unci banner

:: Evidenza

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Tonnara di Palmi: sequestrati 100 kg di pescato

Reggio Calabria. Nel corso di una operazione effettuata nei giorni scorsi, nell’ambito dell’ordinaria attività di controllo del territorio, i militari della Capitaneria di porto di...

Comune di Melito Porto Salvo: nuova ordinanza di divieto balneazione

Comune di Melito Porto Salvo: nuova ordinanza di divieto balneazione

Melito Porto Salvo. Nuova ordinanza di divieto di balneazione a Melito Porto Salvo. In data odierna il sindaco Giuseppe Meduri VISTA la comunicazione prot. 15.01.02...

Polizia di Stato: arrestato un 23enne per “omicidio stradale”

Polizia di Stato: arrestato un 23enne per “omicidio stradale”

Reggio Calabria. Ieri, personale del Distaccamento di Polizia Stradale di Brancaleone ha tratto in arresto un 23enne di Locri, S.D., responsabile del reato di Omicidio...

A Palazzo Campanella l'Assemblea pubblica della Commissione Regionale Pari Opportunità

A Palazzo Campanella l'Assemblea pubblica della Commissione Regionale Pari Opportunità

Prosegue l’impegno della CRPO per approfondire gli strumenti necessari nel percorso di realizzazione dell’uguaglianza di genere nelle rappresentanze istituzionali e, più in generale, nei luoghi...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAAlessandro Nicolò su ritardi Agenzia di Gioia Tauro

Alessandro Nicolò su ritardi Agenzia di Gioia Tauro

Pubblicato in POLITICA Giovedì, 12 Ottobre 2017 16:14

“La denuncia di autorevoli sigle sindacali sui ritardi dell’Agenzia per il ricollocamento dei quasi quattrocento lavoratori portuali in esubero, testimonia quanto sia grave l’incertezza sul futuro di Gioia Tauro e non strumentali e demagogiche le nostre preoccupazioni esternate in merito”. Lo afferma in una nota il capogruppo di Forza Italia Alessandro Nicolò.

“A scanso di equivoci e per evitare, come al solito, di essere accusati dalla maggioranza di centrosinistra di fare polemiche ‘politiche’– sottolinea Alessandro Nicolò – il problema del finanziamento dell’Agenzia è uno dei nodi a tutt’oggi non ancora risolto, causa fondamentale per gestire l’accordo a suo tempo siglato con Mct, con il quale, appunto, si era dato corso ad una profonda ristrutturazione dell’utilizzo del personale in servizio al porto. La Regione viene criticata oltre che da esponenti politici anche da organizzazioni sindacali per le tante inadempienze accumulate in questa legislatura rispetto a una azione di governo discutibile, sia nel metodo che nel merito, per quello che riguarda l'auspicata progettualità, della quale non si vede traccia, e per la tutela dei diritti negati dei quali si ha riscontro negli incomprensibili ritardi che si stanno nel tempo accumulando e che infondono malumori e preoccupazioni anche in quei quattrocento portuali e nelle loro famiglie, trovatisi all’improvviso senza lavoro e senza reddito.

Pertanto, Regione e Governo in merito alla questione dei portuali devono agire con assoluta urgenza e, di pari passo, accelerare i tempi di azione rispetto all’attuazione della Zes, imperdibile opportunità di crescita per il distretto logistico-industriale dell'area di Gioia Tauro e per l'intera Calabria, sulla scia di esperienze virtuose come il modello polacco. Nell'ambito di una realtà collegata alla rete transeuropea, gli incentivi fiscali, doganali, finanziari e di semplificazione amministrativa contemplati nella zona economica speciale, avranno l'effetto di attrarre nuovi insediamenti produttivi con il contestuale rafforzamento delle imprese già operanti in loco, facendo fuoriuscire da una spirale economica negativa territori storicamente depressi come la Calabria nel segno della crescita e dell'occupazione. Grazie infatti ai nuovi investimenti discendenti dalla Zes (la dotazione per i prossimi 3 anni ammonta a 200 milioni di euro), si potrebbero creare così anche le condizioni per ricollocare le maestranze che a tutt'oggi sono preoccupate per la loro stabilità lavorativa”.

fd                                                                           L’Ufficio Stampa

Rc 12 ottobre 2017

Letto 69 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Regione Calabria e legge Madia. Nicolò: "Sussistono le condizioni per stabilizzare i lavoratori precari?"

