unci banner

:: NEWS

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Finale col botto per l’International Fashion Week 2019: il successo della seconda serata di sfilate

Cala il sipario sulle sfilate della IV edizione dell’International Fashion Week. Un successo di talenti, ospiti e pubblico per l’evento promosso dalla Camera Nazionale Giovani Fashion Designer in collaborazione con...

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Orto e Mangiato: l’orto della Comunità Sant’Arsenio

Da 5 anni portiamo avanti come cooperativa Comunità Sant’Arsenio la sperimentazione del progetto “Orto e Mangiato”, un orto Comunitario: piccoli appezzamenti di terreno “affittati” a servizio di “nuovi contadini”. Negli...

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Arsac: Il suino nero di Calabria è risorsa e volano di sviluppo dell’agricoltura calabrese

Nell’Ottocento un romanziere inglese scriveva che “qui, dovunque mi volgessi, incontravo maiali neri e magri che grugnivano, sgambettavano e strillavano”. Parlava del suino nero di Calabria, un maiale che si...

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Si sa, gli dei amano le rose. Coloro che, domenica scorsa, sfidando pioggia, fulmine e saette previsti al sud, sono arrivati alla Casa delle Erbe, ad Antonimina, hanno potuto verificarlo....

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

“Questo lungomare ci racconta su cosa deve puntare il nostro territorio: cultura, bellezza e legalità”. Così, nella giornata di ieri, il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà ha inaugurato il nuovo Waterfront...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAA Palazzo Corrado Alvaro focus su "Populismo e linguaggio dell'odio"

A Palazzo Corrado Alvaro focus su "Populismo e linguaggio dell'odio"

Pubblicato in POLITICA Venerdì, 11 Gennaio 2019 21:17

di Giusi Mauro - A Palazzo Corrado Alvaro sede della Città Metropolitana, si è trattato di uno degli argomenti che da qualche tempo è tra i più ‘gettonati’. Non vi è trasmissione televisiva, talk, giornali che ciclicamente – da quando con le ultime elezioni si è registrata una netta preferenza da parte degli italiani per partiti e movimenti come quello dei 5 Stelle e della Lega- ripropongano la questione del ‘Populismo’. Un ‘tema, di grande attualità che l’Ufficio del Consigliere delegato alla Cultura per la Città Metropolitana, rappresentato da Filippo Quartuccio, ha voluto affrontare insieme ai cittadini ed a personalità politiche e del mondo della cultura per discutere del rinnovato interesse in queste forme di pensiero che si pensava ormai sbiadite e del linguaggio di odio che viene veicolato attraverso la propaganda politica.

Un incontro, moderato dal giornalista Mario Meliadò, che ha visto intervenire: il consigliere Metropolitano Filippo Quartuccio, il Presidente del Consiglio Comunale di Reggio Calabria Demetrio Delfino, il Sindaco Giuseppe Falcomatà, il Sindaco di CInquefrondi Michele Conia, il Sindaco di Staiti Giovanna Pellicanò, l’Assessore Comunale Anna Nucera e il professore di PHD pensiero Politico dell’Università di Catania Gianfranco Cordì. La storia si sa, è fatta di corsi e ricorsi. È come la moda. Un capo d’abbigliamento, come un pensiero politico, in auge negli anni Venti, può capitare ritorni a fare capolino nel XXI secolo. Ovviamente, queste rivisitazioni subiscono sempre delle piccole ma significative modifiche nel corso del tempo, come è ovvio, se paragoniamo il populismo dei primi della fine del diciannovesimo secolo agli inizi del ventesimo, quando nacque. È tutta un’altra storia. Il populismo, nacque nella Russia della fine del XIX secolo come movimento culturale e politico e si proponeva di raggiungere, attraverso l’attività di propaganda e proselitismo svolta dagli intellettuali presso il popolo e con una diretta azione rivoluzionaria (culminata nel 1881 con l’uccisione dello zar Alessandro II), un miglioramento delle condizioni di vita delle classi diseredate, specialmente dei contadini, e la realizzazione di una specie di socialismo rurale basato sulla comunità agricola russa, in antitesi alla società industriale occidentale. È stato poi interpretato come un atteggiamento ideologico che, sulla base di principî e programmi genericamente ispirati al socialismo, esalta in modo demagogico e velleitario il popolo come depositario di valori totalmente positivi. Ma cosa c’è di tanto ‘pericoloso’ in questo pensiero? Questo ‘movimento ideologico/politico, come spiega il professor Cordì, fa “leva sul malcontento del popolo”. Sfrutta la condizione di precarietà che un paese, una società, e quindi l’individuo percepisce facendo leva sul senso di frustrazione che ne deriva trasformando questo sentimento in rabbia che provoca, senso di protezione del proprio territorio e quindi chiusura. A spiegare meglio, questo ‘timore’ sentito da molti, sono le parole del Santo Padre che proprio pochi giorni fa, in un suo discorso ha ricordato il «periodo tra le due guerre mondiali», quando «le propensioni populistiche e nazionalistiche prevalsero sull’azione della Società delle Nazioni». Francesco è preoccupato perché «il riapparire di tali pulsioni sta indebolendo il sistema multilaterale, con l’esito di una generale mancanza di fiducia, di una crisi di credibilità della politica internazionale», e di una «progressiva marginalizzazione dei membri più vulnerabili della famiglia delle nazioni». Il Pontefice è in apprensione per il «riemergere delle tendenze a far prevalere e a perseguire i singoli interessi nazionali senza ricorrere a quegli strumenti che il diritto internazionale prevede per risolvere le controversie e assicurare il rispetto della giustizia». Negli anni tra i due conflitti planetari del secolo scorso le propensioni populistiche e nazionalistiche prevalsero sull’azione della Società delle Nazioni e «il riapparire oggi di tali pulsioni sta progressivamente indebolendo il sistema multilaterale, con l’esito di una generale mancanza di fiducia, di una crisi di credibilità della politica internazionale e di una progressiva marginalizzazione dei membri più vulnerabili della famiglia delle nazioni. Compito di quella ‘politica’ avvertita dai cittadini come elitaria e troppo distante dalle esigenze del popolo è quello di mettere in guardia da chi si “traveste da amico”, come ricorda Delfino, “non basta farsi vedere mangiare la pizza o l’arancino e poi dire che non si è salvato la Banca ma i risparmiatori”. Bisogna fare attenzione alle parole, non è detto che perché luccica si stia per forza guardando un diamante. Compito della politica è quello di informare e riacquistare credibilità e contatto con i propri elettori.

