unci banner

:: NEWS

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Divertitevi, siate attenti e curiosi. Guardate oltre voi stessi per cercare nell’altro qualcuno che vi stimoli, vi arricchisca, vi renda più determinati e vi accompagni in questo percorso con la...

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Alla guida della Regione, grazie all'azione concreta di un nuovo movimento e di una classe dirigente che nulla ha a che fare con i disastri del passato. Per uscire dalla...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICACrisi di Governo, Siclari e Cannizzaro intervengono sulle dichiarazioni di Morra

Crisi di Governo, Siclari e Cannizzaro intervengono sulle dichiarazioni di Morra

Pubblicato in POLITICA Mercoledì, 21 Agosto 2019 08:06

"Il Crocifisso l'ho sempre portato sin da piccolo e credo lo porti anche Morra, il Senatore calabrese M5S che, come avete ascoltato in diretta TV, ha dichiarato che "La #Madonna e il Rosario in Calabria sono utilizzati per mandare messaggi alla 'ndranegherà". Sono certo, mi auguro di non essere smentito, che il Senatore (Presidente della Commissione Bicamerale Antimafia) non voleva affermare quanto ha dichiarato, oggi, in aula del Senato. Non ci credo e non voglio crederci!"
È questa la considerazione amareggiata che il senatore forzista Marco SICLARI ha lasciato sui social dopo aver ascoltato in aula l'intervento del senatore 5stelle, anche lui calabrese, Morra.

"Piuttosto ci tengo a dire, ancora una volta, che in Calabria non vivono 4 milioni di presunti ndrangestisti, ma 4 milioni di vittime di 'Ndrangheta che, maledettamente, ha distrutto la vita e la reputazione dei calabresi impoverendo la nostra regione, colpendo gli imprenditori calabresi ed impedendo ai giovani di avere un futuro nella nostra terra. Mi piacerebbe che la stampa nazionale, però, parlasse della parte sana della Calabria e che la politica lavorasse seriamente per creare #msviluppo in Calabria investendo in modo sano e serio quei miliardi di euro che sono stati sottratti negli ultimi 40 anni ai calabresi e che devono essere destinati alla realizzazione delle infrastrutture e dei trasporti necessari per lo sviluppo del territorio e dell'occupazione. In questo modo la Calabria uscirà dall'isolamento geografico e culturale e saremo, veramente, utili anche alla magistratura che lavora per liberare definitivamente e finalmente i calabresi dalla 'Ndrangheta", ha concluso il senatore azzurro.


”Troviamo assolutamente surreale e fuori luogo che che in un momento così delicato per il Paese e nel bel mezzo di una grave crisi di Governo, si possano dedicare anche solo pochi minuti di intervento in Senato su crocifissi, madonne, rosari e quant’altro, così come ha fatto - evidentemente irritato per la caduta del suo Governo - il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione Antimafia, in piena esaltazione grillina”. Lo afferma, in una nota, Francesco Cannizzaro, Deputato di Forza Italia, eletto in Calabria.

“Le parole di Morra, che ha attaccato Salvini sull’esibizione di simboli sacri in Calabria che equivarrebbe ad un messaggio alla ‘ndragheta, sono inqualificabili, un’offesa alla mia regione e a tutti i calabresi, alle nostre tradizioni culturali millenarie, agli uomini e donne che in quei simboli credono fermamente e ritengono il santuario un luogo di fede, cultura e storia. In modo particolare il Santuario della Madonna di Polsi è una meta di pellegrinaggio in cui ogni anno si ritrovano migliaia di fedeli, calabresi e non, assolutamente onesti e genuini che nulla hanno a che fare con le dinamiche della criminalità organizzata. Piuttosto, il senatore Morra, che farebbe bene a DIMETTERSI ci ragguagli su quanto fatto dalla Commissione da lui presieduta finora e quali misure abbia messo in campo per contrastare le mafie. È tempo di bilanci per il governo Conte, aspettiamo il suo, augurandoci che anche i suoi colleghi deputati 5 stelle Calabresi prendano le distanze da queste offese così pesanti nei confronti dei cittadini della Calabria”, conclude.

Roma 21 agosto 2019

Letto 83 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Siclari (FI): ospedali chiusi? Dove'era Oliverio quando la Calabria protestava a Roma

    "Dov'era la Regione e la sinistra quando li invitavo a protestare prima che venisse approvato il Decreto Calabria dal Governo? Dov'era la Regione quando ho organizzato, per la prima volta nella storia della Calabria, una manifestazione a Montecitorio per protestare ed evitare l'approvazione del decreto che avrebbe affossato la sanità calabrese?".
    Il senatore forzista Marco SICLARI non ci sta ad assistere a manovre sulla sanità che sanno di campagna elettorale.

