unci banner

:: NEWS

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli conclude l’estate reggina 2019

Sabato 21 settembre alle 21,30 il concerto di Carmen Consoli presso piazza Indipendenza concluderà gli eventi comunali programmati per l’estate reggina 2019, in collaborazione con la città metropolitana di Reggio...

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

Giornate Europee del Patrimonio: gli appuntamenti in città

L’assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio Culturale guidato da Irene Calabrò comunica le iniziative del Comune di Reggio Calabria in occasione delle Giornate europee del Patrimonio che si terranno il prossimo...

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Arriva il Rodeo Calabria Tennis Tour 2019

Ecco il "Rodeo Calabria Tennis Tour 2019". Torna il circuito per III e IV categoria, tabelloni di singolare maschile e femminile, con la novità dei punti pieni Fit e la...

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Operazione Bravo Cotraro: sequestrati quasi 2 kg di cocaina e arrestato il corriere

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività d’iniziativa indirizzata al controllo economico-finanziario del territorio, hanno proceduto al sequestro di 1,6 chilogrammi...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICABilancio di previsione 2019/2021: la relazione dell'assessore comunale Irene Calabrò

Bilancio di previsione 2019/2021: la relazione dell'assessore comunale Irene Calabrò

Pubblicato in POLITICA Venerdì, 09 Agosto 2019 15:59

Va in porto la manovra finanziaria 2019 in Consiglio comunale. In apertura, su richiesta del consigliere delegato ai Beni confiscati Nancy Iachino l’Assemblea ha osservato un minuto di silenzio in memoria del giudice Antonino Scopelliti, assassinato dalla ‘ndrangheta il 9 agosto di 28 anni fa.
Primo punto da esaminare, il Piano biennale 2019/2020 di fornitura beni e servizi d’importo unitario stimato di almeno 40mila euro: dopo l’introduzione del presidente della Seconda commissione consiliare “Bilancio” Rocco Albanese, immediata l’approvazione a maggioranza.

Licenziato rapidamente a maggioranza anche il Piano triennale delle opere pubbliche 2019/2021, di consueto allegato al bilancio: su richiesta del consigliere Pasquale Imbalzano, il dirigente alle Finanze Francesco Consiglio ha chiarito come lo scorporo del Piano in una delibera autonoma rivesta un piano squisitamente di garanzia.

Articolata invece la disamina del Dup (Documento unico di programmazione) 2019/2021, il bilancio di previsione. Nel dare atto di una «ventata di novità rispetto al passato» rappresentata dal nuovo dirigente, ha evidenziato Albanese come tra le principali finalità perseguite dall’Ente attraverso il documento contabile vi siano il «raggiungimento di soddisfacenti percentuali di riscossione e l’immediata attivazione dell’alienazione del patrimonio immobiliare dell’Ente», come pure l’attivazione di un significativo programma d’investimenti.
«Il bilancio di quest’anno non lo si può neanche definire un libro dei sogni, perché è venuto meno anche l’impegno a far diventare full-time i lavoratori socialmente utili stabilizzati», ha obiettato Mary Caracciolo, chiedendo pertanto una sospensione dei lavori per poter inserire la misura in bilancio: un’ipotesi rigettata dal consigliere Antonino Castorina prima e dal dirigente poi perché – pur recepita già nella delibera di stabilizzazione degli ex precari di Palazzo San Giorgio – avrebbe preliminarmente bisogno di una modifica della delibera sui fabbisogni con raddoppio degli oneri per l’Ente. Ad avviso di Pasquale Imbalzano, spese come i 10,5 milioni di euro per l’energia elettrica dimostrerebbero poi il mancato perseguimento del miglioramento della qualità della vita dei cittadini attraverso il bilancio di previsione 2019.

Ha quindi relazionato l’assessore alle Finanze Irene Calabrò, che ha tra l’altro evidenziato come sulle casse dell’Ente gravino debiti ereditati in alcuni casi perfino dagli anni Settanta e come si siano cercati migliori punti d’equilibrio anche attraverso la trattativa con la Sorical in tema di debito idrico, sfociata in una vantaggiosa transazione che ha ridotto il dovuto da 79 a 63 milioni di euro.
Fra gli interventi successivi, il consigliere delegato alle Partecipate Francesco Gangemi ha osservato che «prima Reggio Calabria era una città affossata mentre quest’Amministrazione, malgrado l’handicap economico iniziale, ha ridotto di circa il 70% il deficit dell’Ente».

