unci banner

:: NEWS

Evento al Cilea per l'Hospice, il messaggio del sindaco

Evento al Cilea per l'Hospice, il messaggio del sindaco

È importante che, a problemi strutturali, si diano risposte strutturali. Ribadiamo, anche da questo palcoscenico, che chi di dovere deve avere l'umiltà di sedersi intorno ad un tavolo, con tutte...

A Palazzo Campanella il convegno "Racket, tre mafie a confronto"

A Palazzo Campanella il convegno "Racket, tre mafie a confronto"

"Iniziative come questa sono la testimonianza che, tutti uniti lavorando verso una direzione comune, possiamo definitivamente spezzare i tentacoli della piovra mafiosa". Così, il sindaco Giuseppe Falcomatà, ha salutato gli...

Villa, rifiuti zero. Il Conai finanzia il progetto di sensibilizzazione

Villa, rifiuti zero. Il Conai finanzia il progetto di sensibilizzazione

Con riferimento al Bando Anci Conai per la comunicazione locale – edizione 2019, il comune di Villa San Giovanni è stato ammesso al cofinanziamento di 45mila euro per il progetto...

A palazzo Corrado Alvaro la visita del cardinale Ernest Simoni

A palazzo Corrado Alvaro la visita del cardinale Ernest Simoni

S’è tenuto questa mattina, nella sala “Monsignor Ferro” di Palazzo Alvaro, l’incontro istituzionale tra il cardinale Ernest Simoni e il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà – introdotto da Marcello Condorelli, portavoce...

Finanziamento milionario per il convento di Sant'Ilarione. Belcastro: «Luogo di culto caro ai cauloniesi»»

Finanziamento milionario per il convento di Sant'Ilarione. Belcastro: «Luogo di culto caro ai cauloniesi»»

C'è anche Caulonia tra i centri beneficiari del finanziamento milionario per i beni culturali del distretto della Locride deliberato dalla Giunta Regionale. Ammonta infatti a 1 milione e 400 mila...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAMarra: "la donna che esige la preferenza di genere tradisce la storia"

Marra: "la donna che esige la preferenza di genere tradisce la storia"

Pubblicato in POLITICA Martedì, 16 Aprile 2019 16:42

Le donne non hanno bisogno della doppia preferenza di genere. La legge elettorale regionale, nulla toglie alla possibilità di accesso alle cariche elettive della massima assise calabrese per le donne. Nessun torto viene fatto al genere femminile non approvando la ‘doppia preferenza di genere’, e risulta strumentale attaccare e tacciare di maschilismo chi è fermamente convinto che la donna non abbia bisogno di questo strumento di ‘facilitazione’.
Sia chiara una cosa: non viene svilito alcun diritto, proprio perché gli elettori, di fatto possono esprimere nella massima libertà la propria preferenza, a prescindere dal genere a cui essa si riferisce. Dunque le donne hanno le stesse opportunità degli uomini di raccogliere consensi ed essere elette. La meritocrazia, l’impegno e la credibilità di chi vuole mettersi in gioco, sono valori universali e non hanno sesso.

Trovo inopportuno proprio per il profondo rispetto che nutro per le donne, che si metta in piedi un’onda di protesta per cercare uno spazio che esiste già. Le donne sono vita, sono anima e massima espressione di caparbietà; rappresentano il cuore pulsante delle comunità occidentali.
Battaglie sterili che non rendono giustizia alla forza e alla dignità della figura femminile, da sempre protagonista nella storia della nostra regione. E ho trovato paradossale e fuori luogo l’accenno di protesta inscenato da alcune donne a Palazzo Campanella, sede del Consiglio regionale. Perché proprio in quel luogo che esprime il massimo livello istituzionale calabrese, bastava volgere lo sguardo in prossimità dell’aula consiliare che ospitava il dibattimento, per accorgersi che l’aula intitolata a Giuditta Levato e la sala stampa a Rita Pisano, sono riconoscimenti tangibili a storie di emancipazione, di lotta, di onorabilità e di orgoglio femminile che hanno consegnato un valore inestimabile alla nostra terra.
La donna non ha bisogno di quote, piuttosto, avrebbe bisogno del cameratismo di solidarietà che ha acceso il dibattito in queste settimane, per far fonte alle ingiustizie delle quali le donne stesse sono quotidianamente vittima. Vorrei che i movimenti femministi, alzassero la voce quando datori di lavoro fanno firmare le dimissioni in bianco o quando lasciano a casa lavoratrici perché scelgono il percorso della maternità e dunque scelgono la vita; vorrei che queste donne si battessero per l’istituzione di asili nido sul posto di lavoro. Vorrei che le donne potassero avanti queste battaglie, e si facessero carico di sfide che rischiano davvero di compromettere il ruolo centrale che nella nostra società la donna detiene.

