unci banner

:: Evidenza

Falcomatà: “Bene proroga bilanci, adesso aspettiamo misure a sostegno delle finanze locali”

Falcomatà: “Bene proroga bilanci, adesso aspettiamo misure a sostegno delle finanze locali”

“La proroga della scadenza per l’approvazione dei bilanci di previsione per i Comuni in piano di riequilibrio è una buona notizia e rappresenta un segno positivo della volontà politica di risolvere le criticità intervenute a...

Parco dell’Aspromonte, nuova pubblicazione scientifica sugli Uccelli nidificanti

Parco dell’Aspromonte, nuova pubblicazione scientifica sugli Uccelli nidificanti

Dal Falco pecchiaiolo alla Tortora selvatica, dalla Balia dal collare al Verzellino: 66 specie censite, alcune di grande valore conservazionistico, per creare una check-list degli uccelli nidificanti nel Parco dell’Aspromonte, integrare la banca dati a...

Torna in riva allo Stretto l'attore Gennaro Calabrese con un live tutto da ridere

Torna in riva allo Stretto l'attore Gennaro Calabrese con un live tutto da ridere

Torna in riva allo Stretto nella sua città natale, l'attore comico e volto e voce di Alice Tv e radio Kiss Kiss, Gennaro Calabrese con l'esilarante spettacolo "Gennaro Calabrese show". Un imitatore inimitabile, espressione di...

Si conclude domani 25 aprile la Fiera dei Librai Reggini “Il Cavaliere, il Libro e una Rosa”

Si conclude domani 25 aprile la Fiera dei Librai Reggini “Il Cavaliere, il Libro e una Rosa”

Si concluderà domani 25 aprile “Il Cavaliere, il Libro e una Rosa” Fiera dei Librai Reggini, organizzata dal Comune di Reggio Calabria, il Circolo Anassilaos e la Parrocchia di San Giorgio al Corso, presso il...

Ordine dei Medici: l’assise ha approvato, all’unanimità, conto consuntivo e bilancio preventivo

Ordine dei Medici: l’assise ha approvato, all’unanimità, conto consuntivo e bilancio preventivo

Si è svolta presso l’Auditorium dell’Ordine dei Medici l’assemblea annuale degli iscritti con l’approvazione del conto consuntivo 2018 e del bilancio preventivo 2019 all’unanimità dei presenti. Il tavolo presidenziale, come di consueto, è stato composto...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAGermanò (MNS): Reggio affonda e Falcomatà continua con le bugie

Germanò (MNS): Reggio affonda e Falcomatà continua con le bugie

Pubblicato in POLITICA Sabato, 09 Febbraio 2019 10:49

Come al solito, di fronte all’evidenza del fallimento della sua gestione, il sindaco Falcomatà e la sua sgangherata maggioranza tentano di imbrogliare i cittadini raccontando bugie, se la squagliano di fronte alle proprie responsabilità, come se avessero iniziato a gestire il Comune soltanto da ieri e non da quasi cinque anni. Intanto, un’amministrazione davvero trasparente dovrebbe fornire risposte chiare sulla propria gestione, al di là dell’interpretazione sulle procedute attivate, perché lo si deve ai cittadini. Non ci crede più nessuno, peraltro, che le incapacità di Falcomatà e compagni siano da giustificare con il sempre più stantìo richiamo a chi c’era prima di loro.

E allora basta con le bugie, i reggini sono stanchi di una città allo sbando, di strade abbandonate da anni, di acqua che non arriva nelle case nonostante la presa in giro del miracolo Menta, di servizio raccolta rifiuti che non funziona, di attività commerciali costrette a chiudere, di migliaia di giovani che scappano via in cerca di miglior fortuna perché qui hanno visto distrutta ogni speranza di futuro da una classe dirigente improvvisata, incapace di immaginare una prospettiva di crescita per gli anni a venire. Basta con la favoletta che tutto è fermo perché non ci sono soldi. Tutto è fermo, invece, perché hanno preferito far affondare la città per puro folle tornaconto politico e poter continuare a dire che non possono intervenire perché c’è stato il famoso “buco di bilancio” che hanno ereditato. E allora è necessario che Falcomatà faccia chiarezza su alcune vicende. Quando lui si è insediato il disavanzo di amministrazione certificato dai Commissari Straordinari e dalla Corte dei Conti al 31.12.2012 (ultimo anno della gestione del centrodestra) era pari a € 110.918.000, che con il consuntivo al 31.12.2014 (quindi gestione Falcomatà) diventano € 172.810.655. A fronte di tale disavanzo di amministrazione, i Commissari avevano lasciato in eredità al giovane sindaco le risorse provenienti dal piano di riequilibrio, che aveva portato nella casse del Comune liquidità per € 253.100.000, di cui € 187.500.000 appunto per pagare fatture non onorate e saldare i debiti derivanti dalla mancanza di disponibilità di cui tutti gli Enti Pubblici hanno sofferto e continuano a soffrire per i diminuiti trasferimenti da parte dello Stato. E allora, caro Falcomatà, come mai i debiti della sua amministrazione anziché diminuire grazie alle risorse straordinarie provenienti dal piano di riequilibrio, sono invece aumentati fino a diventare, come da egli stesso affermato, € 241.000.000? Che uso ha fatto dei 253.000.000, soldi liquidi giunti nelle casse del Comune per sanare il bilancio? Quali azioni ha prodotto a favore della città, quali sono gli investimenti che ha attivato e che hanno causato il debito prodotto dalla sua amministrazione? Spieghi Falcomatà che fine hanno fatto le risorse già iscritte a bilancio per le attività di manutenzione ordinaria (stradale, del verde pubblico, dell’illuminazione…) e oggi misteriosamente scomparse. Se è vero che circa due anni fa ha approvato e sottoscritto il contratto di servizio con Castore e Polluce (poi fuse nella sola Castore) che prevedeva un preciso piano industriale sulla scorta delle risorse appositamente destinate nel bilancio comunale, quelle risorse pari a diversi milioni di euro c’erano o non c’erano? Perchè se c’erano, deve spiegare come mai ad oggi sono state assegnate a Castore risorse pari solo a circa 1,5 milioni di euro, rendendo praticamente inattiva la società. Se invece non c’erano, allora ha sottoscritto un atto pubblico palesemente falso. Il risultato di tutto ciò è che le manutenzioni ormai da anni non vengono garantite e la città sta vivendo, anche da questo punto di vista, il periodo più buio della propria storia. Spieghi Falcomatà che fine hanno fatto gli introiti della TARI, considerato che l’AVR afferma di non aver incassato quanto fatturato e che, allo stesso tempo, la Regione minaccia di commissariare il Comune non avendo ricevuto quanto dovuto per gli oneri di conferimento dei rifiuti solidi urbani relativamente agli anni di gestione Falcomatà. Su queste cose siamo pronti al confronto pubblico. Accetti Falcomatà, per una volta, di confrontarsi davanti alla città e renda conto delle sue attività amministrative. Non sfugga più addossando sempre e comunque le responsabilità del suo fallimento a chi c’era prima di lui. Se accetterà il confronto, magari potrà farsi supportare dal nuovo dirigente delle Finanze della Città Metropolitana, il Dott. Cuzzola, che egli ha nominato evidentemente riponendo in lui grande fiducia, che è stato il dirigente comunale che ha redatto quei bilanci nei quali il sindaco ha più volte visto il famoso “buco”.
Il Commissario Città di Reggio Calabria
Franco Germanò

