unci banner

:: Evidenza

La protesta del "Piria" non si placa: manifestazione a Palazzo Campanella

La protesta del "Piria" non si placa: manifestazione a Palazzo Campanella

E' iniziato il lungo pomeriggio dell'Istituto "Piria". Sulla scalinata di Palazzo Campanella gli studenti, della scuola più antica di Reggio Calabria, protestano per dire "no"...

Inarrestabile la battaglia del "Piria": "Stanchi di subire imposizioni che stravolgono scelte condivise"

Inarrestabile la battaglia del "Piria": "Stanchi di subire imposizioni che stravolgono scelte condivise"

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Comitato del "Piria": "In democrazia vale (?) il principio della maggioranza. Se gli studenti non scelgono il Ferraris bisognerebbe...

Reggio Calabria: arrestata badante per maltrattamenti nei confronti di un'anziana

Reggio Calabria: arrestata badante per maltrattamenti nei confronti di un'anziana

Nella nottata di ieri, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno rintracciato e tratto in arresto, in esecuzione ordinanza di applicazione di misura...

Settimana di Preghiera per l'Unità dei Cristiani: tutti gli appuntamenti nella Diocesi

Settimana di Preghiera per l'Unità dei Cristiani: tutti gli appuntamenti nella Diocesi

Avrà inizio oggi e si concluderà il 25 gennaio la 110^ Settimana di preghiera per l'Unità dei Cristiani. L'iniziativa ecumenica si svolgerà nella città dello...

Musica e passione al PalaCalafiore: Antonacci infiamma i fan. La dedica ad Armellini

Musica e passione al PalaCalafiore: Antonacci infiamma i fan. La dedica ad Armellini

di Dominella Trunfio - “Ogni sera, prima di andare a dormire sento un solo coro: il vostro. Per questo, su questo palco, fino all’ultima goccia...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICABruxelles, Sicurezza stradale: rendere obbligatori i sistemi di guida assistita

Bruxelles, Sicurezza stradale: rendere obbligatori i sistemi di guida assistita

Pubblicato in POLITICA Martedì, 14 Novembre 2017 16:50

Ogni anno più di 25.000 persone muoiono - e centinaia di migliaia restano ferite - in incidenti stradali in Europa. Più del 90% degli incidenti sono causati da un errore umano.  Cervelli e occhi elettronici nelle nostre auto, che aiutino il guidatore a reagire meglio in situazioni pericolose, possono perciò fare la differenza e salvare delle vite.

Non stiamo parlando di sistemi fantascientifici, ma di sistemi già in uso in un numero limitato di vetture di alta gamma. Questi sistemi prevengono gli incidenti frenando o diminuendo la velocità nel caso la macchina rilevi la presenza di pedoni o ciclisti, assistono il guidatore nel mantenere la velocità consentita, aiutano a mantenersi in carreggiata con segnali sonori e sono in grado di sterzare automaticamente per far mantenere la corsia all’auto.
 
I vantaggi di tali sistemi in termini di sicurezza sono evidenti, per questo gli eurodeputati vogliono che siano obbligatori in tutte le nuove autovetture.
 
Il relatore della proposta, il deputato tedesco Dieter-Lebrecht Koch (Partito popolare europeo) ha dichiarato: “Alla guida di un'auto, andando a piedi o in bicicletta, tutti commettiamo degli errori. E in questi casi i sistemi di assistenza automatica sono come silenziosi copiloti che ci aiutano ad evitare gli incidenti”.
 
Se questi sistemi sono inclusi nella auto di alta gamma e in alcuni casi anche in altri tipi di auto, i tre quarti delle nuove vetture non ne sono equipaggiate, spesso perché la loro presenza fa lievitare il prezzo.
 
Per fare in modo che la sicurezza dei cittadini non dipenda da quanto possono spendere per la propria auto, gli eurodeputati suggeriscono di installare obbligatoriamente su tutte le auto quei dispositivi già presenti in commercio e che hanno una provata influenza sulla sicurezza stradale. Uno di questi dispositivi è, ad esempio, la frenata automatica di emergenza in presenza di ciclisti o pedoni.
 
Secondo Koch, “tutti dovrebbero poter acquistare un'auto di questo tipo. Ed è proprio grazie a un'ampia diffusione che il prezzo di queste vetture non arriverà alle stelle; saranno solo un po' più costose”.
 
Fra le altre misure per la sicurezza stradale all’esame dell’assemblea plenaria c’è anche la possibilità di ridurre a zero il limite di tasso alcolico per i nuovi guidatori e per gli autisti professionisti nell’Unione europea.
 
La risoluzione è stata approvata con 593 voti favorevoli, 39 contrari e 53 astensioni.