Rc 16 aprile 2019

Letto 241 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Marra (PD): inconcepibile gestione ANAS sui lavori autostradali zona Gallico – Catona

    Non è sostenibile oltre misura la gestione ANAS dei lavori di ammodernamento del tratto autostradale A2 che interessa il territorio dell’area nord di Reggio Calabria. ANAS, società tra le più importanti del Paese, non dovrebbe divincolarsi dalle proprie responsabilità, anzi, dovrebbe farsi carico di soluzioni adatte e degne del blasone che le appartiene.
    La chiusura degli svincoli, senza alcun tipo di preinformazione e soprattutto senza la pianificazione di percorsi alternativi che possano garantire una fluidità del traffico.

  • Doppia preferenza di genere, Oliverio: "Andare avanti"

    “Non ci sono vie d'uscita, la legge sulla doppia preferenza di genere va approvata. Non si tratta di una battaglia che appartiene a una sola parte politica, ma attiene alla sfera democratica e civile della nostra regione e alla sua proiezione verso l'esterno che è molto più positiva di quella che invece oggi si tenta di far passare”. Lo ha detto il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio intervenendo (ieri, ndr) alla manifestazione promossa dalla Consigliera Flora Sculco, firmataria della legge sulla doppia preferenza di genere al Consiglio regionale, a cui hanno preso parte numerose associazioni, sindacati e rappresentanti istituzionali.

  • Cedro (MNS): “PD” donne, raggiunta la doppia ipocrisia di genere!

    Sconcertata ma non sorpresa. Non credevo che si potesse giungere a tanto e soprattutto da parte di persone che dovrebbero difendere i diritti delle donne in politica proprio perché loro stesse ne rappresentano una minima parte attiva. Ho letto con attenzione la nota che le “assessora” del comune di Reggio hanno scritto sulla non approvazione della doppia preferenza di genere in Consiglio regionale e ne sono rimasta profondamente colpita, non tanto dal campanilismo politico che potrei anche capirlo, non giustificarlo, ma soprattutto dall'ipocrisia malsana che ne trasuda, in una ricerca spasmodica di nascondere la grave responsabilità politica dell'evidente fallimento dell'attuale partito di maggioranza dell'esecutivo regionale.

  • Lucia Nucera, Irene Calabrò, Anna Nucera, Michela Calabrò: "Su doppia preferenza di genere la politica dimostra immaturità"

    «Credo che il Consiglio regionale della Calabria abbia scritto nei giorni scorsi una brutta pagina della sua storia. Non aver approvato la legge che avrebbe introdotto la doppia preferenza di genere è un segno di immaturità politico-istituzionale che i calabresi di certo non meritano. Da parte nostra continueremo a combattere affinchè la nostra regione giunga a questa conquista di democrazia». E' quanto dichiara l'Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Reggio Calabria Lucia Nucera che in una nota congiunta, insieme alle colleghe dell'Esecutivo comunale reggino Irene Calabrò e Anna Nucera, e alla Presidente della Commissione Pari Opportunità Michela Calabrò, ha espresso il suo rammarico per la mancata approvazione della legge.

  • L'Unione Donne in Italia sulla bocciatura della doppia preferenza di genere

    Lunedi’ 15 Aprile 2019, l’Assemblea regionale della Calabria ha discusso e votato la proposta di Legge n. 31/10 relativa a “Promozione della parità di accesso tra uomini e donne alle cariche elettive regionali ".
    Nello stesso titolo della misura risultavano già presenti le ragioni di democrazia e civiltà giuridica che tutta l’Assemblea avrebbe dovuto sostenere. Così non è stato infatti la proposta è stata bocciata.
    Considerato che la risoluzione adottata è in aperto contrasto con gli artt. 3; 51; 117 della Costituzione; con la Legge n.215/12, alla quale si sono uniformati molti Comuni calabresi; con lo Statuto della Regione Calabria art. 38 e novellato art. 35; con la maggior parte degli Statuti regionali e degli Enti locali; con la Giurisprudenza europea, noi donne delle UDI calabresi denunciamo che l’Assemblea regionale della Calabria, con la bocciatura della proposta di Legge n. 31/10, abbia violato

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.