Rc 9 febbraio 2019

Letto 128 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Siclari (MNS): "la pantomima sui Bronzi"

    Ciclica, insistente e insopportabile risulta la paranoia che affligge la sinistra calabrese nel volere a tutti i costi spogliare la città più grande e antica della Calabria non soltanto dei suoi presidi istituzionali, ma persino delle sue opere d'arte, dei suoi preziosissimi “pezzi unici”, unici al mondo…
    Eppure, a ben vedere, si configura stucchevole un refrain che non riesce nemmeno più a fare innervosire i reggini, tanto astrusa e impraticabile è la proposta per l’ennesima volta gettata sul tavolo delle fesserie, dal momento che è agli atti della Repubblica Italiana un parere con cui la Commissione Scientifica, istituita dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali per verificare la trasportabilità dei bronzi, ha espresso parere negativo già nell’ottobre del 2015.

  • Cordoglio del MNS per la scomparsa del giudice Tuccio

     Il Movimento Sovranista esprime il cordoglio dei suoi dirigenti e di tutti gli iscritti all'Avv. Luigi Tuccio, Dirigente Nazionale del MNS, per la scomparsa del suo caro padre, il Magistrato Giuseppe Tuccio, già Presidente di Sezione della Suprema Corte di Cassazione, un uomo il cui altissimo senso dell'etica e della giustizia è stato punto di riferimento per diverse generazioni di giuristi ed esempio di impegno e professionalità per la sua terra.

  • Siclari (MNS): Il fango sul passato non vi trasformerà in buoni amministratori

    Ciò che sta succedendo al dibattito politico cittadino non è più sopportabile. E se la maggioranza in Consiglio Comunale crede di potere gettare il confronto dialettico in pasto ad una vergognosa rissa significa che o non ha compreso appieno la drammaticità del momento che la città sta vivendo oppure ha il preciso obiettivo di distogliere l'attenzione dei reggini dalla evidente incapacità amministrativa sinora dimostrata.
    È il momento di intervenire, per far comprendere a questi amministratori che Reggio è stanca di assistere a lamentose giustificazioni, alle solite ormai inflazionate scuse, alla ricerca di un passato recente, che personalmente ho vissuto da semplice cittadino, ma che, già soltanto per opere realizzate e servizi prestati aveva fatto diventare grande Reggio e inorgoglito per un decennio i suoi abitanti.

  • Il cordoglio del MNS per la scomparsa di Giacomo Battaglia

    Il Movimento Nazionale per la Sovranità si stringe attorno alla famiglia di Giacomo Battaglia, un uomo che ha fatto della sua arte e della sua passione un orgoglio tutto reggino. Un attore eclettico, che ha dato lustro al nostro territorio non solo sul suolo italiano, ma in tutto il mondo. Come dimenticare i bei tempi del Bagaglino, gli spettacoli in piazza, le esibizioni a teatro e le interpretazioni cinematografiche! Eppure Giacomo è rimasto sempre lo stesso, mai sfiorato da superbia, per sempre l’amico che chiunque avrebbe voluto al suo fianco, l’uomo buono con una buona parola per tutti.

  • Domani 1 marzo Assemblea Metropolitana del MNS

    Domani, venerdì 1 marzo 2019, alle ore 17:30, presso la sala convegni dell’Hotel Torrione, in via del Torrione, 67 a Reggio Calabria, Dirigenti, iscritti e militanti del Movimento Nazionale per la Sovranità si incontreranno in Assemblea Metropolitana, per un confronto sui temi del territorio reggino. Sarà una importante assise di partito che si inquadra quale tappa riflessiva in un percorso programmatico, intrapreso già dal mese di novembre 2018, nello scenario aspromontano della nostra Gambarie, e che vede impegnato il Movimento Sovranista in un progetto di proposta politica al servizio di Reggio e del suo comprensorio metropolitano.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.