Bruxelles 14 novembre 2017
Maurizio MOLINARI
Servizio stampa del Parlamento europeo


Letto 36 volte

Articoli correlati (da tag)

  • “Si fermi chi può”, convegno sulla sicurezza stradale a Locri

    Il 19 dicembre 2017, presso il Liceo Artistico di Siderno (RC), in una sala gremita di giovani si è tenuto un convegno sulla sicurezza stradale organizzato dal Leo Club di Locri “Luigi Mory” congiuntamente al proprio Lions Club padrino, dal titolo “Si fermi chi può”. Gli studenti hanno avuto l’opportunità di ascoltare le relazioni di un gruppo di esperti, soffermati sull’importanza di una corretta guida e sul rispetto delle norme, evidenziandone, anche, molti drammatici aspetti accompagnati dalla guida non corretta o dall’eccessiva velocità. I lavori, moderati dal Presidente del Leo Club “Luigi Mory” Antonella Gimondo, hanno preso apertura con i saluti della docente Ritorto, a nome della preside della scuola Maria Giovanna Autelitano,

  • Metro City, Reggio avanguardia internazionale in sicurezza stradale

    La Città Metropolitana all’Aia per la RSS, Road Safety and Simulation, conferenza internazionale sulla sicurezza stradale. La Metrocity di Reggio Calabria, con il suo progetto “ITS Mobile – a smart solution for all users on undivided rural roads” è l’unica amministrazione pubblica del mondo a partecipare al prestigioso incontro che coinvolge gli

  • Glifosato: Parlamento UE vuole un divieto totale entro il 2022

    Il Parlamento chiede il divieto totale entro dicembre 2022 degli erbicidi a base di glifosato e restrizioni immediate sull'uso della sostanza.  Il Parlamento si è opposto alla proposta della Commissione di rinnovare per dieci anni la licenza del controverso erbicida. Per i deputati, l’Unione dovrebbe innanzitutto eliminare la sostanza partendo con un divieto per l’uso domestico e un divieto per quello agricolo non appena saranno a disposizione alternative biologiche

    (ad esempio i cosiddetti sistemi di difesa integrata) sufficienti per il controllo delle erbe infestanti.
    L’obiettivo finale deve essere un divieto totale nell’UE entro il 15 dicembre 2022, con le necessarie restrizioni intermedie, chiedono i deputati.

    Preoccupazione per le valutazioni scientifiche della sostanza
    Il processo comunitario di valutazione dei rischi, da effettuare prima di rinnovare la licenza della sostanza, desta preoccupazione, poiché l'Agenzia per i tumori dell'ONU e le Agenzie dell'UE per la sicurezza alimentare e per i prodotti chimici sono arrivate a conclusioni divergenti per quanto riguarda la sua sicurezza.

    Per i deputati, inoltre, i documenti interni della Monsanto - l’azienda proprietaria e produttrice del Roundup, di cui il glifosato è la principale sostanza attiva - che sono stati resi pubblici, hanno fatto sorgere dubbi in merito alla credibilità di alcuni studi utilizzati dall’UE ai fini della valutazione della sicurezza del glifosato.

    La procedura di autorizzazione comunitaria, inclusa la valutazione scientifica delle sostanze, dovrebbe basarsi unicamente su studi soggetti a revisione paritetica e su studi indipendenti pubblicati e commissionati dalle autorità pubbliche competenti. Le agenzie dell’UE dovrebbero essere dotate di risorse sufficienti per consentire loro di lavorare in questo modo.

    Prossime tappe

    La risoluzione non vincolante è stata approvata con 355 voti favorevoli, 204 voti contrari e 111 astensioni. Gli Stati membri dell'UE voteranno domani la proposta della Commissione per rinnovare l'autorizzazione all'immissione in commercio di glifosato per 10 anni, a partire dal 15 dicembre di quest’anno, data di scadenza della licenza attuale.

    Un'iniziativa cittadina europea, che chiede un divieto dell'erbicida, ha raggiunto più di un milione di firme in meno di un anno e sarà quindi discussa durante un'audizione pubblica in Parlamento nel mese di novembre.

    Bruxelles 24 ottobre 2017
    Maurizio MOLINARI

    Servizio stampa del Parlamento europeo

     

  • Brexit: mancanza di progressi significativi sui termini di divorzio

    Il progetto di risoluzione del Parlamento afferma che i progressi compiuti sulle priorità dell'UE nei primi quattro round di colloqui con il Regno Unito non sono sufficienti.  Nel documento approvato giovedì dalla Conferenza dei Presidenti del Parlamento (Presidente del Parlamento e leader dei gruppi politici) si stabilisce che, a meno che il quinto round di colloqui non porti a un considerevole passo in avanti, il Consiglio europeo dovrebbe statuire che non si sono registrati "progressi soddisfacenti" per quanto concerne i tre principali obiettivi dell'UE,

  • Domani visita ufficiale del Presidente del Parlamento europeo in Francia

    Il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, si recherà in visita ufficiale in Francia il 21 e 22 Settembre. Alla vigilia della visita il Presidente ha dichiarato: “La Francia è un grande Paese che, insieme ad altri Stati membri, può spingere verso quei cambiamenti necessari per un’Europa più democratica ed efficace, davvero in grado di rispondere alle preoccupazioni dei cittadini. Il Parlamento europeo, unica istituzione UE eletta direttamente dal popolo, deve avere un ruolo chiave in questo processo di cambiamento,

Copyright © 2017 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.