unci banner

:: NEWS

Finanziamento milionario per il convento di Sant'Ilarione. Belcastro: «Luogo di culto caro ai cauloniesi»»

Finanziamento milionario per il convento di Sant'Ilarione. Belcastro: «Luogo di culto caro ai cauloniesi»»

C'è anche Caulonia tra i centri beneficiari del finanziamento milionario per i beni culturali del distretto della Locride deliberato dalla Giunta Regionale. Ammonta infatti a 1 milione e 400 mila...

Il comico Maurizio Battista al Cilea: "Non vengo a Reggio per insegnare qualcosa ma per stare insieme al pubblico"

Il comico Maurizio Battista al Cilea: "Non vengo a Reggio per insegnare qualcosa ma per stare insieme al pubblico"

Si definisce “genuino” come lo vedi è ma secondo noi, è anche molto meglio perché oggigiorno è difficile stare con i piedi per terra soprattutto, se sei un uomo di...

Partito il conto alla rovescia per l'edizione 2019 del Premio Anassilaos

Partito il conto alla rovescia per l'edizione 2019 del Premio Anassilaos

Si terrà venerdì 8 novembre presso l’Auditorium “Nicola Calipari” del Consiglio Regionale della Calabria la cerimonia di consegna del Premio Anassilaos di Arte Cultura Economia e Scienze giunto alla sua...

A Piazza Castello tornano le "Letture viandanti"

A Piazza Castello tornano le "Letture viandanti"

Sabato 19 ottobre alle 16:00, a Piazza Castello, tornano le "Letture viandanti", l'iniziativa promossa dall'associazione Reggio tra le righe per portare la lettura e i libri tra la gente, renderli...

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

Bovalino, torna il concorso "Presepi in Mostra"

L' Associazione di Promozione Sociale Italia Night & Day con il patrocinio di S.E. Mons. Francesco Oliva Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace e con il patrocinio del Comune...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAGermanò (MNS): Reggio affonda e Falcomatà continua con le bugie

Germanò (MNS): Reggio affonda e Falcomatà continua con le bugie

Pubblicato in POLITICA Sabato, 09 Febbraio 2019 10:49

Come al solito, di fronte all’evidenza del fallimento della sua gestione, il sindaco Falcomatà e la sua sgangherata maggioranza tentano di imbrogliare i cittadini raccontando bugie, se la squagliano di fronte alle proprie responsabilità, come se avessero iniziato a gestire il Comune soltanto da ieri e non da quasi cinque anni. Intanto, un’amministrazione davvero trasparente dovrebbe fornire risposte chiare sulla propria gestione, al di là dell’interpretazione sulle procedute attivate, perché lo si deve ai cittadini. Non ci crede più nessuno, peraltro, che le incapacità di Falcomatà e compagni siano da giustificare con il sempre più stantìo richiamo a chi c’era prima di loro.

