unci banner

:: NEWS

Presentato in Pinacoteca il programma del primo Festival Olistico Morgana

Presentato in Pinacoteca il programma del primo Festival Olistico Morgana

È stato presentato nella Pinacoteca del Comune di Reggio Calabria il programma della prima edizione del Festival Olistico Morgana, organizzato dall’Associazione culturale Maradan, che si terrà dal 20 al 22...

Art Bonus, incontro formativo in Biblioteca

Art Bonus, incontro formativo in Biblioteca

Mercoledì 18 Settembre l’Amministrazione comunale di Reggio Calabria, si renderà promotrice di un incontro formativo-informativo sugli strumenti dell’Art bonus e del Fundraising a supporto degli interventi di recupero e valorizzazione...

Il concerto di Carmen Consoli chiude l'Estate reggina 2019

Il concerto di Carmen Consoli chiude l'Estate reggina 2019

Il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà l’aveva presentata a inizio giugno, nella Sala dei Lampadari di Palazzo San Giorgio, come un contenitore ricco di grandi appuntamenti nazionali e internazionali...

Al via la XIII Edizione Pentedattilo Film Festival

Al via la XIII Edizione Pentedattilo Film Festival

L’affascinante borgo di Pentedattilo è pronto per trasformarsi ancora una volta in un suggestivo cinema all’aperto in cui Cortometraggi dal mondo animeranno piazza San Pietro e Paolo, la biblioteca delle...

Bilancio positivo per Taurianova Summer 2019

Bilancio positivo per Taurianova Summer 2019

Un’estate da incorniciare, quella trascorsa a Taurianova, grazie al cartellone “Taurianova Summer 2019” che ha animato le serate con appuntamenti di intrattenimento e di divertimento per tutte le età. Bilancio...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICACollettivo La Strada: ma il Comune di Reggio vigila sulla tassa di soggiorno?

Collettivo La Strada: ma il Comune di Reggio vigila sulla tassa di soggiorno?

Pubblicato in POLITICA Mercoledì, 07 Agosto 2019 12:25

A Reggio si parla sempre di turismo. Sul turismo si sono costruite intere stagioni politiche, "Reggio città turistica" sarebbe il ritornello più riuscito di un ipotetico Festivalbar locale. A Reggio la stagione turistica è sempre da venire, anche per quest'anno sarà l'anno prossimo. In una recente e molto partecipata assemblea sul Turismo a Reggio abbiamo incontrato eccellenze ed operatori virtuosi, abbiamo appreso molto e abbiamo avuto conferma di ciò che, da profani, già sapevamo: a Reggio manca la ben che più semplice strategia turistica, la più piccola e organica programmazione. Nell'improvvisazione più completa sta agli operatori barcamenarsi, cercando di coprire le falle di un sistema farraginoso. Dai trasporti, all'acqua, ai più banali punti di informazione sembra mancare tutto.
Già a chiunque arrivi in aeroporto o in stazione é chiaro come il Comune non vigili affatto sul rispetto delle tariffe dei Taxi, praticamente inaccessibili a chi non abbia stipendi da emiro. Non è un buon biglietto da visita…

Sulla questione della balneazione e della costa occorrerà una riflessione ad hoc, che faremo presto con proposte opportune.
Quello che colpisce è, però, constatare come il Comune sembri mancare perfino nelle cose più elementari. Urgono chiarimenti! Dagli operatori del turismo è emerso come Reggio ospiti in media circa 2000 persone al giorno, tra turisti (pochi) e viaggiatori a vario titolo. I conti non tornano! Il Comune recepisce dalla tassa di soggiorno circa 200.000 euro l'anno, ovvero più o meno quanto (secondo le stime degli operatori virtuosi) potrebbe guadagnare in un trimestre. Com'è possibile? Dobbiamo credere che oltre alla clamorosa evasione della Tari (di cui facciamo le spese con la città in emergenza igienico sanitaria) manchi anche una verifica sulla tassa di soggiorno? Il Comune ha mai attivato, pur nel rispetto della privacy, un confronto tra i dati delle registrazioni obbligatorie degli ospiti comunicate dagli operatori di strutture ricettive, l’ufficio statistica e il corrispettivo versamento della tassa di soggiorno? Il Comune può confermare o smentire i dati numerici fornitici dagli operatori?
Per restare in Calabria un Comune come Cutro nel 2017 ha incassato dalla tassa di soggiorno 197 mila euro, Parghelia 277 mila per non parlare di Ricadi con 544 mila euro. Pochi esempi di comuni con un turismo essenzialmente estivo, mentre Reggio, a detta degli operatori, ospita tutto l'anno viaggiatori a vario titolo. Se facciamo un rapido confronto tra il gettito della tassa di soggiorno e l'addizionale Irpef degli stessi comuni sopra citati, vediamo che l'ammontare è quasi equivalente, quando non superiore in favore della tassa di soggiorno (fonte Banca Dati Sipe, recepita tramite www.onpencalabria.com). Se ne deduce che, soprattutto per un Comune in predissesto come Reggio e con una autonomia fiscale limitata, la tassa di soggiorno sia uno strumento indispensabile per migliorare e sostenere i servizi al turismo e alla cittadinanza. In un Comune con le casse vuote sarebbe alquanto illogico non attivare le opportune strategie di controllo della tassa di soggiorno. Soprattutto quando si lamentano carenze strutturali, con aggravi fiscali per i cittadini probi. Abbiamo già proposto come la tassa di soggiorno a Reggio debba essere destinata alla manutenzione ordinaria del moribondo Lido Comunale. Anche la situazione di sporcizia della quasi totalità delle spiagge reggine potrebbe essere accomodata ricorrendo alla stessa tassa… Adesso chiediamo: il Comune verifica effettivamente che sulla predetta tassa non vi sia evasione? E come lo fa? Senza questa indispensabile ed elementare iniziativa di civiltà e buona amministrazione qualunque iniziativa sul turismo, non ultima l'app, rischiano di sembrare solo pannicelli caldi, eventi spot.

