:: Evidenza

La Calabria buona diventa un modello da esportare: Piemonte e Giappone celebrano Fattoria della Piana

La Calabria buona diventa un modello da esportare: Piemonte e Giappone celebrano Fattoria della Piana

Il punto Slow Food a Piazza Castello ha ospitato l’evento in cui Carmelo Basile ha presentato l’azienda e il nuovo nato “Pecoritaly” con i presidenti...

La Reggina stende il Bisceglie (1-0), Sandomenico match-winner della partita

La Reggina stende il Bisceglie (1-0), Sandomenico match-winner della partita

Reggio Calabria. Buona la prima degli amaranto davanti al pubblico dell' Oreste Granillo. La Reggina supera il Bisceglie grazie alla rete di Salvatore Sandomenico. Il...

Antonio Pizzimenti su lavori scuola Lombardo Radice di Catona: aule saranno consegnate il 28

Antonio Pizzimenti su lavori scuola Lombardo Radice di Catona: aule saranno consegnate il 28

A seguito delle promesse non mantenute dal Sindaco Falcomatà, rispetto alla consegna della scuola Lombardo Radice di Catona, cittadini e genitori dei bambini iscritti, indignati...

Ripepi: Autorità portuale con Gioia Tauro e Regione dello Stretto. Unica speranza per Reggio e Messina

Ripepi: Autorità portuale con Gioia Tauro e Regione dello Stretto. Unica speranza per Reggio e Messina

Reggio e Messina per sopravvivere e svilupparsi vincendo le sfide del futuro devono stare insieme. Insieme per la vita o per la morte. La regione...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAIl consigliere regionale Alessandro Nicolò interviene sui tagli ai comuni

Il consigliere regionale Alessandro Nicolò interviene sui tagli ai comuni

Pubblicato in POLITICA Venerdì, 14 Settembre 2018 14:02

“Il provvedimento ‘milleproroghe’ approvato a colpi di fiducia dalla maggioranza di governo falcidia in maniera irreversibile i programmi di recupero delle periferie delle città calabresi più importanti”. Lo afferma in una nota il consigliere regionale Alessandro Nicolò.
“La somma tagliata e già destinata ai programmi dei comuni calabresi ammonta a circa 100 milioni di euro - ricorda Alessandro Nicolò – fondi già predestinati ai fini di un miglioramento della coesione sociale e civile per le periferie di Reggio Calabria (58 milioni), Vibo Valentia (6 milioni), Cosenza (17 milioni), Catanzaro (17 milioni) e Crotone (3,5 milioni) - la cui sottrazione, adesso, accresce notevolmente i disagi e le gravi difficoltà delle amministrazioni locali che avevano invece puntato all’ottenimento dei fondi per sopperire ai limiti dei bilanci, tutti spesso di segno deficitario.

Il governo Conte – prosegue Nicolò – non ha considerato le indicazioni che pure erano venute dall’incontro con l’Anci e dello stesso Presidente del Consiglio, colpisce soprattutto il sud e la Calabria cancellando l’accordo sottoscritto nel dicembre del 2017 che era stato persino registrato dalla Corte dei Conti. Ma non solo, il governo centrale cancella interventi e finanziamenti dedicati al recupero delle aree più esposte alla crisi sociale, come appunto le periferie dei centri urbani del Mezzogiorno e della Calabria, Mezzogiorno del Mezzogiorno, impedendone la riqualificazione infrastrutturale e delle opere civili, peggiorando le condizioni dei nostri territori. Preoccupa inoltre – continua l’On. Nicolò – l’aspetto politico che ha dato il via libera al taglio indifferenziato, poiché, stando a quanto affermato dall’Anci - Calabria, quei fondi destinati ai comuni della nostra regione potrebbero essere stati dirottati verso altri enti locali del nord per un problema di una presunta inefficienza burocratica legata ai ritardi della presentazione della progettazione definitiva. Se così fosse, il Consiglio regionale della Calabria, il Presidente della Giunta Oliverio e tutti i parlamentari dovrebbero trovare l’azione unitaria necessaria per far correggere il decreto in sede di conversione, evitando di infliggere alla Calabria ennesimi ritardi e rinunce. Mi auguro che la Calabria – conclude l’esponente politico di FdI - , al più presto, trovi una forte e unitaria reazione al fine di costringere il Parlamento a riaccendere l’attenzione verso una regione che oggi più che mai, necessità un’attenzione particolare e continua”.