Nel suo intervento conclusivo, il sindaco Giuseppe Falcomatà tra l’altro ricordato come negli anni precedenti all’atto di votare i bilanci vi fosse «un fuggi-fuggi generale, forse per la scarsa veridicità di quelle cifre, come poi attestato dai giudici nel “processo Fallara”»; malgrado già in occasione del primo bilancio varato dall’Amministrazione oggi in carica la strada più semplice risultasse dichiarare il dissesto, però, si è scelta quella più impervia «per tutelare gli interessi di professionisti, società e imprese che avevano scelto di restare a operare qui e che ad distanza di anni non avevano visto soddisfatti i propri crediti, ma anche perché il dissesto sarebbe stato un colpo letale per l’immagine della città». Il tentativo di trovare soluzioni ha portato a spalmare il piano di rientro dal deficit in 30 anni anziché in 10, salva la pronuncia della Corte costituzionale e l’utilizzo delle “finestre normative” successive per una dilazione a 20 anni: l’Amministrazione però è già riuscita a ripianare ben 61 milioni di euro di disavanzo sui 110 complessivi.
Quanto al personale, ha ribadito Falcomatà come il Comune abbia un organico di circa 800 dipendenti contro un fabbisogno di 1.700, e lo stesso concorso per 54 unità rappresenti «una goccia nel mare». Destituite di fondamento le critiche sulla presunta carenza d’investimenti in cultura e turismo, il primo cittadino ha sottolineato il netto miglioramento sul fronte della riscossione sul piano contabile ma anche, sul versante sociale, l’importante ricucitura con porzioni significative della comunità avvenuta in questi anni, come ad Arghillà.
Esaltato il dato sulle politiche in tema di partecipazione, da Giuseppe Falcomatà è giunto un veemente invito a una battaglia comune contro il regionalismo differenziato che, se attuato, porrebbe «la parola “fine” sulla rivendicazione dei diritti dei cittadini di tutto il Sud Italia».

Il Dup è stato quindi licenziato a maggioranza, ma l’immediata esecutività è stata approvata a voti unanimi perché dopo aver votato nel merito del provvedimento i consiglieri d’opposizione hanno lasciato l’Aula.

Ufficio Stampa Città di Reggio Calabria

Di seguito la relazione integrale di presentazione bilancio di previsione 2019/2021 dell'Assessore alle Finanze del Comune di Reggio Calabria Irene Calabrò: Sindaco, Assessori, Presidente del Consiglio, Consiglieri, Collegio dei revisori, Ufficio di segreteria, stampa e cittadini, il consiglio comunale oggi è chiamato ad esaminare le risultanze del lavoro intrapreso per giungere all’approvazione del bilancio di previsione 2019/2021.
Quest’anno, più degli altri, deve considerarsi una scadenza tutt’altro che scontata, tanto che fino a qualche mese fa nessuno avrebbe sperato di potervi arrivare.

All’indomani della declaratoria di incostituzionalità dell’art. 1, c. 714, della Legge 208/2015, quale novellato dall'art. 1, c. 434 della Legge 232/2016, che aveva consentito all’Ente di dilazionare il recupero del disavanzo attraverso un PRF trentennale, la Corte dei Conti dichiarava l’inefficacia del piano con la conseguente attuale vigenza del PRF decennale, approvato dalla Commissione straordinaria nel 2013, ed invito immediato all’Ente ad adottare tutti gli atti necessari a garantire il recupero del disavanzo in decimi, anche delle quote non ripianate nel 2017 e 2018.

E’ di tutta evidenza che tale deliberazione, notificata proprio mentre ci si apprestava a chiudere il bilancio previsionale con scadenza 31.03, abbia generato forti e reali preoccupazioni per la tenuta del bilancio, tanto da farci sentire in dovere di rappresentare alla Città cosa era accaduto e che concreta era l’ipotesi del dissesto.

L’altra nostra considerazione è stata quella di non dover subire passivamente una decisione fortemente penalizzante per il tessuto economico cittadino e per la Città intera, ed avviare un’interlocuzione con il Governo per un intervento immediato che consentisse alle Città colpite dagli effetti retroattivi della pronuncia della Corte Costituzionale di poter continuare a sopravvivere.
Una decisione condivisa da tutte le parti politiche dell’Amministrazione sia di maggioranza che di minoranza.

Così il termine di approvazione del bilancio di previsione veniva prorogato al 31.07, con la facoltà, prevista dall’art. 38 D.L. 34/2019 convertito con modificazioni in L. 58/2019, di poter rimodulare il disavanzo complessivo dell’originario PRF in venti anni.

Questo lo scenario che ha preceduto la redazione dell’odierno bilancio di previsione.

