unci banner

:: NEWS

Una delegazione dell’Associazione Pro San Gregorio ricevuta dal Presidente del Consiglio Regionale Nicola Irto

Una delegazione dell’Associazione Pro San Gregorio ricevuta dal Presidente del Consiglio Regionale Nicola Irto

Questa mattina una delegazione guidata dal Presidente dell'associazione Pro San Gregorio Cav. Ettore Errigo, e affiancata da un rappresentante del comitato industriali di San Gregorio, un rappresentante degli esercenti, un...

7 trucchi per arrivare a fine mese (e a fine estate) risparmiando. Vacanze incluse!

7 trucchi per arrivare a fine mese (e a fine estate) risparmiando. Vacanze incluse!

Giugno 2019. Arrivare a fine mese e stupirsi di quanto si abbia speso, è un classico. Tra spese impreviste, una cena fuori, il dentista...le vacanze!Quando alle uscite quotidiane si sommano...

Libro sullo scioglimento degli Enti Locali per mafia, presentato presso la biblioteca Gaudio Incorpora di Locri

Libro sullo scioglimento degli Enti Locali per mafia, presentato presso la biblioteca Gaudio Incorpora di Locri

Una legge da riformare o da mantenere, ma con una applicazione più efficace e responsabile; una normativa da eliminare, rafforzando altri strumenti già esistenti: divide sempre il tema dello scioglimento...

Manutenzione ordinaria verde pubblico, questa sconosciuta che appare solo nei render

Manutenzione ordinaria verde pubblico, questa sconosciuta che appare solo nei render

A guardare le palme sul Ponte della Libertà ormai prossime all’aldilà per carenza d’acqua fanno sorridere i render dei nuovi progetti per piazze e parcheggi con tanto di prato all’inglese...

Siderno, Vigili del Fuoco intervenuti per un incendio in una struttura per la lavorazione del miele

Siderno, Vigili del Fuoco intervenuti per un incendio in una struttura per la lavorazione del miele

Intensa giornata quella di ieri per i vigili del fuoco della sede distaccata di Siderno, impegnati dalle 17 circa e per parecchie ore per lo spegnimento di un incendio, sviluppatosi...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICALaura Bertullo su mancata approvazione doppia preferenza di genere

Laura Bertullo su mancata approvazione doppia preferenza di genere

Pubblicato in POLITICA Martedì, 16 Aprile 2019 11:01

Quanta astuzia in un'astensione volta a sottolineare la non autosufficienza degli avversari ma usata per coprire la propria cattiva disposizione ad introdurre nella legge elettorare della Calabria un valido strumento di soddisfazione di esigenze di parità e di rafforzamento del patto di rispetto tra i generi anche nella rappresentanza nei luoghi decisionali.
Vorrei rasserenare taluni particolarmente preoccupati della nostra fantomatica associazione della donna a specie di fauna protetta.

Non si è mai trattato di voler difendere le donne come per la salvaguardia dei panda o dei canguri arboricoli, sarebbe bastato solo un medio sforzo d'onestà intellettuale per ammettere che ogni giorno, pressoché in ogni contesto sociale, pubblico e lavorativo, si trama alla distruzione degli "habitat" a misura delle donne, (per restar in uso di certi linguaggi affezionati alla "preservazione delle biodiversità"), ossia di spazi naturali dove le donne, esattamente come gli uomini, avrebbero diritto di stare e di affermarsi secondo se stesse, per i propri meriti, per le proprie individuali peculiarità.
L'approvazione della doppia preferenza di genere avrebbe scardinato logiche di subalternità femminile, condizione provata anche dalla scarsa possibilità reale di accesso alle cariche elettive delle donne, in un sistema di potere penosamente calibrato sopra una mentalità maschilista e patriarcale, forma mentis che tutto permea e satura.
E non chiamatele quote rosa. Le quote rosa sono un rimedio impiegato per garantire "una quota" al sesso meno rappresentato nelle istituzioni e in gruppi di potere vari.
La doppia preferenza di genere racchiude in seno al suo significato molto più contenuto poichè qui si tratta di ottemperare davvero al principio di Eguaglianza sancito dall'articolo 3 della nostra Carta Costituzionale che, rammentiamolo, non può intendersi soltanto come una mera disposizione "benagurale" voluta dal legislatore ma è, e resta, una misura di perequazione che dovrebbe comportare un obbligo di risultato.
Un altro strumento internazionale giuridicamente vincolante in materia di diritti delle donne è il CEDAW ( La Convenzione per l'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne) al cui art.7 viene chiesto espressamente agli Stati parti di prendere ogni misura appropriata per eliminare la discriminazione contro la donna nella vita politica e pubblica del paese, assicurando la sua piena partecipazione all’elaborazione delle politiche di governo ed alla loro attuazione e altresì di ricoprire cariche pubbliche e di esercitare tutte le funzioni pubbliche ad ogni livello dell’amministrazione statale;
Potremmo continuare ad andar su molta altra carta scritta in cerca di protezioni normative per i diritti delle donne ma è ormai chiaro che nulla potrà davvero mutare se non procediamo ad una radicale metamorfosi del più diffuso modo di intendere, sentire e giudicare il genere femminile da parte di uomini affetti da gravi forme di arroganza e onnipotenza.
In assenza di un sia pur minimo sentore di cambiamento della cultura politica ed umana entro cui annaspiamo è oltremodo importante lavorare perchè si costruiscano tutte le strade per una reale presenza delle donne nelle assemblee rappresentative, foss'anche sfondando con la legge fortificate mura di cinta dietro cui s'accomodano nodi di cravatta lorsignori assai presuntuosi che, pensando d'essere Le Roi Soleil dal lunghissimo regno, dimenticano che la Regina nel nobil giuoco degli scacchi così come in tutte le sfaccettature della vita, è dotata di enorme mobilità e, a sprecar una mossa, ne avrà sempre pronta un'altra per battere interi eserciti di soldati e regnanti inveterati.
Fate largo a chi non ha alcuna intenzione di lasciarvi il proprio spazio nel mondo, continueremo a spingere per spostare l'ingombro dell'egocentrismo maschile dalle opportunità e dai diritti di affermazione delle donne.