E allora basta con le bugie, i reggini sono stanchi di una città allo sbando, di strade abbandonate da anni, di acqua che non arriva nelle case nonostante la presa in giro del miracolo Menta, di servizio raccolta rifiuti che non funziona, di attività commerciali costrette a chiudere, di migliaia di giovani che scappano via in cerca di miglior fortuna perché qui hanno visto distrutta ogni speranza di futuro da una classe dirigente improvvisata, incapace di immaginare una prospettiva di crescita per gli anni a venire. Basta con la favoletta che tutto è fermo perché non ci sono soldi. Tutto è fermo, invece, perché hanno preferito far affondare la città per puro folle tornaconto politico e poter continuare a dire che non possono intervenire perché c’è stato il famoso “buco di bilancio” che hanno ereditato. E allora è necessario che Falcomatà faccia chiarezza su alcune vicende. Quando lui si è insediato il disavanzo di amministrazione certificato dai Commissari Straordinari e dalla Corte dei Conti al 31.12.2012 (ultimo anno della gestione del centrodestra) era pari a € 110.918.000, che con il consuntivo al 31.12.2014 (quindi gestione Falcomatà) diventano € 172.810.655. A fronte di tale disavanzo di amministrazione, i Commissari avevano lasciato in eredità al giovane sindaco le risorse provenienti dal piano di riequilibrio, che aveva portato nella casse del Comune liquidità per € 253.100.000, di cui € 187.500.000 appunto per pagare fatture non onorate e saldare i debiti derivanti dalla mancanza di disponibilità di cui tutti gli Enti Pubblici hanno sofferto e continuano a soffrire per i diminuiti trasferimenti da parte dello Stato. E allora, caro Falcomatà, come mai i debiti della sua amministrazione anziché diminuire grazie alle risorse straordinarie provenienti dal piano di riequilibrio, sono invece aumentati fino a diventare, come da egli stesso affermato, € 241.000.000? Che uso ha fatto dei 253.000.000, soldi liquidi giunti nelle casse del Comune per sanare il bilancio? Quali azioni ha prodotto a favore della città, quali sono gli investimenti che ha attivato e che hanno causato il debito prodotto dalla sua amministrazione? Spieghi Falcomatà che fine hanno fatto le risorse già iscritte a bilancio per le attività di manutenzione ordinaria (stradale, del verde pubblico, dell’illuminazione…) e oggi misteriosamente scomparse. Se è vero che circa due anni fa ha approvato e sottoscritto il contratto di servizio con Castore e Polluce (poi fuse nella sola Castore) che prevedeva un preciso piano industriale sulla scorta delle risorse appositamente destinate nel bilancio comunale, quelle risorse pari a diversi milioni di euro c’erano o non c’erano? Perchè se c’erano, deve spiegare come mai ad oggi sono state assegnate a Castore risorse pari solo a circa 1,5 milioni di euro, rendendo praticamente inattiva la società. Se invece non c’erano, allora ha sottoscritto un atto pubblico palesemente falso. Il risultato di tutto ciò è che le manutenzioni ormai da anni non vengono garantite e la città sta vivendo, anche da questo punto di vista, il periodo più buio della propria storia. Spieghi Falcomatà che fine hanno fatto gli introiti della TARI, considerato che l’AVR afferma di non aver incassato quanto fatturato e che, allo stesso tempo, la Regione minaccia di commissariare il Comune non avendo ricevuto quanto dovuto per gli oneri di conferimento dei rifiuti solidi urbani relativamente agli anni di gestione Falcomatà. Su queste cose siamo pronti al confronto pubblico. Accetti Falcomatà, per una volta, di confrontarsi davanti alla città e renda conto delle sue attività amministrative. Non sfugga più addossando sempre e comunque le responsabilità del suo fallimento a chi c’era prima di lui. Se accetterà il confronto, magari potrà farsi supportare dal nuovo dirigente delle Finanze della Città Metropolitana, il Dott. Cuzzola, che egli ha nominato evidentemente riponendo in lui grande fiducia, che è stato il dirigente comunale che ha redatto quei bilanci nei quali il sindaco ha più volte visto il famoso “buco”.
Il Commissario Città di Reggio Calabria
Franco Germanò

Rc 9 febbraio 2019

Letto 221 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Siclari (MNS) si rivolge al centrodestra: rompere gli indugi, i silenzi, i rinvii

    Ho avversato l’amministrazione Falcomatà sin dal suo insediamento. E l'ho fatto perché non la ritenevo ed ancor più oggi non la ritengo capace di governare la nostra città, la mia Reggio.
    Per tanto tempo in solitudine, col grande contributo di tutti i miei Dirigenti di partito. Potrei tranquillamente affermare di essere stato per un lungo periodo una vera e propria opposizione extraconsiliare a questa amministrazione comunale di sprovveduti signorini.
    In questi 5 anni i reggini hanno assistito attoniti ed inermi allo sprofondare nell’abisso del degrado un territorio metropolitano intero, alla resa incondizionata a scippi istituzionali condotti da governi amici ma a senso unico, a continui, ripetuti e ormai ampiamente obsoleti rimbalzi di responsabilità al passato per nascondere le proprie palesi inadeguatezze.

