unci banner

:: NEWS

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Divertitevi, siate attenti e curiosi. Guardate oltre voi stessi per cercare nell’altro qualcuno che vi stimoli, vi arricchisca, vi renda più determinati e vi accompagni in questo percorso con la...

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Alla guida della Regione, grazie all'azione concreta di un nuovo movimento e di una classe dirigente che nulla ha a che fare con i disastri del passato. Per uscire dalla...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAAutonomia, Oliverio: occorre un Piano Marshall per il Sud

Autonomia, Oliverio: occorre un Piano Marshall per il Sud

Pubblicato in POLITICA Martedì, 30 Luglio 2019 16:01

"Non sono assolutamente contrario all'autonomia dei territori, ma ritengo che essa debba servire a mettere in moto un circuito virtuoso e non essere, invece, un ulteriore elemento di penalizzazione e di aggravamento degli squilibri". Lo ha detto il presidente della Regione, Mario Oliverio, intervenendo ad un convegno sul tema "La storia per il futuro" che si è svolto ieri sera a Zaccanopoli, in provincia di Vibo Valentia.

"Premetto -ha proseguito Oliverio- che non è mia intenzione sollevare o soffiare su vecchi e nuovi conflitti tra Nord e Sud del Paese. Nell' attuale contingenza il tema è ben altro: la necessità di un rilancio della forza e della capacità di competere dell'intero nostro Paese. Sarebbe un errore storico, di grave miopia politica, se si dovessero consegnare interi sistemi territoriali meridionali ad una condizione di abbandono e marginalità. Per questa ragione sono convinto che l'articolo 116 della Costituzione non possa e non debba essere utilizzato come una sorta di grimaldello per accelerare un'accentuazione degli squilibri e delle differenze. Quando si fa una corsa bisogna partire tutti dalla stessa linea di partenza e non scaglionando le partenze discrezionalmente o assegnando vantaggi e penalizzazioni. Oggi, purtroppo, in Italia ci sono regioni, e sono proprio quelle che rivendicano l'autonomia, del cui sviluppo si è fatto carico per un lungo periodo di tempo l'intero Paese, Calabria compresa. Bisogna prima sanare questo squilibrio e adeguare i livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali agli standard nazionali, poi si potrà parlare di autonomia".

"La negoziazione, quindi -ha aggiunto Oliverio- deve essere complessiva. Non legata soltanto ai crediti vantati dalle regioni, ma anche al debito maturato dal Paese a causa degli investimenti realizzati proprio in quelle aree che oggi rivendicano l'autonomia. Non si può dimenticare che la concentrazione delle risorse al Nord ha prodotto un gap che paga solo il Sud. Faccio un esempio grossolano, per intenderci: la popolazione italiana è concentrata per il 66% nel centro-nord e per il 34% nel Mezzogiorno. A fronte di questo dato le risorse sono così ripartite: al centro-nord vengono assegnate il 71% delle risorse, sei punti in più rispetto alla popolazione; al Mezzogiorno, invece, viene assegnato solo il 28% delle risorse, sei punti in meno che, in termini assoluti significa che il centro-nord riceve ogni anno 61,5 miliardi di euro in più, mentre al Sud la stessa cifra viene decurtata. Ben venga, quindi, l'autonomia differenziata a patto, però, che si pongano sullo stesso nastro di partenza Sud e Nord. 61 miliardi in più o in meno non sono noccioline e creano forti squilibri. Dietro l'assegnazione di queste risorse, infatti, ci sono più e meno servizi, più e meno lavoro, più o meno dotazioni infrastrutturali, ecc. Per questo chiediamo da tempo che ci si metta tutti, Stato, Regioni, forze sociali,ecc., attorno ad un tavolo per creare strumenti che consentano di esercitare l'autonomia in una condizione non squilibrata, tesa a rafforzare la coesione e ad affrontare tutti i nodi irrisolti che limitano lo sviluppo. Solo così i territori potranno esprimere tutte le proprie potenzialità e si potrà affermare un regionalismo solidale".

