unci banner

:: NEWS

Sindacati: Contratti istituzionali di sviluppo, strumento strategico per la Metrocity

Sindacati: Contratti istituzionali di sviluppo, strumento strategico per la Metrocity

Positivo l’incontro di mercoledì scorso in Prefettura, attraverso il quale il Prefetto Massimo Mariani insieme al Sindaco della Città Metropolitana Giuseppe Falcomatà e all’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri, hanno...

Reggina: la numerazione ufficiale delle maglie della prima squadra

Reggina: la numerazione ufficiale delle maglie della prima squadra

La Reggina rende nota la numerazione ufficiale delle maglie degli atleti della prima squadra per la stagione sportiva 2019/20:

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Wish List: perché tutti dovrebbero averne una

Agosto 2019 - L’estate sta finendo… tempo di bilanci e di ritorno alla routine. C’è chi considera il post vacanze estive come una sorta di nuovo inizio. Carichi di energie...

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

Miss Cinema Calabria è la reggina Vanessa Marrara

La Calabria ha la sua Miss Cinema. Si tratta di Vanessa Marrara, 22 anni, di Reggio Calabria che, ieri, mercoledì 21 agosto, ha trionfato durante la decima selezione regionale di...

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei: i concerti del 23 agosto

Venerdì 23 agosto 2019 penultima serata di Rumori Mediterranei, la storica sezione del Roccella Jazz Festival che si tiene al Teatro al Castello, con due straordinari concerti, entrambi produzioni originali...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAGiordano (PRI): La Città deve scendere in piazza, il commissariamento sarebbe un disastro

Giordano (PRI): La Città deve scendere in piazza, il commissariamento sarebbe un disastro

Pubblicato in POLITICA Lunedì, 18 Marzo 2019 10:52

Lo abbiamo detto nel settembre del 2012, quando si paventava di sciogliere il Comune di Reggio Calabria, cosa avvenuta il 9 ottobre dello stesso anno per “contiguità” con organizzazioni mafiose. Quella scelta umiliante dell’allora Ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, ha massacrato la nostra città. L’arrivo dei commissari, quindi del burocrate che sostituisce il politico, ha ridimensionato la vita dei reggini: economicamente con l’aumento smisurato delle imposte; in termini di servizi al cittadino, sempre minori e di pessima qualità; e soprattutto moralmente. Da quello sciagurato evento del lontano 2012 la città non si è più rialzata, nonostante quello scioglimento non era per dissesto finanziario, cosa che accadrebbe oggi, ma per “contiguità mafiosa” (e non per infiltrazioni).

I repubblicani hanno criticato molto l’operato del Sindaco Falcomatà, povero di ogni tipo di programmazione a lungo termine e risicato al solo presente, talvolta neanche a quello. Ma il problema è solo ed esclusivamente politico, da risolvere dentro la cabina elettorale con l’elezione del nuovo consiglio comunale e, di conseguenza, di una nuova gestione della Città. Il peggior politico è sempre meglio del miglior commissario. A distanza di sette anni, torniamo a ribadire che la classe politica reggina, di destra e di sinistra, maggioranza ed opposizione, deve unirsi attorno alla città per evitare il disastro di un nuovo scioglimento, che porteremo in groppa per lunghissimo tempo. Ancora i reggini portano dietro le cicatrici dello scioglimento nel ’92 per iregolarità amministrative.
Bene fa Falcomatà a chiamare le minoranze politiche e consiliari all’unità, come forza politica accogliamo positivamente l’appello e invitiamo le altre a fare lo stesso. Ma ancora una volta ne sbaglia i modi. Il Sindaco, che era nello schieramento dei tifosi per lo scioglimento del Comune nel 2012, da un lato chiede aiuto alle minoranze, dall’altro le accusa di aver causato loro il disastro economico, sebbene Scopelliti non è più Sindaco di Reggio dal 2010! Non abbiamo bisogno delle sue tardive e interessate chiamate alle armi per mettere Reggio e i reggini al centro del nostro impegno.
Come repubblicani non intendiamo difendere nessuno. Ciò che vogliamo tutelare è solo la nostra città. In caso di scioglimento, per tre anni avremmo nuovamente i “podestà”, burocrati che, per quanto bravi, si limiterebbero alla gestione ordinaria della città.

