quello che è anormale in questa vicenda sono le modalità con cui si è sviluppata e diffusa:

  • Soumaila Sacko un anno dopo: il ricordo e le proposte di USB per non dimenticare

    Ci sono morti impossibili da dimenticare, nonostante tutto, nonostante tutti. Lo è quella di Soumaila Sacko, il bracciante e sindacalista USB ammazzato il 2 giugno dello scorso anno a San Calogero (VV), mentre raccoglieva vecchie lamiere nella ex fornace “La Tranquilla”, sequestrata da anni e considerata una delle discariche più pericolose d’Europa.
    A distanza di un anno sono state perciò la commozione e la rabbia a caratterizzare l’iniziativa che l’Unione Sindacale di Base ha voluto per ricordare Soumaila. Commozione e rabbia ancora più forti oggi, quasi tre mesi dopo che le ruspe elettorali di Salvini hanno spianato a San Ferdinando (RC) la baraccopoli in cui Soumaila fu tra i primi ad avviare il processo di sindacalizzazione dei braccianti agricoli della Piana di Gioia Tauro.

  • Riflessioni di un Educatore dei servizi psichiatrici di Reggio Calabria: “la burocrazia senz'anima e le sue maschere”

    Sono Giuseppe Foti, un educatore dei servizi psichiatrici di questa città, sanamente imperfetto come mi piace definirmi. Da molto tempo, il settore psichiatrico ed il sociale in genere, sono stati messi in ginocchio da innumerevoli problematiche, divulgati più volte per mezzo stampa e dai vari media. La mia riflessione vuole essere un personale punto di vista, nato dall’esigenza, direi stringente, di condividere un pensiero in merito alla questione, e questo attraverso la personale analisi della definizione di burocrazia senza anima e delle sue conseguenziali e infinite maschere. Per fare ciò, ho volutamente e rispettosamente, preso spunto dal libro della politologa e filosofa, Hannah Arentd, perché il suo pensiero è più che mai attuale e si addice perfettamente al momento socio/politico che viviamo quotidianamente da anni.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.