  • Ernesto Siclari (MNS): Reggio non può aspettare

    Lo urlano di dolore le strade: Reggio non può aspettare. Reggio prima di tutto.
    Gli infimi livelli conseguiti in termini di degrado non consentono più tatticismi, attese, né insensato antagonismo. La cittadinanza si aspetta che le rispettive formazioni politiche stringano le proprie fila per schierare una coesa e compatta offensiva da contrapporre ad una sinistra non più tollerabile per arroganza e incapacità. Il Movimento Sovranista è impegnato da sempre al perseguimento dei valori di coesione, di condivisione di percorsi, nell’intento di dare alla coalizione del Centro Destra un programma che possa vederci tutti uniti verso il riscatto di questa terra.

  • All'Oasi Village il convegno del MNS "Il Turismo è una cosa seria"

    Nella giornata di ieri all’Oasi Village di Pentimele, si è tenuto il convegno “Il Turismo è una cosa seria”. Oltre ad un folto pubblico, erano presenti il Coordinatore Metropolitano del Movimento Nazionale per la Sovranità Ernesto Siclari, coadiuvato da tutti i dirigenti del partito. Hanno inoltre presieduto il dibattito: il Presidente degli “Amici del Museo” Professore Francesco Arilotta, il Presidente di Confesercenti di Reggio Calabria Claudio Aloisio, il Dott. Giuseppe Biacca, broker portuale e croceristico, Pasquale Anastasi, ex Dirigente al Turismo della Regione Calabria ed infine l’Avvocato Fabio Colella Presidente del Circolo Nautico di Reggio Calabria. L’evento si è concluso con il discorso del Professore Giuseppe Bombino, Docente Universitario ed ex Presidente dell’Ente Parco dell’Aspromonte.

  • All'Oasi stasera (30 maggio 2019) incontro dibattito sul turismo organizzato dal MNS

    Turismo non è improvvisazione. Serve organizzazione, studi approfonditi, supporto della professionalità e quella lungimiranza che sola potrà fare di Reggio e del suo territorio metropolitano una vera attrazione per i flussi turistici.
    Di questo ed altro si parlerà stasera alle 18 e 30 presso l'Oasi Village di Pentimele, dove il Coordinatore Metropolitano del Movimento Nazionale per la Sovranità Ernesto Siclari insieme a tutti i Dirigenti di partito incontreranno, il Presidente degli Amici del Museo Prof. Francesco Arillotta, il Presidente di Confesercenti Reggio Calabria Claudio Aloisio, il Dott. Giuseppe Biacca, Broker portuale e croceristico, Pasquale Anastasi ex Dirigente Turismo Regione Calabria, e l'Avv. Fabio Colella del Circolo Nautico reggino.
    Chiuderà i lavori il Prof. Giuseppe Bombino, docente universitario e già Presidente dell'Ente Parco dell'Aspromonte.

  • Siclari (MNS): L’unica vera risata proviene dalla disperazione

    “L’unica vera risata proviene dalla disperazione” e questo aforisma ben si stende addosso alla prosopopea del Sindaco Falcomatà, al quale sembrerebbe che anche le briciole appaiono oggi come una prelibata e gustosa torta.
    All’indomani delle consultazioni europee egli cerca di attribuirsi meriti e successi, mescolando numeri e confondendo le idee attraverso un’analisi monca e faziosa dei risultati elettorali.
    Non si spiega altrimenti la gioia e la soddisfazione sbandierate per aver conquistato circa 4.000 preferenze, peraltro appannaggio di un suo assessore, Anna Nucera, unica candidata reggina in lista, unica rappresentante del Partito Democratico locale: su di lei, infatti, sono confluite le preferenze e l’appoggio elettorale di tutti i rappresentanti istituzionali reggini del PD.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.