unci banner

:: NEWS

I 25 anni della Rosa dei Venti di Montalto

I 25 anni della Rosa dei Venti di Montalto

Sono trascorsi 25 anni da quando l’AB 212 – Prora 706, appartenente al 2° gruppo elicotteri della base Maristaeli di Catania, ha solcato il cielo di Montalto.Era toccato alla Marina...

Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

Kaulonia Tarantella Festival, questa sera Loccisano e Palamara con la Calabria Orchestra

Strumenti jazz amalgamati a quelli della tradizione popolare, ritmi mediterranei fusi con la tarantella, voci calde e appassionate affiancate a chitarre di ogni genere. Il Kaulonia Tarantella Festival è pronto...

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

"I Tesori del Mediterraneo" portano Reggio Calabria su Sportitalia

Reggio Calabria e il suo Lungomare saranno protagoniste, domenica 18 agosto alle ore 22, dello speciale “I Tesori del Mediterraneo” in onda Sportitalia (canale 60 del digitale terrestre e in...

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Roccella Jazz Festival: Rumori Mediterranei XXXIX edizione dal 21 al 24 agosto 2019

Dopo il successo della prima parte - andata in scena dal 12 al 16 agosto al Porto delle Grazie e a Largo Colonne Rita Levi Montalcini - la XXXIX Edizione...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICACaracciolo (FI): bollette idriche “salate”, il Comune rimborsi ai cittadini il 50%

Caracciolo (FI): bollette idriche “salate”, il Comune rimborsi ai cittadini il 50%

Pubblicato in POLITICA Giovedì, 28 Febbraio 2019 08:07

Insistiamo per la riduzione del 50% della bolletta del servizio idrico integrato per coloro che abitano in zone in cui vi è il divieto di utilizzo per scopi potabili delle acque.
Questa richiesta è stata ribadita nella Commissione Controllo e Garanzia dello scorso 26 febbraio alla presenza dell’Assessore al ramo Calabrò e del funzionario del comune all’uopo delegato.
E’ doveroso infatti che il Comune individui delle soluzione concrete per coloro che abitano in zone dove vige il divieto di uso dell’acqua per scopi potabili e a cui vengono creati disagi di non poco conto in termini di consumi e difficoltà.

Assurdo infatti appare il caso già più volte segnalato delle zone di Archi, Archi cep; Archi Carmine, Scalone e Gallina di Archi, richiamate dall’ordinanza del 2012, a tutt’oggi in vigore, che ordina il divieto di utilizzo per scopi potabili delle acque.
Nella riunione del 26 febbraio c’è stata confermata la possibilità di un rimborso per coloro che hanno queste evidenti difficoltà. Noi però continuiamo ancora nell’incalzare l’Amministrazione comunale affinché emani un atto deliberativo al più presto che chiarisca in modo preciso tempi, modi e attuazione.
Occorre infatti una gestione trasparente dell’amministrazione pubblica e un rapporto di collaborazio-ne con il cittadino, che certamente non si evince nel mero invio di esose bollette, senza dapprima l’individuazione della modalità che tengano conto della non potabilità dell’acqua. E’ necessario in-fatti in questi casi applicare un rimborso ai cittadini in ragione degli evidenti disagi creati.
Mary Caracciolo (Capogruppo Forza Italia)

Rc 28 febbraio 2019

Letto 166 volte

Articoli correlati (da tag)

  • I consiglieri comunali FI: da Cannizzaro esempio di politica virtuosa

    La buona notizia di ieri riguardante l'aeroporto di Reggio Calabria, annunciata dall'on. Francesco Cannizzaro, esplicita in maniera tangibile quanto sia virtuosa e concreta l'azione politica che il nostro deputato ha saputo mettere in campo fin dal suo insediamento in Parlamento. Il risultato finanziario di cui l'On. Cannizzaro è stato il meritevole artefice nei confronti dell'aerostazione reggina, struttura strategica sempre strumentalizzata dalla politica locale e nazionale, ci pone in una condizione di vantaggio rispetto all'inerzia di chi, palesemente, ha sempre compiuto azioni detrattive dai contenuti vagamente persecutori, sia politicamente che campanilisticamente. Bravo Francesco Cannizzaro ad aver ottenuto una norma finanziaria a cui nessuno ha potuto contrapporre pericolose motivazioni ostative di carattere burocratico, un serio e certosino lavoro profuso con scrupolo normativo e giuridico che ieri, lodevolmente, è stato certificato dalla Cabina di Regia del Fondo Sviluppo e Coesione presieduta dal competente Ministro per il Sud.

