unci banner

:: NEWS

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Antonimina: Grande successo per la Festa delle Rose 2019

Si sa, gli dei amano le rose. Coloro che, domenica scorsa, sfidando pioggia, fulmine e saette previsti al sud, sono arrivati alla Casa delle Erbe, ad Antonimina, hanno potuto verificarlo....

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

Roccella Jonica, inaugurato il nuovo waterfront

“Questo lungomare ci racconta su cosa deve puntare il nostro territorio: cultura, bellezza e legalità”. Così, nella giornata di ieri, il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà ha inaugurato il nuovo Waterfront...

Gallico, coniugi trovati morti nel cortile di casa. Si indaga per omicidio-suicidio

Gallico, coniugi trovati morti nel cortile di casa. Si indaga per omicidio-suicidio

Nel corso della mattinata personale dell' UPGSP è intervenuto in località Gallico di Reggio Calabria per il rinvenimento dei corpi di due persone. Si tratta di una coppia di coniugi...

Cataforio, prestazione da incorniciare. I bianconeri si aggiudicano la finale di andata, davanti ad una favolosa cornice di pubblico

Cataforio, prestazione da incorniciare. I bianconeri si aggiudicano la finale di andata, davanti ad una favolosa cornice di pubblico

La maturità di un gruppo, la saggezza del suo condottiero, la voglia di raggiungere un traguardo storico, il cuore e la mentalità. Queste sono solo alcune delle componenti che il...

Viola, il presidente FIP Calabria risponde a Menniti: Di cosa stiamo parlando, aria fritta?

Viola, il presidente FIP Calabria risponde a Menniti: Di cosa stiamo parlando, aria fritta?

In seguito alle dichiarazioni pubbliche di Alessandro Menniti, soggetto che ha argomentato in qualità di rappresentante della Viola Reggio Calabria trasmesse dalla radio ufficiale del club, Antenna Febea, il Presidente...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICALucia Nucera, Irene Calabrò, Anna Nucera, Michela Calabrò: "Su doppia preferenza di genere la politica dimostra immaturità"

Lucia Nucera, Irene Calabrò, Anna Nucera, Michela Calabrò: "Su doppia preferenza di genere la politica dimostra immaturità"

Pubblicato in POLITICA Mercoledì, 17 Aprile 2019 16:15

«Credo che il Consiglio regionale della Calabria abbia scritto nei giorni scorsi una brutta pagina della sua storia. Non aver approvato la legge che avrebbe introdotto la doppia preferenza di genere è un segno di immaturità politico-istituzionale che i calabresi di certo non meritano. Da parte nostra continueremo a combattere affinchè la nostra regione giunga a questa conquista di democrazia». E' quanto dichiara l'Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Reggio Calabria Lucia Nucera che in una nota congiunta, insieme alle colleghe dell'Esecutivo comunale reggino Irene Calabrò e Anna Nucera, e alla Presidente della Commissione Pari Opportunità Michela Calabrò, ha espresso il suo rammarico per la mancata approvazione della legge.

«La posizione del Partito Democratico, che si è espresso in maniera unanime in consiglio regionale, anche per bocca del suo capogruppo Sebi Romeo e dello stesso Presidente della Giunta Mario Oliverio, è molto chiara – ha aggiunto Lucia Nucera - mi rattrista invece la posizione espressa dal centrodestra che attraverso la sua astensione, ha sconfessato il lavoro che in questi mesi era stato prodotto, in termini di riflessione politica e di coinvolgimento della società civile, per arrivare a questo importante risultato. Invito le donne del centrodestra reggino a riflettere e a prendere le distanze dal comportamento ipocrita dei consiglieri regionali loro referenti che hanno offerto uno spettacolo poco decoroso e lontano anniluce dal sentire comune che ha coinvolto nella nostra città, anche recentemente, una spinta unanime verso l'approvazione della legge che avrebbe dovuto andare oltre gli steccati politici di appartenenza. Credo e sono convinta che la risposta migliore, da parte delle donne calabresi, sia quella di votare altre donne, per dimostrare che esistono tante personalità nella nostra terra in grado di dare voce a quella rappresentanza di genere che è sempre mancata nella sfera politica locale e nazionale».

Sulla stessa lunghezza d'onda le considerazioni esternate dalle colleghe Irene Calabrò e Anna Nucera che hanno espresso forte disappunto per la mancata approvazione della legge. «Da parte nostra - dichiarano - continueremo a combattere, non arretrando di un millimetro, affinchè la legge possa essere di nuovo discussa ed approvata dalla massima assise regionale».

