unci banner

:: NEWS

Sindacati: Contratti istituzionali di sviluppo, strumento strategico per la Metrocity

Sindacati: Contratti istituzionali di sviluppo, strumento strategico per la Metrocity

Positivo l’incontro di mercoledì scorso in Prefettura, attraverso il quale il Prefetto Massimo Mariani insieme al Sindaco della Città Metropolitana Giuseppe Falcomatà e all’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri, hanno...

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Agosto 2019 - L’estate sta finendo… tempo di bilanci e di ritorno alla routine. C’è chi considera il post vacanze estive come una sorta di nuovo inizio. Carichi di energie...

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

La Calabria ha la sua Miss Cinema. Si tratta di Vanessa Marrara, 22 anni, di Reggio Calabria che, ieri, mercoledì 21 agosto, ha trionfato durante la decima selezione regionale di...

Reggina, Questa vita la dedico a te: sottoscritte 3332 tessere

Reggina, Questa vita la dedico a te: sottoscritte 3332 tessere

Sono 3332 le tessere sottoscritte dall’inizio della campagna abbonamenti 2019/20 “Questa vita la dedico a te”. ieri 21 agosto sottoscritti 50 abbonamenti. Terminata prelazione, non sarà più possibile usufruire dello...

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Venerdì 23 agosto 2019 penultima serata di Rumori Mediterranei, la storica sezione del Roccella Jazz Festival che si tiene al Teatro al Castello, con due straordinari concerti, entrambi produzioni originali...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICABeniamino Scarfone: La "Svolta" reggina verso il dissesto

Beniamino Scarfone: La "Svolta" reggina verso il dissesto

Pubblicato in POLITICA Sabato, 16 Marzo 2019 12:00

A prescindere da ogni personale convinzione, è innegabile che, con cadenza costante, dalle piazze reali e da quelle virtuali, così come dalle associazioni e dalla cosiddetta società civile, si percepisca un senso di smarrimento tangibile per l'andamento attuale della macchina politico-amministrativa che non garantisce servizi idonei ai cittadini.
In questo contesto, lo scorso mese, arriva la pronuncia della Consulta che ha definito incostituzionale la disposizione della Legge di Stabilità 2016 (governo Renzi) poi modificata dalla Legge di Bilancio 2017 (Gentiloni) che ha consentito agli Enti Locali in predissesto di spalmare su trent'anni il ripiano. Nello specifico la disposizione annullata è stata dichiarata in contrasto con gli articoli 81 e 97 della Costituzione sotto tre diversi profili:

violazione dell’equilibrio del bilancio; violazione dell’equità intergenerazionale (per aver caricato sui futuri amministrati gli oneri conseguenti ai prestiti contratti nel trentennio per alimentare la spesa corrente) e violazione del principio di rappresentanza democratica (in quanto sottrae agli elettori e agli amministrati la possibilità di giudicare gli amministratori sulla base dei risultati raggiunti e delle risorse effettivamente impiegate nel corso del loro mandato). Dopo un silenzio assordante (deposito del 14/02/2019 e Pubblicazione in G. U. 20/02/2019 n. 8) a distanza di quasi un mese si è aspettata la Corte dei Conti per attivarsi?
Ma, al di là dell’azione “poco tempestiva” portata avanti, ritorna il refrain dei debiti generati in pregresso e la non responsabilità dell’attuale classe dirigente sullo stato di salute delle casse comunali.
Sorge, però, spontanea una domanda: se in questi anni i debiti sono aumentati (certificati dai bilanci approvati dalla terna commissariale e successivamente dall’attuale amministrazione), nonostante non siano stati pagati i debiti (in base, appunto, alla decisione, adesso cassata, di spalmarli in trent’anni) dove sono andati a finire i soldi incassati? Di servizi la città ne ha visti ben pochi. Basta guardare le condizioni in cui versa, basta analizzare la qualità della vita!
Ultimo, ma non certo isolato, il grido d'allarme giunto dall'Uppi e da Federproprietà che, riferendosi al loro settore di operatività, puntano il dito sul degrado edilizio ed urbanistico. Ma altrettanto sconcerto, per altre motivazioni, potrebbe registrarsi in ogni ambito economico e produttivo: alle ataviche problematiche si aggiungono, infatti, stati emergenziali che abbandonano il canonico significato di circostanza imprevista o di particolare difficoltà momentanea, per assumere i connotati temporali di disagi gravi e così incancreniti da caratterizzare e condizionare negativamente la vita dei reggini. Dalla mancanza d'acqua all'assenza di decoro, passando per strade disastrate e manutenzione generale inesistente, sino alla trasformazione dei portoni privati in discariche personali a causa di un servizio che definire insufficiente sarebbe già un complimento. Una città provata da anni di commissariamento durante i quali la burocrazia ha prevalso sul buon senso di adeguare le azioni al contesto sociale, sì è trovata a dover subire le non decisioni di una classe dirigente poco accorta sia in termini di programmazione a breve termine sia per ciò che concerne lungimiranza nel cercare di fornirle un'identità. Ed un luogo senza identità disorienta, inevitabilmente, i suoi cittadini.
Ogni amministrazione imbastisce percorsi che ritiene idonei al buon avviamento dell'iter immaginato in fase di insediamento, ma, a fronte di determinate situazioni, non sarebbe il caso di attuare un mea culpa e cercare di ritornare sui propri passi cedendo l'amor proprio all'amore per Reggio? I tempi non permettono più di stare 'accoccolati' sulle singole posizioni, arroccati sulla presunzione di essere sempre migliori di altri. La città merita uno scatto di orgoglio; merita che le sue forze migliori non si sentano spaesate e impossibilitate ad ottenere un dialogo proficuo basato su confronti costruttivi; merita che la sua classe dirigente le parli e lo faccia con la massima trasparenza possibile. Un rapporto alla città, che cammini con un rapporto con la città, che faccia sentire i reggini una comunità e non individui isolati, occupati a sopravvivere al degrado nel suo senso più ampio. Se è vero che la bellezza genera bellezza, allora si potrebbe affermare che il brutto generi il brutto. Ma nessuno può essere obbligato a vivere un decadimento causato da inerzia.