  • Caracciolo (FI) su palestre inaccessibili al pubblico: serve una definitiva e congrua riduzione del canone

    Se non è possibile utilizzare la palestra comunale per le gare e per far accedere il pubblico occor-re una riduzione proporzionale del canone.
    Il ragionamento è molto semplice, ma l’Amministrazione Falcomatà stenta a capirlo e per questa ragione propongo una modifica del regolamento delle Tariffe degli impianti sportivi stabilito con la delibera 21 del 2017.
    Una semplice modifica che consentirebbe di tener conto della reale condizione in cui versano mol-ti impianti sportivi comunali e che probabilmente sarebbe anche una spinta per l’Amministrazione comunale per porre l’attenzione nel modo appropriato verso le strutture sportive esistenti, che purtroppo versano in stati disastrosi.

  • Caracciolo (FI) su Campo Ciccarello: troppe le promesse disattese

    Circa un anno fa il Sindaco Falcomatà dichiarava che i lavori del campo di Ciccarello sarebbero terminati per fine anno 2018. Lo dichiarava durante un sopralluogo della struttura, rappresentando che ben presto sarebbero state ultimate le tribune e il campo sintetico.
    La smentita è nei fatti. A distanza di un anno i lavori sono fermi e altro che cronoprogramma rispettato! La dimostrazione dell’ennesimo fallimento di una Amministrazione che ha pensato in questi anni solo a riempire la Città di slogan vuoti nei fatti che si infrangono fragilmente nell’assenza di manutenzione e nella sporcizia che governa la Città.

  • Asili nido comunali e Assistenti educativi, Caracciolo (FI): servono risposte immediate, troppi i ritardi nei pagamenti

    È assurdo lo stato dei pagamenti riguardanti gli Asili nido comunali del Comune di Reggio Calabria e gli Assistenti educativi. Troppi i mesi di ritardo che incido in modo negativo su figure professionali che svolgono un ruolo davvero importante per i bambini della nostra Città. È questa la situazione che emersa in sede di Commissione Controllo e Garanzia su una seduta che avevo richiesto proprio al fine di chiarire lo stato di pagamento dei crediti vantati da costoro.
    Si ferma al luglio del 2018 l’ultimo pagamento per l’asilo nido di Gebbione e poco meglio va a quello di Archi e Cedir. Pesanti debiti che si traducono in mancati pagamenti per gli insegnanti di questi asili nido, che, nonostante tutto continuano a svolgere il proprio ruolo con costanza e abnegazione, ma che in qualche caso hanno dovuto cedere dinanzi alla tentazione di dimissioni, più che legittime viste le enormi difficoltà di lavoro in simili condizioni.

  • Assistenti educativi, Caracciolo; ancora troppi ritardi nei pagamenti

    Ancora assurda e vergognosa la questione degli assistenti educativi del Comune di Reggio Calabria, che riguardano oltre 350 studenti dall'inizio dell'anno scolastico in corso.
    Siamo ben oltre metà dell’anno scolastico e agli assistenti educativi è stata pagata solo la prima tranche delle proprie spettanze, la cui determina di pagamento risaliva a novembre 2018. Il completamento del pagamento della tranche corrisponde ad una quota irrisoria circa un solo misero mese e mezzo di lavoro, e ciò la dice lunga sugli enormi sacrifici che questi validi professionisti sono chiamati a sopportare per rendere questo lodevole servizio nei confronti degli studenti non autosufficiente.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.