Rc 11 gennaio 2019

Letto 237 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Plauso di Quartuccio per riconoscimento in Toscana ai ragazzi dell'Orchestra Vitrioli - Principe di Piemonte

    “Orgoglio e gratitudine i sentimenti che, da cittadino e consigliere delegato alla cultura, mi sento di esprimere in merito al successo dei ragazzi del Vitrioli che hanno conseguito il primo premio, in Toscana, al concorso Nazionale di musica”.
    Queste le parole del Delegato Metropolitano Filippo Quartuccio, commentando il recente successo dell’Istituto Comprensivo “Vitrioli – Principe di Piemonte” di Reggio Calabria, primo classificato assoluto, con la sua Orchestra Giovanile, alla XX Rassegna Musicale Nazionale Città di San Vincenzo.

  • Filippo Quartuccio ricorda l'artista Demetrio Aroi

    «Demetrio Aroi: artista musicale, storia della musica popolare reggina, uomo buono ed altruista». Così, Filippo Quartuccio, consigliere metropolitano delegato alla Cultura, ricorda il musicista recentemente scomparso che «ha speso tutta la sua vita – afferma ancora l’esponente politico - in favore della tradizione popolare e folklorica della nostra terra valorizzando e promuovendo quel concetto importante di identità di cui, spesso, sentiamo soltanto parlare».
    «Il mondo della cultura musicale popolare – aggiunge Filippo Quartuccio – perde una grande risorsa, un autentico punto di riferimento per coloro i quali si approcciano ad un genere tanto unico e particolare, espressione profonda ed autentica delle nostre radici e della cultura calabrese».

  • Quartuccio chiede alla Commissione Toponomastica l'intitolazione di un luogo pubblico alla memoria di Teresa Cordopatri

    Reggio Cal. 2 Maggio - La storia della baronessa Cordopatri, eroina calabrese degli Anni Novanta e simbolo della resistenza all'illegalità della società civile, è la testimonianza della parte bella, genuina ed autentica della Calabria che lotta per la libertà, per l'affermazione del principio di legalità e contro l'indifferenza dello Stato, così afferma il consigliere comunale di Reggio Calabria Filippo Quartuccio, all’indomani della visita del giovane amministratore ai familiari reggini. 
    Questa storia - prosegue - è un patrimonio collettivo che, indistintamente dal colore politico, va difeso, ricordato e valorizzato. Questo è il messaggio che Quartuccio da giovane, da cittadino e da rappresentante istituzionale vuole inviare ai reggini e alle giovani generazioni.

  • La presidenza del Consiglio Comunale, ricorda la figura del santo patrono con un evento dal titolo “In Onore di San Giorgio”

    La presidenza del Consiglio Comunale, ricorda la figura di San Giorgio con un interessante evento dal titolo “In Onore di San Giorgio”.
    Il Presidente del Consiglio, Demetrio Delfino, ha fortemente voluto nel giorno dedicato al Santo Patrono della Città di Reggio Calabria, mettere in evidenza San Giorgio, chiamando a rappresentarlo in musica il Cantastorie Fulvio Cama e tramite la narrazione il Prof. Daniele Castrizio che illustreranno la storia del Santo in maniera singolare e fin qui poco conosciuta.

  • Tour Bronzi di Riace: l'intervento del consigliere Filippo Quartuccio

    Reggio Calabria. Sulla proposta dei consiglieri Greco e Ciconte di spostare i Bronzi di Riace è intervenuto Filippo Quartuccio, consigliere delegato alla Cultura della Città Metropolitana. "Non posso omettere di eccepire la posizione assunta dai consiglieri regionali Ciconte e Greco rispetto l’opportunità di procedere ad un tour mondiale dei Bronzi di Riace per un fantomatico

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.