Nel passare ad esaminare le voci che lo compongono occorre preliminarmente rappresentare quelle che sono state le maggiori difficoltà affrontate:

- Debiti fuori bilancio

Dall’insediamento di questa amministrazione e fino al 31.12.2018, il Consiglio Comunale ha riconosciuto DFB per un importo complessivamente pari a 26.845.023,24 che hanno trovato copertura integrale sul bilancio dell’Ente.
I debiti f.b. comunicati dai settori per il triennio 19/21 sono pari ad euro 15.672.392,05, per la maggiore parte derivanti da titoli esecutivi di procedimenti giudiziari di esproprio risalenti agli anni ’70 e maturati adesso. L’attività degli uffici ha prodotto il significativo risultato di rateizzare i singoli debiti e finanziarli con devoluzione di mutui esistenti in bilancio, unitamente a mutui estinti la cui relativa spesa risulta confluita nella quota vincolata del risultato di amministrazione.

- Debito fornitura idropotabile 1981/2004
E’stato raggiunto un accordo transattivo con la Regione Calabria per la definizione delle reciproche pretese relative al credito vantato e non interamente riconosciuto dal Comune per la fornitura idropotabile annualità 1981/2004 per un importo complessivo pari ad euro 64 mln circa rateizzati in venti anni, prima scadenza giugno 2020.

- Fondi di rotazione ex art. 243 ter e quinquies D.Lgs. 267/2000
Al 31.12.2018 l’anticipazione di liquidità ottenuta ammonta a 47.808.945,02 e deve essere restituita a decorrere dal 2019 nella misura prevista dai piani di ammortamento ministeriali. La rata annuale è pari a circa euro 1.800 mln.

- Fondo rischi contenzioso
Le passività potenziali da contenzioso sono state coperte da una previsione nel triennio di 4.500.000 a cui sommare le quote già accantonate per le medesime finalità negli esercizi finanziari precedenti pari a 5.293.390,04.

- FCDE
Il fondo destinato a coprire l’eventuale mancata riscossione di entrate incerte e di dubbia riscossione è stato calcolato per il 2019 in circa euro 26.000.000 valutando la data di approvazione del bilancio, essendo decorsi sette mesi su dodici; gli incassi in conto residui e competenza al 31.07 oltre entrate da compensare; la comunicazione della società di riscossione Hermes che ha garantito di poter puntare ad una aumento della riscossione della TARI al 70% entro il 31.12.2019. A tal proposito si sottolinea che la Giunta comunale ha inteso sollecitare la Società ad adottare tutte le iniziative necessarie per il raggiungimento dell’obiettivo e misurare la valutazione della performance della Società stessa in relazione al quantum raggiunto ed all’aumento della velocità di riscossione.

Le previsioni di spesa rimangono garantite senza subire inflessioni, in particolare:

- Asili nido
Servizio coperto con fondi PAC fino allo scorso anno e dal 2019 garantito con fondi PON per euro 1.700.000
- Assistenza educativa ed alla comunicazione
Servizio garantito con fondi POC euro 1.300.000
- Manutenzione
Servizi afferenti a vari settori (verde, illuminazione, idrico, cimiteri, stradale, segnaletica, edifici pubblici …) complessivamente pari a circa euro 4.000.000

Le previsioni di entrata rimangono prudenziali con introiti da tariffe ed aliquote invariate rispetto all’anno scorso; i maggiori proventi si rinvengono da
- Alienazione beni di proprietà comunale
Gli uffici definiranno le trattative di vendita degli immobili già impegnati e procederanno entro il 30.09 alla pubblicazione degli avvisi di vendita degli immobili di edilizia residenziale pubblica.
- Attività di recupero evasione
L’attività posta in essere ha già prodotto una lista di carico per la TARI di circa 5 mln già recapitata ed una di prossima consegna di circa 2.500 mln

Risulta ormai sistematizzata e regolamentata la disciplina delle compensazioni credito/debito ed il preventivo controllo delle posizioni tributarie di tutti i creditori del Comune prima di ogni pagamento.

Per arrivare all’appuntamento odierno questa Amministrazione non si è risparmiata e non ha ancora una volta cercato vie di fuga che avrebbero potuto portare a scelte più comode e giustificate da circostanze sopravvenute e non superabili.
Si è scelto ancora una volta di continuare a lavorare per difendere la reputazione della Città. Una Città che sta recuperando il proprio differenziale negativo contando solo sulle proprie forze, sebbene flebili e segnate da condizioni di indigenza diffusa che non alimentano flussi di cassa continui e regolari.
Lo sta facendo invocando il rispetto di principi non solo contabili ma etici:
- Correttezza: rispetto formale e sostanziale delle norme
- Prudenza: nel considerare le componenti ragionevolmente disponibili nel periodo considerato
- Flessibilità: fronteggiare circostanze imprevedibili che si manifestano nel corso della gestione
- Neutralità ed imparzialità: trattamento uguale per tutti destinatari, senza servire o favorire interessi di singoli ma della collettività


Nel concludere vorrei rivolgere un sentito ringraziamento a tutto il personale del settore finanze che ha collaborato alla redazione del documento ed agli esperti informatici di Hermes, al Dirigente del settore, guida imparziale e di comprovata esperienza di cui questa Amministrazione ha inteso equipaggiare l’Ente per garantire una gestione programmata e sistemica delle finanze comunali.

