unci banner

:: NEWS

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Motta San Giovanni, gli auguri dell'Amministrazione comunale per il nuovo anno scolastico

Divertitevi, siate attenti e curiosi. Guardate oltre voi stessi per cercare nell’altro qualcuno che vi stimoli, vi arricchisca, vi renda più determinati e vi accompagni in questo percorso con la...

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Nucera (La Calabria che vogliamo) si candida: servono uomini del fare

Alla guida della Regione, grazie all'azione concreta di un nuovo movimento e di una classe dirigente che nulla ha a che fare con i disastri del passato. Per uscire dalla...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAL’USB incontra Cotticelli sulle strutture psichiatriche reggine

L’USB incontra Cotticelli sulle strutture psichiatriche reggine

Pubblicato in POLITICA Venerdì, 09 Agosto 2019 11:49

Nella giornata di ieri una delegazione dell’USB ha incontrato il Generale Cotticelli, Commissario straordinario alla Sanità in Calabria. L’atteso incontro era stato richiesto a seguito della definizione della nuova Rete territoriale di assistenza psichiatrica riabilitativa residenziale per il territorio di competenza dell’ASP 5, atto che ha destato forti perplessità tra i lavoratori del settore, soprattutto per l’indicazione del fabbisogno di posti letto, già praticamente soddisfatto e che non tiene conto delle reali esigenze del territorio della provincia reggina.

Secondo gli operatori, infatti, non vengono considerati tutti quei casi dove, a causa del blocco dei ricoveri degli ultimi anni, si è dovuto fare ricorso a strutture extra-territoriali oppure sono stati costretti alla gestione domestica dei pazienti. Né tantomeno viene considerata la possibilità di eventuali nuove richieste di ricovero che potrebbero venire dal territorio.
Al Generale Cotticelli è stato evidenziato come la diretta conseguenza di questo taglio netto del fabbisogno di posti letto sarà chiaramente il taglio di posti di lavoro: circa due terzi degli operatori e degli educatori, da più di trent’anni impiegati in questo delicato settore, rischiano di perdere la propria occupazione e il proprio stipendio, che spesso rappresenta l’unica entrata per il nucleo familiare.
Così come ad essere veramente a rischio è il servizio stesso di riabilitazione che, con il personale ridotto all’osso, si trasformerà in mero servizio di contenimento, cancellando la possibilità per i pazienti di una loro reinclusione nella società.
Sono queste le preoccupazioni evidenziate al Commissario straordinario da parte della delegazione USB. Il Generale Cotticelli ne ha preso atto e ha proposto un nuovo incontro per i primi di settembre, alla presenza anche dei responsabili ASP del settore.
Reggio Calabria, 09.08.2019

USB – Federazione provinciale di Reggio Calabria

Letto 89 volte

Articoli correlati (da tag)

  • USB: incontro in Prefettura sulle problematiche dei lavoratori stranieri

    Nella giornata di ieri, 23 agosto, una delegazione di USB ha incontrato nei locali della Prefettura di Reggio Calabria responsabili degli uffici immigrazione della stessa Prefettura e della Questura, al fine di discutere alcune problematiche emerse dal lavoro politico e sindacale che viene realizzato sulla Piana di Gioia Tauro, soprattutto attraverso le attività dello Sportello dei diritti Soumaila Sacko. Negli ultimi mesi, infatti, è emerso che a sempre più cittadini stranieri – in massima parte lavoratori – titolari di forme di protezione (internazionale, umanitaria e sussidiaria) viene di fatto negato il diritto al rinnovo del permesso di soggiorno in assenza di una certificazione di residenza o di domicilio che viene loro richiesta presso gli uffici immigrazione del territorio.

  • USB: la politica non può restare sorda alle problematiche delle strutture psichiatriche reggine

    Giovedì 1 agosto dalle ore 14 USB e i lavoratori delle strutture psichiatriche reggine saranno in presidio davanti Palazzo Campanella in occasione dei lavori del Consiglio Regionale.
    La situazione di crisi in cui versano le strutture psichiatriche reggine continua così come crescono le preoccupazioni dei lavoratori del settore. Sebbene la chiusura della fase di accreditamento, il cui termine è stato fissato per la fine dell’anno, rappresenta la possibilità di andare finalmente verso un rapporto certo tra Asp e cooperative, il taglio dei posti letto sancito con l’approvazione della nuova Rete territoriale determinerà un’importante riduzione dei posti di lavoro, oltre che della qualità dei servizi erogati. A queste inquietudini si aggiunge l’ennesimo ritardo nei pagamenti, fermi allo scorso marzo.

  • Hospice Via delle Stelle: garantire lavoratori e livelli assistenziali

    È stata una risposta univoca e inequivocabile quella registrata ieri nel corso della conferenza stampa, indetta dalla Fondazione "Via delle stelle", da parte della cittadinanza reggina. Troppo forte il timore di perdere la possibilità di poter continuare ad usufruire dell'eccellente Servizio di Cure Palliative Specialistiche, garantito dall'Equipe dedicata multidisciplinare - formata per erogare cure palliative oncologiche e non - che in questi 12 anni ha preso in carico persone affette da patologie a prognosi infausta e loro familiari, nei 4 setting assistenziali (hospice, day hospice, ambulatorio e assistenza domiciliare).

  • L’11 giugno USB in piazza a Locri al fianco di Mimmo Lucano e del modello Riace

    Martedì 11 giugno si aprirà a Locri il processo a Mimmo Lucano e altre 26 persone. L’accusa, a vario titolo, è di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e abuso d’ufficio. Un processo, questo, che rappresenta l’ultima tappa di un percorso, iniziato qualche anno fa, teso a demolire e demonizzare il “modello Riace”, la particolare esperienza di accoglienza e integrazione a profughi e migranti che ha reso il piccolo borgo calabrese famoso in tutto il mondo.
    Ma se è normale che le istituzioni preposte controllino le regolari procedure per la gestione dei fondi pubblici - e nel caso di irregolarità si comportino di conseguenza - quello che è anormale in questa vicenda sono le modalità con cui si è sviluppata e diffusa:

  • Soumaila Sacko un anno dopo: il ricordo e le proposte di USB per non dimenticare

    Ci sono morti impossibili da dimenticare, nonostante tutto, nonostante tutti. Lo è quella di Soumaila Sacko, il bracciante e sindacalista USB ammazzato il 2 giugno dello scorso anno a San Calogero (VV), mentre raccoglieva vecchie lamiere nella ex fornace “La Tranquilla”, sequestrata da anni e considerata una delle discariche più pericolose d’Europa.
    A distanza di un anno sono state perciò la commozione e la rabbia a caratterizzare l’iniziativa che l’Unione Sindacale di Base ha voluto per ricordare Soumaila. Commozione e rabbia ancora più forti oggi, quasi tre mesi dopo che le ruspe elettorali di Salvini hanno spianato a San Ferdinando (RC) la baraccopoli in cui Soumaila fu tra i primi ad avviare il processo di sindacalizzazione dei braccianti agricoli della Piana di Gioia Tauro.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.