unci banner

:: Evidenza

Celebrata a Reggio Calabria la Madonna di Loreto, patrona dell'Aeronautica

Celebrata a Reggio Calabria la Madonna di Loreto, patrona dell'Aeronautica

Reggio Calabria. Nella ricorrenza dedicata alla Madonna di Loreto, patrona degli aviatori, le sezioni calabresi dell'Associazione Arma Aeronautica, come da tradizione, hanno deposto questa mattina, una corona di fiori ai piedi dell'Effige, collocata nella Piazza...

Taurianova. Il Festival del Torrone si afferma con grande successo

Taurianova. Il Festival del Torrone si afferma con grande successo

Reggio Calabria. Una perla gastronomica dal valore unico, così è stato definito il Torrone artigianale di Taurianova, protagonista di una tre giorni che ha conquistato un ampio pubblico. La terza edizione del Festival del Torrone...

Reggio Calabria. Gli studenti del "Piria" volano a Bruxelles

Reggio Calabria. Gli studenti del "Piria" volano a Bruxelles

Reggio Calabria.“La scuola entra nel Parlamento europeo”. È questo il titolo dell’incontro che ha visto come protagonisti assoluti otto alunni dell’Ite Piria di Reggio Calabria dal 2 al 5dicembre scorso. Si tratta di Maria Elisa...

Caulonia tra le 100 mete d'Italia. Il sindaco Belcastro premiato in Senato

Caulonia tra le 100 mete d'Italia. Il sindaco Belcastro premiato in Senato

Si è svolta nei giorni scorsi nella prestigiosa Sala Koch di Palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica Italiana, la cerimonia ufficiale per la consegna del Premio 100 Mete d'Italia. Il riconoscimento si propone di...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICALe riflessioni di Giovanni Nucera dopo il voto

Le riflessioni di Giovanni Nucera dopo il voto

Pubblicato in POLITICA Martedì, 13 Marzo 2018 14:18
“Sono rimasto in religioso silenzio sia prima che dopo la composizione delle liste e  mi sono tenuto fuori dal percorso che ha portato alle stesse, pur condividendo in parte la presa di posizione di alcuni autorevoli dirigenti calabresi  rispetto a quel percorso che, non condividendolo , si sono autosospesi. Ho aspettato, sempre in religioso silenzio, ma impegnandomi nella campagna elettorale, il risultato del voto”. “Mi sarei aspettato  - sottolinea Giovanni Nucera - da parte di chi ha formato le liste un” mea culpa” per le scelleratezze delle scelte e reali dimissioni da qualsiasi organismo.  Leggo invece sui giornali una analisi del voto fatta da dirigenti nazionali tutta improntata a scaricare sugli altri colpe che sono anche loro”.
“Il disastroso risultato della sinistra – sottolinea ancora Nucera -  in quest’ultima tornata elettorale non può essere analizzato con i soliti strumenti triti e ritriti  usati da chi questo risultato lo ha  prodotto e cerca, con una logica minoritaria, di addossarlo agli altri.  Il risultato strabiliante del No al referendum costituzionale del 4 Dicembre ci aveva detto chiaramente che  era finita la totale dipendenza dell’elettorato dai potentati politici  e che la gente aveva voglia di partecipare e di contare. Un  grande desiderio di democrazia, arrivato dal popolo – evidenzia Giovanni Nucera - che faceva ben sperare in una concreta possibilità di riportare la politica al centro della vita delle persone”.
“Una sinistra attenta avrebbe dovuto cogliere questa novità, per  convogliarla immediatamente verso percorsi politici tesi alla  costruzione di nuovi progetti e nuove forme di partecipazione. Una attenta analisi dei bisogni per costruire la sinistra del nuovo secolo avrebbe dovuto essere il tema di incontri e dibattiti a tutti i livelli ,veri e propri laboratori includenti e che partivano dal basso. Un ritorno ad una cultura politica fondata sul lavoro concreto per eliminare il disagio economico,contro la sua precarietà per la riduzione dell’orario, per salari e pensioni dignitosi per una sanità ,una scuola e una università pubbliche di qualità e accessibili a tutti .I tradizionali temi della sinistra riletti alla luce di una attualità che tende a distruggere anche il già conquistato in tema di diritti”.
 “Invece inspiegabilmente a quel risultato – rileva Nucera - sono seguite una serie di comportamenti che,  invece di cavalcarne l’onda positiva, hanno frenato  la voglia di partecipazione  che dai territori veniva espressa, con gruppi dirigenti che si sono impantanati per oltre un anno, in una sterile discussione pro o contro PD. Impreparati quindi alla competizione elettorale,  stretti dai loro stessi errori ma decisi ad autogarantirsi nel momento della formazione delle liste, hanno violentato i territori eliminando scientificamente dalle candidature  tutti coloro che di quei territori erano espressione e imponendo le plurime candidature, con alcuni esempi stupefacenti di chi si è imposto in ben 5 collegi ,interpretando  quindi nel miglior modo possibile quanto di peggiore tale legge metteva a loro disposizione per questo fine. Quello che è apparso agli occhi dei più è stata l’immagine di una sinistra a parole ma che nei fatti ripercorreva le logiche devastanti della salvaguardia del proprio posto”.
 Non mi  convince il tentativo di scaricare su due compagni seri  - prosegue Giovanni Nucera - la colpa del fallimento che sta tutto dentro ad una mentalità minoritaria ed autoreferenziale di un ristretto gruppo dirigente che  cerca di salvarsi da un fallimento da loro stessi prodotto. Esempi positivi sono stati invece  il presidente  D’Alema che coerentemente  si è candidato in un solo collegio e Bersani che  ha dimostrato responsabilità e  sobrietà di comportamenti politici tesi al bene comune e non già al proprio tornaconto. Ovviamente questa logica padronale ha fatto si che molti iscritti, prima delle elezioni denunciassero pubblicamente tali comportamenti , uscendone fuori dagli stessi partiti.  Chi come me ha messo personalmente la propria immagine nella difficile battaglia referendaria, e che quindi ha combattuto Renzi ,non può che riconoscergli oggi un onestà intellettuale che altri non hanno dimostrato. Si è dimesso, ed è la seconda volta che lo fa e da incarichi ben più importanti”.
“Per il resto abbiamo notato solo falsi giochi. Ci vuole ben altro per ripartire. La politica non può essere riservata alle logiche dei piccoli gruppetti che decidono (a livello nazionale) le sorti del popolo. Si deve lavorare per una svolta culturale profonda, ripartendo  dai territori,  con una logica del far politica senza ipocrisie e logiche inciuciste, proponendo nei punti programmatici ciò di cui  la gente ha bisogno. Solo fuori da logiche di scontro tra fazioni – conclude Giovanni Nucera -  solo oltre la logica dei quattro amici e amiche da garantire, la sinistra potrà riprendere a farsi ascoltare”.
  fd                                                                           L’Ufficio Stampa
Rc 13 marzo 2018
Letto 169 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Domani a Palazzo Campanella ore 17,00 convegno sul Bando Impianti Sportivi