Reggio Calabria lì, 16 marzo 2019

In fede
Beniamino Scarfone

Letto 229 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Doppio Incontro con l'Autore organizzato dai Consulenti del Lavoro presso l'A Gourmet L'Accademia

    L’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Reggio Calabria, il prossimo lunedì 29 luglio, organizza un evento dal titolo “Incontro con l’Autore” durante il quale sarà presentato il libro scritto dai CdL Beniamino Scarfone e Giuseppe Buscema dal titolo “Le origini dello stato sociale in Italia – La normativa tra il 1920 e il 1940”, edito da Eurilink, già presentato all’ultimo Festival del Lavoro che si è svolto durante lo scorso mese di giugno al MiCo di Milano.
    A seguire si terrà un incontro con Rosario De Luca, Presidente di Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, che presenterà la pubblicazione: ”Sui sedili posteriori: la nuova libertà di Nino Bartuccio”.

  • Scarfone: "Reggio ha bisogno di idee e visioni che guardino oltre. Si riparta da tradizione ed identità"

    Le notizie sull’avanzamento del progetto di attracco delle navi a Pentimele lasciano con l’amaro in bocca. L’analisi su quale sia il processo tecnico che porterà o meno a questa infausta realizzazione, come lo stesso possa venire realizzato senza devastare e deturpare un’intera zona del nostro territorio, quanto crescerà il traffico ed il conseguente impatto ambientale (che mi auguro abbiano studiato e valutato!) non rientra certamente tra i miei compiti. Però non serve essere un tecnico per capire che tale operazione potrebbe rappresentare una pietra tombale sulle ultime, labili, speranze che Reggio possa vivere di turismo e per il turismo.

  • Scarfone: "A destra necessaria autocritica, si rifletta sul passato per guardare al futuro"

    Le cronache degli ultimi giorni hanno registrato la presa di posizione del Primo cittadino rispetto i comportamenti e le azioni della controparte politica, e, di rimando, accuse rispedite al mittente per quanto riguarda gli esponenti del centrodestra.
    Nelle more di un dibattito, dai toni e dalle argomentazioni ovviamente contrapposti, non possono non scaturire alcune riflessioni che maturano al netto delle convinzioni che ognuno, pro domo sua, esterna.
    Non ci vuole una profonda analisi per comprendere quale sia lo status quo attuale del gradimento di cui gode il nostro Sindaco tra la maggioranza dei reggini, i quali si trovano a dover quotidianamente assistere a degrado e disservizi e che non meritano polemiche fine a sé stesse e non certo propedeutiche a risolvere questioni che tanto ostacolano una decantata, ma mai attuata, normalità.

  • Scarfone, capacità di spesa dei Fondi Europei e sviluppo del territorio

    Quando si parte da una buona base non è difficile, complicato o troppo macchinoso trovare un modo affinché si riesca a raggiungere un risultato volto alla bellezza e all'efficienza. Così è Reggio: un luogo cui natura e storia hanno dato tantissimo e che, con maggiore accortezza e lungimiranza, potrebbe, in pochi ma mirati step, ben avviarsi verso la sua naturale vocazione. Uno degli strumenti più utili e facilmente reperibili in tal senso sono, senza dubbio
    alcuno, i fondi europei. Ecco perché nel dibattito che da qualche giorno vivacizza la città riguardo la loro spesa da parte della locale amministrazione (nello specifico il Pon Metro), ritengo che ciascuno, attingendo dalle fonti facilmente reperibili in rete, possa farsi un’idea del percorso inerente il progresso dell'iter legato al programma Ue.

  • Beniamino Scarfone: programmiamo da oggi la prossima Festa della Madonna della Consolazione

    Ogni anno con le celebrazioni dedicate alla Santa Patrona, si consolida non solo una fede secolare nei confronti della Madonna della Consolazione, ma si assiste anche ad un puntuale rinnovamento delle nostre radici, del senso di appartenenza e di comunità. Valori che ognuno di noi condivide e che portano la gente a ritrovarsi per vivere intensamente sia gli appuntamenti religiosi che quelli civili. Così è stato sempre e così sarà. Ecco perché credo che sarebbe possibile “mettere a sistema” tutto ciò che viviamo nei cinque giorni settembrini attesi da un intero popolo, come, d’altro canto, si era in procinto di definire prima del commissariamento.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.