fd L’Ufficio Stampa

Rc 14 settembre 2018

Letto 43 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Alessandro Nicolò su tempi realizzazione opere e infrastrutture in Calabria

    “Perché in Calabria occorre attendere sempre tempi biblici per vedere realizzate opere ed infrastrutture indispensabili?”. È quanto chiede il consigliere regionale Alessandro Nicolò.
    “Ancora nebuloso il futuro rispetto alla costruzione dei nuovi ospedali della nostra regione,attese e rinvii, che arrecano un vulnus alla salute dei cittadini in un comparto già segnato da carenze strutturali e croniche disfunzioni. Come è possibile che a queste latitudini le opere infrastrutturali rimangano spesso incompiute, a causa della macchinosità delle procedure burocratiche,della lentezza nell’iter procedurale, diversamente da quanto accade in altre regioni d’Italia, dove non occorre attendere diversi lustri per la realizzazione di opere importanti.”

  • Sicurezza e staticità degli immobili scolastici: la nota del consigliere Nicolò

    Reggio Calabria. “Riprende l’impegno scolastico per oltre 275 mila studenti in Calabria mentre permangono, nella loro allarmante criticità, le questioni inerenti la condizione di sicurezza e staticità degli immobili che ospitano i plessi scolastici. In merito, avevamo prodotto segnalazioni e atti di sindacato ispettivo funzionali alla rimozione di uno stato di fatto inaccettabile

  • Nicolò: stabilizzazione precari legge regionale 28/2008 non più procrastinabile

    Il procedimento afferente alla stabilizzazione dei lavoratori precari appartenenti al bacino della legge regionale n. 28/2008, non è più procrastinabile in una logica volta a tutelare le professionalità e competenze acquisite dagli stessi negli anni. E’ quanto dichiara il consigliere regionale Alessandro Nicolò, che ha più volte segnalato la vexata quaestio attraverso atti di sindacato ispettivo, da ultimo, una interrogazione depositata il 12 settembre c.a..  In merito all’argomento, già in passato, mediante un’altra interrogazione (n. 113 del 3 dicembre 2015) l’esponente politico di FdI chiedeva al Presidente della Giunta di conoscere “le determinazioni che si intendevano assumere in ordine alla reinternalizzazione dei servizi affidati ad Azienda ‘Calabria Lavoro’ al fine di procedere all’assunzione diretta con la Regione Calabria dei lavoratori precari”.

  • Alessandro Nicolò su istituzione autorità portuale a Messina

    “Il Governo e nella fattispecie, il Ministro Toninelli, con la loro decisione di istituire un’Autorità portuale dello Stretto con sede a Messina e inglobando Reggio Calabria e Villa San Giovanni, hanno provocato lo smembramento del sistema portuale calabrese che aveva individuato in Gioia Tauro da tempo la struttura di riferimento cui assegnare la sede della nuova Autorità”.
    Lo afferma in una nota il consigliere regionale Alessandro Nicolò.

  • L'omaggio del consigliere regionale Alessandro Nicolò alla Madre della Consolazione

    “E’ con rinnovata emozione e testimonianza di fede che la città di Reggio si prepara a riabbracciare Maria Santissima della Consolazione, un incontro che da cinque secoli suggella il profondo legame di fede e devozione che vincola il popolo reggino alla sua Avvocata. Con la solennità di questo momento straordinario, ancora una volta la comunità – in un unico abbraccio con l’intero Capitolo della Curia arcivescovile Metropolitana - si stringe attorno al quadro della Madonna, appellata per le Cause Impossibili”.
    Lo dichiara in una nota il consigliere regionale Alessandro Nicolò.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.