unci banner

:: NEWS

Al via ContaminAzioni Festival il 29 e 30 giugno a Piazza Castello

Al via ContaminAzioni Festival il 29 e 30 giugno a Piazza Castello

Una festa gratuita e aperta a tutti: questo è ContaminAzioni Festival, una due giorni che vuole fare dell’arte la connessione virtuosa con territorio e popolazione. Proprio durante la conferenza stampa...

Il presidente Giuseppe Livoti presenta i due Premi Muse Estate 2019: Cinzia Leone e Gigi Miseferi

Il presidente Giuseppe Livoti presenta i due Premi Muse Estate 2019: Cinzia Leone e Gigi Miseferi

Anche se presenti nel panorama culturale regionale e nazionale ininterrottamente senza sosta o periodi di relax, ultimi giorni di lavoro e di programmazione per l’apertura in grande stile per il...

A Palazzo San Giorgio convegno a più voci per la Giornata internazionale contro la droga

A Palazzo San Giorgio convegno a più voci per la Giornata internazionale contro la droga

In occasione della Giornata internazionale contro il consumo e il traffico illecito di droga, il Ce.Re.So. - centro reggino di solidarietà e il Garante dei diritti delle persone private della...

Dal 5 luglio al 15 settembre 2019 nuove aree pedonali e zone a traffico limitato in città

Dal 5 luglio al 15 settembre 2019 nuove aree pedonali e zone a traffico limitato in città

Nuove aree pedonali e zone a traffico limitato in città in via sperimentale per fasce orarie a partire dal 5 luglio e fino al 15 settembre 2019.Introdotte al centro come...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAFurfaro e Zavettieri: quali strategie per combattere la 'ndrangheta?

Furfaro e Zavettieri: quali strategie per combattere la 'ndrangheta?

Pubblicato in POLITICA Sabato, 16 Febbraio 2019 20:33

Da amministratori pubblici, assillati dagli impegni burocratici propri di un fronte di guerra dal nome Calabria, non abbiamo l'abitudine ed il tempo di essere assidui frequentatori di bar ed esercizi pubblici. Il recente provvedimento di chiusura per 15 giorni di un noto bar di Varapodio, attuato dal Questore di Reggio Calabria e conseguente al lavoro preliminare dei Carabinieri, ci lascia però molto perplessi, non già per le finalità di contrasto alle cosche che lo stesso si prefigge, cui tutti noi miriamo, ma perché si continua, su ogni fronte, a combattere il virus della 'ndrangheta con una chemioterapia devastante per l'intera società anziché con una cura mirata.

Viviamo infatti in un regime alterato di democrazia in cui (ahimè ordinariamente!) vengono attuati scioglimenti di consigli comunali come (solo per elencarne uno fra i tanti) quello di Scilla, in cui l'unico amministratore comunale ritenuto incandidabile dal Ministero dell'Interno, viene successivamente riconosciuto candidabile da un Tribunale della Repubblica, grazie a una sentenza che addirittura ne esalta i meriti in termini di risanamento dei conti pubblici e di rispetto delle normative.

Siamo altresì quotidianamente spettatori di continue misure interdittive su attività imprenditoriali e commerciali, non perché colluse, ma perché nel proprio albero
genealogico c'è un lontano parente condannato o indagato o più banalmente perché qualche pregiudicato é passato per questo o quel bar.

Volendo però accendere i riflettori sulla specifica vicenda, riteniamo che le forze dell'ordine e la Questura sarebbero dovute intervenire sui soggetti pregiudicati, ritenuti responsabili del potenziale disordine pubblico o contaminazione mafiosa e non sull'esercizio commerciale (uno dei pochi ancora rimasti "aperti" alle nostre latitudini).

Non è pensabile che l'eventuale violazione del singolo pregiudicato, reo (se così dovesse essere confermato) di non aver rispettato una prescrizione di legge, debba ricadere sull'economia di un piccolo centro e ancor peggio sulla onorabilità ed il buon nome della stessa attività commerciale.

Pertanto,
a meno che l'intervento restrittivo non sia stato indirizzato direttamente alla condotta personale del titolare dell'attività, dato non emerso sino a questo momento, cosa avrebbe potuto fare il povero esercente per evitare quanto occorsogli?

...Conoscere l'anagrafica giudiziaria di tutti i potenziali clienti oppure cacciare dal proprio esercizio pubblico dei cittadini in stato di libertà?!

Se la lotta alla 'ndrangheta deve sacrificare i titolari di pubblici servizi e imprese o pezzi di Stato quali per esempio i comuni od anche la sanità pubblica anziché i "pregiudicati contaminatori", già destinatari di misure restrittive, si rischia il deragliamento sociale e democratico.
Principio pericoloso che di questo passo potrà riguardare anche i centri di recupero, di riabilitazione, di reinserimento, le chiese, gli oratori etc etc poiché trasferisce tutti i poteri dell'ordine pubblico in capo alle forze dell'ordine, principio è prassi contrapposta persino al decreto Salvini che riconoscerebbe poteri notevoli in capo ai sindaci.

