unci banner

:: NEWS

Castello Aragonese e Museo. Aspromonte protagonista a Reggio nel sabato di mezz’estate

Castello Aragonese e Museo. Aspromonte protagonista a Reggio nel sabato di mezz’estate

Mostra e Concerto per un sabato da protagonista. L’Aspromonte indossa l’abito elegante e si prepara ad un doppio appuntamento per il 17 agosto con la città di Reggio Calabria, dove...

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Il MArRC aperto a Ferragosto fa il "botto" di presenze

Ferragosto da record per il MArRC che nella giornata di ieri ha registrato il “tutto esaurito” con ben 7760 ingressi. La scelta dell’apertura nella giornata festiva con ingresso gratuito a...

Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019 31^ Edizione

Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019 31^ Edizione

Sabato 17 agosto alle ore 19,00, nell’ambito delle manifestazioni “Autore in vetrina” promosse dalla Libreria Nuova Ave e in occasione della presentazione del volume “Sospesi tra due infiniti. Una nuova...

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

Al castello Ruffo di Scilla Maria Barresi, con Daniela Marra e i Mattanza, racconta "L'essenza della Felicità"

"La felicità che ci viene donata ogni giorno non sempre ha radici nel nostro presente ma va ricercata nel nostro passato, rivolgendoci ed essa per proiettarla nel nostro futuro". Il...

San Roberto, donna ai domiciliari per danneggiamento seguito da incendio

San Roberto, donna ai domiciliari per danneggiamento seguito da incendio

Lunedì pomeriggio, i carabinieri della Stazione di San Roberto hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale di Reggio Calabria su richiesta...

compra calabria

Sei qui: HomePOLITICAMisiti (M5S): "Chi si prende meriti che non ha dimostra di non riuscire a rassegnarsi di fronte alla volontà di cambiamento"

Misiti (M5S): "Chi si prende meriti che non ha dimostra di non riuscire a rassegnarsi di fronte alla volontà di cambiamento"

Pubblicato in POLITICA Giovedì, 16 Maggio 2019 12:03

"Da quando sono stato eletto come portavoce alla Camera dei Deputati e mi sono messo al servizio dei miei corregionali, sapendo che ciò ha un tempo determinato e definito, ho cercato di capire il modus operandi della politica nazionale e di chi, pur essendo stato eletto come rappresentante temporaneo dei cittadini, dichiara che il suo lavoro principale si svolge presso la camera dei Deputati, ergo non rappresenta il popolo per servizio, ma pretende di vivere ad vitam sulle spalle dei cittadini che gli hanno dato “fiducia”. Ho visto e capito che un emendamento bocciato in commissione, poi ripresentato in aula pur sapendo che verrà bocciato, serve solo per far parlare di sé, per mantenere alte le aspettative di chi dà fiducia con il voto ad un rappresentante che vede vacillare le proprie credenziali.

Ed allora si gioca a fare la politica dell’assistenzialismo, quella che crea aspettative di posti di lavoro, quella che innesta la speculazione “dell’assistenza politica” pre-elettorale e quindi del precariato, vicina ad un determinato colore politico, e che, poi, illude le persone su stabilizzazioni a tempo indeterminato. Ma le ferite più grandi le produce chi dice bugie, falsità sul percorso sanitario. Chi alimenta in modo molto poco corretto, con dichiarazioni false e bugiarde, di essere l’artefice di risultati sconvolgenti ed eclatanti per chi sta male e ha bisogno di cure. La Calabria, è evidente a tutti, vive oggi il suo peggior momento nell’assistenza sanitaria. Libri, articoli di giornali, inchieste della magistratura da anni denunciano la cattiva gestione della sanità calabrese, da oltre un decennio commissariata con governi di centro destra e/o di centrosinistra. Si è più volte accusato lo scandalo di amministratori che hanno violato la legge per interessi privati e/o legati al favore da restituire a qualcuno, e, molto spesso, le condanne non hanno escluso i condannati dalla possibilità di riorbitare intorno al pianeta sanità. Il 15 maggio del 2019 in commissione Affari sociali alla Camera è stato approvato, nel decreto Calabria, un emendamento che permetterà lo sblocco del turn over delle professioni sanitarie, e, quindi, creerà la possibilità di riaprire le assunzioni, e si apporteranno miglioramenti alle strutture sanitarie. Ma, oggi, qualcuno si assume meriti che non gli appartengono. A vincere alla fine di questo iter non sarà il singolo deputato, quello che si proclama oggi artefice di successi da addivenire, ma i miei corregionali che avranno la possibilità di curarsi in Calabria. La vittoria è ed appartiene ai cittadini calabresi che hanno avuto il coraggio di dare una svolta il 4 marzo dello scorso anno sfiduciando la vecchia politica. È una vittoria del movimento 5Stelle che si è fatto carico di portare ed illustrare in commissione, dov’è stato approvato, un decreto che è perfettibile e perfezionabile e che dovrà esser approvato dall’assemblea. Essere sulla buona strada significa aver scardinato un sistema politico amministrativo affaristico che ha dominato la Calabria e che non si vuole arrendere alla volontà di cambiamento della mia terra. La soluzione è vicina e spero che i cittadini calabresi guardino alla politica con più fiducia, ripudiando i venditori di fumo attori di un mondo che ormai non c’è più".

Massimo Misiti

Portavoce M5Stelle alla Camera dei Deputati

Roma 16 maggio 2019

Letto 100 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Misiti (M5Ss): “i cittadini devono sapere che rapporti ci sono tra medici e industrie sanitarie”

    Rendere tracciabili tutte le erogazioni in denaro o di beni o di servizi dell’industria sanitaria a favore dei professionisti del settore, attraverso un “Registro telematico del Ministero della Salute, denominato “Sanità trasparente”. Mira a questo il provvedimento sulla trasparenza in sanità, il cosiddetto “Sunshine act”, che potrebbe presto diventare legge dello Stato. Attesa l’importanza la portata innovativa del provvedimento, la Società italiana dei chirurghi e degli ortopedici dell’ospedalità privata (Sicoop), ha riunito, a Roma, alla Camera dei deputati, una tavola rotonda a cui hanno preso parte il primo firmatario della proposta di legge, il deputato 5Stelle Massimo Baroni, che lo ha illustrato all’uditorio, e parlamentari, dirigenti sanitari pubblici e privati, avvocati e magistrati, l’Ordine dei medici di Roma, l’Agenas (l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), l’Aiop (Associazione ospedalità privata) e la Siot (Società italiana di ortopedia e traumatologia).

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.