Laura Bertullo
Presidente della Commissione Pari Opportunità della Città Metropolitana

Rc 16 aprile 2019

Letto 124 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Doppia preferenza di genere, Oliverio: "Andare avanti"

    “Non ci sono vie d'uscita, la legge sulla doppia preferenza di genere va approvata. Non si tratta di una battaglia che appartiene a una sola parte politica, ma attiene alla sfera democratica e civile della nostra regione e alla sua proiezione verso l'esterno che è molto più positiva di quella che invece oggi si tenta di far passare”. Lo ha detto il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio intervenendo (ieri, ndr) alla manifestazione promossa dalla Consigliera Flora Sculco, firmataria della legge sulla doppia preferenza di genere al Consiglio regionale, a cui hanno preso parte numerose associazioni, sindacati e rappresentanti istituzionali.

  • Cedro (MNS): “PD” donne, raggiunta la doppia ipocrisia di genere!

    Sconcertata ma non sorpresa. Non credevo che si potesse giungere a tanto e soprattutto da parte di persone che dovrebbero difendere i diritti delle donne in politica proprio perché loro stesse ne rappresentano una minima parte attiva. Ho letto con attenzione la nota che le “assessora” del comune di Reggio hanno scritto sulla non approvazione della doppia preferenza di genere in Consiglio regionale e ne sono rimasta profondamente colpita, non tanto dal campanilismo politico che potrei anche capirlo, non giustificarlo, ma soprattutto dall'ipocrisia malsana che ne trasuda, in una ricerca spasmodica di nascondere la grave responsabilità politica dell'evidente fallimento dell'attuale partito di maggioranza dell'esecutivo regionale.

  • Lucia Nucera, Irene Calabrò, Anna Nucera, Michela Calabrò: "Su doppia preferenza di genere la politica dimostra immaturità"

    «Credo che il Consiglio regionale della Calabria abbia scritto nei giorni scorsi una brutta pagina della sua storia. Non aver approvato la legge che avrebbe introdotto la doppia preferenza di genere è un segno di immaturità politico-istituzionale che i calabresi di certo non meritano. Da parte nostra continueremo a combattere affinchè la nostra regione giunga a questa conquista di democrazia». E' quanto dichiara l'Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Reggio Calabria Lucia Nucera che in una nota congiunta, insieme alle colleghe dell'Esecutivo comunale reggino Irene Calabrò e Anna Nucera, e alla Presidente della Commissione Pari Opportunità Michela Calabrò, ha espresso il suo rammarico per la mancata approvazione della legge.

  • L'Unione Donne in Italia sulla bocciatura della doppia preferenza di genere

    Lunedi’ 15 Aprile 2019, l’Assemblea regionale della Calabria ha discusso e votato la proposta di Legge n. 31/10 relativa a “Promozione della parità di accesso tra uomini e donne alle cariche elettive regionali ".
    Nello stesso titolo della misura risultavano già presenti le ragioni di democrazia e civiltà giuridica che tutta l’Assemblea avrebbe dovuto sostenere. Così non è stato infatti la proposta è stata bocciata.
    Considerato che la risoluzione adottata è in aperto contrasto con gli artt. 3; 51; 117 della Costituzione; con la Legge n.215/12, alla quale si sono uniformati molti Comuni calabresi; con lo Statuto della Regione Calabria art. 38 e novellato art. 35; con la maggior parte degli Statuti regionali e degli Enti locali; con la Giurisprudenza europea, noi donne delle UDI calabresi denunciamo che l’Assemblea regionale della Calabria, con la bocciatura della proposta di Legge n. 31/10, abbia violato

  • Preferenza di genere, la riflessone congiunta di Nava, Milazzo, Briante, Salvaggio e Stilo

    Una brutta pagina, lo ripetiamo da ieri sera in tanti, donne e uomini, quella scritta dal Consiglio Regionale della Calabria che ha rigettato, per un solo voto di scarto, ancora una volta una legge di democrazia come quella dell’introduzione della doppia preferenza di genere. Devastante ed altamente umiliante e mortificante è stato assistere al muro invalicabile dell’astensione (???) alzato dal centrodestra. Così come è inconcepibile leggere le giustificazioni illogiche che si vogliono dare a quella presa di posizione: certo il centrosinistra avrebbe potuto approvarla da solo, ma è risaputo e si è continuato a ripeterlo in aula che approvare una riforma statutaria è cosa ben diversa del quotidiano agire politico. Innanzitutto è una riforma trasversale e necessita per questo di una condivisione di tutti gli schieramenti politici.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.