unci banner

:: NEWS

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

L’associazione Innamorarsi di Sbarre al lavoro per la riqualificazione della Villetta di Via Botteghelle

Su Via Botteghelle, alla presenza del direttivo completo, degli associati e dei privati cittadini del quartiere, prosegue intensamente l'attività dell'associazione "Innamorarsi di Sbarre". Oggi, sabato 21 settembre, intera mattinata dedicata...

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

Maltrattava e perseguitava l’ex compagna, arrestato dalla Polizia di Stato

La Sezione “Reati contro la persona, in danno di minori e sessuali” della locale Squadra Mobile, in esito a delicatissime indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta...

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

Giornata mondiale dell'Alzheimer: si illumina il Castello Aragonese

In occasione della XXVI Giornata Mondiale dell'Alzheimer, il Castello Aragonese di Reggio Calabria resterà illuminato a colori dal 20 al 23 settembre. L'iniziativa, fortemente voluta dall'assessore alle politiche sociali del...

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Undici milioni destinati all'edilizia residenziale pubblica, la proposta passa in Commissione Bilancio

Più di 11 milioni di euro del Decreto Reggio saranno destinati al settore dell'edilizia residenziale pubblica per l’ampliamento del patrimonio di alloggi comunali destinati dall’Amministrazione alle famiglie più bisognose. La...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAIl presidente Oliverio interviene su nomine Commissari Asp e Aziende Ospedaliere

Il presidente Oliverio interviene su nomine Commissari Asp e Aziende Ospedaliere

Pubblicato in POLITICA Giovedì, 23 Maggio 2019 21:10

Ho appreso che questa mattina il Commissario Cotticelli, accompagnato dal sub commissario, si è recato all'ufficio protocollo della Regione per notificare un elenco di nomi che hanno deciso di nominare Commissari alla guida delle Asp e delle Aziende Ospedaliere calabresi". E' quanto afferma, in una nota, il presidente della Regione Mario Oliverio. "Come è noto -prosegue la nota- la vera ed unica ragione per cui il Ministro alla Salute Grillo ha proposto il Decreto Legge sulla sanità calabrese, è quella di appropriarsi anche dei poteri di nomina dei Commissari delle Aziende sanitarie. Il Governo nazionale, dopo circa 10 anni di gestione commissariale attraverso la quale ha gestito la sanità calabrese sostituendosi alle funzioni costituzionalmente attribuite alle Regioni, con la approvazione di questo Decreto si appropria anche del potere di nomina dei Commissari , unica funzione rimasta in questi anni in capo alla Regione".

"Ho già espresso, in occasione della audizione con la Commissione competente della Camera dei Deputati -sottolinea il presidente della Giunta regionale- la nostra netta valutazione preoccupata e negativa su detto Decreto Legge. Ho detto in quella sede istituzionale che non siamo interessati a nomine ma alla qualificazione ed al rafforzamento dei servizi sanitari. Necessità che non trova spazio nel Decreto Legge. Oggi per coprire una spregiudicata operazione di potere si chiede un parere trasmettendo un elenco di nomi (d'altronde questo è il senso della trasmissione di un elenco di nomi e non già la ricerca di una intesa) sui quali maldestramente si pensa di camuffare un coinvolgimento della Regione. Il Governo ed il Ministro Grillo -aggiunge Oliverio- si sono assunti la responsabilità di estromettere la Regione con un atto incostituzionale. Si eviti la farsa e si risponda ai calabresi con atti concreti in direzione del superamento di una situazione inaccettabile. Il nostro unico interesse è dare alla Calabria servizi sanitari qualificati per la tutela e la cura della salute dei calabresi".
L'elenco proposto dalla Struttura Commissariale comprende sette nominativi di cui uno solo è calabrese. Si tratta di Gianluigi Scaffidi, 68 anni, che andrà a guidare l'Asp di Vibo Valentia. L'Asp di Cosenza avrà come commissario Antonino Candela, palermitano di 54 anni, mentre per l'Azienda Ospedaliera di Cosenza è stata indicata Giuseppina Panizzoli di Bergamo, 53 anni. L'Asp di Catanzaro sarà affidata a Renzo Alessi, padovano di 64 anni. Per l'Asp di Crotone è previsto l'ingresso come commissario di Gilberto Gentili, 61 anni di Pesaro. Per la gestione dell'Asp di Reggio è in arrivo il tarantino Massimo Annicchiarico, 61 anni. L'altra donna in elenco è la romana Isabella Mastrobuono che guiderà l'azienda ospedaliera universitaria Mater Domini di Catanzaro.
"Nell'elenco -conclude Oliverio- c'è la conferma di quanto ho denunciato davanti alla Commissione della Camera dei deputati sulla mortificazione delle professionalità calabresi (sono tutti, tranne uno, esterni alla nostra regione) e l'aumento, a giustificazione di tale operazione, di 50 mila euro al mese di indennità più 20 mila euro di spese per le missioni". f.d.

