Stampa questa pagina

Campo Calabro, il Consiglio approva il subentro nei contratti per lo smaltimento dei rifiuti ed il regolamento per il compostaggio domestico

Pubblicato in POLITICA Lunedì, 11 Marzo 2019 08:51

Si è riunito il 7 marzo il Consiglio Comunale in seduta straordinaria ed urgente sotto la presidenza di Francesco Agostino. Presenti tutti i consiglieri comunali ad eccezione del consigliere Giuseppe Busa (Campo calabro Unita) . Il consiglio ha esaminato i seguenti punti:
1)Legge Regionale 11 agosto 2014 n.14 per come modificata dalla Legge Regionale 25 gennaio 2019, n.5 – Riordino del servizio di gestione dei rifiuti urbani in Calabria – Subentro dei Comuni alla Regione Calabria nei rapporti contrattuali con i gestori. Il Sindaco ha rappresentato come la Regione Calabria, in esecuzione della legge regionale n. 14/2014, abbia chiesto a tutti i Comuni di adottare un provvedimento deliberativo di subentro nei contratti stipulati dalla Regione con i gestori degli impianti di trattamento in scadenza nel 2019.

Molte Amministrazioni Comunali, come il comune di Campo Calabro, hanno rinviato l’approvazione del subentro nei contratti stipulati dalla Regione Calabria, ritenendo di non disporre di dati sufficienti per un subentro consapevole,precisando altresì che la Regione si è resa disponibile attraverso la sottoscrizione di contratti ponte ad accompagnare per l’anno 2019 i Comuni nel subentro nei rapporti con i gestori degli impianti tramite una delega da parte dei Comuni , subordinata però alla delibera di subentro. Il Consigliere Scopelliti pur preannunciando il voto favorevole sulla proposta in discussione ,ha preso atto di quanto viene imposto ai Comuni e che la Regione Calabria va messa in mora per l’assoluta incapacità nella gestione della problematica dei rifiuti.
Il Consigliere Idone Domenico rappresenta come si continui a scaricare sui Comuni il fallimento della gestione del ciclo dei rifiuti in Calabria .Il Sindaco ha registrato l’unanime valutazione del Consiglio Comunale circa l’inefficacia delle politiche gestionali del ciclo dei rifiuti. La deliberazione è approvata con la sola astensione del consigliere Domenico Idone.
2) Rettifica delibera C.C. n.1 del 15/2/2019 avente per oggetto. ”Imposta Unica Comunale – Conferma aliquote IMU e TASI – Determinazione tariffe TARI e approvazione Piano Finanziario”. La deliberazione è stata approva con 9 voti favorevoli e 3 astenuti (D. Idone,Alessandra Calandruccio, Scopelliti).
3) Approvazione regolamento comunale per la pratica del compostaggio domestico. Il Sindaco ha relazionato sulla proposta che vede una regolamentazione tecnica della pratica di compostaggio domestico, regolamento che permetterà al comune di distribuire gratuitamente le compostiere a chi ne fa richiesta per smaltire autonomamente l’umido senza conferirlo . La deliberazione è stata approvata all’unanimità.
Siamo fortemente preoccupati – ha dichiarato il Sindaco- per il futuro della gestione dei rifiuti in Calabria. Pur avendo ottemperato, dopo un rinvio e numerosi approfondimenti , alla richiesta di subentro alla regione Calabria nei contratti in essere , prendiamo atto che ciò comporterà la fine delle tariffe riservate ai Comuni vistruosi come il nostro, che si è sempre attestato attorno al 65% di raccolta differenziata, e la TARI registrerà nei prossimi anni aumenti notevoli . Mesi e mesi di sforzi, cura, attenzioni all’implementazione della differenziata finiscono in fumo grazie al fallimento sostanziale di un piano industriale regionale sull’intero ciclo dei rifiuti . Abbiamo messo in campo azioni, come la pratica del compostaggio domestico ed il prossimo avvio dell’isola ecologica itinerante, che speriamo possano mitigare questi aumenti, ma ciò dipende, ancora una volta, dai comportamenti di noi cittadini, che ad oggi paghiamo il conto di politiche ambientali raffazzonate e di calcoli errati.

Campo Calabro 11 marzo 2019

Letto 199 volte

Articoli correlati (da tag)