Il Consiglio comunale valuti il documento contabile coerentemente alla volontà di riscatto ed al senso di responsabilità che ha contraddistinto l’azione di questa Amministrazione fin dall’inizio, consapevole del risultato raggiunto e dello scongiurato pericolo di dissesto, al netto delle valutazioni tecniche-contabili che la Corte dei Conti potrà in futuro sollevare.
La nostra paura del peggio non può essere più forte del nostro desiderio del meglio, e per il futuro della nostra Città abbiamo dimostrato di desiderare solo il meglio.

Rc 9 agosto 2019

Letto 135 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Bando per Piazza De Nava, Irene Calabrò invita alla progettazione “mediterranea”

    “E’ sicuramente una buona notizia per la città di Reggio Calabria la pubblicazione del bando di gara ministeriale per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura per la progettazione definitiva ed esecutiva dell’intervento di restauro e riqualificazione di Piazza De Nava a Reggio Calabria”.
    Lo afferma l’assessore alla valorizzazione del patrimonio culturale comunale Irene Calabrò.

  • Pinacoteca, il “Ritorno del Figliol Prodigo” di Mattia Preti verrà restaurato

    La tela “Ritorno del Figliol Prodigo” di Mattia Preti, esposta all’interno della Pinacoteca Civica, verrà restaurata. Si tratta di un’opera importantissima, che verrà sottoposta ad un lavoro di restauro conservativo, nell’ottica di una generale valorizzazione del patrimonio artistico, intrapresa dall’Amministrazione Comunale reggina guidata dal sindaco Giuseppe Falcomatà. L’occasione è stata l’iniziativa organizzata dall’AiParc che, grazie alla partecipazione del primo Cittadino, ha dato vita ad un connubio tra Taverna, città che diede i natali all’artista, e Reggio Calabria, rinnovando l’attenzione sul Mattia Preti che tanto ci ha lasciato in termini di patrimonio artistico - culturale.

  • Calabrò: i delfini bronzei della fontana sono stati rimossi e messi in sicurezza

    Nelle ultime ore è stata segnalata la scomparsa dei tre delfini bronzei della storica Fontana della Pescheria o Fontana Nuova, posta in origine sul lungomare cittadino ed andata distrutta col terremoto. Tranquillizziamo tutti i Reggini e li informiamo sulle loro sorti. Non sono scomparsi! In verità, qualche settimana addietro la pannellatura di cantiere in legno, che preservava la fontana, è stata divelta, esponendo le opere bronzee a potenziali atti vandalici o, ancora peggio, a trafugamento. Proprio per evitare che uno dei simboli della Città subisse danneggiamenti e nell’esclusivo intento di tutelare il complesso bronzeo, l’Amministrazione comunale – Assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio culturale, tramite la società Castore Servizi Metropolitani srl, en plein air ha deciso di far rimuovere le opere per metterle in sicurezza.

  • Irene Calabrò: imminente il restauro della statua di San Francesco sul Lungomare di Catona

    Nella ricorrenza del V centenario della canonizzazione di San Francesco da Paola, Patrono della Calabria e dei Calabresi, finalmente la notizia dell’imminente restauro della statua monumentale posta sul Lungomare di Catona a Reggio Calabria grazie allo stanziamento dei fondi da parte della Regione Calabria.
    San Francesco di Paola, Patrono della Calabria, ricordato come l’eremita dalla vita piena di prodigi – proprio a Catona ha compiuto uno dei suoi più grandi miracoli: la traversata dello Stretto di Messina per approdare sulle sponde della Sicilia – è una delle figure più rappresentative e più popolari della Chiesa cattolica.

  • Lucia Nucera, Irene Calabrò, Anna Nucera, Michela Calabrò: "Su doppia preferenza di genere la politica dimostra immaturità"

    «Credo che il Consiglio regionale della Calabria abbia scritto nei giorni scorsi una brutta pagina della sua storia. Non aver approvato la legge che avrebbe introdotto la doppia preferenza di genere è un segno di immaturità politico-istituzionale che i calabresi di certo non meritano. Da parte nostra continueremo a combattere affinchè la nostra regione giunga a questa conquista di democrazia». E' quanto dichiara l'Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Reggio Calabria Lucia Nucera che in una nota congiunta, insieme alle colleghe dell'Esecutivo comunale reggino Irene Calabrò e Anna Nucera, e alla Presidente della Commissione Pari Opportunità Michela Calabrò, ha espresso il suo rammarico per la mancata approvazione della legge.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.