ufficio stampa

Rc 23 maggio 2019

Letto 153 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, martedì prossimo Oliverio incontra Speranza

    "Ringrazio il ministro Speranza per aver accolto la mia richiesta di incontro urgente. Ora si tratta di trovare nel merito le giuste soluzioni". E' quanto afferma, in una nota, il presidente della Regione Mario Oliverio.
    "La prima questione da risolvere -prosegue- è l'effettivo sblocco delle assunzioni, anche con provvedimenti stralcio. Non c'è più tempo da perdere. In questi anni di commissariamento sono venuti meno ai servizi alcune migliaia di professionisti, tra medici e personale sanitario. I servizi sono al collasso, a partire dalle emergenze-urgenze. Va definito un provvedimento specifico per la stabilizzazione dei lavoratori precari che, pur avendo i requisiti previsti dalle legge Madia, sono esclusi perché bloccati al 31 dicembre 2017.

  • Sanità, Oliverio chiede la convocazione del Consiglio regionale

    Il Presidente della Regione, Mario Oliverio, dopo essersi sentito con il Ministro alla Saluto, Roberto Speranza, che si è impegnato a convocare a breve un incontro, ha scritto al Presidente del Consiglio regionale Nicola Irto, ed ai Capigruppo consiliari per sollecitare la convocazione urgente di un Consiglio Regionale straordinario. Di seguito si riporta il testo integrale della lettera inviata al Presidente del Consiglio Regionale e ai Capigruppo consiliari.

  • Il Governatore ha scritto al Ministro della Salute chiedendo un incontro urgente

    Ancora una volta il presidente della Regione, Mario Oliverio, torna ad esprimere preoccupazione per lo stato di emergenza in cui versa il sistema sanitario in Calabria. Questa volta lo fa con una lettera inviata al Ministro della Salute Roberto Speranza. Riportiamo di seguito il testo integrale della missiva:

  • Emergenza rifiuti, nuova ordinanza del Presidente Oliverio

    Il Presidente della Giunta Regionale, Mario Oliverio, ha emanato una nuova ordinanza contingibile ed urgente per fronteggiare la grave situazione igienico sanitaria insorta nel settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani e per scongiurare pericoli per la salute pubblica. Permangono, infatti, difficoltà di reperire nel territorio della regione siti pubblici idonei per la realizzazione dei nuovi impianti di trattamento e delle aree di smaltimento dove conferire gli scarti di lavorazione per come previsto dal Piano regionale di gestione dei rifiuti approvato nel dicembre del 2016 e non hanno raggiunto risultati concreti le gare indette per il conferimento degli scarti di lavorazione in impianti extra regionali.

  • Oliverio: "Il nuovo Governo superi il Decreto-Calabria"

    "La nascita di un nuovo Governo mi auguro possa essere l'occasione per il superamento del D. L. 35/2019, convertito nella legge 60/2019, comunemente detto "Decreto Sanità Calabria". E' quanto afferma, in una nota, il Presidente della Regione, Mario Oliverio.
    "A questo proposito -prosegue la nota- condivido ed apprezzo l'appello che i docenti delle università calabresi hanno rivolto al segretario del mio partito, Nicola Zingaretti. La richiesta di una rinegoziazione del provvedimento, avanzata dai docenti firmatari, interpreta da una parte le motivazioni che hanno indotto i gruppi di opposizione parlamentare al precedente Governo a svolgere una decisa e determinata opposizione al momento della conversione in legge, dall'altra la presa d'atto da parte del Presidente del Consiglio incaricato, prof. Giuseppe Conte, del fatto che il decreto, di fatto, è rimasto inattuato, determinando così una condizione di paralisi e di assoluto abbandono della gestione del servizio sanitario.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.