    Reggio Calabria. "Sussistono le condizioni giuridiche per l’applicazione della legge Madia ai fini della stabilizzazione dei lavoratori già dipendenti di Enti o altri organismi pubblici o pubblico-privati al cui capitale sociale partecipa direttamente la Regione Calabria?" E’ quanto chiede di sapere il consigliere regionale Alessandro Nicolò che, sull’argomento, aveva presentato una

  • Interrogazione di Nicolò sulla stabilizzazione dei precari ex Sogas

    “Non vi può essere alcun rilancio dell’aeroporto senza una politica del personale che tenga anche conto delle professionalità acquisite e di quanti da tempo sono precari”. Lo afferma in una nota il Consigliere regionale di FdI Alessandro Nicolò, il quale stamane ha depositato un’interrogazione indirizzata al Presidente della Giunta regionale per chiedere chiarezza in merito.“I processi di stabilizzazione attuati dalla Sacal riguardo all’Aeroporto dello Stretto – continua Alessandro Nicolò – non soddisfano le esigenze legittime dei lavoratori e dei dipendenti che aspettano da lungo tempo di essere ricompresi a pieno titolo negli organici futuri della società di gestione.

  • Alessandro Nicolò su candidatura Wanda Ferro per la coalizione di centrodestra

    “Profilo autorevole, riconosciuta competenza ed esperienza politico-istituzionale di lungo corso fanno di Wanda Ferro candidato credibile al Governo della Calabria per la coalizione di centrodestra alle prossime elezioni regionali”. È quanto dichiara in una nota il consigliere regionale Alessandro Nicolò. “L’indicazione sul nome di Ferro è coerente con valutazioni pertinenti sia sul piano del metodo che della sostanza, ponendosi in segno di continuità con un progetto politico nel quale abbiamo creduto ed investito tutti, un programma che non è naufragato per ragioni di debolezza politica o organizzativa, ma solo per il contesto contingente e la posizione di svantaggio da cui, alle ultime consultazioni regionali, partivamo, profilandosi, già ai nastri di partenza, una sconfitta, risultato, diciamo all’epoca,

  • Alessandrò Nicolò su presidio ospedaliero Scilla

    Ancora nessun intervento in ordine alla conversione dell’ex Ospedale di Scilla in “Casa della Salute”. Il consigliere regionale Alessandro Nicolò ha presentato in data odierna una interrogazione al fine di impegnare il governo regionale a intraprendere tutti gli atti necessari a garantire il diritto alla salute, attraverso la conversione del presidio ospedaliero di Scilla in “Casa della Salute”.
    Ovvero, si tratterebbe solo dell’ultimo atto di sindacato ispettivo in quanto già in data 7 dicembre 2017 era stata presentata una mozione in merito ma che ancora oggi è in attesa di discussione.

  • Nicolò torna sulla questione dello svincolo di Laureana di Borrello

    La realizzazione dello svincolo di Laureana di Borrello sembra destinata a non vedere la luce ancora per molti anni.
    L’assessore del ramo competente, a seguito di una interrogazione a risposta scritta presentata dall’On. Alessandro Nicolò, dichiara di aver appreso dall’Anas che la realizzazione dello svincolo in questione, pur essendo prevista nel Contratto di Programma – Piano degli Investimenti 2016-20 approvato dal CIPE nell’agosto del 2017, ha visto rimodulata la priorità attribuita in virtù del fatto che, ad oggi, non risulta ancora concluso il ramo della Pedemontana di Gioia Tauro a cui le opere di svincolo dovrebbero collegarsi.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.