Demetrio Giordano
Partito Repubblicano Italiano
Segretario Sezione “R. Sardiello” – Reggio Calabria

18 marzo 2019

Letto 229 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Demetrio Giordano (PRI) interviene sui lavori a Mosorrofa: erano altre le urgenze

    Quasi terminati i lavori per la piazza di Mosorrofa, opere non richieste dal territorio, non condivise con i residenti e solo a seguito di reiterate proteste, a lavori in corso, sono stati avviati incontri preceduti da doverose scuse. Era necessario impedire ulteriori danni per una scelta cervellotica e non sempre ci siamo riusciti, altro che portare a una riappropriazione e restituzione di luoghi sicuri e spazi di socializzazione. Che dire di un Restyling complessivo ove non si riesce a spostare una fontanella per realizzare un necessario parcheggio riservato ai diversamente abili, malgrado sia stato richiesto con insistenza. Perchè un ennesimo Restyling della piazza, altre erano le richieste e le urgenze per Mosorrofa: area per il cimitero, gestione oculata delle acque, campo sportivo, messa in sicurezza della viabilità, controllo del territorio, uno spazio Sicuro per i più piccoli per esempio.

  • Il cordoglio di Francesco Nucara (PRI) per la scomparsa di Paolo Pollichieni

    Francesco Nucara esprime il suo cordoglio per la scomparsa di Paolo Pollichieni, voce libera in un panorama della civiltà calabrese dove le opinioni è più facile nasconderle che esprimerle. Non sempre ho condiviso le sue battaglie, pur essendogli amico personale e pur avendo io stesso fruito della sua amicizia e della sua generosità quando ho voluto, per il tramite del suo giornale, le mie idee sui tanti problemi che affliggono la nostra Calabria. Il rispetto delle opinioni era reciproco anche se non sempre coincidente. Certamente non gli ha mai fatto velo l'amicizia per modificare i suoi urticanti servizi giornalistici. Caro Paolo di sicuro mancherai alla tua famiglia e anche ai tuoi amici, ma è certo che dalla mancanza dei tuoi servizi giornalistici, bè soffrirà la Calabria. Ciao Paolo.

  • Giordano (PRI): le periferie restano sempre più escluse

    Il concetto di periferia va molto di moda in politica oggi, soprattutto perché fa comodo evocarlo.
    Tirarne fuori l’immagine, troppo spesso abusandone, svela come i modi con cui ci si rapporta a questo importante tema è l’opposto di ciò che dovrebbe essere. Troppo spesso vediamo che nelle periferie ci si va solo per prendere voti, o con la presunzione di portare opportunità e speranze.

  • Giordano (PRI): Si intervenga a Mosorrofa, Neri mantenga le promesse fatte

    Risalgono a fine 2016 le dichiarazioni di Falcomatà che, trasportato dall’aria allegra del Referendum, prometteva il rifacimento complessivo delle strade della città di Reggio Calabria, per una spesa che ammontava a 50 milioni di euro, finanziata dalla rimodulazione del Decreto Reggio, spalmata su 5 lotti, divisi per zone della città.
    Dopo aver assistito ad opere di improvvisato restyling delle strade cittadine, dopo aver ingurgitato le promesse di alcuni consiglieri, che fin da tempi remoti rassicuravano “le strade saranno fatte per intero”, speravamo in una presa di coscienza reale da parte dei nostri amministratori. Ci siamo sbagliati ancora una volta.

  • Pazienti dializzati, lettera-appello "alla responsabilità" di Demetrio Giordano (PRI)

    Missiva di Demetrio Giordano in rappresentanza dei Repubblicani reggini al presidente della Regione, al Sindaco, al Prefetto di Reggio Calabria e al Commissario ad Acta sulla situazione dei pazienti dializzati. Di seguito il testo integrale:

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.