  • Sanità, Siclari (FI): solidarietà ai medici aggrediti, l'emergenza in estate peggiora

    "L'emergenza sanitaria che la Calabria vive ormai da anni, in estate assume forme drammatiche. Il personale medico e sanitario non può supportare l'utenza enorme dei pazienti che arrivano nel periodo estivo. Già manca normalmente il personale, figuriamoci in estate. Così l'esasperazione dei pazienti finisce per essere riversata su chi, invece, non conosce riposo ed è in ospedale a dare assistenza come meglio può". Il senatore Forzista Marco SICLARI torna ad accendere i riflettori su quanto accade negli ospedali calabresi e, in particolare, esprime vicinanza ai medici che, loro malgrado, sono stati brutalmente aggrediti. Diversi i casi registrati che, per il senatore, non posso passare inosservati perché sintomo di una situazione di emergenza arrivata, ormai, all'esasperazione generale.
    "Esprimo profonda vicinanza e solidarietà ai colleghi medici e a tutto il personale sanitario, in attesa di un governo che possa approvare una vera Legge a tutela e difesa degli operatori sanitari", ha concluso il senatore azzurro.

  • Siclari (FI): in Calabria lo Stato è presente, grazie a tutti gli uomini come il Giudice Scopelliti

    «Porto i saluti del Presidente Elisabetta Casellati in questa giornata dedicata alla memoria del giudice Scopelliti che ha sacrificato la sua vita per questa terra. Ringrazio tutti gli uomini che rappresentano lo Stato e che quotidianamente, in modo incessante, lavorano per garantire sicurezza e che ci rendono orgogliosi di essere calabresi. Grazie al loro operato possiamo dire con fierezza che la Calabria è una terra sicura dove lo Stato è presente e dimostra, vincendo molte battaglie, che la 'ndrangheta può essere sconfitta e che i calabresi non sono soli. L'azione della procura e delle forze dell'ordine deve essere uno stimolo per i giovani a rimanere in Calabria a credere e investire il loro futuro in questa terra ricca di un potenziale inespresso. Lo stesso vale per gli imprenditori che guardando a questa fertile realtà non devono sentirsi soli, ma possono decidere di investire nella convinzione che in Calabria c'è lo Stato oltre a cittadini onesti e lavoratori».

  • Il senatore Siclari a Calabria In Campus per discutere di riscatto della Calabria

    «L'unica strada possibile per riscattare la nostra terra e riscoprire la nostra identità è dare la possibilità ai giovani di restare in Calabria e ciò può accadere solo creando occupazione. Per fare questo la nostra terra ha necessità di avere una classe politica dirigente qualificata e, per ottenerlo, serve che i partiti facciano una selezione accurata, candidando chi ha competenza ed esperienza per trovare soluzioni concrete ai problemi atavici del nostro territorio. Persone in grado di confrontarsi anche con gli esponenti del centro nord e portare al sud gli investimenti che mancano da sempre. L'ultimo grande investimento al Sud è stato fatto nel 2001 dal Governo Berlusconi con la Salerno/Reggio Calabria. Fino ad allora, lo Stato non ha investito nelle infrastrutture del Sud e non ha dato l'opportunità di sviluppare quell'enorme potenziale che porterebbe ricchezza e occupazione a tutto il Meridione».

  • Siclari (FI): bene TAV, si continui con il Ponte sullo Stretto e Alta Velocità al Sud

    "Il risultato ottenuto con l'approvazione della mozione su Tav è un passo avanti importante per l'intero Paese, se l'intenzione è quella di proseguire su questa strada investendo allo stesso modo al Sud.
    L'ultimo grande investimento al Sud è stato fatto nel 2001 dal Governo Berlusconi con la Salerno/Reggio Calabria. Fino ad allora lo Stato non ha investito nelle infrastrutture del Sud e non ha dato l'opportunità di sviluppare quell'enorme potenziale che porterebbe ricchezza e occupazione a tutto il Meridione. Adesso, per la crescita dell'intero Paese, la priorità assoluta deve essere data al Ponte sullo Stretto e all'alta velocità al Sud. Soltanto realizzando le infrastrutture e le grandi opere al Sud, il paese smetterà di camminare a due velocità, ed il Sud, impoverito dalle politiche assistenziali degli ultimi decenni, avrà finalmente giustizia e vivrà il suo riscatto morale, economico e occupazione".

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.