Rc 7 agosto 2019

Letto 93 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

    “La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne indica la vitalità. La situazione di abbandono del Mercato coperto di Reggio Calabria ci dice precisamente la situazione in cui versa tutta la città. Ci siamo stati con uno dei nostri Cammini Urbani. Se volete capire cosa significhino l’approssimazione anche nella realizzazione della ristrutturazione dell’edificio, la mancanza di visione organica, la prospettiva di futuro, l’assenza di un piano cittadino per il rilancio del commercio e del lavoro, fate una passeggiata al Mercato coperto.

  • Gallico - Gambarie, il Collettivo La Strada propone un Consiglio Metropolitano aperto per fare il punto

    Abbiamo recentemente intrapreso un Cammino Urbano nella Vallata del Gallico. Il Cammino Urbano è lo strumento che ci siamo dati per conoscere e incontrare il territorio. Vogliamo andare subito al sodo: crediamo opportuno che il Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria convochi una seduta aperta del Consiglio Metropolitano, per discutere la situazione, lo stato dell’arte e il futuro della strada Gallico Gambarie. Riteniamo opportuno che tale Consiglio veda la “partecipazione di Enti, associazioni, aziende, organizzazioni interessate all’argomento” - così come previsto dal regolamento specifico della Città Metropolitana per casi del genere- nonché dei lavoratori che da diverso tempo vivono una situazione difficile, legata proprio al destino della fondamentale arteria.

  • Collettivo La Strada: prima l'Analisi e poi la S'intesi

    Ma cosa ci dice S’intesi edizione 2019? Ci conferma quello che aveva già detto S’intesi 2018 e quello che hanno detto questi quasi 5 anni di amministrazione a conduzione Falcomatà. Ci dicono che un’idea organica di città verrà, parafrasando Gaber, “oggi no, domani forse, ma dopodomani sicuramente”. S’intesi esprime una volta di più la macchina auto pubblicitaria dell’Amministrazione, un grande selfie durato quattro giorni. È un grande errore considerare una kermesse del genere un momento di democrazia. Abbiamo molto a cuore il nostro Statuto Comunale, dove troviamo espressi gli strumenti veri di democrazia e partecipazione.

  • Tommasello (Collettivo La Strada) sulla riqualificazione dell'area di San Leo

    Nel corso di uno dei Cammini Urbani organizzati dal Collettivo La Strada abbiamo attraversato il quartiere di Mortara, adiacente all’area sulla quale si vorrebbe costruire il complesso previsto dal progetto Mediterranean Life. Abbiamo potuto vedere, al di là della 106, la presenza di un’area vastissima con scheletri di costruzioni di vario tipo e dimensioni in parte già crollati, diroccati e fatiscenti. Ecco cosa restava del grandioso progetto per il Polo integrato comprendente, tra le altre cose, il nuovo deposito Atam e il macello pubblico. Un’area abbandonata e degradata - nonostante l’enorme spreco di denaro pubblico- e, quindi, da recuperare nuovamente.

  • Saverio Pazzano (Collettivo La Strada): "Riabitare Reggio"

    di Saverio Pazzano - Collettivo "La Strada" - Questi sono i giorni che ritorniamo. Perché alla fine noi reggini ritorniamo sempre: per le feste, per le vacanze, per una scusa qualsiasi. Ritorniamo e ripartiamo, perché alla fine Reggio è la città di chi deve sempre ripartire o di chi è in procinto di partire o di chi deve salutare qualcuno che sta per partire. È anche la città di chi resta, ma è come forestiero in una città malridotta e mal curata, tenuta in perenne stato cagionevole e quasi abbandonata.
    Questa è la principale generazione di Reggio. Una generazione non strettamente anagrafica, ma di coloro che si interrogano sulle ragioni del restare e dell’andare, per sé, per i propri figli, sul senso di esilio che si prova a vivere a Reggio. Esiliati, confinati tra la retorica del “restare” alimentata dai politicanti vecchi e giovani, e tra il suo esatto contrario dell’andare e basta, perché si deve, perché qui è tutto perduto. Reggio è la città in cui trova spesso compimento quella che Corrado Alvaro definisce la più grave disperazione: “il dubbio che vivere rettamente sia inutile”.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.