"Le differenze, la ricchezza delle identità che caratterizzano la Calabria e l'intero Paese -ha concluso Oliverio- hanno bisogno di una visone più ampia per mantenere la coesione e per fare in modo che, attraverso di essa, tutta l'Italia possa avere una crescita solidale. Un Sud meno residuale ma più produttivo e moderno è una convenienza per l'Italia intera. Il Mezzogiorno, messo nelle condizioni di potersi esprimere e di esprimere al massimo le proprie potenzialità potrebbe rappresentare, infatti, una grande risorsa ed un punto di forza per tutto il Paese, ma perché ciò accada occorre mettere in campo, così come ha fatto la Germania per riunificarsi, seri investimenti ed attuare un vero e proprio "Piano Marshall" per il Sud per riequilibrare tutto il Paese e far ripartire i motori dell'economia e dello sviluppo. Altro che egoismi e sperequazioni!". f.d.

ufficio stampa

Rc 30 luglio 2019

Letto 77 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, Oliverio chiede la convocazione del Consiglio regionale

    Il Presidente della Regione, Mario Oliverio, dopo essersi sentito con il Ministro alla Saluto, Roberto Speranza, che si è impegnato a convocare a breve un incontro, ha scritto al Presidente del Consiglio regionale Nicola Irto, ed ai Capigruppo consiliari per sollecitare la convocazione urgente di un Consiglio Regionale straordinario. Di seguito si riporta il testo integrale della lettera inviata al Presidente del Consiglio Regionale e ai Capigruppo consiliari.

  • Il Governatore ha scritto al Ministro della Salute chiedendo un incontro urgente

    Ancora una volta il presidente della Regione, Mario Oliverio, torna ad esprimere preoccupazione per lo stato di emergenza in cui versa il sistema sanitario in Calabria. Questa volta lo fa con una lettera inviata al Ministro della Salute Roberto Speranza. Riportiamo di seguito il testo integrale della missiva:

  • Emergenza rifiuti, nuova ordinanza del Presidente Oliverio

    Il Presidente della Giunta Regionale, Mario Oliverio, ha emanato una nuova ordinanza contingibile ed urgente per fronteggiare la grave situazione igienico sanitaria insorta nel settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani e per scongiurare pericoli per la salute pubblica. Permangono, infatti, difficoltà di reperire nel territorio della regione siti pubblici idonei per la realizzazione dei nuovi impianti di trattamento e delle aree di smaltimento dove conferire gli scarti di lavorazione per come previsto dal Piano regionale di gestione dei rifiuti approvato nel dicembre del 2016 e non hanno raggiunto risultati concreti le gare indette per il conferimento degli scarti di lavorazione in impianti extra regionali.

  • Oliverio: "Il nuovo Governo superi il Decreto-Calabria"

    "La nascita di un nuovo Governo mi auguro possa essere l'occasione per il superamento del D. L. 35/2019, convertito nella legge 60/2019, comunemente detto "Decreto Sanità Calabria". E' quanto afferma, in una nota, il Presidente della Regione, Mario Oliverio.
    "A questo proposito -prosegue la nota- condivido ed apprezzo l'appello che i docenti delle università calabresi hanno rivolto al segretario del mio partito, Nicola Zingaretti. La richiesta di una rinegoziazione del provvedimento, avanzata dai docenti firmatari, interpreta da una parte le motivazioni che hanno indotto i gruppi di opposizione parlamentare al precedente Governo a svolgere una decisa e determinata opposizione al momento della conversione in legge, dall'altra la presa d'atto da parte del Presidente del Consiglio incaricato, prof. Giuseppe Conte, del fatto che il decreto, di fatto, è rimasto inattuato, determinando così una condizione di paralisi e di assoluto abbandono della gestione del servizio sanitario.

  • Il presidente Oliverio ha incontrato il sindaco di San Luca, Bruno Bartolo

    Si è tenuto ieri, presso la Cittadella regionale, un incontro tra il presidente della Regione Mario Oliverio e il sindaco di San Luca, Bruno Bartolo. All’incontro erano presenti anche per la Regione l’assessore alle Infrastrutture Roberto Musmanno e il dirigente generale del Dipartimento Infrastrutture, Lavori Pubblici e Mobilità, Domenico Pallaria, mentre, per il Comune di San Luca, il vicesindaco Francesco Micchia e i tecnici Antonella Catanzariti e Domenico Pellè.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.