    Domani 22 settembre la presentazione a Palazzo Campanella del Bando della Regione Calabria sull’edilizia sportiva. L’iniziativa - promossa dal consigliere delegato dalla Regione Calabria allo Sport, politiche giovanili, associazionismo e volontariato, nonché capogruppo de “La Sinistra” Giovanni Nucera - si terrà dalle 17,00 alle 19,00 nella sala Federica Monteleone”.
    Nel corso del convegno intitolato “Bando impianti sportivi - Concessione di contributi regionali finalizzati alla realizzazione e riqualificazione di impianti sportivi’ sarà illustrato l’Avviso pubblico che prevede la concessione di contributi in conto capitale e in conto interessi per interventi finalizzati alla realizzazione e riqualificazione di impianti sportivi.

  • Sabato 22 settembre a Palazzo Campanella convegno sul Bando Impianti Sportivi

    “Il Bando della Regione Calabria sull’edilizia sportiva sarà presentato a Reggio Calabria sabato prossimo 22 settembre dalle 17,00 alle 19,00 nella sala Federica Monteleone di Palazzo Campanella in via Cardinale Portanova”. Ad annunciarlo è Giovanni Nucera, consigliere delegato dalla Regione Calabria allo Sport, politiche giovanili, associazionismo e volontariato, nonché capogruppo de “La Sinistra” in Consiglio regionale. “Abbiamo promosso un convegno ad hoc dal titolo ‘Bando impianti sportivi - Concessione di contributi regionali finalizzati alla realizzazione e riqualificazione di impianti sportivi’ con l’obiettivo - spiega Nucera - di illustrare l’Avviso pubblico che prevede la concessione di contributi in conto capitale e in conto interessi per interventi finalizzati alla realizzazione e riqualificazione di impianti sportivi, con una dotazione finanziaria di 32 milioni di euro”.

  • Il 5 e 6 settembre la Festa della Sinistra in Piazza Indipendenza

    “Dopo la grande battaglia degli ultimi anni che ha visto ‘La Sinistra’ impegnata a difesa della Costituzione e delle fasce più deboli della società, ritorna a Reggio Calabria, su mio invito, l’on. le Massimo D’Alema, presidente della Fondazione di Cultura Politica Italianieuropei”. E’ quanto rende noto il capogruppo de “La Sinistra” in Consiglio regionale, Giovanni Nucera. “Un’occasione importante, che si terrà a piazza Indipendenza (lungomare Falcomatà) il 5 e il 6 settembre, per dibattere e confrontarsi su temi rilevanti che riguardano la nostra regione, ma anche per condividere momenti di svago e ritrovarsi” - commenta l’esponente politico.

  • Il cordoglio di Nucera per la morte del sindaco di Bivongi, Felice Valenti

    Esprimo il mio profondo cordoglio per l’improvvisa morte del sindaco di Bivongi Felice Valenti. Oggi la nostra regione si trova a piangere un amministratore lungimirante e dalle qualità umane ineguagliabili. Una persona per bene che ho avuto l’onore di conoscere e con la quale ho condiviso un lungo percorso come consigliere provinciale.
    Rivolgo il mio più sincero abbraccio alla famiglia e alla comunità di Bivongi per questa prematura scomparsa che ci addolora e ci riempie di commozione.

  • Giovanni Nucera su anticipazioni Rapporto Svimez 2018

    Segnali incoraggianti per la Calabria nelle anticipazioni del Rapporto Svimez di quest’anno.  Dopo tanti anni la Calabria torna a crescere, in particolare nel periodo 2015-2017 ha fatto segnare la più significativa accelerazione della crescita.
    Traino della ripresa sono soprattutto le costruzioni (+12% nel triennio), grazie anche alle opere pubbliche realizzate con i fondi europei, seguite dall’agricoltura (+7,9%) e dall’industria in senso stretto (+6,9%).
    Inoltre – si legge nelle anticipazioni di rapporto – nel 2017 la Calabria con un +2%, è stata, insieme alla Sardegna e alla Campania, la regione del Sud Italia che ha fatto registrare il più alto tasso di sviluppo.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.