«Delusione per l'ennesima presa in giro» è stata espressa anche dalla Presidente della Commissione Michela Calabrò. «Siamo sinceramente amareggiati per il triste epilogo dell'altro giorno - ha dichiarato Calabrò - è evidente che la politica non ha compreso la straordinaria potenzialità dello strumento della doppia preferenza di genere, una ricchezza che rappresenta un'opportunità in più, per tutti, e che non dovrebbe essere messa in discussione soprattutto considerando che negli ultimi mesi, e anche nella seduta del Consiglio regionale precedente, tutte le forze politiche si erano dichiarate favorevoli all'introduzione della normativa. E' chiaro che fino ad oggi ha prevalso il tatticismo elettoralistico, evidentemente i consiglieri regionali di centrodestra non hanno avuto il coraggio di andare fino in fondo rispetto a quanto loro stessi avevano avuto modo di dichiarare. Da Presidente della Commissione reggina spero che questo provvedimento possa tornare in aula al più presto e che la politica dimostri di essere in linea con quanto i cittadini calabresi, donne e uomini, hanno chiesto in maniera chiara e netta ».

Rc 17 aprile 2019

Letto 80 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Calabrò: i delfini bronzei della fontana sono stati rimossi e messi in sicurezza

    Nelle ultime ore è stata segnalata la scomparsa dei tre delfini bronzei della storica Fontana della Pescheria o Fontana Nuova, posta in origine sul lungomare cittadino ed andata distrutta col terremoto. Tranquillizziamo tutti i Reggini e li informiamo sulle loro sorti. Non sono scomparsi! In verità, qualche settimana addietro la pannellatura di cantiere in legno, che preservava la fontana, è stata divelta, esponendo le opere bronzee a potenziali atti vandalici o, ancora peggio, a trafugamento. Proprio per evitare che uno dei simboli della Città subisse danneggiamenti e nell’esclusivo intento di tutelare il complesso bronzeo, l’Amministrazione comunale – Assessorato alla Valorizzazione del Patrimonio culturale, tramite la società Castore Servizi Metropolitani srl, en plein air ha deciso di far rimuovere le opere per metterle in sicurezza.

  • Irene Calabrò: imminente il restauro della statua di San Francesco sul Lungomare di Catona

    Nella ricorrenza del V centenario della canonizzazione di San Francesco da Paola, Patrono della Calabria e dei Calabresi, finalmente la notizia dell’imminente restauro della statua monumentale posta sul Lungomare di Catona a Reggio Calabria grazie allo stanziamento dei fondi da parte della Regione Calabria.
    San Francesco di Paola, Patrono della Calabria, ricordato come l’eremita dalla vita piena di prodigi – proprio a Catona ha compiuto uno dei suoi più grandi miracoli: la traversata dello Stretto di Messina per approdare sulle sponde della Sicilia – è una delle figure più rappresentative e più popolari della Chiesa cattolica.

  • Doppia preferenza di genere, Oliverio: "Andare avanti"

    “Non ci sono vie d'uscita, la legge sulla doppia preferenza di genere va approvata. Non si tratta di una battaglia che appartiene a una sola parte politica, ma attiene alla sfera democratica e civile della nostra regione e alla sua proiezione verso l'esterno che è molto più positiva di quella che invece oggi si tenta di far passare”. Lo ha detto il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio intervenendo (ieri, ndr) alla manifestazione promossa dalla Consigliera Flora Sculco, firmataria della legge sulla doppia preferenza di genere al Consiglio regionale, a cui hanno preso parte numerose associazioni, sindacati e rappresentanti istituzionali.

  • Cedro (MNS): “PD” donne, raggiunta la doppia ipocrisia di genere!

    Sconcertata ma non sorpresa. Non credevo che si potesse giungere a tanto e soprattutto da parte di persone che dovrebbero difendere i diritti delle donne in politica proprio perché loro stesse ne rappresentano una minima parte attiva. Ho letto con attenzione la nota che le “assessora” del comune di Reggio hanno scritto sulla non approvazione della doppia preferenza di genere in Consiglio regionale e ne sono rimasta profondamente colpita, non tanto dal campanilismo politico che potrei anche capirlo, non giustificarlo, ma soprattutto dall'ipocrisia malsana che ne trasuda, in una ricerca spasmodica di nascondere la grave responsabilità politica dell'evidente fallimento dell'attuale partito di maggioranza dell'esecutivo regionale.

  • L'Unione Donne in Italia sulla bocciatura della doppia preferenza di genere

    Lunedi’ 15 Aprile 2019, l’Assemblea regionale della Calabria ha discusso e votato la proposta di Legge n. 31/10 relativa a “Promozione della parità di accesso tra uomini e donne alle cariche elettive regionali ".
    Nello stesso titolo della misura risultavano già presenti le ragioni di democrazia e civiltà giuridica che tutta l’Assemblea avrebbe dovuto sostenere. Così non è stato infatti la proposta è stata bocciata.
    Considerato che la risoluzione adottata è in aperto contrasto con gli artt. 3; 51; 117 della Costituzione; con la Legge n.215/12, alla quale si sono uniformati molti Comuni calabresi; con lo Statuto della Regione Calabria art. 38 e novellato art. 35; con la maggior parte degli Statuti regionali e degli Enti locali; con la Giurisprudenza europea, noi donne delle UDI calabresi denunciamo che l’Assemblea regionale della Calabria, con la bocciatura della proposta di Legge n. 31/10, abbia violato

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.