L'unico appello che in queste ore ci sentiamo di rivolgere ai grandi sistemi istituzionali e alle forze politiche, troppo distratte su questi temi, è di riconoscere la massima considerazione ai punti tracciati dalla relazione del Procuratore Generale calabrese Oreste Lupacchini, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario. In essa, guarda caso, con grande dignità e non poco coraggio viene evidenziato sia il numero abnorme di scioglimenti di consigli comunali che gli errori giudiziari ad ogni livello. Non ci stupisce più di tanto che le testate giornalistiche nazionali non abbiano voluto dare rilievo alla notizia.

Di Caterina Furfaro Sindaco di Agnana Calabra e Pierpaolo Zavettieri Sindaco di Roghudi

16 febbraio 2019

Letto 183 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Pierpaolo Zavettieri spiega il suo rifiuto di partecipare alla cerimonia a Palazzo Alvaro

    Al Sindaco Metropolitano Avv. Giuseppe Falcomatà. Egr. Sindaco, mi corre l'obbligo ringraziarLA per il cordiale invito rivoltomi in occasione della partenza del Prefetto Michele di Bari che lascia la guida della Prefettura di Reggio Calabria per altro superiore incarico.
    Tuttavia attendo ancora una risposta alla richiesta di convocazione per lo svolgimento di un consiglio metropolitano ad hoc sulla delicata tematica degli scioglimenti dei consigli comunali, propostoLe dal Sottoscritto e mai convocato (richiesta formalmente avanzata per 2 volte nel corso degli ultimi 12 mesi e verbalmente riproposta in più sedute di consiglio metropolitano).

  • Agnana Calabra, avviso di conclusione indagini per quattro impiegati del Comune

    I Carabinieri della Stazione di Agnana Calabra, a conclusione di mirati accertamenti, hanno notificato un “avviso di conclusione delle indagini” a 4 impiegati di quel Comune, per truffa aggravata ed interruzione di pubblico servizio. L’attività investigativa sul contrasto al fenomeno del cosiddetto “assenteismo”, svolta dai Carabinieri coordinati dalla Procura della Repubblica di Locri, ha consentito di accertare reati che vanno dalla truffa aggravata e continuata in danno dell’Ente Pubblico, all’ attestazione fraudolenta della presenza in servizio, all’abuso d’ufficio e al peculato.

  • Zavettieri: Legge Regionale n. 396, la Commissione sanità batta un colpo!

    All’indomani dell’ampia discussione sul futuro degli “ospedali generali”, di cui la politica locale dell’Area Grecanica si è fatta carico non appena venuta a conoscenza della nuova Legge Regionale (N. 396 del 7 dicembre 2018), ci saremmo aspettati solerzia e soprattutto un maggiore coinvolgimento da parte del “legislatore” nella trattazione della problematica. Eppure ci è sembrato di aver fatto abbastanza rumore in una sola settimana, se pensiamo a quanto messo in campo, nel tentativo di attirare l’attenzione verso la realtà ospedaliera melitese: presa di posizione dei consiglieri di minoranza di Melito P.S. dei Gruppi “Melito Cambia” e “Una Città da Cambiare”, tentativo informale di conferire con il Presidente della Terza Commissione Consiliare Regionale da parte dei consiglieri comunali di Melito P.S. del Gruppo “Area Grecanica Futura”, sopralluogo in ospedale dei Sindaci di Melito P.S. e Condofuri, lettera del Presidente dell’Associazione dei Comuni dell’Area Grecanica a nome dei Sindaci e nota stampa critica del sottoscritto incentrata sulle carenze della L.R. 396/18.

  • Gioia Tauro. Zavettieri: "Uno stato burocratico schiaffeggia la Calabria e la città del porto"

    Reggio Calabria. "L'ennesima sberla alla democrazia viene data attraverso la proroga del commissariamento a Gioia Tauro. Sino ad oggi tutte le gestioni straordinarie messe in campo per combattere l'infiltrazione mafiosa nei comuni sono risultate perfettamente inutili per quanto concerne il ripristino della legalità di un'area territoriale e quasi sempre dannose sotto i profili

  • Martedì 7 agosto a Roghudi Nuovo "Coreddhi Cunduti" la grande festa della pasta

    Il Festival Paleariza, anche per l’Edizione 2018, promuoverà la conoscenza delle produzioni e dei cibi della Calabria Greca: Fajì Kalò – Cose Buone - Prodotti, Cibi e Cucina della Calabria Greca. Martedì 7 agosto, ore 20.30 a Roghudi Nuovo. Per dare continuità e visibilità alle arcaiche preparazioni domestiche dei giorni di festa dell’area ellenofona calabrese, la Comunità del Cibo “Il grano in Aspromonte” di Slow Food Reggio Calabria Area Grecanica e la Pro Loco di Roghudi, hanno organizzato “CORDEDDHI CUNDUTI” – La grande festa della pasta.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.